• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

MERCATO
Un portiere scozzese  <br/>per l'Agsm Verona

Un portiere scozzese
per l'Agsm Verona

Nuovo arrivo internazionale per l'Agsm Verona.Il club gialloblù si è assicurato per la stagione 2015/2016 le prestazioni sportive del portiere scozzese Rachel Harrison.La venticinquenne di Edimburgo proviene dallo Spartans FC e fa parte stabilmente della nazionale scozzese.L'Agsm Verona, in vista dei molteplici appuntamenti sul fronte nazionale ed estero, potrà così contare su due portieri d'esperienza e caratura internazionale quali Stéphanie Öhrström e la nuova arrivata Rachel Harrison.La giovane Ilaria Toniolo, acquisita a titolo definitivo dal Vicenza, sarà invece trasferita al Fimauto Valpolicella dove potrà disputare un campionato di serie B da titolare.Rachel Harrison giungerà questo lunedì sera a Linate con un volo proveniente da Edimburgo e, dopo aver espletato le incombenze burocratiche per il tesseramento e la residenza a Verona, sarà a disposizione per il ritiro di preparazione che inizierà venerdì 7 agosto a San Zeno di Montagna.Il suo trasferimento nella città scaligera è stato accolto favorevolmente dallo staff della nazionale scozzese felice che l'atleta possa mettersi alla prova in un club importante come quello gialloblù.Queste le dichiarazioni rilasciate da Rachel Harrison alla vigilia del suo arrivo a Verona:< Ho scelto Verona poiché ho pensato che questa fosse per me un'opportunità da non poter rifiutare!Verona è un club di grande successo e credo che sia il club che può aiutarmi a migliorare e ad imparare di più come giocatore!Il mio obiettivo è sempre quello di migliorare ogni anno! La prossima stagione voglio giocarmi come meglio posso la possibilità di ottenere un posto da titolare, e, auspicabilmente, guadagnarmi la riconferma del mio posto in squadra!So che questa squadra è Campione d'Italia in carica ed ha in organico molte giocatrici internazionali di successo! Sono molto entusiasta di far parte di questo gruppo per la prossima stagione!Io non ne so molto sulla città di Verona, ma so che è assolutamente una bellissima città! E che è la patria di Romeo e Giulietta! Non vedo l'ora di arrivare a conoscere la città e la cultura ".
INCIDENTE
Vigasio, esce di strada   <br/>Muore motociclista

Vigasio, esce di strada
Muore motociclista

Incidente fatale all'alba per un motociclista che è morto all'altezza di Vigasio sulla strada provinciale 24. Per causa ancora da accertare sarebbe uscito di strada autonomamente. Sul posto il 118 con due ambulanze.
SCOMPARSO
Disperso nel Biffis   <br/>Riprendono ricerche

Disperso nel Biffis
Riprendono ricerche

E’ caduto nel canale Biffis senza più riemergere un uomo dopo aver scavalcato la recinzione. A dare l’allarme ai vigili del fuoco alcuni passanti. Sul posto, oltre alla squadra di Verona è arrivata anche quella dei sommozzatori di Vicenza che hanno iniziato a scandagliare il canale.  Le ricerche continueranno questa mattina quando il livello del canale verrà abbassato.
SENTINELLE IN PIEDI
Si alla famiglia, in    <br/>piazza 200 "sentinelle"

Si alla famiglia, in
piazza 200 "sentinelle"

Nonostane l'estate non si fermano le manifestazioni delle "Sentinelle in piedi" che hanno vegliato aVerona per dire si alla famiglia sì al diritto di ogni bambino di avere un padre ed una madre contro la possibile introduzione dell'ideologia gender nelle scuole. Per le "sentinelle" si tratta del secondo appuntamento in Piazza dei Signori.
PRIMA SEDUTA A BAD
Hallfredsson in Austria   <br/>torna ad allenarsi

Hallfredsson in Austria
torna ad allenarsi

Emil Hallfredsson ha raggiunto i compagni nel ritiro di Badkleimkirkeim. Anche Wink e Rafa Marquez sono in Austria e hanno preso parte al primo allenamento nel pomeriggio.
BANCO
Risiko banche, la più     <br/>attiva è la Popolare

Risiko banche, la più
attiva è la Popolare

Banche in pieno fermento con la stagione delle aggregazioni chiamata ad una svolta, già probabilmente dopo l'estate. Che debbano cambiare pelle è cosa stranota. Lo stesso premier lo ribadisce ad un lettore de L'Unità che lamenta la mancanza al Sud di banche disposte a finanziare progetti per lo sviluppo. "Caro Almerico, la questione bancaria è molto seria e non riguarda solo il Sud, anzi. Vuoi una previsione? Il risiko bancario continuerà ancora a lungo, perché in Italia abbiamo troppi Istituti di credito", è la risposta di Matteo Renzi. I primi passi li stanno compiendo le Popolari sullo stimolo della riforma del Governo che le obbliga alla trasformazione in Spa. E all'opera sono anche le Bcc che nel Mezzogiorno sono abbastanza radicate. Queste ultime sono impegnate in una autoriforma che punta a porre a capo dei circa 400 istituti una sola Spa, probabilmente l'attuale Iccrea. Un'unica capogruppo consentirebbe al settore di poter reperire capitali sui mercati, cosa ora preclusa, in modo da coprire velocemente le situazioni di dissesto. Inoltre, un gruppo unico fungerebbe anche da vigilante sul panorama delle banche di credito cooperativo. Una soluzione che a non tutti piace. Le Bcc del Nord-Est, ad esempio, sono pronte ad un nuovo polo bancario costituito da 91 banche di credito cooperativo e casse rurali che punta a un patrimonio tra 800 milioni e un miliardo di euro, capitanato da Cassa Centrale Banca. La prima mossa delle Popolari è stata, invece, quella di nominare gli advisor finanziari e legali. Il più attivo sembra essere il Banco Popolare chiamato ad essere l'alternativa ai big Unicredit e Intesa Sanpaolo. Sull'istituto di Saviotti si concentrano le maggiori attese con l'idea di una super-popolare che possa coinvolgere anche Ubi Banca. Quest'ultima, nei mesi scorsi, è stata più volte citata per un matrimonio con Mps. Nel capitolo super-popolare è rientrata anche Bpm, sempre con il Banco di Verona che con tutta probabilità potrà contare sull'apporto anche della Fondazione CariVerona destinata a diluirsi in Unicredit. In Lombardia c'è chi invece scommette in un'aggregazione tutta in Valtellina tra il Creval e il Banco Popolare di Sondrio. In Veneto, invece, sono al lavoro da lungo tempo la Popolare di Vicenza che punta alla quotazione e ha cambiato il consigliere delegato con l'arrivo di Iorio da Ubi e Veneto Banca con il dg Consoli che ha ceduto il passo al ricambio interno in vista della trasformazione in società per azioni.
INCIDENTE
Donna cade con l'auto     <br/>da giardino sopraelevato

Donna cade con l'auto
da giardino sopraelevato

Una donna di 81 anni è rimasta ferita oggi a Roncà precipitando con la propria auto da un giardino sopraelevato. Per cause da accertare, l'anziana ha sfondato con la una Fiat Panda la ringhiera, finendo dopo un salto di 5 metri nella stradella sottostante. Un uomo con un trattore è riuscito ad evitare che l'auto, capovolta, scivolasse ulteriormente in discesa. La donna è stata liberata dall'abitacolo dai vigili del fuoco e dai sanitari del 118, e condotta in ospedale a Verona.
FURTI
Nomadi da Torino     <br/>sul Lago per rubare

Nomadi da Torino
sul Lago per rubare

Due nomadi 30enni italiane sono state denunciate dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Peschiera con l’accusa di ricettazione, alterazione di targhe e detenzione di coltello. Questa mattina una pattuglia dell’Arma ha notato un camper di ingente valore in una zona residenziale di Peschiera; a bordo due donne con bambini, che alla vista dei militari prima tentavano di allontanarsi per poi fermarsi e chiedere un’informazione agli stessi Carabinieri, dicendo di cercare un campeggio. Le false turiste sono state subito smascherate: pluripregiudicate per furto, giostraie, provenienti dalla provincia di Torino, armate di un grosso coltello, sono state trovate in possesso di alcuni orologi d’ingente valore, capi d’abbigliamento di marca, arnesi da scasso e un kit per la falsificazione delle targhe, composto da lettere e numeri adesivi e falso bollo della Repubblica. All’interno della parte posteriore del camper era stato realizzato un garage porta moto, con alcuni giubbotti da motociclista pronti all’uso. Per i carabinieri si tratta di una banda di pendolari del furto. Il camper veniva utilizzato come base operativa per raggiungere le località da colpire, passando inosservato nel traffico dei turisti, nascondendo la moto nel vano garage interno, falsificandone la targa. Dopo il furto la moto rientrava subito nel camper, sottraendosi a qualsiasi controllo. Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare i due complici. Le donne sono state allontanate da Peschiera con foglio di via.
AMBIENTE
Argini, nutrie killer   <br/>E' allarme nel Veronese

Argini, nutrie killer
E' allarme nel Veronese

Nutrie killer degli argini: hanno reso i canali della Bassa Veronese simili a gruviera e i trattori che vi lavorano sopra affondano come fossero nelle sabbie mobili. Sono già tre i mezzi del Consorzio Veronese sprofondati negli argini che, che a causa delle tane delle nutrie, non ne sostengono più il peso: i lavoratori del Consorzio operano in condizioni di grave rischio per la vita. L’ultima volta è accaduto a Bovolone. Un camion e una squadra di operai hanno lavorato per due ore per estrarre il trattore e relativo braccio meccanico dalla terra. Il mezzo non si è rovesciato e il conducente è rimasto illeso.“Non se ne può più. Dobbiamo aspettare il morto – commenta il presidente del Consorzio di Bonifica Veronese, Antonio Tomezzoli - perché ci si renda conto dei danni che stanno facendo le nutrie? Questi mega-topi li dobbiamo eliminare dal nostro territorio. Occorre maggior coordinamento tra la Provincia, i Comuni e le associazioni di cacciatori. Li dobbiamo fare fuori. Fino ad ora siamo stati fortunati e i mezzi sprofondati, non si sono rovesciati, ma se capitasse? I canali sono alla massima portata per garantire l’irrigazione, se il trattore si rovesciasse nell’acqua e il conducente non riuscisse ad uscire dalla cabina, morirebbe annegato”.La proliferazione incontrollata di questi ratti dalle dimensioni abnormi nell’elenco delle 100 specie più dannose al mondo, portano anche la leptospirosi, ha effetti altamente negativi nel settore agricolo."Oltre a mettere a rischio la vita dei tecnici del Consorzio e degli agricoltori che lavorano i terreni lungo le rive dei canali – continua Tomezzoli – minano dall’interno la struttura degli argini, ponendo seri problemi di sicurezza idraulica. Quando si verificano ondate di piena, infatti è più facile che gli argini possano cedere. Il personale del Consorzio è costantemente impegnato nel tappare i fontanazzi provocati dalle nutrie, con picchi di tre interventi a settimana, in questo periodo di irrigazione. Nelle aree dove i canali sono pensili, come il Tartaro a Vigasio ad esempio, eventuali esondazioni coinvolgerebbero anche i centri abitati. La Regione Veneto ha da tempo incluso le nutrie tra le specie cacciabili: sono state organizzate alcune battute durante la stagione venatoria, ma sono costose. In considerazione di ciò, dobbiamo trovare un accordo tra Consorzio, Provincia e Comuni per pianificare l’eliminazione di questo flagello e abbattere l’ostacolo principale alla caccia alla nutria che è il costo dello smaltimento delle carcasse”.Al momento, le poche battute organizzate si sono svolte lungo canali prestabiliti. Il Consorzio ha effettuato una decisa pulizia degli argini, in modo da “mettere a nudo” le tane nascoste tra il fogliame e l’erba. I cacciatori sono arrivati anche 2-300 animali per notte. Considerato che mediamente una nutria pesa 15 chili, il costo dello smaltimento, di 20 centesimi di euro al chilogrammo arriva a 900 euro a battuta, questo ne spiega la rarità.
VISITA
L'Arena costa 10 euro?   <br/>Al Colosseo si paga 12

L'Arena costa 10 euro?
Al Colosseo si paga 12

Il Comune di Verona nei mesi scorsi ha deciso di aumentare il costo del biglietto d’ingresso dell’Arena da 6 a 10 euro. Una scelta quasi “obbligata” per poter finanziare gli interventi di conservazione dell’anfiteatro, un progetto da 14 milioni di euro. Ma visitare l’Arena costa troppo? Dieci euro per ammirare dall’interno il più grande e meglio conservato teatro all’aperto del mondo, costruito 2000 anni fa, sono un prezzo adeguato o l’offerta “limitata” della visita al monumento non vale il costo del biglietto? Basta un rapido confronto con monumenti analoghi che in certi casi progongono uno spettacolo anche meno attraente e assai più contenuto, siti celeberrimi ma che tuttavia a volte offrono un panorama della città e poco altro. Ecco un breve tour in Italia e in Europa.COLOSSEO - Il biglietto per visitare il monumento simbolo di Roma, più grande ma sicuramente in condizioni assai peggiori dell’Arena, costa 12 euro (7,5 ridotto) e per l’audioguida bisogna aggiungere 5,5 euro.DUOMO DI MILANO – La visita alla Cattedrale costa solo 2 euro, ma per visitare le terrazze (dove è collocata la celebre Madonnina) bisogna pagare 13 euro con l’ascensore (bambini 6-14 anni 7 euro), mentre la salita a piedi (210 gradini) costa 8 euro (ridotto 4 euro). I bambini fino a 6 anni non pagano.TORRE DI PISA – Il biglietto per la celebre Torre pendente costa 15 euro, con una lunga trafila per compiere la visita. Ovviamente i 297 gradini devono essere percorsi a piedi. I bambini minori di 8 anni non sono ammessi alla visita.TOUR EIFFEL – A Parigi la torre alta 300 metri e costruita nel 1889 il biglietto costa 9 euro se si vuole salire con l’ascensore solo fino al 2° piano, il prezzo sale a 15,50 se ci si vuole salire fino all’ultimo piano. I prezzi ridotti per giovani (12-24 anni) sono rispettivamente di 7 e 13,50 euro; per i bambini (4-11 anni) e i disabili di 4,50 e 11 euro. Pagando euro 5 euro si ha diritto ad arrivare solo fino al 2° piano attraverso le scale. TOWER BRIDGE – A Londra il biglietti per la Tower Bridge Exibition costa 9 sterline (circa 12,3 euro) e oltre alla visita della galleria del ponte sul Tamigi, mostra le sale interne con scorcio sui meccanismi per l’apertura del ponte e una breve video-guida sulla storia della costruzione.BERLINO – La Torre della Televisione ad Alexanderplatz, inaugurata nel 1969 e simbolo dell’allora Ddr, la più alta costruzione d’Europa con i suoi 368 metri offre una vista a 360° da 203 metri di altezza sulla capitale della Germania, ma niente altro (a meno che non ci si voglia fermare a mangiare al ristorante). Il biglietto costa 13 euro, ridotto 8,50 (bambini 4-16), i bambini fino a 4 anni non pagano.SAGRADA FAMILIA – LA Barcellona la visita alla sola cattedrale, mitico progetto di Gaudì ancora incompiuta, costa 15 euro (minori di 18 anni e studenti 13 euro, fino a 11 anni si entra gratis), ma non offre molto. Per visitare anche la torre il costo del biglietto sale a 19,50 euro (ridotto 17,50) e per usufruire dell’audio guida bisogna spendere in tutto 24 euro.ARENA - I biglietto per visitare l’Arena costa appunto 10 euro, con un euro in più si visita anche il Museo Maffeiano. I ragazzi dagli 8 ai 14 anni pagano il ticket ridotto di un euro, stesso prezzo per i residenti nel Comune di Verona. I gruppi, gli studenti e gli anziani over 65 pagano 7,50 euro. I bambini fino a 7 anni entrano gratis.
INCIDENTE
Ciclista investito   <br/>da un'auto a Costermano

Ciclista investito
da un'auto a Costermano

Un ciclista è rimasto ferito dopo essere stato investito da un’auto.L’incidente è avvenuto poco dopo mezzanotte a Costermano; il ciclista è stato trasportato all’ospedale di Borgo Trento con l’ambulanza del 118.
DOPO AMBURGO
Toni-Pazzini e la difesa    <br/>Ecco su cosa lavorare

Toni-Pazzini e la difesa
Ecco su cosa lavorare

Ci sono buone notizie e altre meno per il Verona reduce dal'amichevole persa con l'Amburgo. Iniziamo dalle note positive.SQUADRA CON PERSONALITA'. Il gruppo è compatto e composto da bravi ragazzi. Da sempre Mandorlini fonda le sue squadre su questo principio. E si vede. Anche quest'anno il Verona ha una sua fisionomia ben precisa. Resta compatto, non si sfilaccia, sa soffrire. Anche questa è una dote. Quando gli avversari attaccano, e l'Amburgo lo ha fatto molto, il Verona non ha ballato. Sono arrivati palloni in area, qualche pericolo, ma la squadra ha tenuto le distanze.GIUSTO CINISMO. Altra dote del Verona: sa capitalizzare al massimo le poche occasioni che crea. Lo ha fatto anche ad Amburgo, quando ha segnato l'1-0. Mezza palla sporca e Jankovic ha insaccato. Anche questa è una qualità.EQUILIBRIO. L'equilibrio predicato da Mandorlini è evidente. Jankovic lavora moltissimo sulla fascia e Sala fa altrettanto dall'altra parte. In più Pazzini corre per tre. E questo permette all'Hellas di essere ovunque e di coprire bene il campo. POCA IMPREVIDIBILITA'. E adesso vediamo invece cosa non funziona. La prima cosa che salta all'occhio è che il Verona è macchinoso nell'uscita. A Mandorlini piace restare raccolto e ripartire. Gioco che Iturbe e Romulo permettevano meravigliosamente al primo anno in A. Ancora non si vedono queste accelerazioni, ma è palese che è anche questione di condizione.TONI-PAZZINI. Tanta volontà, pochi risultati. L'intesa non è un problema perchè i due si intendono. Il problema è che non hanno palloni, ovvero rifornimenti. Sono sempre (quasi) serviti in verticale. Toni, spalle alla porta, cerca di far andare Pazzini. Troppo poco. Bisogna andare sulle fasce, dargli palloni in area, altrimenti tanta potenza offensiva viene sprecata. Bisogna andare di più sul fondo e servirli meglio.DIFESA INGENUA. Ci sono dei tentativi di restare più alti e l'ingresso di Moras, strepitoso in un recupero, ha giovato. Ma si può fare molto meglio. I problemi più che centralmente sono arrivati dalla fasce. Comprensibile a sinistra, dove Albertazzi tornava a giocare dopo tanto tempo. Meno a destra, dove Pisano ha fatto tanta fatica. Restano poi ingenuità che in A non si possono ammettere. Squadra sbadata sul primo gol dell'Amburgo con l'azione che parte da un out e solito buco a destra in occasione del secondo. Da rivedere e attendere con la giusta pazienza sia Souprayen sia Helander. Per ora non sembrano pronti a fare i titolari.SALA EQUILIBRATORE. La speranza è di vederlo in gialloblù anche a settembre. E' vero che lì c'è anche Romulo, ma in questo momento Sala è il più importante della squadra. Mandorlini gli ha affidato il compito di "equilibratore" del centrocampo in fase di possesso, ma anche quando non si ha la palla. Senza di lui il Verona sarebbe veramente un'altra cosa. E non migliore.NON FARE PROCESSI. Sbagliato sarebbe fare processi ora. Siamo in mezzo alla preparazione e gli errori e le amichevoli servono a questo. Per di più questa preparazione fino ad oggi è stata gravata da tanti infortuni e contrattempi che hanno impedito a Mandorlini di lavorare sull'intera rosa. Avere a disposizione Romulo e Hallfredsson, per esempio, avrebbe fornito, passo, gamba, velocità e forza. Ma anche Viviani, per ora oggetto misterioso, è atteso con ansia. Dai suoi piedi, dalla sua personalità, dalla capacità di far girare la squadra e i tempi giusti, può dipendere la stagione del Verona e anche le fortune di Toni-Pazzini.GIANLUCA VIGHINI
MERCATO
VERONA, MERCATO CHIUSO    <br/>SALA PER ORA RESTA

VERONA, MERCATO CHIUSO
SALA PER ORA RESTA

Con l'arrivo di Michelangelo Albertazzi la campagna acquisti del Verona si è chiusa. Lo ha detto il direttore generale Gardini: "Abbiamo una coppia in ogni ruolo, era questa la nostra intenzione". Per il momento, quindi, Jacopo Sala resta in gialloblù. Solo davanti ad un'offerta da sette milioni di euro l'esterno si sposterebbe.Solo il Torino ha fatto un'offerta al Verona. Ma la trattativa non è decollata perchè Sala ha subito espresso la volontà di restare.Il Napoli non ha mai bussato alla porta del Verona. Ma gli ultimi giorni di mercato potrebbero infiammare anche questa trattativa.
SISMA
LA TERRA TREMA       <br/>TERREMOTO IN TRENTINO

LA TERRA TREMA
TERREMOTO IN TRENTINO

E’ stata avvertita anche a Verona e soprattutto nella zona del Garda e del monte Baldo la scossa di terremoto alle 22:47 con epicentro la provincia di Trento.Il Centro Nazionale Terremoti dell’Istituto Nazionale di Geovulcanologia rileva che la magnitudo è stata di 3,7 gradi Richter.Oltre che a Verona e naturalmente a Trento e provincia, la scossa è stata avvertita anche nel bresciano. Nel Veronese al momento non si registrano danni a persone o cose, solo una serie di telefonata alla centrale dei Vigili del fuoco.
POST PARTITA AD AMBURGO
MANDORLINI: SAREMO   <br/>PRONTI PER IL CAMPIONATO

MANDORLINI: SAREMO
PRONTI PER IL CAMPIONATO

Il gol finale che ha regalato la vittoria all'Amburgo sarà difficile da digerire per Andrea Mandorlini. "E' vero, qualche disattenzione dietro c'è stata, ma miglioreremo e saremo pronti per l'inizio del campionato. Dispiace perdere così. E' stata una partita tosta, vera, combattuta. Un test importante d'avvicinamento alle partite che contano". Mandorlini chiude con una battuta: "L'anno scorso a Burnley abbiamo perso l'amichevole e loro sono retrocessi. Speriamo non accada la stessa cosa all'Amburgo. Naturalmente sto scherzando, anche perché se succedesse sarebbe un dramma, per un club che è da sempre nel massimo campionato tedesco e non è mai sceso di categoria".
CAPITANO
Tezenis, lettera aperta    <br/>di Boscagin ai tifosi

Tezenis, lettera aperta
di Boscagin ai tifosi

Cari tifosi della Tezenis,ricominciare a sudare per questa maglia mi darà quest’anno un’adrenalina supplementare, più di quanta non ne abbia mai avuta. Da unico punto di contatto coi precedenti gruppi di lavoro sento una responsabilità forte, che va oltre gli stessi gradi di capitano che ho avuto l’onore di avere in queste stagioni che mi hanno tutte lasciato qualcosa dentro. Prima di ripartire voglio ringraziare tutti per la scorsa annata, in cui s’era creato un legame solidissimo fra noi giocatori e il resto dello staff, una compattezza che ha prodotto grandi risultati e la vittoria della Coppa Italia che rimarrà per me un momento indimenticabile, prima di quel che sono stati i playoff e una delusione infinita che ha spiazzato tutti noi. Da capitano di quella squadra voglio augurare a tutti il più grosso in bocca al lupo a chi non c’è più, dai tecnici ai compagni di squadra. Anche se adesso, come dev’essere soprattutto nello sport, è giusto cambiare pagina e guardare avanti come ha fatto la società che ringrazio per aver continuato ad aver fiducia in me. Crespi è un ottimo allenatore, basti pensare a quel che ha vinto ed in generale ai risultati che ha ottenuto. Non ci ho mai lavorato assieme, ma non vedo l’ora di farlo. Il club è cresciuto di anno in anno, maturo anche per altre categorie grazie al lavoro e alla passione di tutti, oltre ad una competenza che è sotto gli occhi di tutti, anche nel lavoro quotidiano e nei piccoli dettagli, formato da gente che nella Scaligera Basket è cresciuta e la sente come una seconda pelle. Più uno sponsor di primissimo livello che continua ad avere grande fiducia in noi. Certamente gli stimoli non mi mancheranno, ne ho sempre avuti tanti tutte le volte che ho infilato la canottiera della squadra della mia città e dal primo allenamento ne avrò ancora di più. Che Verona ci stia vicina come sa fare, che il PalaOlimpia sia sempre quello delle grandi partite con Brescia e Torino. Abbiamo sempre dato tutto per la Scaligera, sarà così anche stavolta. Soprattutto stavolta.Vi abbraccio tuttiGiorgio Boscagin
RAGGIRI
Falsi addetti del gas     <br/>Anziani a rischio truffe

Falsi addetti del gas
Anziani a rischio truffe

Ancora truffe da parte di falsi addetti del gas, che si presentano a casa di persone anziane.In via Elena Da Persico, nel quartiere Golosine, un'85enne è stata derubata di 500 euro da un sedicente "dipendente del gas" che con la scusa di controllare l'acqua e con l'aiuto di un complice è riuscito a rubare 500 euro soldi e gioielli.In altri due casi a distanza ravvicinata invece fortunatamente la truffa è stata sventata: in via Longhena (zona Stadio) e in via Vespucci (in Borgo Milano), due uomini si sono spacciati per tecnico del gas e vigile urbano riuscendo ad entrare un casa di persone anziane.La minaccia di chiamare la polizia ha però messo in fuga i malintenzionati.La Polizia avverte che le vittime di queste truffe hanno sempre tra i 70 e i 90 anni, mentre Agsm ricorda che i suoi tecnici si presentano sempre vestiti con la divisa dell'azienda, ed esibiscono il tesserino.
AMBURGO-HELLAS VERONA
TEST MATCH: VERONA    <br/>SCONFITTO 2-1 AD AMBURGO

TEST MATCH: VERONA
SCONFITTO 2-1 AD AMBURGO

Il Verona di Mandorlini viene sconfitto sul campo dell'Amburgo 2-1. Rete di Jankovic nel primo tempo, pareggio e sorpasso dei padroni di casa nella ripresa. --------------cronaca90' Senza recupero finisce 2-1 per l'Amburgo. 88' Il sorpasso dell'Amburgo. Cross nell'area piccola da sinistra, Gollini non esce, ne approfitta Holtby che di testa segna il 2-1. 84' Esce Sala, entra Zaccagni.81' Gran tiro di Demirbay da fuori area, pallone fuori di un soffio. Altra occasionissima per i padroni di casa. 79' Pisano perde banalmente un pallone sulla destra, l'Amburgo ne approfitta ma Olic sotto porta non riesce a deviare in porta. Rischio per l'Hellas!65' Serie di cambi nel Verona: etrano Fares, Souprayen (esordio per lui), Helander, Siligardi e Laner. Fuori Albertazzi, Jankovic, Pazzini, Moras e Ionita.64' Pareggio dell'Amburgo con Olic bravo a spedire in rete il pallone portato in area da Holtby.50' Nel Verona c'è Gollini al posto di Rafael. Parte meglio l'Amburgo che arriva subito in zona gol con un traversone basso in area, devia Bianchetti in angolo.45' Finisce il primo tempo con il Verona in vantaggio. L'Amburgo ha iniziato meglio dei gialloblù, sfiorando il gol in almeno tre occasioni, ma ha subìto il colpo dopo aver incassato la rete di Jankovic. 38' Pazzini fa in rete ma a gioco fermo36 GOOOOOOLLLLL di Jankovic con un gran tiro dal limite dell'arena. Verona in vantaggio. Dopo mezz'ora Amburgo e Verona sono ancora ferme sullo 0-0. Meglio la squadra di casa che ha creato più occasioni, mentre l'Hellas ha avuto una chance con Toni al 20'. Formazioni: Amburgo (4-3-3) Adler; Diekmeier, Djourou, Spahic, Ostrzloek; Kacar, Jung, Ekdal; Muller, Lasogga, Ilicevic.Verona (4-3-3) Rafael; Pisano, Moras, Bianchetti, Albertazzi; Sala, Greco, Ionita; Pazzini, Toni, Jankovic
SICUREZZA
Municipale, sgomberi    <br/>in via Albere

Municipale, sgomberi
in via Albere

Questa notte, nell’ambito dei controlli per garantire la sicurezza urbana e la vivibilità dei quartieri periferici, la Polizia municipale ha effettuato uno sgombero nell’area tra via Albere e la bretella della tangenziale T4. Gli agenti hanno evacuato un edificio abbandonato, occupato abusivamente da due persone di origini marocchine, sorprese all’interno dello stabile; accompagnate al Comando per i rilievi fotosegnaletici, poiché prive di documenti, le persone sono state denunciate per occupazione di edificio. In dieci giorni sono state sgomberate e allontanate dalla Polizia Municipale oltre cento persone senza fissa dimora, che vivevano in case o edifici abbandonati. Nell'ultima settimana sono stati inoltre recuperati dagli agenti di quartiere e dal personale dei reparti operativi ben cinque veicoli rubati, due auto e tre motocicli, restituiti poi ai legittimi proprietari. Come sottolinea il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura “serve maggiore controllo da parte dei proprietari privati di questi immobili, che devono vigilare sulle proprie aree e non attendere che la situazioni peggiori, a discapito della sicurezza dei cittadini, che ringrazio per le continue segnalazioni”.Per tutto il periodo estivo i controlli sul territorio saranno garantiti con pattuglie in auto e motorizzate.
TEST IN GERMANIA
SETTI RICEVUTO DA     <br/>PRESIDENTE AMBURGO

SETTI RICEVUTO DA
PRESIDENTE AMBURGO

Poco prima dell'inizio del test match con l'Amburgo, il presidente del Verona Setti è stato ricevuto dal numero uno del club tedesco Carl-Edgar Jarchow. Un incontro cordiale con scambio di magliette (quella ufficiale che sarà usata dall'Hellas nell'amichevole ed alcune casacche storiche del club).
TEST MATCH
AMBURGO-VERONA     <br/>LE FORMAZIONI

AMBURGO-VERONA
LE FORMAZIONI

Senza Gomez e Hallfredsson, Mandorlini rilancia Jankovic dal primo minuto insieme a Toni e Pazzini, mentre a centrocampo torna Ionita con Greco davanti alla difesa. Dal primo minuto Albertazzi. Queste le formazioni ufficiali:Amburgo (4-3-3) Adler; Diekmeier, Djourou, Spahic, Ostrzloek; Kacar, Jung, Ekdal; Muller, Lasogga, Ilicevic.Verona (4-3-3) Rafael; Pisano, Moras, Bianchetti, Albertazzi; Sala, Greco, Ionita; Pazzini, Toni, Jankovic
L'Opinione
ON AIR
31.07.2015
TgVeneto
ON AIR
01.08.2015
Rosso & Nero
ON AIR
10.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
02.08.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
02.08.2015
Vighini Show
ON AIR
29.05.2015
Alè Verona
ON AIR
01.08.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
26.05.2015
Alé Padova
ON AIR
25.05.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

TERRA E NATURA
01.08.2015

TERRA E NATURA

TERRA E NATURA
01.08.2015

TERRA E NATURA

TERRA E NATURA
31.07.2015

TERRA E NATURA

TERRA E NATURA
31.07.2015

TERRA E NATURA

i nuovissimi di tgverona.it

i nuovissimi di tgpadova.it

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA