• VIGHINI SHOW

    OGNI GIOVEDI' SU TELENUOVO

    Lo show condotto da Gianluca Vighini. Ospiti di spessore, giocatori, giornalisti, opinionisti, tecnici e tifosi per un serrato dibattito sul Verona di Mandorlini. Dagli studi di Telenuovo all'HELLAS KITCHEN

  • BIANCOSCUDATI CHANNEL

    Ogni lunedì su Telenuovo Padova

    Quest'anno l'appuntamento è fissato per il lunedì: approfondimenti sul campionato del Padova, sulla partita, le intesviste, le polemiche. Con il vostro contributo tramite chiamate ed sms

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:15

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

SERIE A
L'Atalanta cambia: via      <br/>Colantuono, dentro Reja

L'Atalanta cambia: via
Colantuono, dentro Reja

Cambio della guardia sulla panchina dell'Atalanta. Esonerato Colantuono che paga la sconfitta interna di domenica scorsa contro la Sampdoria, la quarta consecutiva. Al suo posto l'ex tecnico di Napoli e Lazio Edy Reja, 70 anni. L'Atalanta è quart'ultima in classifica con 23 punti: in 25 giornate i nerazzurri hanno totalizzato 5 vittorie, 9 pareggi e 11 sconfitte. Reja è stato anche tecnico del Verona nella stagione 92-93 e il suo nome era stato accostato di recente anche alla panchina del Verona come possibile sostituto di Mandorlini.
GRANATA
Citta, volata salvezza:  <br/>battuto 3-0 il Varese

Citta, volata salvezza:
battuto 3-0 il Varese

Il Citta cala il Tris contro il Varese e vira verso la salvezza. Prova di maturità superata per gli uomini di Foscarini che, contro una diretta concorrente, festeggiano i tre punti al Tombolato, dove la vittoria mancava da un mese: l'ultimo successo era stato col Trapani il 31 gennaio scorso. Il 3-0 matura tutto nel primo tempo. E' Stanco, sempre lui, ad aprire le danze al 12': gol bellissimo di controbalzo su assist di Coralli. E' proprio Ciccio che sigla il raddoppio pochi minuti più tardi, ringraziando Kupisz per il cross. Al 41' l'arbitro concede il penalty per un fallo di Simic ai danni di Stanco: trasforma Minesso. Ora il Citta è chiamato ad un'altra partita importante. Lunedì sera, in posticipo, affronterà l'Entella.
INCIDENTI
Gravi pedoni investiti    <br/>a Badia e Nogara

Gravi pedoni investiti
a Badia e Nogara

Un pedone è rimasto ferito gravemente dopo essere stato investito da un'auto mentre attraversava la strada.L'incidente è avvenuto a Badia Calavena, in via Marconi. Il paziente è stato intubato e trasportato con l'ambulanza del 118 all'ospedale di Borgo Trento.Un investimento si è verificato nel pomeriggio a Nogara, in via XXV aprile, dove un pedone è stato travolto sulle strisce pedonali.Ora è ricoverato all'ospedale di Legnago, ma non è in pericolo di vita.
LEGA NORD
Tosi-Salvini, resa conti   <br/>al Consiglio della Liga

Tosi-Salvini, resa conti
al Consiglio della Liga

Ognuno per la sua strada: il destino di Matteo Salvini e Flavio Zaia appare ormai segnato. Giovedì il consiglio della Liga Veneta, presieduto dal sindaco ribelle di Verona e dal "commissario" Giampaolo Dozzo, stilerà le liste di appoggio alla candidatura del governatore uscente Luca Zaia alla guida del Veneto. Ed è in quella occasione che i due leader "padani", il primo lumbard ed il secondo veneto, potrebbero separarsi. LISTE. Salvini vuole una lista della Lega con Forza Italia per Zaia presidente. Tosi, alla fine, potrebbe scoprire le carte con l'annuncio della nascita di una sua lista di centrodestra con Ncd, Udc, "lighisti", "Italia Unica" di Corrado Passera e qualche deluso di Fi vicino a Raffaele Fitto. Anche se resta una incognita: fare la corsa su Zaia o, ipotesi più probabile, appoggiarlo con una coalizione. Anche in questo caso l'ultima parola spetterebbe a Salvini che non pare disposto a scender a patti. "Spero che Tosi farà grandi cose insieme a noi. E' un ottimo sindaco e per lui ci sarà spazio" ma "chiunque esce dalla Lega poi non va da nessuna parte". ULTIMATUM. Il segretario conferma l'ultimatum dato al primo cittadino scaligero, ovvero o molla la sua fondazione "Ricostruiamo l'Italia" o è fuori. E che faccia sul serio lo si capisce dalla lettera che Roberto Calderoli, in qualità di responsabile organizzativo del partito, ha inviato a tutte le segreterie del Carroccio con l'invito a pubblicarla nelle sezioni: "L'iscrizione o l'adesione alla Fondazione che fa capo a Tosi è incompatibile con la qualifica di socio ordinario militante della Lega Nord". ALFANO. L'obiettivo è fare terra bruciata attorno a Tosi. D'altronde, appare impensabile che il ribelle del Carroccio rinunci ad un progetto al quale lavora da anni. Il sindaco veronese è corso ai ripari ed è andato a Roma dove ha incontrato Angelino Alfano. Ufficialmente lo ha fatto solo per parlare di sicurezza; più concretamente per trovare una via d'uscita comune al caos in Veneto. Salvini non intende allearsi con il "ministro dell'immigrazione" e, di fatto, lo ha spinto tra le braccia di Tosi. Il primo cittadino scaligero, però, deve far convivere gli alfaniani e Passera che, a sua volta, critica Ncd per l'alleanza di governo con Renzi. LABORATORIO. Il Veneto si trasforma così in un laboratorio politico in vista della riorganizzazione del centrodestra in Italia. Salvini da una parte; Tosi, Alfano e Passera dall'altra puntano a conquistare lo stesso elettorato di centrodestra ed i delusi di Forza Italia. Entrambi gli schieramenti sono convinti che la stella di Berlusconi sia in declino e vogliono raccoglierne l'eredità. Lo scontro tra Salvini e Tosi, infatti, non è soltanto una questione della Lega Nord: i due leader padani aspirano, entrambi, a conquistare la leadership di centrodestra. Proprio il Carroccio è diventato troppo stretto per entrambi. L'attuale segretario della Lega ha avuto il merito di anticipare il sindaco di Verona e, di fatto, attuare il programma che, guarda caso, era nelle corde della fondazione "Ricostruiamo l'Italia". Tosi rimprovera invece a Salvini di essersi appiattito a destra, rinunciando a tutto l'elettorato moderato. Si tratta di due scommesse nello stesso campo politico che, in ogni caso, devono però fare i conti con Berlusconi.
SERIE A
Milan, gioco e infortuni   <br/>A rapporto da Galliani

Milan, gioco e infortuni
A rapporto da Galliani

Altissima tensione in casa Milan, con la sfida di sabato sera contro il Verona che assume un tono da dentro o fuori per l'allenatore rossonero Pippo Inzaghi. Milan obbligato a vincere, con tutta la pressione addosso. Un'occasione unica per un Verona che dal canto suo ribaltando il pronostico può mettere a segno forse il colpo decisivo in chiave salvezza. Oggi intanto il pranzo di lavoro a Milanello che vedeva a tavola anche Galliani è sfociato in una riunione con l'uomo mercato rossonero che ha tenuto a rapporto allenatore e staff su gioco, infortuni, preparazione e gestione dei recuperi. Un'ora e mezza di faccia a faccia per una squadra che contro il Verona, nonostante le assenze (Montolivo e De Jong gli ultimi due ko) non può davvero sbagliare.
SICUREZZA
Tosi incontra Alfano  <br/>al Viminale

Tosi incontra Alfano
al Viminale

Il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, ha incontrato al Viminale il sindaco di Verona, Flavio Tosi. Nel corso dell'incontro, durato un'ora, fa sapere il Viminale, si è parlato della prossima iniziativa legislativa sulla sicurezza urbana, che sarà al centro della riunione che il ministro Alfano terrà al ministero, con l'Anci, alle nove e trenta di giovedì.
TAMPONAMENTO
Incidente A4, bilancio   <br/>finale di tre feriti

Incidente A4, bilancio
finale di tre feriti

Sono tre le persone ancora in ospedale al Niguarda di Milano per l'incidente avvenuto stamattina sulla A4, nei pressi della barriera di Milano, dove un camion ha tamponato un pullman che trasportava tre classi del Sanmicheli che stavano andando a visitare il museo del cinema. Si tratterebbe di due studentesse e l'autista di uno dei due mezzi coinvolti. Delle due studentesse ha parlato la dirigente scolastica dell'istituto, Lina Pellegatta, che da stamattina ha coordinato le operazioni di rientro dei ragazzi a casa, avvisando tutte le famiglie. Per una ragazza sarebbe necessario un intervento chirurgico e per questo sarebbe stato già predisposto il trasferimento al reparto maxillo facciale di Borgo Roma. Anche la seconda studentessa coinvolta ha riportato un forte trauma facciale. Gli altri tra ragazzi e insegnanti, 9 in tutto, portati in ospedale per accertamenti sono stati dimessi e rientreranno in serata a Verona su un altro pullmann.
TALK-SHOW
Il Bronx in piazza Bra  <br/>a 'Verona in diretta'

Il Bronx in piazza Bra
a 'Verona in diretta'

Piazza Bra da salotto a Bronx. E' il tema della puntata di oggi di "Verona in diretta", il talk-show preserale di Telenuovo in onda alle 19:15 circa, subito dopo la prima edizione del Tg Verona.In studio il vicecomandante della Polizia municipale di Verona, Lorenzo Grella, e il vicepresidente di Confcommercio, Bepino Olivieri, per discutere del degrado di piazza Bra con l'aumento delle presenze di sbandati.Gli spettatori potranno intervenire in diretta telefonando allo 045/8054328.
A PESCHIERA
SAVIOLA E RAFAEL  <br/>IN GRUPPO

SAVIOLA E RAFAEL
IN GRUPPO

Saviola e Rafael sono tornati ad allenarsi in gruppo a Peschiera. Saranno quindi a disposizione sabato col Milan.
8 MARZO
Festa della donna,  <br/>da oggi tanti eventi

Festa della donna,
da oggi tanti eventi

Prende il via oggi l’edizione 2015 della manifestazione “Ottomarzo. Femminile, plurale”, promossa dall'assessorato alle Pari Opportunità in occasione della Giornata internazionale per i diritti delle donne e per la pace internazionale. Il programma dell’evento è stato presentato oggi a Palazzo Barbieri dall’assessore alle Pari opportunità Anna Leso; presenti il consigliere comunale incaricato alla Cultura Antonia Pavesi, il Console generale del Regno del Marocco Ahmed El Khdar, il direttore del reparto dell’unità di Oncologia dell’ ospedale di Borgo Trento Annamaria Molino, il presidente della consulta associazioni femminili e terziario donna Roberta Girelli e Nicoletta Ferrari di Dismappa autrice della foto-immagine del manifesto. Aderiscono all’iniziativa : CGIL-UIL, Consulta associazioni femminili di Verona, Il filo di Arianna, Casa della Giovane, la commissione Ordine avvocati di Verona, Vivi l’Europa!, e Donne democratiche. “In occasione dell'8 marzo – spiega Leso- vogliamo porre al centro il protagonismo femminile nella sua accezione più positiva, raccontando storie di donne che si stanno mettendo in luce per la loro capacità di cambiamento, forza e creatività. Questo è il senso dell'evento Storie di Donne, un'iniziativa che intende dare rilievo e riconoscimento a quelle realtà femminili che contribuiscono positivamente allo sviluppo della nostra comunità. Numerosissimi gli appuntamenti culturali, – continua Leso- in gran parte accessibili per le persone in carrozzina, che spaziano dalle tavole rotonde alle conferenze, dagli spettacoli teatrali e musicali, ai reading narrativi, ai concerti, alle mostre e alle presentazioni di libri.” Il programma di iniziative, distribuite nel mese di marzo, vede il coinvolgimento di tutta la città: dai servizi dell’assessorato alle Pari Opportunità a numerosi altri enti e istituzioni pubbliche (con la novità del Consolato del Marocco), dalle Circoscrizioni alle organizzazioni sindacali, con la collaborazione e l'adesione di molte associazioni femminili che operano nel territorio. Il calendario degli eventi si apre questa sera, alle 19.30, in sala conferenze UTEEP con l’incontro:"Donne senza diritti e donne che lottano per ridare loro dignità”. Continuerà poi alle 20.30 nella sala conferenze della Banca Popolare di Verona,con l’incontro"Cos'è un centro antiviolenza e cosa consiglia l'avvocata”.Il programma completo della manifestazione si può consultare sul portale www.comune.verona.it .
LEGA NORD
Salvini: Spero che Tosi    <br/>resti, chi esce si perde

Salvini: Spero che Tosi
resti, chi esce si perde

"Spero che Tosi farà grandi cose insieme a noi". Così il leader della Lega Matteo Salvini nel corso de La Telefonata di Belpietro in onda su Canale 5. "Tosi è un ottimo sindaco - ha detto - ha cambiato Verona come un calzino, per lui ci sarà spazio, basta che nessuno litighi con qualcun altro. La gente chiede fatti, non parole e nessun litigio". E poi, ha aggiunto Salvini, "chiunque esce dalla lega poi non va da nessuna parte".
SERIE A
SE IL SIMBOLO DEL VERONA    <br/>E' JUANITO GOMEZ

SE IL SIMBOLO DEL VERONA
E' JUANITO GOMEZ

Doveva essere il campionato di Rafa Marquez. O quello di Saviola. Al massimo si poteva pensare all'esplosione di Nico Lopez. Ma nessuno di questi tre giocatori nel Verona di Mandorlini ha reso come ci si aspettava. Il "gran capitan" Marquez inadeguato al gioco tutta difesa e sofferenza del mister. Saviola, fuori fin dall'inizio dal progetto. Lopez, bravissimo negli ultimi trenta metri, ma incapace di fornire quelle chiusure da terzino di cui necessita Mandorlini per la sua difesa a sei. Risultato? L'uomo simbolo del Verona resta, come indicato proprio dal mister, Juanito Gomez.Soldatino fedele, capace di immolarsi sull'altare del modulo richiesto dal mister, spesso più terzino che attaccante, ma sempre abile e furbo anche sotto porta. Sarà anche un segno del destino, ma il gol lampo di Cagliari, che ha portato alla vittoria scacciacrisi è stato segnato da questo giocatore che per Mandorlini è più prezioso di qualsiasi altro fuoriclasse.
SCOMPARSA
Pescatore cade in acqua,  <br/>ricerche a Zevio

Pescatore cade in acqua,
ricerche a Zevio

I Vigili del fuoco di Verona da mezzogiorno sono impegnati nella ricerca di un anziano pescatore caduto in un canale nei dintorni di Zevio.L'uomo è svicolato in acqua ed è stato trascinato dalla corrente; finora le ricerche non hanno dato esito.
UNIONE ITALIA CIECHI
Assistenza scolastica a    <br/>rischio per bimbi ciechi

Assistenza scolastica a
rischio per bimbi ciechi

Un appello accorato dell’Unione Italia Ciechi con la Provincia di Verona per garantire il diritto allo studio per bambini ipovedenti e sordi. Il servizio di integrazione scolastica infatti potrebbe essere interrotto in qualsiasi momento, poiché la riforma delle provincie ha tolto sia soldi che competenze. Regioni limitrofe come Lombardia ed Emilia Romagna hanno già affrontato e risolto il problema con fondi propri.Il fondamentale servizio, attualmente continua solo grazie alla buona volontà delle province che provvedono pur non avendone più le competenze ed essendogli stati tagliati i fondi. Ma questi bambini, che sono centinaia, non saranno lasciati soli. La Provincia infatti si è attivata con il presidente Pastorello in testa per garantire il giusto sostegno. Integrazione scolastica vuol dire lettori ripetitori in famiglia, adattamento testi in braille o ingranditi, materiali didattici speciali, ausili tecnologici, cose fino ad ora garantite dalle Province e che adesso spettano alla Regione. Le associazioni venete rappresentative dei ragazzi disabili della vista e dell’udito e delle loro famiglie hanno deciso di organizzare per domani una manifestazione regionale di protesta, a Venezia, dove ha sede il Consiglio Regionale Veneto.
CRONACA
INCIDENTE IN GITA, PRIMI          <br/>STUDENTI GIA' A VERONA

INCIDENTE IN GITA, PRIMI
STUDENTI GIA' A VERONA

Sono arrivati poco dopo le due e un quarto di oggi pomeriggio alla stazione di Porta Vescovo il primo gruppo di studenti delle Sanmicheli rimasti coinvolti stamattina in un grave incidente stradale nel Milanese. Erano circa una trentina di ragazzi, la maggiorparte di classe terza che hanno raccontato ancora spaventati la disavventura: "Poteva finire molto peggio" dice una ragazza sedicenne. "Ero seduta dietro quando ho sentito un colpo e all'improvviso mi sono sentita sbalzare tre file avanti. Alcuni dei nostri compagni sono in ospedale, feriti" racconta un altro giovane. Una bruttissima esperienza". I ragazzi sono stati accolti dai genitori ma in stazione all'arrivo dell'autobus, messo a disposizione dal tour operator contattato per la gita, era presente anche la dirigente scolastica del Sanmicheli, Pellagatta, che ha seguito passo a passo da questa mattina la vicenda. "Ora la mia preoccupazione" ha detto la preside "è per gli studenti ricoverati in ospedale" che sono una decina. A questo proposito rientreranno a Verona in serata nove tra ragazzi e insegnanti portati in ospedale per accertamenti e successivamente dimessi. Ad occuparsi del trasporto un altro mezzo della Brec, l'agenzia che nel primo pomeriggio ha riportato a casa la maggioranza degli studenti coinvolti nell'incidente.Restano ricoverate due studentesse con problemi maxillofacciali. Per una è già stato disposto il trasporto in ambulanza a Verona ed il ricovero al Policlinico di Borgo Roma, in attesa dell'intervento ricostruttivo.
FONDAZIONE
Arena, proposta conferma   <br/>Girondini sovrintendente

Arena, proposta conferma
Girondini sovrintendente

Il Consiglio di Indirizzo della Fondazione Lirica Arena di Verona, insidiatosi oggi, ha proposto all'unanimità Francesco Girondini per l'incarico di Sovrintendente, ruolo che attualmente ricopre. La proposta di nomina verrà ora sottoposta al Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini.
STUDENTI
Incidente in autostrada,   <br/>due medicati al Niguarda

Incidente in autostrada,
due medicati al Niguarda

Al pronto soccorso dell'ospedale Niguarda di Milano ci sono una svariate persone in attesa di essere visitate: tra loro c'erano anche due dei 34 studenti coinvolti nell'incidente di questa mattina sull'autostrada A/4 che sono in corso di dimissione. Per entrambi i medici hanno utilizzato il codice verde, e in modo rapido, commentando in un corridoio, dicono che "stanno bene". Sono un ragazzo e una ragazza: quest'ultima ha riportato un taglio al mento che le è stato ricucito, mentre il ragazzo ha perso due denti nell'impatto. Lesioni fastidiose ma non gravi, soprattutto quella della studentessa. Il suo compagno di classe, invece, dovrà subire un intervento di ricostruzione ma dall'ospedale escludono che possa avvenire oggi. Ora sono entrambi in via di dimissione e probabilmente nel pomeriggio rientreranno a Verona.
INCIDENTE SULLA A4
ULTIM'ORA: 27 STUDENTI       <br/>STANNO TORNANDO A VERONA

ULTIM'ORA: 27 STUDENTI
STANNO TORNANDO A VERONA

Stanno tornando da Bergamo dove il pullman della Brec è stato tampnato da un tir le tre classi dell'Istituto Sammicheli rimaste coinvolte in un incidente sull'autostrada A4. Le tre classi in gita erano due terze e una quinta. L'età degli studenti va dai 17 ai 19 anni.Erano diretti al Museo del Cinema di Milano; tra l'altro una classe pochi giorni fa era stata in gita a Praga.Intorno alle 10 il pullman su cui viaggiavano gli studenti è stato tamponato da un tir nei pressi di Bergamo.27 ragazzi stanno rientrando con un bus che arriverà tra le 13.30 e le 14 a Porta Vescovo dove li stanno attendendo le famiglie.13 sono i ragazzi rimasti feriti, ma tutti in modo non grave, secondo la testimonianza della preside Lina Pellagatta che sta attendendo il rientro degli studenti assieme ad altri insegnati: "La scuola è qui - ha detto - e ci stiamo prodiganto per accogliere nel migliore dei modi i nostri ragazzi sperando che possano dimenticare questa brutta avventura".Il ferito più grave sembra essere l'autista del pullman che ha riportato la frattura di entrambe le gambe.
SAMMICHELI
INCIDENTE GITA STUDENTI     <br/>14 CONTUSI E UN FERITO

INCIDENTE GITA STUDENTI
14 CONTUSI E UN FERITO

Non è per fortuna di estrema gravità il bilancio dell'incidente stradale avvenuto stamani all'altezza della barriera di Milano Est, dove un mezzo pesante ha tamponato un pullman che trasportava una scolaresca in gita da Verona a Milano. Il rapporto finale fornito dal 118, parla di "14 persone inviate in ospedale (Niguarda, Cinisello e Vimercate) per controlli. Nessuno è in gravi condizioni. Un codice giallo (autista del mezzo pesante, che è comunque cosciente)".
INCIDENTE
Scontro pullman in A4,    <br/>feriti studenti in gita

Scontro pullman in A4,
feriti studenti in gita

Gravissimo incidente al chilometro 136 dell’A4, ad Agrate, nei pressi della barriera di Milano Est in direzione Torino. Nello scontro sono rimasti coinvolti un pullman pieno di studenti delle classi terza e quinta dell’istituto superiore statale "Michele Sanmicheli" di Verona e un autoarticolato. I ragazzi stavano andando in gita nel capoluogo lombardo per visitare i musei della città. Il bus avrebbe a sua volta tamponato un altro mezzo pesante. Almeno cinquanta le persone "interessate". Secondo la polizia stradale ci sarebbero una quarantina di feriti lievi. Sulle prime sembravano gravi le condizioni del conducente del Tir — sarebbe stato lui a tamponare il bus con a bordo gli studenti — rimasto incastrato nelle lamiere. L’uomo è stato estratto dal posto di guida e trasportato in ospedale in codice giallo. Il 118 ha soccorso 42persone, 35 in codice verde e 7 in codice giallo, negli ospedali milanesi Sacco e Niguarda e nei Pronto soccorso di Vimercate e Cinisello. Sul posto, secondo le prime informazioni dell’Azienda regionale emergenza urgenza, sono state inviate sei ambulanze, due automediche e l’elisoccorso. La maggior parte dei ragazzi non avrebbe riportato ferite gravi: tutti sarebbero scesi dal pullman sulle proprie gambe.
CANTIERE FERMO
Fari in Viale Repubblica    <br/>Ma resta il disagio

Fari in Viale Repubblica
Ma resta il disagio

Qualcosa si è mosso ma ancora non basta. In Viale della Repubblica la situazione resta problematica nonostante l'installazione da parte di Agsm di due fari che permettono un passaggio più sicuro accanto al cantiere fermo ormai da due anni. Residenti e commercianti chiedono però risposte concrete. Oltre ai problemi di vagabondaggio c'è la sicurezza dei pedoni fortemente a rischio visto che molti transitano accanto alla careggiata rischiando seriamente di essere investiti. "Finchè non succede qualcosa di serio tutto rimarrà fermo" è la denuncia di Gianmarco Cavallin di Rapid Foto.
L'Opinione
ON AIR
03.03.2015
TgVeneto
ON AIR
03.03.2015
Rosso & Nero
ON AIR
03.03.2015
Padova in Diretta
ON AIR
03.03.2015
Verona in Diretta
ON AIR
03.03.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
01.03.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
01.03.2015
Vighini Show
ON AIR
26.02.2015
Alè Verona
ON AIR
02.03.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
02.03.2015
Alé Padova
ON AIR
02.03.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
02.03.2015

Palinsesto