• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

ULTIMI GIORNI DI MERCATO
Se resta Sala, catena  <br/>di destra strepitosa

Se resta Sala, catena
di destra strepitosa

Ogni minuto che passa verso la chiusura del calciomercato (lunedì 31 agosto alle 23) aumenta la possibilità che Jacopo Sala resti a Verona. Certo, le trattative potrebbero prendere pieghe per ora sconosciute, nell'ultimo giorno di mercato.Ma è dura che una trattativa così difficile da mettere in piedi, possa trovare una soluzione nelle ultime ore. Il Napoli non ha voluto "attaccare" direttamente, offrendo al Verona i sette milioni richiesti. Giuntoli ha preferito aggirare l'ostacolo, parlando direttamente con il procuratore. Un atteggiamento che al Verona non è piaciuto.Inter e Fiorentina concretamente non ci sono mai state. Insomma: Sala, a meno di clamorose svolte, resterà a Verona e questo consegnerà a Mandorlini una catena di destra strepitosa. Bisogna infatti considerare che anche Romulo resterà in gialloblù e che se il brasiliano continuerà a recuperare dal punto di vista fisico, diventerà sicuramente un titolare. Mandorlini si potrà sbizzarire a quel punto. Romulo può essere un esterno basso, può giocare a centrocampo e anche come terzo d'attacco. Idem Sala. In più ci sono Pisano e Ionita. Insomma a destra, se resterà Sala, il Verona avrà una delle migliori catene della serie A.
SERIE A
Chievo-Lazio  <br/>Le probabili formazioni

Chievo-Lazio
Le probabili formazioni

Mpoku o Meggiorini al fianco di Paloschi? E' il dubbio che Maran si tiene fino a stasera. 'Mpoku è stato molto deludente a Empoli. Viceversa Meggiorini ha risolto la partita con un gol ed un assist e appare nettamente favorito.Pioli invece è alle prese con l'emergenza in attacco. Senza Djordievic e Klose, entrambi infortunati giocano Kishna, Keita e Candreva.CHIEVO: (4-4-2) 1 Bizzarri; 21 Frey, 3 Dainelli, 12 Cesar, 18 Gobbi; 23 Birsa, 4 N.Rigoni, 56 Hetamaj, 19 Castro; 43 Paloschi, 69 Meggiorini. A disposizione: 32 Bressan, 90 Seculin, 20 Sardo, 29 Cacciatore, 11 Mattiello, 5 Gamberini, 7 Pepe, 10 Christiansen, 96 Darmian, 40 Mpoku, 31 Pellissier, 45 Inglese. All. MaranLAZIO: (4-3-3) 99 Berisha; 8 Basta, 3 De Vrij, 2 Hoedt, 26 Radu; 16 Parolo, 32 Cataldi, 19 Lulic; 87 Candreva, 14 Keita, 88 Kishna. A disposizione: 55 Guerrieri, 18 Gentiletti, 33 Mauricio, 13 Konko, 5 Braafheid, 4 Patric, 23 Onazi, 21 Milinkovic, 6 Mauri, 7 Morrison, 10 F. Anderson, 70 Oikonomidis. All. Pioli
IN CAMPO ALLE 20.45
Genoa-Verona  <br/>Le probabili formazioni

Genoa-Verona
Le probabili formazioni

Gasperini schiera un 3-4-1-2 con Ntcham dietro alle due punte Pandev e Pavoletti (che rientra dopo la tendinite).Mandorlini invece è pronto a confermare la squadra che ha fermato la Roma con Jankovic-Toni-Gomez.GENOA: (3-4-1-2) 22 Lamanna; 4 De Maio, 8 Burdisso, 5 Izzo; 90 Cissoko, 88 Rincon, 20 T.Costa, 93 Laxalt; 18 Ntcham; 19 Pavoletti, 21 Pandev. A disposizione: 27 Ujkani, 39 Sommariva, 15 Marchese, 77 Tachtsidis, 16 Capel, 22 Lavovic, 13 Gakpè, 11 Diogo Figueiras. Allenatore Gasperini.HELLAS VERONA: (4-3-3) 1 Rafael; 3 Pisano, 4 Marquez, 18 Moras, 69 Souprayen; 26 Sala, 19 Greco, 10 Hallfredsson; 7 Jankovic, 9 Toni, 21 Gomez. A disposizione: 95 Gollini, 32 Vencato, 22 Bianchetti, 41 Winck, 6 Albertazzi, 2 Romulo, 24 Viviani, 20 Zaccagni, 26 Siligardi, 11 Pazzini. All.Mandorlini
PROBABILE FORMAZIONE
A Marassi gli stessi    <br/>undici anti-Roma

A Marassi gli stessi
undici anti-Roma

Prima trasferta della stagione per l'Hellas di Andrea Mandorlini, che affronterà il Genoa a Marassi dopo l'ottimo esordio in campionato contro la Roma. Presumibilmente il mister ravennate schiererà gli stessi undici che hanno bloccato i giallorossi: sarà 4-3-3 anche perchè il Genoa imposta il suo gioco sulle fasce. Rafael tra i pali, difesa con Pisano, Rafa Marquez, Moras e la sorpresa Souprayen a sinistra. A centrocampo Greco davanti alla difesa, Hallfredsson a sinistra e Jacopo Sala, favorito su Romulo, a destra. Viviani ha recuperato e sta bene, potrebbe entrare a partita in corso. Davanti confermato il tridente Gomez-Toni-Jankovic con Pazzini in panchina. Poche chance di vedere l'ex Milan dal primo minuto: se dovesse giocare, Gomez si accomoderebbe in panchina. Probabile Formazione Verona (4-3-3)Rafael; Pisano, R.Marquez, Moras, Souprayen; Greco, Sala, Hallfredsson; Jankovic, Toni, J.Gomez. All: Mandorlini
AD AVIO
Uva e dintorni 2015  <br/>Tradizione e identità

Uva e dintorni 2015
Tradizione e identità

Una crescita costante dal 2001 anno della primissima edizione fortemente voluta dal Comune di Avio alla ricerca di un evento rappresentativo e identitario. Torna così per il quindicesimo anno la festa dell’uva e dintorni che si svolgerà il 4,5,6 Settembre a Sabbionara d’Avio. Tre giornate d’incontro, condivisione, giochi e divertimento, ma soprattutto sviluppo del territorio e scoperta dei prodotti tipici. Tema centrale ovviamente il vino attorno cui ruoteranno varie manifestazioni: i numeri danno ragione al Comune Trentino che negli anni ha saputo coinvolgere non solo produttori autoctoni ma anche ospiti da Torscana, Piemonte, Abruzzo. Ogni città infatti si presenta ad Avio con il proprio simbolo e ha la possibilità di allestire, in una corte destinata agli ospiti bancarelle dove esporre vini tipici e prodotti locali. Uno scambio di prodotti e idee che ha dato eccellenti risultati. Uva e dintorni è diventata a tutti gli effetti la festa della Comunità per la capacità che ha avuto di attirare numerosi cittadini volontari desiderosi di mettersi al servizio del proprio territorio. Un traguardo che ha dato soddisfazione all’amministrazione locale. Ma se come si è detto è il vino a farla da padrone sono anche la storia e la tradizione a trovare spazio nella festa. Infatti, il vino è abbinato al contesto storico, all’amore per la propria terra, alle proprie passioni, fantasie, desideri e alla cultura senza dimenticare i giochi e l’aspetto ludico: palio della botte in primis a cui parteciperà anche una squadra veronese e poi spettacoli con artisti, commedianti e tamburini. L’evento si concluderà con un’emozionante spettacolo pirotecnico. Le premesse per una tre giorni da record ci sono tutte.
SERIE A
Mandorlini: difficile   <br/>cambiare adesso

Mandorlini: difficile
cambiare adesso

Non lo dice espressamente ma si capisce: del resto è dura cambiare adesso, dopo una partita così perfetta. Insomma Pazzini dovrà pazientare ancora un po', perchè Mandorlini schiererà quasi sicuramente anche a Genova il tridente. Indizi, mezze frasi, ma si capisce che il mister ha questa idea. Spiega: "Non decido di cambiare perchè devo far giocare un giocatore. Decido di cambiare per altri motivi. Essenzialmente tattici. Era così l'anno scorso con Saviola, è così quest'anno con Pazzini. Per questo sono molto sereno".Serenità che arriva da una sontuosa prestazione. Il Verona con la Roma ha giocato molto bene, c'è poco da fare. Mandorlini comunque riserva un piccolo zuccherino al suo attaccante. "Avrei voluto metterlo dentro prima. Ma Giampaolo è intelligente e ha capito".Questione tattica a parte, Mandorlini sa che con il Genoa sarà tosta. "Lo è stato anche l'anno scorso. Una sconfitta che brucia. Una gara compromessa da qualche errore, poi rimediata. Ma sappiamo che in casa loro non è mai facile. Le squadre di Gaspe giocano bene, lui è bravo a cambiare anche in corsa".E' ovvio che anche il mister è curioso di vedere che cosa farà il Verona in questa prima trasferta, dopo quello che ha visto alla prima giornata. "Ci sarà da lottare anche contro l'ambiente".Poi una carezza a Greco: "Sapevo che poteva fare molto bene. Ero uno dei pochi che ci credeva. Non è il suo ruolo, ma con il lavoro, l'applicazione e la buona volontà ha fatto un'ottima partita".Su Viviani è chiaro: "E' il nostro gioiellino. In allenamento scalpita. Lo farò giocare al momento opportuno. Magari anche domani per uno scampolo di partita".Sotto sotto è felice quando gli dicono che Iturbe non ci sarà: "E' un ottimo giocatore. Non mi permetto di dare giudizi sulla sua annata no. Ma credo che abbia tutte le doti per fare bene anche a Roma". Un complimento lo riserva anche ad Hallfredsson: "Sta bene qui. E' come me. Sta bene in questa piazza e dà tutto per fare il massimo qui".Infine su Rafael: "La grande parata è stata quella su Pijanic. Ha salvato il risultato. Poi ci sta che possa anche sbagliare. Ma Rafael è una garanzia".
INCIDENTE
Cade sul sentiero   <br/>a Malcesine: ferito

Cade sul sentiero
a Malcesine: ferito

Intervento del 118 poco dopo mezzogiorno per una caduta in bicicletta su un sentiero all'altezza di Malcesine. La persona ferita è stata trasportata all'ospedale di Negrar.
MERCATO
E Garcia convoca Iturbe    <br/>per Roma-Juve

E Garcia convoca Iturbe
per Roma-Juve

Iturbe al Genoa? Per ora no. Nonostante la gran cassa mediatica: Iturbe è stato convocato per Roma-Juve. Così ha spiegato Garcia durante la conferenza stampa di oggi. Iturbe non giocherà quindi contro il Verona, come sperava Gasperini. E il trasferimento al Genoa si contorna sempre più di giallo.
INCIDENTE
Individuato e denunciato      <br/>il pirata della strada

Individuato e denunciato
il pirata della strada

E' stato individuato e denunciato il pirata della strada che ieri sera a Verona a bordo della sua moto è fuggito dopo avere investito un pedone. E' un 29enne albanese, residente a San Giovanni Lupatoto, che si è presentato al Pronto Soccorso dell'ospedale di Isola della Scala, per farsi curare alcune ferite. Il giovane, rintracciato con un'operazione intercomunale delle Polizia locali di Verona, San Giovanni Lupatoto e Isola della Scala, è stato denunciato per omissione di soccorso, fuga dopo il sinistro stradale e lesioni personali colpose; il pedone ha riportato la frattura scomposta della gamba con una prognosi di 60 giorni. Disposto anche il sequestro del motociclo; a carico dell'albanese c'è una segnalazione della Polizia municipale di all'autorità giudiziaria per una precedente guida in stato di ebbrezza.
TERZA MAGLIA
A Genova il Verona con   <br/>la maglia fosforescente

A Genova il Verona con
la maglia fosforescente

In occasione della trasferta in Liguria, l'Hellas Verona scenderà in campo contro il Genoa indossando la maglia giallo fosforescente. Quella di domenica sarà la terza gara in cui Toni e compagni sfoggeranno la nuova casacca.
HELLAS VERONA
21 Convocati per Genova <br/>Helander e Ionita out

21 Convocati per Genova
Helander e Ionita out

Dopo la rifinitura mattutina, mister Mandorlini ha convocato 21 calciatori per la sfida contro il Genoa, in programma domanica 30 agosto alle ore 20.45 allo stadio 'Ferraris'. Non saranno disponibili gli infortunati Fares, Helander e Ionita, oltre allo squalificato Coppola. I CONVOCATIPortieri: Gollini, Rafael,Vencato.Difensori: Albertazzi, Bianchetti, R.Marquez, Moras, Pisano, Winck, Souprayen.Centrocampisti: Greco, Hallfredsson, Romulo, Sala, Viviani, Zaccagni.Attaccanti: Gomez, Jankovic, Pazzini, Siligardi, Toni.
TRAFFICANTE
Ai domiciliari a Verona,   <br/>arrestato corriere droga

Ai domiciliari a Verona,
arrestato corriere droga

Un cittadino tunisino accusato di essere un trafficate internazionale di cocaina, da anni latitante, è stato arrestato dalla squadra mobile di Padova con un blitz in un appartamento a Casalserugo, di proprietà di un albanese. L'uomo, Ben Tiwa Nejme Eddine, 39 anni, dopo la condanna a 15 anni e 8 mesi di carcere, era stato posto agli arresti domiciliari a Verona per scontare i restanti sette anni, ma da qui era fuggito. Lo straniero - secondo gli investigatori - aveva un ruolo di vertice nei rapporti tra la criminalità tunisina e quella albanese, punto di riferimento per le forniture di cocaina dall'Olanda. La mobile euganea lo ha rintracciato a Casalserugo ed ha dovuto chiedere l'intervento dei vigili del fuoco per sfondare la porta blindata, mentre negli stessi momenti il latitante gettava nel water alcuni panetti di cocaina. Per sfuggire all'arresto l'uomo ha tentato prima di calarsi dal terrazzo al secondo piano, poi si è lanciato con un coltellino in pugno contro gli agenti, alcuni dei quali, prima di fermarlo, hanno riportato alcune lievi ferite.
PEDONI
Sabato nero, turisti    <br/>investiti sul Lago

Sabato nero, turisti
investiti sul Lago

Una turista straniera di 68 anni è in gravi condizioni dopo essere stata investita da un'auto a Castelletto di Brenzone. Alla guida dell'auto un italiano che ha investito la donna nelle vicinanze del porto. La turista è stata trasportata con l'elicottero di Verona Emergenza al Polo Confortini dell'ospedale di Borgo Trento.Un altro investimento è avvenuto a Cisano di Bardolino, sulla S.R. 249 Gardesana: un pedcone è stato travolto mentre attraversava la strada ed è stato trasportato alla Casa di Cura Pederzoli a Peschiera.
L'ARGENTINO AL GENOA
Giallo Iturbe: accordo   <br/>ma manca ancora la firma

Giallo Iturbe: accordo
ma manca ancora la firma

Iturbe diventa un giallo: pare che Genoa e Roma abbiano trovato l'accordo e che anche Mascardi sia di questo parere. Il giocatore doveva arrivare stamattina a Genova per fare le visite mediche, ma per ora non ci sono notizie ufficiali. A Genova è arriva l'argentino Ansaldi (via San Pietroburgo), ma di Iturbe non c'è traccia. Come mai? Pare che il giocatore non sia ancora convinto di questo trasferimento, nè è convinto Sabatini che vorrebbe dimostrare a Roma di non essersi sbagliato sulle qualità di Iturbe.A Genova speravano di poter tesserare il giocatore in fretta, tanto da schierarlo proprio contro il Verona. Ma per ora tutto tace e il passaggio di Iturbe in rossoblù è diventato un giallo.
AUTOSTRADA
A4 agli spagnoli, Tosi:   <br/>Intervenga il governo

A4 agli spagnoli, Tosi:
Intervenga il governo

“Prendendo atto con favore della posizione del Governo, espressa dal Ministro Delrio, sulla necessità di mantenere sotto il controllo pubblico la rete ferroviaria (Rfi), rinnovo per l'ennesima volta l'appello al Governo affinché venga difesa, a maggior ragione, l’italianità delle concessioni autostradali". Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, parlando anche come presidente dell'Autostrada Brescia-Padova, per la quale il gruppo spagnolo delle concessionarie Abertis, quotato alla borsa di Madrid, ha firmato nelle scorse settimane l'accordo per l'acquisto del controllo di A4 Holding, a cui fanno capo la Brescia-Padova e la A31 Valdastico, che lunedì inaugurerà il completamento a sud. "Ho chiesto più volte al Governo, in una serie di colloqui - ha spiegato Tosi -, di intervenire rispetto all'ipotesi di cessione del pacchetto di controllo dell'A4. Non tanto per impedire la cessione (che nel settore privatistico è legittima e guai a interferire), quanto piuttosto per ribadire che quando si tratta di asset strategici per il Paese, come l'energia, le reti ferroviarie, le concessioni autostradali, la difesa dell'interesse nazionale deve diventare un fattore assolutamente prioritario". "E' evidente, infatti, - ha aggiunto - che il controllo straniero di asset strategici rischia di danneggiare l'interesse nazionale quando si parla di grandi investimenti e di possibilità di realizzare importanti infrastrutture per il territorio". "Sollecito quindi il Governo ad intervenire affinché chi detiene il controllo dell'A4 consideri di far prevalere l’interesse nazionale rispetto alla scelta di cessione del pacchetto azionario, privilegiando gli investitori del nostro Paese, che di certo non mancano” ha concluso Tosi.

CONTROLLI
Rifiuti abbandonati        <br/>in centro, blitz e multe

Rifiuti abbandonati
in centro, blitz e multe

Sono scattati i controlli della Polizia municipale per individuare i responsabili dell'abbandono di rifiuti fuori dai cassonetti nel centro storico di Verona. L'operazione, compiuta da agenti in borghese, ha permesso di individuare una dozzina di persone che lasciavano cartoni e rifiuti in mezzo alla strada o sui marciapiedi. Tra questi commesse e dipendenti di alcuni negozi del centro, dipendenti di una ditta di traslochi e anche residenti. "E' la prova - ha detto il comandante della Municipale, Luigi Altamura - che chi lavora e abita in centro sono tra coloro che contribuiscono a rendere degradata la città antica. Ma ci sono anche stranieri, e sottolineo che i profughi non c'entrano nulla e si tratta di turisti, a volte famiglie, che sporcano e fanno i loro comodi, compreso pure qualche padrone di cane". Le sanzioni da 450 euro sono state contestate e altre arriveranno nei prossimi giorni, quando i controlli si estenderanno anche nei quartieri, sempre con la collaborazione degli ispettori Amia. "Si tratta - ha aggiunto il presidente di Amia, Andrea Miglioranzi - di comportamenti maleducati, che evidenziano la mancanza di senso civico e di rispetto delle regole. Fortunatamente la maggioranza dei veronesi si comportano bene, ma continueremo con i controlli che si affiancano al lavoro quotidiano del personale Amia per la pulizia della città, in centro storico e nei quartieri".
INCIDENTE
Investe pedone e fugge     <br/>Caccia a pirata albanese

Investe pedone e fugge
Caccia a pirata albanese

La Polizia municipale di Verona è sulle tracce del pirata della strada, a bordo di una motocicletta, che ieri sera poco prima delle 23 ha investito un pedone in via dell'Autiere, poco prima di ponte San Francesco. Dopo lo scontro il motociclista è rovinato al suolo unitamente al suo mezzo e rialzatosi immediatamente è ripartito fuggendo in direzione del ponte San Francesco. A terra è rimasto ferito il pedone, un veronese 30enne, che ha riportato la frattura scomposta della gamba sinistra. Un testimone, nell'immediatezza dell'incidente, ha trovato un portafoglio dove era caduto il motociclista, caduto quasi sicuramente al conducente, un cittadino albanese attualmente ricercato. L'Unità di Contrasto alla Pirateria Stradale e il Nucleo Infortunistica sono al lavoro anche per esaminare i frammenti del veicolo rimasti a terra.
IL MISTER DEL CHIEVO
Maran: Lazio forte    <br/>Voglio coraggio

Maran: Lazio forte
Voglio coraggio

Maran ha parlato del match che attende il Chievo al Bentegodi contro la Lazio. Il tecnico clivense non vuole pensare ad una Lazio in crisi dopo l'eliminazione dalla Champions.Ha spiegato: “Non conosco la loro situazione. Io so solamente che la Lazio è una grande squadra, fino ad oggi ha disputato partite importanti e per questo ha un valore importante. Possono essere anche delusi per l’eliminazione dalla Champions, ma io voglio guardare e pensare alla mia squadra”. Sull’euforia dopo il primo successo stagionale: “Dobbiamo cercare di cavalcare questo momento, questo nostro entusiasmo, partendo proprio da quel secondo tempo di Empoli, ma sempre consci dei nostri pregi e difetti. Per fare questo dobbiamo pensare solamente a migliorarci ancora, e avere la mente sgombra da qualsiasi altro pensiero”. Sulla partita:“Dobbiamo essere compatti, coraggiosi, e solo così potremmo mettere in difficoltà tutte le avversarie che vogliamo. Solo così, con questo spirito, con una certa determinazione, ci giocheremo le partite. Meggiorini? Abbiamo ancora 48 ore, ci penserò solamente quando è ora. I ragazzi devono pensare solamente a lavorare bene”.
DOMENICA SERA DALLE 22.15
A 91' minuto subito   <br/>il processo alla gara

A 91' minuto subito
il processo alla gara

E' già stato un grande successo con una straordinaria audience la prima puntata di 91' minuto, la nuova trasmissione sportiva di Telenuovo, in onda appena finita la partita del Verona.Le interviste in diretta, i commenti a caldo degli opinionisti, i voti e naturalmente il parere dei tifosi che possono interevenire telefonicamente (prenotandosi allo 0458054328) oppure mandando un sms: circa due ore di approfondimento del match.91' Minuto, condotta da Gianluca Vighini, tornerà anche domenica sera, a partire dalle 22.15, non appena sarà terminata la gara del Verona al Ferraris, subito dopo Alè Verona che invece inizierà alle 19.55, con un ricco prepartita.
CON L'ARGENTINA E' FINITA 1-3
Italvolley, polemiche    <br/>e sconfitta al Palasport

Italvolley, polemiche
e sconfitta al Palasport

Delusione per i tremila spettatori che hanno seguito l'Italia al Palasport. La nazionale ha infatti perso per 3-1 contro l'Argentina di Velasco, schierando tanti rincalzi, cosa che ha ha fatto infuriare il presidente veronese della Fipav Bianchini. “Peccato per la sconfitta – ha commentato il presidente – e peccato perché stasera abbiamo sprecato un’occasione. Non l’abbiamo sfruttata e lo spettacolo ne ha risentito. Ringrazio comunque tutti coloro che ci hanno sostenuto: anche stasera la nostra organizzazione si è confermata come sempre impeccabile e questo è il risultato migliore della serata”.Sono serviti quattro set e più di due ore di gioco ai ragazzi di Julio Velasco per espugnare la formazione azzurra che non è riuscita a replicare il 3-0 di Trento. 25-20; 23-25; 27-29; 21- 25 sono i parziali della partita che ha comunque regalato qualche momento di spettacolo ai 3000 spettatori presenti al PalaOlimpia.Ora mister Blengini e i suoi ragazzi partiranno lunedì 31 agosto alla volta del Giappone dove dall'8 al 23 settembre è in programma la World Cup che mette in palio due posti alle Olimpiadi di Rio 2016.ITALIA-ARGENTINA 1-3 (25-20 23-25 27-29 21-25)ITALIA: Giannelli 3, Lanza 11, Piano 10, Vettori 14, Antonov 11, Anzani 6, Colaci (L). Sottile 1, Zaytsev, Massari 4, Rossini (L), Mengozzi. Non entrati: Buti, Juantorena. All. Blengini.ARGENTINA: De Cecco 1, Conte 7, Solè 14, Gonzalez 8, Poglajen 14, Gauna, Closter (L). Ramos 10, Uriarte 1, Crer 7, Zornetta 7, Palacios 3. Non entrati: Garrocq (L), Guzman. All. Velasco.ARBITRI: Puecher di Padova e Piubelli di Verona.Spettatori : 3000. Durata set: 27, 29, 34, 28.Italia: bs 16, a 1, m 8, e 10.Argentina: bs 21, a 4, m 13, e 17.
GENOA-VERONA
Mister, chi metti   <br/>vicino a Toni?

Mister, chi metti
vicino a Toni?

Ci sarà Siligardi? O ancora Jankovic-Gomez? Oppure stavolta vedremo Pazzini? E' un bel puzzle quello che Mandorlini deve mettere assieme a Genova. Sebbene, logica e indizi vadano verso la conferma della squadra che ha imbrigliato la Roma giocando, dal punto di vista tattico, una delle migliori partite in serie A.DURA CAMBIARE. Come si fa a cambiare un assetto che ha funzionato così bene? Il Verona è apparso finalmente equilibrato, con un centrocampo che ha attaccato molto alto, con una difesa che ha saputo reggere all'urto di un tridente come quello della Roma, con le fasce che hanno lavorato perfettamente sia in fase difensiva, sia in quella offensiva. Il mister, che già di suo non tende a cambiare molto, proprio come la gara con la Roma ha dimostrato, rinuncerà a questo?PAZZINI COL TREQUARTISTA. Il precampionato ci ha detto che Pazzini e Toni possono giocare assieme solo con un trequartista. Sarebbe assurdo, del resto, mettere Pazzini largo sulla fascia per fargli fare uno sfiancante lavoro come Gomez o Jankovic. A quel punto meglio mettere il serbo e l'argentino, ovviamente. Per questo Mandorlini ha optato per due soluzioni: partire con Gomez largo a sinistra, ma poi disporre la squadra con un 4-4-2 in fase difensiva, in modo che Pazzini sia molto vicino a Toni. Oppure, come con il Foggia, piazzando dietro alla coppia Siligardi. Una disposizione che garantisce minore copertura e che probabilmente il Verona adotterà quando avrà di fronte squadre al suo livello o a livello inferiore. Ma una soluzione che offre un'ampia gamma di schemi offensivi.IN TRASFERTA SERVE EQUILIBRIO. Se l'equilibrio era fondamentale con la Roma, figurarsi in questa gara di Genova. La squadra di Gasperini è una formazione che fa saltare spesso il banco con rapide verticalizzazioni, e con Iturbe potrebbe essere devastante regalargli il fianco. A maggior ragione, Mandorlini non manderà in campo Pazzini a Genova, se non a gara in corso.
L'Opinione
ON AIR
07.08.2015
TgVeneto
ON AIR
28.08.2015
Rosso & Nero
ON AIR
10.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
Alè Verona
ON AIR
23.07.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Redazionali

LA PEDRERA
26.08.2015

LA PEDRERA

FAST WOODS
26.08.2015

FAST WOODS

BURGERINO
26.08.2015

BURGERINO

PINGU'S ENGLISH
22.08.2015

PINGU'S ENGLISH

i nuovissimi di tgverona.it

Azienda in fiamme
30.08.2015

Azienda in fiamme

Le novità Atv
30.08.2015

Le novità Atv

La Verona scomparsa
30.08.2015

La Verona scomparsa

I vostri sogni
30.08.2015

I vostri sogni

Il piano aeroporti
30.08.2015

Il piano aeroporti

Rifiuti abbandonati
29.08.2015

Rifiuti abbandonati

i nuovissimi di TgBiancoscudato.it

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA