• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TUTTOCALCIO PADOVA

    Segui la serie B

    Segue in diretta le gare elle due formazioni padovane impegnate nel campionato cadetto durante i 90 minuti di gara e nel dopo-partita. Commenti, interviste, sintesi dlele gare

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Il sabato pomeriggio c'è una lungra trasmissione il cui fiore all'occhiello è la partita in diretta della primavera. Ma non solo, anche la conferenza di Mandorlini e le ultime in vista della partita del Verona

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGGIALLOBLU LIVE

    Alle 19.30 LIVE, alle 21 nel TgVerona

    Dal 2001 Vighini, Fioravanti e Betteghella conducono il TgGialloblù. Quest'anno una novità: edizione LIVE in diretta dalle 19.30 e SMART all'interno del TgVerona alle 21:00 e 24:30.

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra

Numero Verde Telenuovo

TGVERONA
18.04.2014
TGGIALLOBLÙ
18.04.2014
TGPADOVA
18.04.2014
TGBIANCOSCUDATO
18.04.2014
ATALANTA-VERONA
Scontri a Bergamo,       <br/>Cariche e lacrimogeni

Scontri a Bergamo,
Cariche e lacrimogeni

Cariche della polizia, bombe carta, lacrimogeni. Pregara caldissimo tra Atalanta e Verona. Gli scontri sarebbero iniziati dopo l'arrivo dei sostenitori gialloblù, partiti scortati da Verona. Dalle prime notizie i tifosi veronesi sarebbero stati aggrediti all'arrivo allo stadio e da lì in poi sarebbe successo di tutto.
POLEMICA
Cà del Bue, Avesani: Pd  <br/>giù da carro vincitori

Cà del Bue, Avesani: Pd
giù da carro vincitori

“I tre sindaci contro Ca’ del Bue avevano già emesso la loro sentenza sui Cip 6 quattro anni fa all’inizio della battaglia. C’è voluto tutto questo tempo per scoprire che avevamo ragione, ma adesso non possiamo che essere estremamente soddisfatti”. Il primo cittadino di San Martino Buon Albergo Valerio Avesani non è sorpreso della bocciatura del Tar del Lazio nei confronti della richiesta di Agsm sui Cip 6 e rilancia sostenendo che “l’aspetto economico può essere affrontato sostituendo al posto dell’attuale impianto un Polo Ambientale Integrato che prevede di lavorare la parte non differenziata recuperando la materia prima”.Ma il sindaco di San Martino avvia anche una polemica col Pd: "Ora cantano vittoria, ma la storia e i fatti dimostrano che concretamente non hanno fatto nulla per arrivare fin qui. L’allora sindaco Zanotto aveva l’opportunità d’oro di chiudere definitivamente l’impianto e invece permise che potesse ripartire la progettualità. L’onorevole D’Arienzo propose addirittura di farlo diventare un inceneritore di riferimento per tutta la Regione. Bisogna inoltre ricordare che dove ci sono gli unici termovalorizzatori attivi, a Padova e Schio, mentre a Venezia ha chiuso solo un anno fa, sono Comuni amministrati da loro. Perché non estendono questa battaglia anche lì per il bene dei cittadini? Per questi motivi ritengo che non siano credibili”.
INCENDIO
Rogo in un'azienda   <br/>di Colognola ai Colli

Rogo in un'azienda
di Colognola ai Colli

Squadre dei Vigili del fuoco di Verona al lavoro a Colognola ai Colli, in localita' Loffia di Sopra, per domare il rogo divampato all'alba in un'azienda che tratta truciolato di legno. Quattro autopompe in azione dalle 5 di mattina per aver ragione delle fiamme che in poco tempo hanno avvolto il materiale depositato nei magazzini. Fortunatamente nessuno è rimasto coinvolto nel devastante incendio che si sarebbe sviluppato a causa di un corto circuito anche se i tecnici stanno approfondendo eventuali altre ipotesi
AEROPORTO
Viceministro al Catullo:   <br/>Verona-Venezia fa scuola

Viceministro al Catullo:
Verona-Venezia fa scuola

Il vice ministro Riccardo Nencini ha incontrato i vertici di Catullo Spa, la società che gestisce gli aeroporti di Verona e Brescia, e i rappresentanti delle istituzioni. Erano presenti, oltre il presidente della Catullo Spa Paolo Arena e il direttore generale Carmine Bassetti: il Prefetto di Verona Perla Stancari, il vicesindaco di Verona Stefano Casali, l’assessore alle infrastrutture e all'ambiente della Provincia di Trento Mauro Gilmozzi, sindaco di Villafranca Mario Faccioli, la senatrice Cinzia Bonfrisco, Silvia Nicolis per la Camera di Commercio di Verona e Confindustria Verona.Il viceministro durante l’incontro con la stampa ha commentato: “Nell’incontro con il Presidente, il Direttore Generale e i rappresentanti delle istituzioni, mi è stato presentato, in modo approfondito, il progetto di aggregazione degli aeroporti del Nord Est che ho ascoltato con grande interesse. Infrastrutture che lavorano insieme in modo integrato e complementare, attraverso le specializzazioni di ciascuna, è la direzione verso cui si stanno muovendo i sistemi aeroportuali in Europa. Il calendario che mi è stato prospettato nel caso specifico di Catullo, sull’operazione, è perfetto e sarebbe da portare a modello di altre situazioni in cui il sistema di multi aeroporto sarebbe auspicabile ma ancora non è preso in considerazione. Qui si prepara una cornice di relazioni armonica fra infrastrutture aeroportuali invidiabile e spero sia condivisa da altre parti d'Italia. Unire 'reti' - e quando dico reti, in questo caso, mi riferisco agli aeroporti di Brescia, Verona, Venezia e Treviso, - ripartendo funzioni e ruoli, e ampliando la capacità di 'coprire' un mercato vasto di merci e persone.”Il viceministro ha proseguito: “L'Italia si appresta ad avere la presidenza del semestre dell'Unione europea. Una delle priorità che porteremo a quel tavolo è questo 'fianco' dell'Italia, perché ha un valore strategico straordinario. Altra priorità è quella di potenziare le grandi reti infrastrutturali, non concependo più i mezzi di trasporto in modo separato ma in una logica strategica più ampia.”Il presidente Paolo Arena nel suo intervento ha poi dichiarato: “Ringrazio il vice Ministro Nencini, con cui abbiamo un rapporto di stima e fiducia, per la sua presenza oggi. La sua visita all’aeroporto di Verona è un segnale importante dell’attenzione del Governo per la nostra società e le infrastrutture che gestisce. Abbiamo avuto la possibilità di approfondire il progetto di creazione del polo aeroportuale del Nord Est, tema già noto al vice ministro – ha poi proseguito Arena - Abbiamo avuto la possibilità di approfondire i vantaggi che il sistema multi-aeroporto garantirebbe, facendo lavorare in modo complementare ed efficiente gli aeroporti gestiti, sfruttando le potenzialità e le sinergie espresse dal raggruppamento, accelerando lo sviluppo di ciascuna infrastruttura e rispondendo in modo adeguato alla domanda attuale e futura di traffico del territorio. Verona nel progetto si specializzerebbe nel traffico passeggeri domestico, verso le destinazioni europee e charter medio lungo-raggio. Brescia ha grandi potenzialità nel settore cargo. Lo sviluppo di un sistema integrato di aeroporti nel Nord Est Italia è destinato ad assumere un rilievo strategico per l’area e l’intero Paese, come evidenziano anche gli indirizzi per lo sviluppo degli aeroporti già tracciati dal Ministro Lupi. Continueremo a collaborare, come fatto fino ad oggi, con il Ministero dei Trasporti per lo sviluppo del trasporto aereo italiano e delle sue infrastrutture”. Il direttore generale Carmine Bassetti ha concluso: “Abbiamo avuto la possibilità di presentare al Ministro il progetto industriale che sta alla base della potenziale integrazione degli aeroporti di Verona e Brescia con Venezia e Treviso. La specializzazione degli aeroporti, individuata nel nostro progetto d’integrazione, è la via indicata anche dal Governo. L’Italia è uno dei Paesi in Europa che avrà maggiori difficoltà a soddisfare la domanda di traffico sia passeggeri che merci nel medio/lungo periodo. Già il prossimo Expo sarà un grande banco di prova e al contempo offre un’opportunità che possiamo cogliere. A causa della frammentarietà del nostro sistema aeroportuale e la debolezza dei vettori italiani, i turisti in Italia sostano mediamente 1,5 giorni in meno, dovendo fare scali intermedi per raggiungere l’Italia. Nei prossimi 30 anni i passeggeri negli scali italiani passeranno da 144 a 310 milioni. Il Nord Italia necessita di una capacità di almeno 70 milioni di passeggeri. Il sistema aeroportuale del Nord Est può rispondere in parte a questo gap, efficientando le infrastrutture esistenti.”
TRASFERTA
A BERGAMO SARANNO    <br/>1139 I VERONESI

A BERGAMO SARANNO
1139 I VERONESI

Sono 1139 i tagliandi venduti nel settore ospiti dello stadio di Bergamo per Atalanta-Verona. Anche in questa sfida il Verona dunque avrà l'appoggio di molti supporters.
TRITTICO ARDENNE
Cunego: Una gara per  <br/>volta, sono fiducioso

Cunego: Una gara per
volta, sono fiducioso

Grande entusiasmo per Damiano Cunego a poche ore dall'inizio del Trittico delle Ardenne. Lo scalatore veronese che assieme a Rui Costa e Ulissi sarà una delle punte della Lampre-Merida parla attraverso le pagine del sito del team blu-fucsia-verde: "Sono corse che ho sempre amato e nelle quali mi sono espresso bene. Sto ritrovando una buona competitività, il Giro dei Paesi Baschi mi ha dato importanti segnali in questo senso. Il lavoro svolto fino a ora è stato molto ed è stato finalizzato proprio per le Classiche delle Ardenne e per il Giro d’Italia. Penserò a un appuntamento per volta, augurandomi che anche la fortuna sia dalla mia parte: le forze fisiche ci sono, la convinzione per fare bene in tutte e tre le gare pure".
SERIE A
In 21 per l'Atalanta     <br/>Romulo non recupera

In 21 per l'Atalanta
Romulo non recupera

Sono 21 i convocati da Andrea Mandorlini per la trasferta di Bergamo. Non sono partiti gli squalificati Donadel, Maietta e Sala oltre a Romulo, rimasto precauzionalmente a Verona per un piccolo risentimento muscolare all'adduttore destro.PORTIERI: 1 Rafael, 12 Nicolas.DIFENSORI: 29 Cacciatore, 18 Moras, 25 Marques, 4 Pillud, 33 Agostini, 3 Albertazzi, 23 Gonzalez.CENTROCAMPISTI: 5 Donati, 7 Marquinho, 6 Martinho, 14 Cirigliano, 10 Hallfredsson, 17 Donsah.ATTACCANTI: 8 Cacia, 9 Toni, 15 Iturbe, 11 Jankovic, 19 Rabusic, 21 Gomez Taleb.
AGSM
Cà del Bue, stop dal Tar   <br/>Agsm: Rivalutiamo tutto

Cà del Bue, stop dal Tar
Agsm: Rivalutiamo tutto

Rivalutare la sostenibilità economica dell'impianto, attraverso la quantità di rifiuti annui certa da smaltire, decisa dalla Regione. E' la situazione ad oggi del progetto di Cà del Bue, dopo che una sentenza del Tar del Lazio sui contributi economici cip 6 ha fatto saltare la copertura finanziaria del nuovo progetto, avviato nel 2010. Una decisione inattesa perchè si tratta di un contratto stipulato nel 2004 con il Gestore del Mercato Elettrico valido 8 anni, sospeso nel 2006 per volontà di Agsm quando l'impianto era fermo, non rendeva per quanto era programmato e addirittura perdeva un milione di euro al mese. Ad annunciare l'ennesimo stop al progetto Ca del Bue i vertici di Agsm, il presidente Paolo Paternoster e il direttore generale Giampietro Cigolini che in una conferenza stampa hanno ripercorso la storia dell'impianto, pensato 28 anni fa, nell'86, definito nel'90, autorizzato nel '93 e avviato nel 2001, passato per cinque sindaci, amministrazioni di diverso colore e due presidenti della regione senza mai essere operativo al 100%. Con il promotore del nuovo progetto, il colosso spagnolo Urbaser, Agsm aveva fissato due paletti: la sostenibilità ambientale del nuovo impianto, che sarebbe stato uno dei migliori d'Europa in fatto di emissioni di inquinanti e la sostenibilità economica del progetto, che si basava sul contributo Cip 6 e sulla quantità annua di rifiuti da smaltire, fissata a 190 mila tonnellate annue senza il minimo aumento della tassa a carico dei cittadini. Ed è proprio su quella quantità che dovrà stabilire la Regione che si gioca la partita: perchè il piano rifiuti non ancora licenziato dal consiglio regionale prevede per Cà del Bue uno smaltimento inferiore, di 150 mila tonnellate annue. E tutto, ora, dovrà essere rivalutato ha detto Paternoster: "Con 190 mila tonnellate il progetto si sostiene, con 150 mila bisogna fare i conti e riparlare con Urbaser. La regione deve fissare un conferimento certo, poi noi decideremo. Se il progetto si sostiene economicamente faremo il nuovo impianto, altrimenti no". Ma ora che succederà. Agsm ricorrerà in appello contro la sentenza del Tar. Cà del Bue continuerà a funzionare nelle 2 sezioni di impianto di selezione rifiuti e della gestione organica con cui si trattano 100 mila tonnellate annue di rifiuti prodotte a Verona e Provincia. Ma lo stop al nuovo progetto durerà diversi mesi e non è escluso che Urbaser, che attende di partire da 4 anni, possa recedere dall'accordo e valutare l'apertura di un contenzioso.
CONTROLLI
Pasqua in città,    <br/>task force Municipale

Pasqua in città,
task force Municipale

La Polizia municipale ha rinforzato i servizi del week end pasquale aumentando il numero di agenti e coordinatori in servizio, tenuto conto il possibile aumento di cittadini e turisti che potrebbero riversarsi in città.Tutti i principali posti di servizio del centro saranno presidiati, da via Mazzini a via Cappello, da piazza Bra a piazza delle Erbe e piazza dei Signori.Altri agenti avranno il compito di monitorare la situazione sulle circonvallazioni e le direttrici di accesso alla città, intervenendo immediatamente in caso di incidenti o altri problemi che potrebbero rallentare la circolazione.I controlli riguarderanno anche i fenomeni di decoro e tutela generale per la prevenzione di accattonaggio molesto o esibizioni non autorizzate di figuranti e artisti di strada, il cui numero aumenta in occasione di festività, ponti, giorni a rilevante attrattività. La Polizia municipale invita cittadini ed automobilisti a prestare attenzione alla segnaletica stradale, parcheggiare solo nelle aree autorizzate o dove questo è possibile, controllare figli e bambini piccoli che, talvolta, sfuggono al controllo e si allontanano, creando così grande apprensione.
RAPINA
Scippa donna, marito   <br/>lo insegue e lo blocca

Scippa donna, marito
lo insegue e lo blocca

Ha scippato una donna che stava pedalando in bicicletta assieme al marito, ma è stato inseguito dall'uomo che con l'aiuto di un passante è riuscito a bloccare il ladro nel cortile di un condominio dove aveva cercato rifugio. E' successo a Verona, in via Santa Teresa, dove un 37enne residente a Villafranca, tossocodipendente, è stato arrestato con l'accusa di rapina impropria dagli agenti delle Volanti, allertati dal marito della vittima del reato. Il Gip ha convalidato l'arresto disponendo per l'indagato l'obbligo di presentazione quotidiano dai Carabinieri di Villafranca.
SECESSIOINISTI
Lega: Bene liberazione,  <br/>Stato risarcisca i danni

Lega: Bene liberazione,
Stato risarcisca i danni

"Esprimiamo soddisfazione per la scarcerazione di Franco Rocchetta e di alcuni altri indipendentisti veneti. Resta tuttavia una vergogna che lo Stato abbia agito nei confronti di queste persone con un'azione spropositata rispetto ai fatti. Ci chiediamo adesso chi risarcirà queste persone per i giorni che hanno ingiustamente passato in carcere per la sola colpa di aver espresso delle idee'': così in una congiunta le senatrici venete della Lega Nord Raffaela Bellot, Patrizia Bisinella ed Erika Stefani. ''Questo comportamento - aggiungono - non ha fatto altro che alimentare l'insofferenza e l'esasperazione del popolo veneto. Lo Stato deve rendersi conto che non può continuare ad ignorare il grido di dolore dei territori stanchi di essere vessati".
SENTENZA
Secessionisti liberi:   <br/>le motivazioni

Secessionisti liberi:
le motivazioni

"Si dichiara l'incompetenza territoriale del Tribunale di Brescia in favore di quello di Padova per tutti i reati contestati", e si esclude la "gravità indiziaria relativa alle contestazioni dei capi A e B", ovvero l'associazione eversiva ai fini di terrorismo. E' il passaggio principale - secondo quanto si apprende dai difensori degli indagati - dell'ordinanza del Riesame di Brescia che, invece, per i soli accusati della costruzione e custodia del tanko (ora ai domiciliari), trasferisce la competenza a Padova.Agli arresti domiciliari, confermati per l'ex 'serenissimo' Flavio Contin, sono stati posti Tiziano Lanza, Corrado Turco, Stefano ferrai e Michele Cattaneo. Soddisfatto il legale di Franco Rocchetta, Fabio Pinelli, il quale sottolinea "Allo stato, per il Tribunale della libertà di Brescia - spiega Pinelli - cade in modo inequivoco il reato più grave, ovvero la contestazione per coloro che secondo la Procura di Brescia avevano promosso (capo A) o partecipato (capo B) all'associazione eversiva ai fini di terrorismo. Quindi, restano solo l'accusa riguardante la costruzione e la custodia del 'tanko', la competenza territoriale passa a Padova". Naturalmente, osserva Pinelli, questa è una decisione 'interlocutoria', che attiene solo ai provvedimenti cautelari, non al giudizio di merito, e che la Procura di Brescia potrebbe decidere o meno di impugnare.
INCIDENTE
Scooter contro auto,   <br/>32enne muore a Malcesine

Scooter contro auto,
32enne muore a Malcesine

Un uomo di 32 anni di Tenno (Trento) ha perso la vita oggi pomeriggio sulla regionale Gardesana a Malcesine dopo essere stato investito, mentre viaggiava a bordo del suo scooter, da un'auto tedesca. La vettura, era condotta da una 27enne che uscendo dal parcheggio sotterraneo di un hotel non è riuscita a fermarsi invadendo la corsia opposta proprio mentre arrivava lo scooterista che è morto sul colpo.
RIESAME
Secessionisti, liberi    <br/>Chiavegato e altri 6

Secessionisti, liberi
Chiavegato e altri 6

I giudici del tribunale del Riesame di Brescia hanno disposto la libertà per sette dei secessionisti arrestati il 2 aprile scorso, tra questi l'ex parlamentare Franco Rocchetta e il leader dei Forconi, il veronese Lucio Chiavegato, mentre ha disposto i domiciliari per altri cinque. "Giudichiamo la scarcerazione come un ottimo segnale, con l'auspicio che tutta la vicenda giudiziaria si risolva in modo positivo e soprattutto in tempirapidissimi", ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia.
PRECEDENTI
Blitz a Bergamo nel      <br/>2004 contro Mandorlini

Blitz a Bergamo nel
2004 contro Mandorlini

L'ultimo precedente vincente in casa dell'Atalanta è datato 2 marzo 2004. Sulla panchina dei beragamaschi in testa alla classifica c'era Andrea Mandorlini, su quella del Verona Sergio Maddè. L'Hellas riuscì a imporsi per 0-2 grazie alle reti di Italiano e Papa Waigo. Una delle poche imprese da ricordare di quel campionato difficile terminato con una salvezza all'ultima giornata.
VIGILIA DI CAMPIONATO
MANDORLINI: A BERGAMO     <br/>PER VINCERE E SOGNARE

MANDORLINI: A BERGAMO
PER VINCERE E SOGNARE

"Restare nella parte sinistra della classifica è un obiettivo. Mancano 5 partite, 15 punti, cerchiamo di battere l'Atalanta e poi vediamo cosa succede. Da qui alla fine arriveranno altri scontri diretti, noi vogliamo rimanere agganciati al gruppo che lotta per l'Europa e alla fine vedremo dove saremo". Mandorlini è carico. Vuole un Verona aggressivo, in cerca di punti importanti per rimanere tra le prime dieci. "L'ottavo posto? Diciamo che noi cercheremo di conquistare più punti possibili, iniziando da Bergamo. Non facciamo programmi a lungo termine". Sulla formazione che scenderà in campo allo stadio Atleti Azzurri d'Italia, Mandorlini ammette che a centrocampo c'è qualche problema. "Romulo non ce la fa, Sala è squalificato insieme a Donadel. Le scelte sono obbligate", ma non le rivela. Probabile l'utilizzo di Donati nel ruolo di interno destro con Cirigliano davanti alla difesa. Ma potrebbe anche essere avanzato Cacciatore con Pillud titolare.
VERSO CHIEVO-SASSUOLO
Di Francesco: Lotta    <br/>salvezza è apertissima

Di Francesco: Lotta
salvezza è apertissima

L'allenatore del Sassuolo Eusebio Di Francesco prova a caricare tutto l'ambiente neroverde in vista della sfida salvezza di sabato contro il Chievo: "La corsa salvezza resta apertissima, nulla è ancora definito. Potevamo sfruttare meglio la gara col Cagliari ma stiamo facendo meno errori di prima, i miglioramenti ci sono e riusciamo a costruire quattro-cinque occasioni da gol. Dobbiamo crederci tutti insieme". Per il Sassuolo è una sfida da dentro o fuori.
INFORTUNIO
Alborno su facebook:    <br/>'Nulla di grave'

Alborno su facebook:
'Nulla di grave'

Ha pubblicato subito una foto su facebook per rassicurare tutti i tifosi granata. 'Sto bene - dice - è stata solo una brutta botta'. Ieri sera, infatti, durante il match con il Cesena, l'esterno sinistro rodrigo Alborno è stato costretto ad abbandonare il terreno di gioco dopo un brutto scontro con un giocatore avversario. 'Grazie a Dio ieri non è successo nulla di grave, - ha detto il sudamericano - solo una botta forte al ginocchio, un gran spavento ma Tutto OK'. Alborno proverà a recuperare per il match contro la Reggina tra 10 giorni.
POST BRESCIA
Frattura composta di   <br/>due costole per Iori

Frattura composta di
due costole per Iori

Post partita con tegola per Manuel Iori. Lo scontro di gioco con Caracciolo poco prima della fine del primo tempo ieri sera è costato al centrocampista biancoscudato la frattura composta della sesta e della settima costola. Iori, che è rimasto in campo ugualmente fino alla fine della gara, si è sottoposto questa mattina agli esami medici, uscendo dal centro sportivo Euganeo di Bresseo con il volto scuro. Trattandosi di frattura composta dovrebbe guarire in tempi brevi, ma è comunque a rischio la sua partecipazione alla sfida del 26 aprile contro il Bari.
CURIOSITÀ E CIFRE
Atalanta-Verona, sfida   <br/>tra squadre da record

Atalanta-Verona, sfida
tra squadre da record

La 14° vittoria stagionale ottenuta lo scorso 29 marzo a Bologna, ha portato l'Atalanta 2013/14 ad essere, a pari merito con quella del 1992/93, la terza più vincente di sempre in una stagione di serie A su girone unico. Meglio ha fatto solo, la società bergamasca, nei campionati 1947/48 (16 affermazioni) e 1949/50 (17 vittorie). Con la vittoria per 1-0 nel derby in casa del Chievo, l'Hellas Verona 2013/14 è diventato il secondo più vincente nella storia gialloblu in serie A su girone unico, con 14 successi. Il record assoluto - 15 vittorie in singolo campionato - risale al 1984/85, l'anno dello scudetto di Bagnoli, la cui consacrazione aritmetica - peraltro - arrivò proprio a Bergamo: 1-1 il 12 maggio 1985, alla penultima partita del torneo. Gara numero 400 con club italiani professionistici per Massimo Donati, che ha vestito le maglie di Atalanta, Milan, Parma, Torino, Sampdoria, Messina, Bari, Palermo ed Hellas Verona sommando finora 313 gettoni in serie A, 39 in B, 36 in coppa Italia, 10 nelle coppe europee ed 1 in altri tornei con debutto assoluto datato 22 agosto 1999, coppa Italia, Atalanta-ChievoVerona 2-0.
PREVISIONI
Pasqua, meteo Veneto  <br/>Cielo coperto e pioggia

Pasqua, meteo Veneto
Cielo coperto e pioggia

In Veneto il fine settimana di Pasqua e il lunedì di pasquetta saranno segnati dal maltempo o, nelle migliori delle ipotesi, di una diffusa incertezza su tutto il territorio regionale. Secondo le previsioni dell'agenzia regionale per l'ambiente del Veneto (Arpav), sabato nelle prime ore il meteo offrirà un cielo in genere molto nuvoloso o coperto, poi irregolarmente nuvoloso con schiarite soprattutto nel pomeriggio. Per quanto riguarda la pioggia si registreranno fenomeni da sparsi a temporaneamente diffusi, anche a carattere di rovescio o temporale, con probabilità alta (75-100%) sulle zone interne e medio-alta (50-75%) altrove. Il limite delle nevicate al mattino si abbasserà fino a 1100/1400 metri di quota. Le temperature minime subiranno un aumento in pianura e in molte valli, mentre in quota saranno perlopiù stazionarie. Il giorno di Pasqua, domenica, il tempo sarà variabile, con schiarite alternate ad addensamenti nuvolosi. Probabilità di qualche precipitazione, anche a carattere di rovescio o temporale. Le temperature subiranno in genere un contenuto aumento, salvo risultare stazionarie o in lieve calo nei valori minimi in montagna. Anche pasquetta sarà con tempo instabile, con prevalenza degli addensamenti nuvolosi rispetto a qualche possibile schiarita. Probabili precipitazioni da sparse a temporaneamente diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale. Temperature minime in lieve aumento.
L'Opinione
ON AIR
18.04.2014
TgVeneto
ON AIR
19.04.2014
Rosso & Nero
ON AIR
18.04.2014
Prima Serata
ON AIR
18.04.2014
Vighini Show
ON AIR
14.04.2014
Alè Verona
ON AIR
14.04.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
15.04.2014
Tuttocalcio Padova
ON AIR
17.04.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
04.04.2014
Il Sindaco e la Città
ON AIR
09.04.2014

BPV MUTUOYOU

Promo palinsesto



auditeL MARZO 2014 telenuovo



Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di TgVerona.it

Magnifico acquatico
18.04.2014

Magnifico acquatico

Frutta e verdura
18.04.2014

Frutta e verdura

A miglio zero
18.04.2014

A miglio zero

Triveneto speciale
18.04.2014

Triveneto speciale

Verona fa scuola
18.04.2014

Verona fa scuola

i nuovissimi di TgPadova.it

i nuovissimi di TgBiancoscudato.it.it

Palinsesto