• VIGHINI SHOW

    OGNI GIOVEDI' SU TELENUOVO

    Lo show condotto da Gianluca Vighini. Ospiti di spessore, giocatori, giornalisti, opinionisti, tecnici e tifosi per un serrato dibattito sul Verona di Mandorlini. Dagli studi di Telenuovo all'HELLAS KITCHEN

  • BIANCOSCUDATI CHANNEL

    Ogni lunedì su Telenuovo Padova

    Quest'anno l'appuntamento è fissato per il lunedì: approfondimenti sul campionato del Padova, sulla partita, le intesviste, le polemiche. Con il vostro contributo tramite chiamate ed sms

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:15

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

HELLAS VERONA
Peschiera - Allenamento    <br/>senza centrocampo

Peschiera - Allenamento
senza centrocampo

Allenamento pomeridiano per i gialloblù a Peschiera del Garda. La squadra, agli ordini dell'allenatore Andrea Mandorlini, ha svolto riscaldamento, esercitazioni tattiche per reparto e partita. Il centrocampo è sempre più acciaccato: fuori Ionita. Obbadi e Campanharo sono malconci. C'è da segnalare che anche Lazaros ha svolto allenamento differenziato, mentre Hallfredsson ha ricevuto cure fisioterapiche. Infine Tachtsidis ha svolto corsa precauzionale. Il report della società:I nazionali sono rientrati in gruppo: Frederik Sorensen ha svolto differenziato in palestra, differenziato sul campo per Lazaros Christodoulopoulos, corsa sul campo per Panagiotis Tachtsidis, cure fisioterapiche per Emil Hallfredsson, mentre Evangelos Moras e Pierluigi Gollini hanno svolto l'intera seduta con il gruppo.Cure fisioterapiche per Artur Ionita. Gustavo Campanharo e Mounir Obbadi hanno svolto differenziato sul campo.Variazione di programma: la seduta di giovedì 2 aprile, inizialmente prevista alle ore 15.00, si svolgerà alle ore 16.30.PROGRAMMA ALLENAMENTIGiovedì 2 aprile: seduta pomeridiana (ore 16.30) a porte chiuseVenerdì 3 aprile: seduta mattutina (ore 11) a porte chiuseSabato 4 aprile: Hellas Verona-Cesena (ore 15)
POLIZIA
Esame col trucchetto  <br/>due ghanesi denunciate

Esame col trucchetto
due ghanesi denunciate

Cinque anni di residenza regolare in Italia e un reddito adeguato non bastano per ottenere la carta di soggiorno. L’ultimo ostacolo da superare è una prova di italiano. Niente di impossibile, il livello di conoscenza della lingua richiesto è poco più che basilare. Ma molti immigrati temono quella prova, che testa la loro capacità di comprendere una conversazione o un testo e di scrivere poche righe. E’ per questo motivo che una immigrata ghanese residente in Stradone Santa Lucia ha mandato a sostenere l’esame una connazionale sua amica, evidentemente più pratica della lingua italiana.L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio presso la Scuola Media “Aosta” di Via Trezza dove si stava svolgendo un esame di lingua italiana ai fini del rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo. Durante la prova, infatti, l’esaminatrice ha avuto dei sospetti su di una candidata la quale aveva presentato un documento di identità che chiaramente non corrispondeva al suo viso e perciò ha deciso, saggiamente, di contattare il 113. Giunti sul posto, gli Agenti hanno confermato i sospetti accertando la non corrispondenza tra documento di identità e candidata, la quale, dopo aver confessato il raggiro, è stata condotto in Questura per essere sottoposta ad un’identificazione certa ed ai rilievi foto-dattiloscopici.Alla luce di quanto emerso, A.S.K., 27enne ghanese residente a Legnano (MI) ma domiciliata a Verona in Stradone Santa Lucia, è stata denunciata a piede libero per i reati sostituzione di persona e truffa aggravata ai danni dello Stato.Sono al momento in corso ulteriori accertamenti per vagliare la posizione della 35enne A.B.D., la ghanese beneficiaria del raggiro, la quale per il momento risulta indagata a piede libero per truffa aggravata in concorso ai danni dello Stato. A seguito dei controlli, inoltre, la prova d’esame sostenuta fraudolentemente è stata ovviamente annullata.
AEROPORTO
Ryanair torna a Verona,    <br/>12 nuovi collegamenti

Ryanair torna a Verona,
12 nuovi collegamenti

E' un progetto tutto nuovo, a medio-lungo termine. Questa volta positivo per l'areoporto Catullo che torna a distanza di qualche anno a stringere una partnership con la compagnia area regina dei low coast. Ryan Air torna a Verona annuncia subito 12 nuove destinazioni che danno ancora più lustro alla stagione estiva dello scalo veronese: "Brindisi, Alghero, Dublino, Amsterdam, Colonia, Madrid, Barcellona, Belfast, Edimburgo, Leeds, Manchester, Bruxelles, che si aggiungono alla programmazione continuativa" spiega il presidente della Catullo spa Paolo Arena. "Un progetto importante su cui crediamo e su cui lavoreremo ancora alacremente per migliorare i numeri del nostro areoporto". Al centro del progetto il ritorno ad un volo diretto verso Londra ma non solo. Intanto le prime due rotte da Verona verso Bruxelles e Palermo hanno trovato subito l'interesse dei passeggeri: "E' vero" conferma Arena "stamane il Palermo è praticamente esaurito c'era solo un posto vuoto su 189, il Bruxelles aveva 149 prenotazioni sempre su 189. Sono ottimi numeri che speriamo di confermare anche sulle altre tratte"Catullo che nella stagione estiva potenzierà i collegamenti con Spagna e Grecia oltre alla programmazione charter, segmento di traffico in cui il Catullo è leader, anche dopo la soppressione dei voli verso il Mar Rosso e la Tunisia per le note vicende. Ma le Baleari funzionano benissimo e il gap nelle partenze può essere colmato proprio dal potenziamento dei voli di linea. Progetto Ryan che a breve riguarderà anche l'areoporto di Brescia. Novità che fanno intravedere i primi concreti segnali del superamento del periodo della crisi economica.
SICUREZZA
Rissa in via Tombetta  <br/>chiuso bar Don Maya

Rissa in via Tombetta
chiuso bar Don Maya

Una nuova ed ennesima sospensione della licenza è stata notificata stamane dalla Polizia di Stato al titolare del bar “Don Maya”, ubicato nel quartiere di Borgo Roma, teatro la scorsa notte, dapprima di una lite tra una dozzina di avventori e, venti minuti dopo, di un ulteriore intervento per schiamazzi ad opera di ubriachi all’esterno e all’interno del locale stesso, nonostante fosse già trascorso l’orario di chiusura dell’attività.Tornano, quindi, i sigilli sulle porte del Don Maya che sono stati apposti dai poliziotti della Squadra Amministrativa della Questura e del Commissariato di Borgo Roma; vi rimarranno per 30 giorni, periodo totale della sospensione dell’attività. Non solo, il Questore Gagliardi ha già sottoscritto ed inviato al Sindaco della città la proposta di revoca della licenza, alla luce dei gravi e ripetuti episodi di violenza che mettono a repentaglio la sicurezza pubblica, con particolare danno alla incolumità e quiete pubblica dei cittadini del quartiere di Borgo Roma i quali, loro malgrado, sono costretti a subire le conseguenze degli schiamazzi notturni, delle liti e delle risse, come pure a vivere la paura di imbattersi in persone pericolose e/o ubriache e magari anche armate di coltelli.Timori tutti fondati e accertati dai vari equipaggi di Volante che presso il Don Maya hanno effettuato numerosi interventi, tra questi si segnalano quelli più gravi, ai quali hanno fatto seguito l’emissione da parte del Questore di altrettanti provvedimenti di sospensione della licenza; essi risalgono al 3 ottobre 2013, al 16 dicembre 2013 e da ultimo quelli verificati il 30 marzo u.s..Con riferimento a tali ultimi avvenimenti, sono sei le chiamate pervenute sul 113 dai residenti, in prima battuta verso le 3,50, allorquando veniva segnalata una rissa in atto presso il bar Don Maya e poi verso le 04,10, ovvero oltre l’orario di chiusura dell’attività del medesimo locale.Nel primo caso gli agenti al loro arrivo hanno sedato l’animata discussione tra i presenti, una dozzina di nigeriani, invitando il titolare ad apprestarsi alla chiusura prevista per le 4,00; nella seconda circostanza delle 4,10, invece, anche questa per effetto di segnalazione al 113, i quattro equipaggi di Volante intervenuti si sono trovati a fronteggiare la furia violenta di due nigeriani, dal fisico corpulento, in preda ai fumi dell’alcool.A farne le spese proprio i poliziotti che, fatti bersaglio di calci pugni e morsi, hanno riportato lesioni personali dai sette ai venti giorni di prognosi, mentre i due nigeriani, una volta bloccati, sono stati arrestati con l’accusa di “lesioni personali finalizzate a commettere resistenza a PP.UU. violenza, oltraggio a PP.UU. e danneggiamento aggravato”, reati per i quali dovranno rispondere dinanzi all’A.G., con rito abbreviato, il prossimo 14 aprile. In attesa di tale data i due nigeriani si trovano in carcere in applicazione della custodia cautelare disposta nei loro confronti.Alla luce dei fatti verificatisi, è di tutta evidenza come nel vuoto sia caduto l’invito dei poliziotti rivolto al titolare del bar, durante il primo intervento, nell’apprestarsi a chiudere l’attività; quest’ultimo, invero, ha inteso protrarla oltre l’orario consentito delle 04,00, in difetto della prescrizione indicata nella licenza, agevolando in tal modo la permanenza in loco degli avventori - sia all’interno del bar dove, poi, nel successivo intervento delle ore 4,10, gli agenti hanno registrato la presenza di un cittadino nigeriano intento a bere, - sia sulla porta d’ingresso del locale e dinanzi ad essa dove stazionavano altri sei clienti, anch’essi nigeriani, in stato di alterazione alcolica.La Polizia continuerà anche nei giorni successivi al periodo di sospensione della licenza a sorvegliare l’area in questione sia per i cittadini residenti che legittimamente rivendicano il loro diritto a vivere in sicurezza il quartiere ove abitano; sia a tutela delle altre attività commerciali che insistono nella zona e relativa clientela.
PROGETTO SCUOLA
Cappelluzzo e Boni: "Il  <br/>calcio è nostro sogno"

Cappelluzzo e Boni: "Il
calcio è nostro sogno"

"Il calcio è il nostro sogno. La famiglia il nostro riferimento". Così si sono presentati Filippo Boni e Pierluigi Cappelluzzo, rispettivamente difensore centrale e attaccante della Primavera di Massimo Pavanel. Mercoledì 1 aprile, nel Palazzetto dello Sport di Cerro Veronese, i due giovani calciatori hanno tenuto una simpatica lezione per gli alunni della scuola primaria “Eugenio Prati”. L’incontro rientra nell'ambito del Progetto Scuola 2014-15, promosso dal Settore Giovanile e dalla Scuola Calcio dell'Hellas Verona FC con la collaborazione della Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Verona.Boni e Cappelluzzo hanno risposto alle domande degli studenti, lasciando trasparire la loro passione per i colori gialloblù. “Nel Verona ci troviamo bene, vogliamo dare tutto per questa maglia. Al futuro non ci pensiamo, viviamo il presente”. Capitan Boni ha illustrato gli importanti traguardi raggiunti insieme ai compagni di squadra: la vittoria conseguita lo scorso anno al Torneo Giglio, il secondo posto al Viareggio ottenuto lo scorso febbraio, fino ad arrivare alla lotta ai playoff del campionato: “Siamo al settimo posto, ma i nostri diretti avversari hanno due punti soltanto più di noi. Mancano 5 partite e ce la metteremo tutta per centrare il nostro obiettivo”.Una vita dedicata al calcio, inevitabilmente lontani dagli affetti più cari. “I nostri genitori ci seguono sempre, soprattutto nelle partite in cui giochiamo in casa sono molto presenti”, ha detto Cappelluzzo. Boni non ha dubbi: “Il calcio è il nostro sogno, mentre la famiglia è il punto di riferimento più importante. Quando possiamo, soprattutto alla domenica, torniamo a casa da amici e parenti”.Gli studenti hanno voluto sapere come si accetta una sconfitta. Boni, forse ricordando ancora la finale del Viareggio, non ha nascosto le emozioni: “Per me è difficile accettare quando si perde, lo ammetto, devo ancora crescere sotto quell’aspetto. Le sconfitte sono sempre dure da digerire”. “Perdere non è mai bello”, ha aggiunto Cappelluzzo, “ma ci riuniamo spesso tra di noi per parlare e discutere, così ne usciamo sempre insieme”. Come si gestisce invece qualche momento di nervosismo? “Qualche volta capita di litigare con gli avversari, ma mai con violenza”, ha spiegato Boni. “L’importante è chiuderla lì e salutarsi in amicizia”, ha chiosato Cappelluzzo.
CONTROLLI
La Polizia stradale    <br/>a bordo dei bus

La Polizia stradale
a bordo dei bus

Sono in corso controlli e verifiche sugli autobus dell'Azienda Trasporti Verona da parte della dalla Polizia Stradale, nell’ambito di un programma di accertamenti disposti a livello regionale.Atv si scusa con l’utenza se queste operazioni dovessero comportare disagio e ritardi sulle varie linee, pur comprendendo la necessità da parte delle forze dell’ordine di vigilare sulla corretta applicazione delle normative da parte degli operatori del settore.“In Azienda – commenta il presidente di Atv, Massimo Bettarello - sono giunti alcuni verbali di contestazione, ma che nulla hanno a che vedere con problemi strutturali dei veicoli o stati di inidoneità dei conducenti. Si tratta infatti di alcune mancanze gestionali, dato che su qualche veicolo non è stata trovata la cassetta del pronto soccorso ed un estintore non era stato correttamente visionato. Mancanze che, senza volerle giustificare, possono verificarsi su un parco autobus di oltre 600 mezzi”.“Quello che sconcerta – aggiunge però il presidente Bettarello – è che siano state applicate norme riguardanti il noleggio o il trasporto privato, comminando sanzioni motivate con l’impossibilità di accertare il rapporto di lavoro tra l’autista e l’Azienda, pur essendo di fronte a personale in divisa e dotato di badge aziendale. In ogni caso, ben vengano questi controlli che danno un’ulteriore rassicurazione all’utenza sulla qualità del servizio di trasporto pubblico.”“Vorrei comunque sottolineare – aggiunge il direttore generale dell’Azienda, Stefano Zaninelli – che la grandissima parte dei mezzi controllati è risultato in piena regola e soprattutto che nessuna contravvenzione riguarda problemi di sicurezza degli autobus. Anche i più datati infatti vengono sottoposti costantemente a regolare revisione e severe verifiche tecniche. Nessun problema anche per il personale di guida, che viene periodicamente sottoposto a controlli, visite mediche e psico-attitudinali.”
HELLAS AL BENTEGODI
SPETTATORI IN CALO: <br/>COLPA DEI PREZZI?

SPETTATORI IN CALO:
COLPA DEI PREZZI?

L’Hellas Verona è la decima piazza italiana per spettatori con una media di 19.301. Un buon risultato senza ombra di dubbio. Però c’è da segnalare un netto calo rispetto all’anno scorso. C’è una flessione al ribasso quantificabile con un 8.8%. L’anno scorso è stato vissuto con euforia, visto il ritorno in Serie A dopo 11 anni di assenza, condito dalla cavalcata di Iturbe, Toni and company che ha sfiorato l’Europa. Già all’inizio dell’anno c’era stata anche una flessione a livello di abbonati: molto probabilmente giustificata dall’aumento dei prezzi. Se aggiungiamo anche il momento generale di crisi economica, è sempre più probabile una diminuzione della sottoscrizione dell’abbonamento se ci sarà un ulteriore aumento. In sintesi: la passione per il Verona c’è sempre, ma è in leggero calo, o meglio si vive più da lontano e fuori dal Bentegodi.
TASSE
Imu e Tasi 2015   <br/>Aliquote invariate

Imu e Tasi 2015
Aliquote invariate

Su proposta dell’assessore al Bilancio, la Giunta comunale ha approvato oggi le aliquote Tasi e Imu 2015, che rimangono invariate al 2014, così come invariate rimangono le agevolazioni già previste. L’unica integrazione al provvedimento riguarda l’Imu per i terreni agricoli: da quest’anno, infatti, come prevede una recente legge dello Stato, dev’essere pagata anche per i terreni agricoli compresi in fascia montana. Per i terreni agricoli di Moruri, Trezzolano e Cancello l’aliquota è stata fissata al 7,6 per mille, agevolata quindi rispetto a quella ordinaria per i terreni agricoli, che va calcolata al 10,6 per mille. La Giunta ha introdotto anche due modifiche al Regolamento Iuc (Imposta unica comunale, composta da Tari, Imu e Tasi): la prima riguarda le unità immobiliari di proprietari residenti all’estero, che verranno assimilate alla prima abitazione; la seconda riguarda la riduzione della Tasi del 50 per cento per i fabbricati inagibili o in corso di ristrutturazione (lo scorso anno pagavano l’aliquota intera). Infine, per quel che riguarda la prima rata della Tari, la Giunta ha deciso di posticipare dal 16 aprile al 16 maggio il termine per il pagamento. Resteranno invariate le scadenze delle tre rate successive al 16 giugno, 16 settembre, 16 novembre.
GRANATA
Rigoni e Pellizzer ko:  <br/>i convocati per Latina

Rigoni e Pellizzer ko:
i convocati per Latina

Dopo la rifinitura di questa mattina Claudio Foscarini ha diramato le convocazioni per la gara di domani sera allo Stadio Francioni di Latina.Restano ai box capitan Pellizzer e Nicola Rigoni. Rientra a centrocampo dalla squalifica di un turno Benedetti.Questi i 20 convocati:PORTIERI: Pierobon (1), Valentini (22).DIFENSORI: Pecorini (2), Barreca (3), De Leidi (4), Signorini (6), Scaglia (13), Donazzan (18), Cappelletti (25), Camigliano (32).CENTROCAMPISTI: Minesso (11), Benedetti (16), Busellato (17), Bazzoffia (20), Paolucci (23), Kupisz (30).ATTACCANTI: Coralli (7), Gerardi (9), Sgrigna (10), Stanco (31).
VINITALY
Concorso per l'Expo    <br/>Tremila campioni in gara

Concorso per l'Expo
Tremila campioni in gara

Attesi tremila vini provenienti da più di trenta paesi. Da dividere in sedici categorie e far valutare con estremo rigore da 21 commissioni da esperti, per un totale di 105 giudici. Sono in numeri del 22° concorso enologico internazionale speciale Expo 2015, quest'anno in programma dal 12 al 16 aprile eccezionalmente dopo il Vinitaly. Solo il 3% dei vini in concorso ricevera? una medaglia.I Paesi di provenienza delle domande di iscrizione sono: Australia, Austria, Brasile, Bulgaria, Canada, Cile, Croazia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Israele, Italia, Malta, Macedonia, Messico, Moldavia, Nuova Zelanda, Repubblica Ceca, Repubblica di San Marino, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Turchia, Ucraina, Ungheria, Usa e Venezuela.I vini italiani vincitori di Gran Medaglia d'oro e Medaglia d'oro saranno protagonisti di una serie di iniziative per la loro promozione in occasione della Mostra Universale di Milano nel padiglione Vino – A taste of Italy realizzato da Veronafiere/Vinitaly su incarico del Ministero delle politiche agricole; a questi vini il compito di rappresentare l'eccellenza enologica italiana in uno spazio dedicato e con degustazioni guidate.Le iscrizioni al 22° Concorso Enologico Internazionale sono state prorogate fino al 3 aprile 2015, per permettere il completamento dell'iter delle numerose richieste di partecipazione. Durante l'edizione 2014 sono stati utilizzati complessivamente 20.000 bicchieri e sono state compilate 17.095 schede di valutazione pari a 244.000 giudizi parziali. Per la compilazione delle schede, il Concorso Enologico Internazionale e? l'unico tra le competizioni di pari livello ad utilizzare i supporti informatici. Organizzato da Veronafiere, il Concorso Enologico Internazionale si fregia del patrocinio della Commissione dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, dell’Organisation Internationale de la Vigne et du Vin (OIV), dell’Union Internationale des Oenologues (UIOe) e dei Ministeri delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dello Sviluppo Economico italiani.
DECENTRAMENTO
A Montorio il 10  <br/>Dighe de yes

A Montorio il 10
Dighe de yes

Si terrà venerdì 10 aprile, alle ore 21 al Circolo I maggio di Montorio, la commedia brillante “Dighe de Yes – Tutto per coronare un sogno d’amore” portata in scena dalla compagnia La Nogara. Lo spettacolo è promosso dall’assessorato al Decentramento del Comune di Verona in collaborazione con l’Accademia Kairòs, nell’ambito della rassegna “Un posto a teatro”, che porta nelle otto Circoscrizioni cittadine spettacoli teatrali che spaziano dalla prosa all’operetta, dai concerti al varietà, dalla poesia alle commedie divertenti. La manifestazione ha anche uno scopo benefico: durante la serata sarà presente Abeo -Associazione Bambino Emopatico Oncologico, per la raccolta fondi destinati ad un importante progetto che verrà illustrato prima dello spettacolo. L’ingresso è libero, senza bisogno di prenotazione, fino all’esaurimento dei posti disponibili.
ECONOMIA
Veneto, oltre 23% export   <br/>va in Germania e Francia

Veneto, oltre 23% export
va in Germania e Francia

Oltre il 23% delle merci prodotte nel Veneto prende la strada del mercato franco-tedesco e un altro 7,3%, quella per gli Usa. Anche nel 2014, ricorda l’Ufficio studi della CGIA, la Germania è stata la nostra principale partner commerciale: fatto 100 l’export totale, il 13,5 per cento è stato venduto ai tedeschi e un altro 9,8 per cento ai francesi. Nel 2014 il Veneto ha incassato dalle vendite all’estero 54,1 miliardi di euro (+ 2,7 per cento rispetto 2013).I macchinari sono la tipologia produttiva che sappiamo vendere meglio: ad eccezione di Belluno (che esporta soprattutto occhiali), nelle altre 6 province del Veneto sono il prodotto più richiesto all’estero. Sempre a livello regionale, il secondo prodotto esportato sono le calzature e gli articoli in pelle (per un valore di 5 miliardi di euro) e il terzo è costituito dalle apparecchiature elettriche (4,3 miliardi di euro).Rispetto al 2013, le esportazioni dei macchinari sono aumentate del 4,6 per cento. In termini assoluti, l’anno scorso abbiamo “piazzato” nel mondo un volume di vendite di macchinari pari a 10,7 miliardi di euro (il 19,8 per cento dell’export totale): di questi, poco più di 3 miliardi sono “ascrivibili” alla provincia di Vicenza, altri 2,75 a quella di Padova e circa 1,88 miliardi di euro sia per Treviso che per Verona.Se nella provincia scaligera e in quella bellunese si esportano soprattutto bruciatori, forni, macchine per la refrigerazione/ventilazione e apparecchi per la movimentazione e il sollevamento, nelle altre principali realtà territoriali della nostra regione (Vicenza, Padova, Treviso, Venezia e Rovigo) la parte del leone la fanno le macchine per gli impieghi speciali per la lavorazione metallurgica, per l’industria alimentare, per la carta, per il tessile/abbigliamento, per le materie plastiche e per la gomma.
VERONA
SFIDE SALVEZZA: IL     <br/>VERONA NON SBAGLIA MAI

SFIDE SALVEZZA: IL
VERONA NON SBAGLIA MAI

La stagione che si appresta a finire è stata molto altalenante. Il Verona di Mandorlini ha alternato momenti altamente negativi: sconfitte consecutive e prestazioni insoddisfacenti. Variando con prestazioni superlative (su tutte Napoli al Bentegodi). Con l’aggiunta che questa stagione è stata una delle poche che ha visto il Verona incolume a San Siro: grazie a due prodezze in zona Cesarini di Nico Lopez (coadiuvato contro l’Inter dalla magia di tacco di Saviola). Le partite salvezza, quelle da dentro o fuori, non sono state mai sbagliate: al Bentegodi contro l’Atalanta (gol Saviola) e Parma (Sala, Toni e Valoti). Ancor più importante la vittoria di Cagliari (Toni e lampo di Juanito Gomez appena entrato). Con il Cesena un’eventuale vittoria significherebbe salvezza virtuale. Partita decisiva: il Verona non ha mai deluso le aspettative. Sabato ci si augura che la tradizione continui.L.V
DESIGNAZIONI
Pairetto arbitrerà  <br/>Sassuolo-Chievo

Pairetto arbitrerà
Sassuolo-Chievo

Luca Pairetto arbitrerà Sassuolo-Chievo. Il fischietto piemontese avrà come guardalinee i fidati Galloni e Crispo. Il quarto uomo sarà Marzaloni. Mentre a fondo linea ci saranno Calvarese e Gavillucci.
DESIGNAZIONI
Verona-Cesena:    <br/>arbitra Orsato

Verona-Cesena:
arbitra Orsato

Sarà il vicentino Daniele Orsato, originario di Montecchio Maggiore, ad arbitrare il match tra Verona e Cesena. Il fischietto della sezione di Schio sarà coadiuvato dagli assistenti Preti e La Rocca. Il quarto uomo designato è Vivenzi. Gli addizionali di fondo campo saranno Baracani e Ghersini.
HELLAS VERONA
Hallfredsson e Sorensen    <br/>protagonisti nazionali

Hallfredsson e Sorensen
protagonisti nazionali

Ultime partite con le rispettive nazionali per i giocatori scaligeri. Da segnalare le buone prove di Emil Hallfredsson e Sorensen. Ecco il report:EMIL HALLFREDSSON: ha giocato titolare ed è stato sostituito al 14' st della sfida amichevole Estonia-Islanda (1-1). Tra l'altro ha giocato con la fascia di capitano sul braccio.PIERLUIGI GOLLINI: non è sceso in campo nella sfida Svizzera-Italia (0-1), valida per il XIV° torneo "Quattro Nazioni".FREDERIK SORENSEN: ha giocato titolare ed è stato sostituito al 1' st della sfida amichevole, riservata alle nazionali Under 21, Danimarca-USA (1-0).
NAZIONALI CHIEVO
Zukanovic  pareggia  <br/>contro l'Austria

Zukanovic pareggia
contro l'Austria

Con le partite di ieri sera si è concluso il ciclo di amichevoli e gare ufficiali delle Nazionali di calcio. Un solo gialloblù in campo ieri: si tratta del bosniaco Ervin Zukanovic che ha affrontato l’Austria in una gara amichevole terminata con il punteggio di 1-1. Il difensore del Chievo ha disputato tutti i 90 minuti di gioco.
PROGETTO GIOVANI CRONISTI
I giocatori del Chievo  <br/>rispondono agli studenti

I giocatori del Chievo
rispondono agli studenti

Albano Bizzarri e Andrea Seculin protagonisti dell'ennesima tappa del progetto “Giovani Cronisti” promosso dal ChievoVerona. Gli ultimi due incontri hanno visto la partecipazione di cinque classi quinte provenienti dall’Istituto Comprensivo Graziella Murari di Valeggio Sul Mincio. Nel primo incontro hanno partecipato Alberto Paloschi e Alessandro Gamberini. Nel secondo invece, i due portieri, immortalati nella foto di rito.Durante queste giornate i ragazzi hanno potuto percorrere gli stessi corridoi che solitamente i calciatori calcano prima di entrare sul terreno di gioco. Hanno potuto inoltre visitare la Tribuna Autorità e gli spogliatoi ma il piatto forte è stata la conferenza stampa proprio nella Sala Stampa dello stadio Bentegodi con i giocatori.I giovani cronisti si sono dimostrati non solo dei grandi appassionati ma anche potenziali giornalisti competenti rivolgendo domande specifiche ai giocatori in base al loro ruolo in campo. Ad Alberto Paloschi è stato chiesto, oltre al gol più bello che avesse realizzato in carriera, quale difensore lo avesse fatto maggiormente soffrire. Ad Alessandro Gamberini, viceversa, quale fosse stato l’attaccante più difficile da marcare. I due portieri Albano Bizzarri e Andrea Seculin invece hanno risposto con simpatia circa la delicatezza del loro ruolo soprattutto quando capita di commettere un errore.Il progetto “Giovani Cronisti”, organizzato per il nono anno dal ChievoVerona, offre la possibilità ai ragazzi delle scuole secondarie e primarie di vivere il calcio da un punto di vista diverso da quello di semplici tifosi. Il progetto proseguirà sino a fine stagione e coinvolgerà numerose scuole di Verona e provincia.
TRIBUNALE
Caso Roveri, al giudice     <br/>foto di lei in vacanza

Caso Roveri, al giudice
foto di lei in vacanza

Le ferite non sarebbero state potenzialmente mortali. E le foto consegnate al giudice durante l'udienza preliminare che si è tenuta ieri, una trentina, scaricate dai social, con la vittima in vacanza a poche settimane dal tentato omicidio, dimostrerebbero che Laura Roveri non avrebbe subito danni gravi; soprattutto dal punto di vista psicologico. E' quanto sostiente la difesa di Enrico Sganzerla, il professionista di Cerea che il 12 aprile del 2014 fuori da una discoteca del vicentino accoltellò sedici volte l'ex fidanzata, Laura Roveri, sette fendenti alla testa, uno dritto al collo, con la punta dell'arma diretta verso la trachea. Dura la replica della ragazza su facebook: "Sembra quasi una colpa quella di non essere morta e di essermi rifatta una vita, e i giudici ammettono questo materiale insensato? Porto ancora i segni di quella sera, ho danni fisici permanenti, è un mancato assassino e deve avere una pena adeguata". Archiviata nella prima fase processuale l'accusa di stalking, l'uomo andrà a processo a maggio (il processo è fissato per il giorno 20) per tentato omicidio aggravato dalla premeditazione. Nell'udienza preliminare gli avvocati dell'uomo hanno chiesto per il loro assistito il rito abbreviato che consente uno sconto di pena.
ANTIMAFIA
Bindi: Commissione  <br/>accesso c'è pure a Roma

Bindi: Commissione
accesso c'è pure a Roma

"Le Commissioni di accesso valutano i fatti, acquisiscono elementi. Questo non presuppone l'ulteriore atto che è quello dello scioglimento, perché lo possono escludere". Lo ha detto la presidente della Commissione parlamentare bicamerale antimafia, Rosy Bindi, al termine dell'audizione alla Prefettura di Verona sul rischio di infiltrazioni nel territorio scaligero. Facendo riferimento all'ipotesi di nominare una Commissione d'accesso al Comune di Verona, Rosy Bindi ha ricordato che "è stata nominata anche al Comune di Roma dopo i noti fatti". "Certamente - ha aggiunto - non è un bella cosa che la capitale abbia una Commissione d'accesso, ma si tratta di operare per raccogliere elementi ulteriori di conoscenza che sarebbero utili per prevenire fenomeni che potrebbero degenerare". I membri della Commissione presenti a Verona hanno ricordato che "è nei fatti che Verona è la provincia più fragile. In particolare perché è zona di confine con la Lombardia, che è la quarta regione 'ndranghetista. Abbiamo apprezzato che questa prefettura abbia già adottato quattro provvedimenti interdittivi, e poi c'è anche lo strumento della confisca". "Costa meno ed è più utile prevenire" ha dichiarato Alessandro Naccarato (Pd), unico parlamentare veneto in Commissione. "Le mafie sparano meno e corrompono di più e sanno penetrare nel tessuto dell'economia e ci sono reati spia che richiedono coordinamento per capire il nesso con i metodi mafiosi" ha detto Rosy Bindi. "La Lombardia - ha spiegato - ha pagato caro il negazionismo di alcuni anni fa". Per questo i componenti della Commissione hanno auspicato una maggiore collaborazione tra la Procura territoriale e quella Distrettuale, che ha sede a Venezia, dove ieri si è tenuta la prima giornata di audizioni".
INFILTRAZIONI
Tosi: Mafia a Verona?     <br/>Solito fango di Report

Tosi: Mafia a Verona?
Solito fango di Report

"Quelle fatte in conferenza stampa dalla presidente della Commissione parlamentare antimafia mi sembrano francamente affermazioni strampalate, che ben si inseriscono nel clima di una campagna elettorale, utili solo a trovare spazio e titoli sui mass media". Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, commentando il resoconto delle audizioni tenute oggi alla Prefettura di Verona. "La Commissione presieduta dalla signora Rosy Bindi - ha spiegato Tosi - deve pur simulare una sua qualche utilità che ne giustifichi l'esistenza e la visita in Veneto, ma non pare stia riuscendo nell'impresa". "La richiesta di accesso agli atti del Comune di Verona - ha aggiunto - era già stata avanzata e respinta un anno fa al tempo della macchina del fango partita da Report: il ridicolo della vicenda e' che l'on. Bindi ha convocato la Commissione in Prefettura proprio nell'ultimo giorno di lavoro del Prefetto che da domani sarà in pensione: vale a dire l'ultimo giorno utile per la prossima campagna elettorale prima dell'arrivo del nuovo rappresentante del Governo". "Né il sottoscritto, né alcun amministratore o dirigente comunale - ha continuato il sindaco di Verona - e' indagato per le ipotesi avanzate dalla Binda e nemmeno l'ex vicesindaco è' stato indagato per quel motivo". "Quindi la richiesta della Commissione, oltre più che ridicola, è penosa" ha concluso Tosi.
L'Opinione
ON AIR
01.04.2015
TgVeneto
ON AIR
31.03.2015
Rosso & Nero
ON AIR
31.03.2015
Padova in Diretta
ON AIR
01.04.2015
Verona in Diretta
ON AIR
01.04.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
29.03.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
29.03.2015
Vighini Show
ON AIR
19.03.2015
Alè Verona
ON AIR
23.03.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
30.03.2015
Alé Padova
ON AIR
23.03.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
26.03.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Palinsesto