• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TUTTOCALCIO PADOVA

    Segui la serie B

    Segue in diretta le gare elle due formazioni padovane impegnate nel campionato cadetto durante i 90 minuti di gara e nel dopo-partita. Commenti, interviste, sintesi dlele gare

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Il sabato pomeriggio c'è una lungra trasmissione il cui fiore all'occhiello è la partita in diretta della primavera. Ma non solo, anche la conferenza di Mandorlini e le ultime in vista della partita del Verona

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGGIALLOBLU LIVE

    Alle 19.30 LIVE, alle 21 nel TgVerona

    Dal 2001 Vighini, Fioravanti e Betteghella conducono il TgGialloblù. Quest'anno una novità: edizione LIVE in diretta dalle 19.30 e SMART all'interno del TgVerona alle 21:00 e 24:30.

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra

Numero Verde Telenuovo

TGVERONA
16.04.2014
TGGIALLOBLÙ
16.04.2014
TGPADOVA
16.04.2014
TGBIANCOSCUDATO
16.04.2014
25 APRILE
La politica si disarmi,  <br/>10mila per pace in Arena

La politica si disarmi,
10mila per pace in Arena

'Disarmare l'economia, la politica, l'esercito'', ''a vantaggio di investimenti per la pace''. Con questo obiettivo il 25 aprile sarà convocata nell'Arena di Verona ''un'iniziativa non violenta nazionale'' che radunerà persone, associazioni, movimenti di pace, solidarietà e volontariato per chiedere ''un'urgente politica di disarmo'', perché la ''resistenza oggi si chiama nonviolenza, la liberazione disarmo''. Attese 10 mila persone. L'iniziativa ''Arena di pace e disarmo'', promossa da reti, organismi e fondazioni, come Rete italiana disarmo, Libera, Forum del Terzo settore, Cgil, Arci, Acli, e presentata oggi a Roma, ''chiederà, con dibattiti, testimonianze e musica, una presa di posizione del governo'': ''Vogliamo una politica per il disarmo, che riduca le spese militari a vantaggio di investimenti per la pace - hanno spiegato i promotori - ciò che ci minaccia oggi non sono eserciti stranieri, ma povertà, disoccupazione, inquinamento'', per difenderci dai quali servono ''politiche di solidarietà, servizi sociali, risanamento ambientale e non armi''. ''Non è solo un problema legato alle armi - ha detto Alex Zanotelli, missionario comboniano, primo firmatario dell'appello che convoca il raduno - ma al sistema di morte. I dati dei Sipri ci dicono che nel 2013 sono stati spesi 1.747 miliardi di dollari per armi, 3,3 milioni di dollari al minuto. E' follia''. ''La pace - ha aggiunto, in un messaggio, monsignor Giancarlo Bregantini, presidente della Commissione episcopale Pace, Giustizia, Lavoro - resta la grande sfida dell'umanità. Le sfide aperte sono la condivisione e la spartizione del cibo; la scuola; il riapprofondire il senso delle cosiddette missioni di pace dell'esercito italiano nel mondo; la produzione delle armi'', perché ''la costruzione dei famosi F35 resta uno scandalo''. A Verona, hanno affermato gli organizzatori, parteciperanno anche don Luigi Ciotti, Susanna Camusso, Gad Lerner, Lidia Menapace e l'evento si concluderà con un concerto. Sul palco, tra gli altri, Simone Cristicchi ed Eugenio Finardi.''Durante il raduno - ha concluso Mao Valpiana, direttore di Azione nonviolenta - sarà lanciata una campagna per l'istituzione di un Dipartimento per la difesa civile, che riunisca i corpi di nuova difesa, come servizio civile e protezione civile''.
INTESA
A Strasburgo siglata <br/>alleanza Lega-Le Pen

A Strasburgo siglata
alleanza Lega-Le Pen

Un incontro che doveva rimanere segreto, ma che segreto non è stato. E che ha sancito a Strasburgo l’alleanza europea tra la Lega del nuovo corso e Marine Le Pen, la leader del “Front National” francese. Accanto alla Le Pen il segretario federale del carroccio Matteo Salvini e lo stratega politico dell’operazione, il capogruppo europeo del carroccio Lorenzo Fontana. Il gruppo, che nascerà dopo il voto, raccoglierà il crescente sentimento antieuropeista “che si traduce “ ha detto la Le Pen “nella non condivisione della moneta unica e delle politiche europee in fatto di immigrazione”. “La Merkel? Fa gli interessi della Germania” ha detto la leader del Front National “il problema è che Hollande non fa gli interessi dei francesi e Renzi non fa gli interessi degli italiani e che questi interessi non coincidono con quelli della Germania”. “L’alleanza con la Lega? Condividiamo molte battaglie con loro” ha detto ancora la Le Pen. Soddisfatti dell’incontro i vertici del carroccio. Per Salvini “il primo giorno fuori dall’euro sarà il primo giorno di ritorno al lavoro. L’Europa? Ha una paura fottuta di quelli che la pensano come noi” ha detto il segretario leghista. “Oggi è una di quelle giornate che cambieranno la storia europea. Costruiremo la nuova Europa delle identitèà e vicina ai cittadini” ha detto Fontana.
ABUSIVISMO
Cave e rifiuti, blitz  <br/>Forestale a Fumane

Cave e rifiuti, blitz
Forestale a Fumane

Blitz del Corpo Forestale dello stato al Comune di Fumane. Questa mattina è scattata una perquisizione al municipio disposta dalla Procura di Verona che indaga sulle cave di Gorgusello. Nel mirino dell'inchiesta ci sarebbero capannoni abusivi e rifiuti che sarebbero stati interrati nelle cave. Gli uomini della Forestale, su mandato del pubblico ministero Beatrice Zanotti, hanno acquisito documenti riguardanti in particolare le concessioni alle cave, in alcune delle quali in precedenza sono stati compiuti sopralluoghi, in particolare per verificare se sono stati interrati bidoni contenenti scarti di fonderia, ritenuti rifiuti speciali.
DIRETTORE DI GARA
Brescia - Padova:   <br/>arbitra Ostinelli

Brescia - Padova:
arbitra Ostinelli

Per Brescia-Padova, in programma domani, giovedì 17 aprile 2014 alle ore 20.30 allo stadio "Mario Rigamonti" di Brescia, è stato designato l'arbitro sig. Emilio OSTINELLI della Sezione A.I.A. di Como.Assistenti Sig. Alessandro RAPARELLI di Albano Laziale e Sig. Stefano LIBERTI di Pisa.IV Ufficiale Sig. Marco SERRA di Torino.
BIANCOSCUDATI
Brescia: Ceccarelli ko <br/>ma torna Vinicius

Brescia: Ceccarelli ko
ma torna Vinicius

Questi i 20 convocati per la gara di domani allo Stadio Rigamonti ore 20.30Portieri: Luca Mazzoni, Timothy NocchiDifensori: Alberto Almici, Simone Benedetti, Filippo Carini, Renato Kelic, Vinicius De Freitas RibeiroCentrocampisti: Matias Cuffa, Manuel Iori, Enej Jelenic, Giovanni La Camera, Federico Moretti, Wilfred Osuji, Simone PasaAttaccanti: Cristian Buonaiuto, Riccardo Improta, Federico Melchiorri, Cristian Pasquato, Tommaso Rocchi, Daniele Vantaggiato
UCRAINA
Presto in Veneto   <br/>i feriti di Kiev

Presto in Veneto
i feriti di Kiev

Tredici giovani rimasti feriti negli scontri in Ucraina della "primavera di Kiev" saranno curati da ospedali veneti e arriveranno a giorni in Italia. Lo ha annunciato il governatore Luca Zaia. L'iniziativa, nata da un accordo fra Veneto e autorità diplomatiche dell'Ucraina, porrà a carico del sistema sanitario regionale solo i costi di assistenza sanitaria e non quelli di trasporto.
PRECEDENTI
Padova, Brescia amara:   <br/>solo 4 vinte in 28 gare

Padova, Brescia amara:
solo 4 vinte in 28 gare

L'ultima vittoria fu il 10 marzo del 2012. 3 anni fa. Il Padova di Dal Canto passò 2-1 al Rigamonti grazie ai gol di Cuffa e Trevisan: bravi a ribaltare il risultato dopo il momentaneo vantaggio di El Kaddouri. Ma quello di Brescia è un campo difficilissimo per i biancoscudati. In 28 incontri, dalla stagione 1929-30 in poi, il Padova è riuscito a conquistare l'intera posta in palio solamente 4 volte. 17 le vittorie per le Rondinelle, 7 i pareggi. Le due squadre si sono affrontate solamente 3 volte in serie A, 2 in C1, 2 in Coppa Italia, mentre la maggior parte degli incontri è stata disputata in serie B. Serena, quindi, dovrà lottare anche contro le statistiche dei precedenti, per nulla favorevoli al Padova.
ARGOMENTO
Citta - Cesena:   <br/>arbitra Abbattista

Citta - Cesena:
arbitra Abbattista

L’associazione Italiana Arbitri ha comunicato le designazioni per la 35a giornata del Campionato Serie B Eurobet 2013/2014.A dirigere Cittadella – Cesena di giovedì 17 aprile 2014 (ore 20.30), allo Stadio “Tombolato” di Cittadella è stato chiamato il Sig. Abbattista della sezione di Molfetta, 1° ass. Sig. Fiorito di Salerno, 2° ass. Sig. Del Giovane di Albano Laziale; IV° uff. Sig. Borriello di Mantova.
PADOVA CALCIO
Mazzoni: 'A Brescia  <br/>vietato fare errori'

Mazzoni: 'A Brescia
vietato fare errori'

Mazzoni non le manda a dire a nessuno. E forse è per questo che è uno dei giocatori più amati dai tifosi. 'Errori arbitrali? Finora ci sono costati 4-5 punti. Saremmo a parimerito col Novara'. Luca, portiere biancoscudato, non è nemmeno uno che si nasconde dietro un dito, consapevole che 'se il Padova si trova in condizioni difficilissime, è anche colpa della squadra'. Di fronte c'è un obiettivo importante: 'trovare il successo a Brescia'. Non ci sono scuse per l'estremo difensore: 'Abbiamo imboccato la strada giusta. Ma ora non dobbiamo più commettere errori'.
TRASPORTI
Al via le vacanze: varia  <br/>l'orario dei bus

Al via le vacanze: varia
l'orario dei bus

In occasione delle festività di Pasqua, gli orari del servizio di trasporto pubblico veronese, subiranno alcune variazioni.Dal 17 al 19 aprile per gli autobus urbani adotteranno gli orari del sabato, domenica il servizio sarà sospeso mentre a Pasquetta, lunedì 21 aprile, varranno gli orari festiviPer il servizio extraurbano nel giorno di Pasqua e lunedì 21 aprile saranno in vigore gli orari festivi. Le corse regolari riprenderanno da martedi' 22 aprile, compresi tutti i servizi scolastici e i servizi di rinforzoGli orari del bus navetta per l'aeroporto Catullo di Villafranca non subiranno modifiche
SANTANTONIO
Alla maratona ci sarà    <br/>anche una nuvola fucsia

Alla maratona ci sarà
anche una nuvola fucsia

Una nuvola fuxia avvolgerà le Donne Agenti di “Run Together”, associazione spin off di USARCI, nuovamente insieme alla Maratona di Sant’Antonio, per partecipare a questa importante iniziativa cittadina e dare voce all'omonimo progetto di crescita lavorativo e sociale, lanciato lo scorso febbraio in Camera di Commercio a Padova (http://www.esserciconta.it/presentazione-gruppo-donne-agenti )Dal 25 al 27 Aprile 2014, in occasione della Maratona di San Antonio, le Donne Agenti Run Toghether saranno presenti in Prato della Valle con una casetta avvolta in una “nuvola” fuxia, per continuare il lavoro di sviluppo di una rete tra le Donne e la Città di Padova.
SERIE A
TONI DELUSIONE MONDIALE    <br/>ORA GLI RESTA IL VERONA

TONI DELUSIONE MONDIALE
ORA GLI RESTA IL VERONA

Non sono serviti 17 gol e otto assist vincenti. Non è servita una stagione da record. Non è servito essere un leader dentro e fuori. Non è servito neanche non fare polemiche, avere sempre il sorriso sulle labbra. Toni non andrà al mondiale. Si è capito perfettamente ieri, quando Prandelli ha spiegato che la lista dei 23 sarà composta attraverso una scelta dei 40 che hanno fatto lo stage. Dunque, Luca Toni non ci sarà. E' un peccato, per tutta una serie di motivazioni, anche tecniche. Ma Prandelli ha preferito guardare alla "gallina domani", piuttosto che all'"uovo oggi".Ora Luca Toni lotterà ancora per il Verona. Forse più di prima, visto il suo carattere e la sua determinazione. E' arrivato a quota 17, ma, parole sue, vuole "stabilire un record che duri tanti anni". E poi non c'è nulla di meglio del Verona e di questa città per rilanciarsi ancora. La società vorrebbe che Toni restasse qui ancora un'altra stagione. Mettiamola così: senza il Mondiale, che avrebbe coronato la sua fantastica carriera, forse sarà più facile convincerlo. Magari è capace di stupire tutti anche il prossimo anno... Anche Prandelli che lo conosce bene...(g.vig.)
POLIZIA
Faida tra bande rumene      <br/>uomo gettato ai cani

Faida tra bande rumene
uomo gettato ai cani

L'hanno gettato in una porcilaia, costretto, sotto la minaccia di un coltello, a fare il verso degli animali, e infine l'hanno chiuso in un recinto di rottweiler: è riuscito a scappare, ma alla fine i responsabili sono statiarrestati con le accuse di violenza privata, estorsione e sequestro di persona. E' successo nel veronese,dove la squadra Mobile di Verona ha arrestato due persone e indagate altre tre per aver organizzato, in seguito ad uno sgarro, una spedizione punitiva. Tutto è nato da una rissa tra due gruppi di romeni, l'8 marzo scorso. Il giorno dopo alcuni componenti di uno dei due gruppi si sono presentati a casa di due 'rivali' dicendo che volevano appianare la questione, invitandoli a fare un giro in auto. Le due vittime sono state portate in un campo dove è stata tesa la trappola: ad uno di loro, un italiano di origine sinti, ha puntato la pistola alla testa pretendendo di lavare l'onta con il versamento di 500 euro. L'uomo è stato quindi condotto ad un bancomat, senza alcun risultato perché non c'era denaro nel conto. L'altro giovane, invece, è stato prima gettato in una buca, scavata in una porcilaia, tra le ossa di animali, facendo capire che avrebbe fatto la stessa fine. Poi i sequestratori, con la minaccia di un coltello e di un coccio di bottiglia, hanno obbligato il malcapitato a fare il verso del gallo e del cane. Infine è stato gettato dentro un recinto per cani: quando il giovane ha visto che stavano per liberare due rottweiler è salito di scatto sul tetto di una cuccia, ha spiccato un salto oltre il recinto, fuggendo. La vittima ha trovato rifugio dentro un covone di fieno, uscendo solo un'ora più tardi per chiedere aiuto e chiamare il 113. Ad altri due, obiettivi della gang, è andata meglio: uno non è stato trovato, l'altro è stato difeso dal padre che ha chiamato la polizia. Per gli indagati l'accusa è di violenza privata, tentata estorsione e sequestro di persona. Accertamenti sono in corso nei confronti di altri romeni per valutare eventuali loro responsabilità nel raid punitivo.
FURTO
Abbandona la figlia per   <br/>rubare: arrestato dai CC

Abbandona la figlia per
rubare: arrestato dai CC

I carabinieri di Verona hanno arrestato un veronese di 25 anni con l’accusa di abbandono di minori e tentato furto aggravato.L’uomo ha lasciato la figlia di sei anni nei pressi di Parco San Giacomo, in Borgo Roma, e si è allontanato, invitandola a raggiungere un’amichetta perché lui doveva fare un servizio.Una passante, avendo notato la piccola, impaurita e sola, ha allertato i carabinieri che, giunti sul posto, hanno provveduto a tranquillizzare la minore e a ricercare il padre, già noto agli uomini dell’Arma, che lo hanno rintracciato poco dopo, sorprendendolo mentre stava rubando un ciclomotore.In particolare i fatti si sono sviluppati proprio tra il Parco San Giacomo e via Lussino dove il padre ha tentato di asportare lo scooter di un 27enne originario del Ghana ma da anni residente a Verona.Sul posto si sono portate due pattuglie di militari dell’Arma, una della Stazione di Ca’ di David che ha raggiunto la bambina e l’altra dell’Aliquota Radiomobile che ha rintracciato il padre.L’uomo, a seguito della convalida dell’arresto, è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e si dovrà presentare il sabato, la domenica e nei giorni festivi dai Carabinieri di via Salvo d’Acquisto.
SI DOVEVA GIOCARE IL 4 GIUGNO
NAZIONALE A VERONA?    <br/>"IMBARAZZO" IN COMUNE

NAZIONALE A VERONA?
"IMBARAZZO" IN COMUNE

La nazionale a Verona il 4 giugno? A Palazzo Barbieri nessuno sa niente. Quello che doveva essere il fiore all'occhiello dell'ex assessore allo sport Marco Giorlo, si sta tramutando nell'ennesimo imbarazzo per la Giunta Comunale di Flavio Tosi.Nei corridoi del Comune nessuno sa ufficialmente nulla. E di ufficiale a quanto pare c'è poco. Solo una lettera d'intenti spedita ad Abete qualche mese fa.Eppure Giorlo aveva confidato a più persone che la nazionale sarebbe tornata a Verona il 4 giugno per giocare contro il Lussemburgo.Non solo: Vladimiro De Marco, calabrese, amico di Giorlo, aveva addirittura rilasciato un'intervista in cui annunciava che la nazionale sarebbe tornata a Verona, proprio grazie alla sua intercessione.Ma poi aveva svelato che l'accordo era saltato perchè l'ex assessore non aveva mantenuto il patto di dargli centomila euro che gli erano stati promessi.E così, altre candidature adesso sono avanzate. Per la nazionale a Verona bisognerà probabilmente attendere ancora.
TRIBUNALE
Secessionisti, Riesame   <br/>deciderà entro 5 giorni

Secessionisti, Riesame
deciderà entro 5 giorni

I giudici del Tribunale del riesame di Brescia decideranno entro cinque giorni sulla richiesta di libertà presentata da gran parte dei 24 dei presunti secessionisti arrestati nell'ambito dell'inchiesta della Procura bresciana su un'organizzazione che avrebbe preparato l'indipendenza armata del Veneto.Nell'udienza di oggi, durata oltre sei ore, i giudici hanno acquisito una corposa documentazione ed ascoltato le arringhe dei difensori. "Sostanzialmente la discussione è stata incentrata sugli stessi canoni" ha dichiarato l'avvocato Luca Pavanetto, che difende quattro 'serenissimi', tra i quali Lucio Chiavegato, già leader del Coordinamento 9 dicembre al Presidio di Soave, e Corrado Turco, considerato l'ideologo degli indipendentisti. "C'è chi ha eccepito - ha spiegato Pavanetto - sull'incompetenza territoriale, chi sull'incostituzionalità; da parte nostra siamo anche entrati nel merito delle accuse mosse ai nostri assisiti, che non hanno mai fatto del male a nessuno". "I reati contestati - ha aggiunto - non trovano riscontro nel materiale raccolto nell'indagine e soprattutto non si possono processare le idee". "Speriamo - ha concluso il legale - che la decisione del Tribunale del riesame possa arrivare prima di Pasqua".
VINITALY
Expo 2015, dg Fiera  <br/>nel Comitato Vino

Expo 2015, dg Fiera
nel Comitato Vino

Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, è stato nominato con decreto del Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, componente del Comitato scientifico del Padiglione del Vino dell'Expo 2015. Il decreto di costituzione affida al Comitato l'elaborazione delle linee strategiche e il compito di valutare le idee progettuali da promuovere nell'ambito del Padiglione del Vino. Oltre al direttore generale di Veronafiere, fanno parte del comitato Riccardo Cotarella, presidente Assoenologi, presidente, Raffaele Borriello, vice capo di Gabinetto del Ministero delegato all'Expo 2015, con funzioni di coordinatore, Piero Antinori, presidente Istituto Vino Italiano di Qualità - Grandi Marchi, Diana Bracco, commissario generale di sezione per il Padiglione Italia, Carlo Guerrieri Gonzaga, presidente Comitato Grandi Cru, Ruenza Santandrea, presidente Gruppo Cevico, Lamberto Vallarino Gancia, presidente Federvini, Domenico Zonin, presidente Unione Italiana Vini. La nomina di Giovanni Mantovani arriva a pochi giorni dall'annuncio, fatto dal Ministro Maurizio Martina, dell'incarico a Vinitaly di realizzare e gestire il Padiglione del Vino, sulla base della convenzione siglata tra Padiglione Italia e Veronafiere. "La scelta di Vinitaly - aveva sottolineato a Vinitaly Martina - è una scelta di competenza, esperienza e professionalità, fatta nella consapevolezza che possa assicurare al vino Italiano una importante e adeguata rappresentazione nell'ambito di Expo Milano 2015. Vinitaly è la manifestazione che più di ogni altra ha scandito e accompagnato l'evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale e internazionale, contribuendo negli anni a rendere il vino una delle più coinvolgenti e dinamiche realtà del settore primario".
EUROPEE
Fratelli d'Italia, Ciro    <br/>Maschio è candidato

Fratelli d'Italia, Ciro
Maschio è candidato

Tra i candidati veronesi alle elezioni europee ci sarà anche Ciro Maschio, esponente storico di Alleanza Nazionale e fin dalla prima ora fondatore di Fratelli d'Italia nel Veneto, di cui è il Coordinatore regionale. Raggiunto telefonicamente a Roma, dove partecipava alla Direzione nazionale di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, Circo Maschio conferma a tgverona.it che il suo nome è tra i candidati di punta del Nord-est.La lista definitiva sarà ufficializzata domani."Giorgia Meloni - ha dichiarato Maschio - mi ha proposto di candidarmi e, come sempre, nei momenti importanti credo che accetteró questa nuova sfida.Un anno fa abbiamo creato Fratelli d'Italia ed in soli 40 giorni abbiamo raggiunto il 2%, adesso i sondaggi ci danno al 3,9% e abbiamo 40 giorni per superare il 4% e riportare la destra nel Parlamento europeo".
VANDALI
Imbrattano panchine,  <br/>scoperti da un video

Imbrattano panchine,
scoperti da un video

Sono stati individuati grazie al sistema di videosorveglianza i responsabili di alcuni atti vandalici avvenuti nel parco del Campagnol, nel quartiere di Borgo della Vittoria, a san Martino Buon Albergo. Si tratta di alcuni giovani già conosciuti alle forze dell'ordine, tra i 18 e i 20 anni, che nei giorni scorsi hanno imbrattato con disegni e bestemmie delle panchine e delle strutture dell'area giochi.Nel video estrapolato dai vigili urbani si vedono tre giovani, di cui uno impegnato a imbrattare la panchina incurante del passaggio di alcune persone nelle vicinanze. Sono oltre una quarantina le telecamere attive a San Martino Buon Albergo e ottenute grazie a dei finanziamenti regionali reperiti alcuni anni fa dall'Unionvalli, l'alleanza amministrativa dei Comuni di San Martino Buon Albergo e Lavagno.
MALTEMPO
Temporali in provincia,      <br/>grandine e danni

Temporali in provincia,
grandine e danni

Grandine, una serie di temporali ha attraversato la provincia di Verona all’altezza della media pianura da ovest ad est: Condifesa Codive Verona, il consorzio per l’assicurazione agevolata in agricoltura ha ricevuto numerose segnalazione di danni da parte di imprese agricole delle zone.“Ci hanno segnalato per la maggior parte dei casi che si è trattato di grandine piccola dura ed in alcuni casi molto abbondante, in pochi casi si trattato di chicchi morbidi simili a neve oppure radi ma di notevoli dimensioni – spiega il presidente di Condifesa Codive Verona, Luca Faccioni – è presto per la quantificazione dei danni, dovranno uscire i periti. Gli agricoltori stimano che le perdite potrebbero essere ingenti. Del resto in questo momento gli alberi da frutta sono in fiore e le viti stanno germogliando, un momento molto delicato per queste colture”.Sono state colpite le coltivazioni nei comuni di Bussolengo, Sona, Sommacampagna, Pescantina, Villafranca di Verona, Valeggio sul Mincio: colpite quindi le coltivazioni dei peschi, e i germogli di kiwi. In alcuni casi la grandinata è stata molto abbondante. I temporali si sono poi spostati verso est colpendo i frutteti, in particolare i meli che sono già in produzione, nell’area di Buttapietra, Belfiore, Oppeano e Ronco all’Adige.Si segnalano forti grandinate anche a Montecchia di Crosara ed a Roncà. Pare che le celle temporalesche abbiano esaurito la loro potenza nell’area vicentina di Gambellara.Il Codive ricorda che la grandine colpisce a macchia di leopardo e la sua intensità e durata può variare molto anche su una superficie limitata.
GIUDICE SPORTIVO
Mille euro a Rocchi       <br/>Diffidato Mazzoni

Mille euro a Rocchi
Diffidato Mazzoni

Oltre che sul diesse Valentini, i fulmini del giudice sportivo si sono abbattuti su Rocchi che, in quanto capitano, oltre all'ammonizione per proteste, dovrà pagare mille euro di multa. E intanto Mazzoni, ammonito dopo il rigore, è in diffida per aver collezionato il terzo giallo stagionale.Nessuna sanzione come da più parti invece si temeva per i cori del pubblico contro avversari e arbitro. Al danno non si sommano almeno le beffe.Il giudice sportivo ha squalificato (quarta ammonizione) Olivera del Brescia che quindi salterà la gara di giovedì contro i biancoscudati.Nel Cittadella diffidato Scaglia.
L'Opinione
ON AIR
16.04.2014
TgVeneto
ON AIR
16.04.2014
Rosso & Nero
ON AIR
16.04.2014
Prima Serata
ON AIR
11.04.2014
Vighini Show
ON AIR
14.04.2014
Alè Verona
ON AIR
14.04.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
15.04.2014
Tuttocalcio Padova
ON AIR
05.04.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
04.04.2014
Il Sindaco e la Città
ON AIR
09.04.2014

BPV MUTUOYOU

Promo palinsesto



auditeL MARZO 2014 telenuovo



Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di TgVerona.it

i nuovissimi di TgPadova.it

i nuovissimi di TgBiancoscudato.it.it

Palinsesto