• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

DOMENICA SERA DALLE 22.15
A 91' minuto subito  <br/>il processo alla gara

A 91' minuto subito
il processo alla gara

E' già stato un grande successo con una straordinaria audience la prima puntata di 91' minuto, la nuova trasmissione sportiva di Telenuovo, in onda appena finita la partita del Verona.Le interviste in diretta, i commenti a caldo degli opinionisti, i voti e naturalmente il parere dei tifosi che possono interevenire telefonicamente (prenotandosi allo 0458054328) oppure mandando un sms: circa due ore di approfondimento del match.91' Minuto, condotta da Gianluca Vighini, tornerà anche domenica sera, a partire dalle 22.15, non appena sarà terminata la gara del Verona al Ferraris, subito dopo Alè Verona che invece inizierà alle 19.55, con un ricco prepartita.
CON L'ARGENTINA E' FINITA 1-3
Italvolley, polemiche   <br/>e sconfitta al Palasport

Italvolley, polemiche
e sconfitta al Palasport

Delusione per i tremila spettatori che hanno seguito l'Italia al Palasport. La nazionale ha infatti perso per 3-1 contro l'Argentina di Velasco, schierando tanti rincalzi, cosa che ha ha fatto infuriare il presidente veronese della Fipav Bianchini. “Peccato per la sconfitta – ha commentato il presidente – e peccato perché stasera abbiamo sprecato un’occasione. Non l’abbiamo sfruttata e lo spettacolo ne ha risentito. Ringrazio comunque tutti coloro che ci hanno sostenuto: anche stasera la nostra organizzazione si è confermata come sempre impeccabile e questo è il risultato migliore della serata”.Sono serviti quattro set e più di due ore di gioco ai ragazzi di Julio Velasco per espugnare la formazione azzurra che non è riuscita a replicare il 3-0 di Trento. 25-20; 23-25; 27-29; 21- 25 sono i parziali della partita che ha comunque regalato qualche momento di spettacolo ai 3000 spettatori presenti al PalaOlimpia.Ora mister Blengini e i suoi ragazzi partiranno lunedì 31 agosto alla volta del Giappone dove dall'8 al 23 settembre è in programma la World Cup che mette in palio due posti alle Olimpiadi di Rio 2016.ITALIA-ARGENTINA 1-3 (25-20 23-25 27-29 21-25)ITALIA: Giannelli 3, Lanza 11, Piano 10, Vettori 14, Antonov 11, Anzani 6, Colaci (L). Sottile 1, Zaytsev, Massari 4, Rossini (L), Mengozzi. Non entrati: Buti, Juantorena. All. Blengini.ARGENTINA: De Cecco 1, Conte 7, Solè 14, Gonzalez 8, Poglajen 14, Gauna, Closter (L). Ramos 10, Uriarte 1, Crer 7, Zornetta 7, Palacios 3. Non entrati: Garrocq (L), Guzman. All. Velasco.ARBITRI: Puecher di Padova e Piubelli di Verona.Spettatori : 3000. Durata set: 27, 29, 34, 28.Italia: bs 16, a 1, m 8, e 10.Argentina: bs 21, a 4, m 13, e 17.
GENOA-VERONA
Mister, chi metti  <br/>vicino a Toni?

Mister, chi metti
vicino a Toni?

Ci sarà Siligardi? O ancora Jankovic-Gomez? Oppure stavolta vedremo Pazzini? E' un bel puzzle quello che Mandorlini deve mettere assieme a Genova. Sebbene, logica e indizi vadano verso la conferma della squadra che ha imbrigliato la Roma giocando, dal punto di vista tattico, una delle migliori partite in serie A.DURA CAMBIARE. Come si fa a cambiare un assetto che ha funzionato così bene? Il Verona è apparso finalmente equilibrato, con un centrocampo che ha attaccato molto alto, con una difesa che ha saputo reggere all'urto di un tridente come quello della Roma, con le fasce che hanno lavorato perfettamente sia in fase difensiva, sia in quella offensiva. Il mister, che già di suo non tende a cambiare molto, proprio come la gara con la Roma ha dimostrato, rinuncerà a questo?PAZZINI COL TREQUARTISTA. Il precampionato ci ha detto che Pazzini e Toni possono giocare assieme solo con un trequartista. Sarebbe assurdo, del resto, mettere Pazzini largo sulla fascia per fargli fare uno sfiancante lavoro come Gomez o Jankovic. A quel punto meglio mettere il serbo e l'argentino, ovviamente. Per questo Mandorlini ha optato per due soluzioni: partire con Gomez largo a sinistra, ma poi disporre la squadra con un 4-4-2 in fase difensiva, in modo che Pazzini sia molto vicino a Toni. Oppure, come con il Foggia, piazzando dietro alla coppia Siligardi. Una disposizione che garantisce minore copertura e che probabilmente il Verona adotterà quando avrà di fronte squadre al suo livello o a livello inferiore. Ma una soluzione che offre un'ampia gamma di schemi offensivi.IN TRASFERTA SERVE EQUILIBRIO. Se l'equilibrio era fondamentale con la Roma, figurarsi in questa gara di Genova. La squadra di Gasperini è una formazione che fa saltare spesso il banco con rapide verticalizzazioni, e con Iturbe potrebbe essere devastante regalargli il fianco. A maggior ragione, Mandorlini non manderà in campo Pazzini a Genova, se non a gara in corso.
INCIDENTE
Scontro tra due bici,    <br/>ferita una donna

Scontro tra due bici,
ferita una donna

Singolare incidente tra due biciclette oggi in via San Nazaro, all'intersezione con vicolo Porta Vescovo, nei pressi di piazza Santa Toscana.Una bici guidata da una donna marocchina 54enne si è scontrata con un'altra bicicletta, guidata da un uomo che si è allontanato lasciando i propri dati al figlio della donna.La signora è stata trasportata al pronto Soccorso di Borgo Trento con lesioni non gravi al volto.
MERCATO
Josè Mauri  <br/>colpo del Chievo

Josè Mauri
colpo del Chievo

Il Chievo è vicinissimo a un grande colpo: potrebbe infatti arrivare Josè Mauri, l'anno scorso al Parma, svincolato in seguito al fallimento della società emiliana, oggi al Milan.Classe 1996, Mauri è uno dei più talentuosi giovani che giocano in Italia. Nember è piombato sul giocatore che potrebbe diventare del Chievo a breve.
IL DIFENSORE A RADIO BELLLA E MONELLA
Pisano: a Genova   <br/>mesi difficili

Pisano: a Genova
mesi difficili

"La mia esperienza al Genoa è stata particolare. Venivo dal Palermo e ho passato a Genova sei mesi, abbastanza difficili perché servivano punti per arrivare alla salvezza che poi fortunatamente è arrivata. Sei mesi importanti, in un club importante. Ho incontrato tanti giocatori del calibro di Antonelli, Bertolacci, Kucka. La squadra di domenica non la conosco benissimo, e proprio per questo li stiamo studiando: sono cambiati tanto rispetto alla passata stagione, anche se l’allenatore è rimasto lo stesso. Gasperini è preparato, molto bravo, sa dare l’impronta e l'identità giuste alla squadra. Sarà una partita tosta e difficile. C’è tanta voglia di riscattarci dall’anno scorso e andremo in campo per dare il meglio di noi. Loro vorranno riscattarsi dopo la sconfitta contro il Palermo e noi invece vogliamo dare continuità rispetto alla prestazione con la Roma".intervistato dalla radio ufficiale del Verona, Eros Pisano ha commentato così la gara di domenica prossima contro il Genoa.
MERCATO
Bonera, ecco   <br/>perchè non arriverà

Bonera, ecco
perchè non arriverà

Bonera non è un obiettivo di mercato del Verona. La società scaligera intende andare avanti con i quattro difensori dell'attuale rosa: Helander, Bianchetti, Moras e Marquez. E allora come mai il nome di Bonera viene continuamente accostato all'Hellas?Semplice, il giocatore (svincolato) è stato più volte proposto alla società scaligera che però non pare interessata.
ARGOMENTO
Iturbe-Genoa: accordo    <br/>ma manca il suo sì

Iturbe-Genoa: accordo
ma manca il suo sì

Iturbe e il Genoa sono vicinissimi. Anzi: l'accordo tra la Roma, il procuratore del giocatore, la società rossoblu e addirittura con il beneplacito della fidanzata, è stato raggiunto. Manca solo il sì del giocatore. Che è un carattere orgoglioso e vuole pensarci bene prima di lasciare Roma, ammettendo un altro fallimento in una grande squadra.Premono per il sì Gasperini, tecnico del Genoa, Sabatini, e anche il procuratore Triulzi. Iturbe è quasi convinto, ma dirà sì solo sabato.Poi potrebbe anche scendere in campo, ironia della sorte, proprio contro la squadra che maggiormente lo ha valorizzato: il Verona.Se Iturbe facesse domani le visite mediche e il Genoa depositasse il contratto firmato in tempo, Iturbe ci potrebbe essere.
SENTENZA
Parentopoli, Tosi:   <br/>Sciacalli non si scusano

Parentopoli, Tosi:
Sciacalli non si scusano

"Sono gli sciacalli che campano sulle disgrazie altrui e che se le augurano, per poi vivacchiarci sopra. A Verona ne abbiamo diversi esempi, basta rileggere le dichiarazioni rilasciate sul caso Parentopoli da una parte del Pd e da esponenti grillini". Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, commentando le motivazioni della sentenza di assoluzione del processo per la cosiddetta "Parentopoli", depositata ieri dal Tribunale che ha assoluto tutti gli imputati, dieci tra presidenti, dirigenti e consiuglieri degli enti partecipati dal Comune scaligero; sentenza che ha stabilito che "negli enti non ci fu nessun favoritismo". "E' assolutamente legittimo e opportuno - ha spiegato Tosi - che possano essere fatte segnalazioni all’autorità giudiziaria per verificare la correttezza delle procedure messe in atto dalla Pubblica Amministrazione, ma è vergognoso che ci sia chi fa attività politica solo attraverso espedienti miserabili e non sul confronto e sui programmi elettorali."Le affermazioni degli esponenti del Pd, il capogruppo Michele Bertucco e la consigliera Elisa La paglia, e del deputato M5S Mattia Fantinati" - sottolinea Tosi - dimostrano la volontà di fare sciacallaggio politico e una assoluta mancanza di rispetto per le persone coinvolte, non esponenti politici ma pubblici amministratori o dirigenti d’azienda, molti dei quali in ruolo ben prima dell’insediamento di questa Amministrazione; professionisti che meritavano quel rispetto che è dovuto a chiunque, prima che siano verificate le responsabilità personali da parte della magistratura, come giustamente ricorda sempre il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, ma soprattutto come insegnano il nostro ordinamento e la Costituzione italiana, garantendo l’innocenza delle persone fino a condanna definitiva". "Siamo sicuri, senza doverlo chiedere, che gli sciacalli di una parte del Pd e del Movimento 5 Stelle non chiederanno mai scusa a queste persone e non modificheranno di una riga le loro dichiarazioni. Diversamente da loro, noi siamo orgogliosi di fare politica nel rispetto delle persone e della Costituzione: questo è ciò che ci contraddistingue" ha concluso Tosi.
IL CENTRALE BRASILIANO
Diniz: 'Sto bene qui,  <br/>non c'è nessun caso'

Diniz: 'Sto bene qui,
non c'è nessun caso'

Mercoledì sera ad Appiani in festa non si è presentato. “E' temporaneamente indisposto”, è stato detto sul palco nel momento in cui è stato fatto il suo nome e lui non è salito. Fosse successo solo questo, nessuno avrebbe mai parlato di un caso Diniz, pensando addirittura che il difensore brasiliano potesse fare le valigie dopo aver svolto tutto il ritiro con il Padova. Invece è successo dell'altro: il centrale, ieri, si è regolarmente presentato all'allenamento alla Guizza salvo poi salutare tutti, vestito in borghese, prima della seduta per dirigersi in sede, all'Euganeo, e parlare con la società. Il fatto ha destato non pochi sospetti: si è parlato di incomprensioni, di problemi contrattuali, si è appunto detto che Diniz era sul piede di partenza. Niente di tutto questo, per fortuna: oggi Marcus si è allenato, spiegando, anche se non fino in fondo, le sue ragioni. "Ho avuto un problema personale e ho chiesto un giorno di permesso da allenamento ieri - ha raccontato Diniz - Sono mancato anche alla festa perché il problema si è verificato proprio quella sera. Ma sto bene qui, sono contento di questa piazza, se no non sarei mai venuto". Domenica dunque Diniz sarà regolarmente in campo contro il Pordenone, nella seconda sfida di Coppa Italia alle 17.30 all'Euganeo. Per passare il turno i biancoscudati dovranno vincere con due gol di scarto. Ci sarà dunque bisogno anche di Diniz e di una difesa quanto mai rocciosa.
CONFERENZA STAMPA
Gasperini: attenzione     <br/>Hellas cambiato poco

Gasperini: attenzione
Hellas cambiato poco

"Attenzione: il Verona è una squadra insidiosa: ha cambiato poco, solo un nuovo difensore, e ha un allenatore che lavora bene".Così Gian Pietro Gasperini, allenatore del Genoa, ha parlato dell'Hellas durante la conferenza stampa pre-gara."Sono convinto che la società completerà la squadra con giocatori importanti. Sicuramente dopo la sosta avremo un volto diverso, definitivo e potremo lavorare meglio; ora la testa va al Verona, vogliamo i tre punti davanti al nostro pubblico".Sulla cessione di Kucka al Milan, Gasperini ha spiegato: "Per noi era quello che viene definito locomotiva. Sono convinto che al Milan farà molto bene. Le scadenze di contratto fanno male, ma noi siamo abituati a cercare giocatori liberi. Quello che fa più male è il mercato aperto con due giornate di campionato".Poi, invece su Iturbe ha aggiunto: "Si tratta di una priorità, la società lo vuole".
INTERVENTO
103 sanzioni mai pagate   <br/>Fermato veronese

103 sanzioni mai pagate
Fermato veronese

La Polizia municipale ha individuato un automobilista con targa straniera che circolava in città violando numerose regole del codice della strada. Si tratta di un veronese sorpreso alla guida in corso Porta Nuova a cui sono state notificate 103 sanzioni per divieti di sosta senza mai pagare il Verona Park, accessi abusivi alla ZTL e transiti abusivi sulle corsie bus per un totale di 6.500 euro.
PISCINA PER TUTTI
Attrezzature per    <br/>disabili alle Belvedere

Attrezzature per
disabili alle Belvedere

L’associazione “Genitori Tosti in tutti i Posti” ha donato al Comune di Verona un lettino da spogliatoio e una sedia toilette per disabili, da utilizzare all’interno dell’impianto natatorio Belvedere di via Montelungo. La consegna è avvenuta questa mattina alla presenza degli assessori ai Servizi sociali Anna Leso e allo Sport Alberto Bozza. Presenti la presidente dell’associazione “Genitori Tosti in tutti i Posti” Alessandra Corradi, con il figlio Jacopo, e il presidente della sesta Circoscrizione Mauro Spada.“L’Amministrazione comunale – ha detto Leso - ringrazia l’associazione a nome di tutta la città e di tutte le persone con difficoltà motorie. Si tratta di un modo generoso di contribuire ad esigenze concrete, ma anche di dimostrare che le barriere possono essere superate”. “Fare sport è un diritto di tutti – ha aggiunto Bozza – ma non sempre è facile accedere alle strutture. Oggi riceviamo una bella lezione di solidarietà, un esempio a fare sempre meglio, affinchè lo sport possa essere per tutti un modo per divertirsi, ma anche per far star bene corpo e mente”.L’attrezzatura, del valore di 2 mila 683 euro, è già utilizzabile all’interno delle piscine Belvedere, dove si trovano sia il lettino per lo spogliatoio, che consente alle persone non autosufficienti con disabilità motoria di essere cambiate, sia la sedia da toilette per gli spostamenti dei disabili dallo spogliatoio alla doccia, fino al bordo vasca, in sicurezza e nel rispetto delle regole igieniche.
GDF
San Bonifacio, evasione     <br/>per 500mila euro

San Bonifacio, evasione
per 500mila euro

A seguito di una verifica fiscale svolta nei confronti di una società che nel periodo dal 2010 al 2012 ha gestito una nota discoteca di San Bonifacio, è emersa una rilevante evasione dell’IVA e delle Imposte sui Redditi per un importo superiore ai 500 mila euro, con conseguente denuncia all’Autoreità giudiziaria.Al termine delle indagini, il G.I.P. ha emesso un provvedimento di sequestro preventivo dei beni nella disponibilità dell’effettivo gestore ed amministratore della discoteca. L’operazione di servizio svolta dalle Fiamme Gialle di Soave si è conclusa con il sequestro dei beni immobili riconducibili all’indagato, ubicati a Colognola ai Colli, Tregnago e Desenzano del Garda per un controvalore di oltre 500.000 euro.
INCIDENTE
Auto contro moto      <br/>Un ferito non grave

Auto contro moto
Un ferito non grave

Ennesimo incidente tra una moto ed un'auto. E' successo poco fa in via del Pestrino, a Porto San Pancrazio.Sul posto i sanitari del 118 per soccorrere il motociclista, rimasto ferito in modo fortunatamente non grave.
PIANO
Aeroporti, 'Catullo'   <br/>bocciato dal governo

Aeroporti, 'Catullo'
bocciato dal governo

Nuovo clamoroso svarione del governo che varando il piano aeroporti ha "bocciato" il Catullo che non è stato inserito tra i 12 scali di interesse nazionale. Ma non solo, l'aeroporto di Brescia - controllato dal Catullo e inserito nel sistema aeroportuale con il Marco Polo di Venezia, è stato inserito nella rete Nord Ovest, assieme agli scali di Milano e a Torino, Genova e Bergamo).Una scelta discutibile, nonostante gli appelli lanciato all'esecutivo Renzi dai deputati veronesi, in particolare Enzo D'Arienzo, proprio del Pd. Appelli evidentemente caduti nel vuoto.Così il piano aeroporti è sulla rampa di lancio per il decollo. Con il via libera del Consiglio dei ministri, manca solo la firma del Quirinale per il varo del Decreto del presidente della Repubblica che fornirà la cornice per lo sviluppo del sistema aeroportuale: 12 gli scali strategici e tre gli intercontinentali, con Fiumicino che si conferma numero uno. Il piano, che era già sostanzialmente noto dopo il lungo iter che ha coinvolto il Parlamento, ma anche la Conferenza Stato-Regioni, l'Agenzia del Demanio e il Consiglio di Stato, individua gli aeroporti di interesse nazionale, "quali nodi essenziali per l'esercizio delle competenze esclusive dello Stato, tenendo conto delle dimensioni e della tipologia del traffico, dell'ubicazione territoriale e del ruolo strategico dei medesimi, nonché di quanto previsto nei progetti europei". Il provvedimento, ha spiegato Palazzo Chigi, è finalizzato allo sviluppo del settore all'interno di una governance che contemperi le esigenze della domanda di traffico nazionale e internazionale con quelle di sviluppo dei territori, di potenziamento delle infrastrutture necessarie, di utilizzo proficuo delle risorse pubbliche impiegate e di efficientamento dei servizi di navigazione aerea e degli altri servizi resi in ambito aeroportuale. 38 AEROPORTI DI INTERESSE NAZIONALE IN DIECI BACINI - In linea con l'obiettivo di razionalizzazione del settore, il provvedimento individua dieci bacini di traffico omogeneo, secondo criteri di carattere trasportistico e territoriale. All'interno di questi, identifica 38 aeroporti di interesse nazionale, scelti sulla base di criteri riconducibili al ruolo strategico, all'ubicazione territoriale, alle dimensioni e tipologia di traffico e all'inserimento delle previsioni dei progetti europei della rete Treanseuropea dei trasporti. Si tratta di: Nord Ovest (Milano Malpensa, Milano Linate, Torino, Bergamo, Genova, Brescia, Cuneo); Nord Est (Venezia, Verona, Treviso, Trieste); Centro Nord (Bologna, Pisa, Firenze, Rimini, Parma, Ancona); Centro Italia (Roma Fiumicino, Ciampino, Perugia, Pescara); Campania (Napoli, Salerno), Mediterraneo / Adriatico (Bari, Brindisi, Taranto); Calabria (Lamezia Terme, Reggio Calabria, Crotone); Sicilia orientale (Catania, Comiso); Sicilia occidentale (Palermo, Trapani, Pantelleria, Lampedusa); Sardegna (Cagliari, Olbia, Alghero). 12 SCALI DI RILEVANZA STRATEGICA, NON C'E' VERONA - Per ognuno dei dieci bacini, vengono indicati gli aeroporti "che rivestono particolare rilevanza strategica": Milano Malpensa e Torino; Venezia; Bologna, Firenze/Pisa; Roma Fiumicino; Napoli; Bari; Lamezia Terme; Catania; Palermo; Cagliari. Oltre a Verona, tra i 12 non figura nemmeno Genova, il cui inserimento era stato suggerito dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato. VENEZIA INTERCONTINENTALE - Tra questi scali, tre vengono individuati come "aeroporti che rivestono il ruolo di gate intercontinentali": Roma Fiumicino, quale "primario hub internazionale"; Milano Malpensa; Venezia.
CURIOSITA'
Yaya Tourè vota Marquez    <br/>tra i suoi 5 migliori

Yaya Tourè vota Marquez
tra i suoi 5 migliori

Lio Messi, Samuel Eto'o, Carles Puyol, Jean Jacquez Tiziè e Rafa Marquez. Sono i cinque grandi giocatori che hanno segnato la carriera di Yaya Tourè, che ha inserito El Gran Capitan tra i migliori giocatori con cui abbia giocato.Il centrocampista ivoriano del Manchester City, giocò nel Barcellona dal 2007 al 2010.Ha votato per Marquez perchè: "possiede tantissima, qualità e un'incredibile vocazione come centrocampista offensivo".Un commento che può far capire anche perchè Marquez abbia incontrato molte difficoltà l'anno scorso quando, spesso per colpa di un centrocampo che faceva acqua da tutte le parti, si trovava esposto agli uno contro uno, finendo spesso per pagare colpe che non erano tutte sue.
MERCATO
Iturbe-Genoa    <br/>Manca pochissimo

Iturbe-Genoa
Manca pochissimo

Iturbe-Genoa: oggi dovrebbe arrivare il sì del giocatore al trasferimento. E forse Iturbe potrebbe già debuttare domenica sera contro il Verona con la sua nuova maglia rossoblù.La Roma vuole mandare l'argentino da Gasperini, individuando proprio nel bravissimo allenatore genoano l'ideale per rilanciare le quotazioni di Iturbe. Per questo Sabatini, ds della Roma, ha parlato a lungo con l'agente di Iturbe Triulzi, trovando in pratica l'accordo.A frenare è proprio il giocatore. Non convinto di lasciare Roma in corsa e alla vigilia con l'importante sfida contro la Juventus.Abbandonare Roma vorrebbe dire ammettere un mezzo fallimento, cosa che per un carattere orgoglioso come quello di Iturbe fa molto male.Ma l'idea di trovare un gioco fatto di verticalizzazioni e quindi su misura per lui, potrebbe far pendere l'ago della bilancia verso il sì.
FURTI
Derubano turiste,      <br/>arrestate e scarcerate

Derubano turiste,
arrestate e scarcerate

Due cittadine bulgare sono state arrestate dai Carabinieri di Lazise in flagranza di furto aggravato. Le due donne, rispettivamente di 33 e 24 anni, sono state bloccate al mercato settimanale nel paese gardesano, dove avevano derubato turiste straniere.La coppia utilizzava sempre la stessa tecnica: mentre la prima si affiancava, la seconda urtava la turista e contemporaneamente le infilava una mano nella borsa da cui prendeva il portafoglio. Quando sono state bloccate dai militari dell'arma le due donne avevano addosso 2000 euro, provento dei furti, nascoste nelle parti intime.Il giudice ha convalidato l'arresto disponendo la remissione in libertà.
VOLLEY
Anzani alla World Cup   <br/>Domani l'Italia a Verona

Anzani alla World Cup
Domani l'Italia a Verona

Il centrale della Calzedonia Verona, Simone Anzani, è stato inserito dal CT dell'Italia Gianlorenzo Blengini nella lista dei 14 atleti che lunedì prossimo, 31 agosto, partiranno per il Giappone, dove dall'8 settembre saranno impegnati nella World Cup, che assegna alle prime due classificate la qualificazione per il Torneo Olimpico di Rio de Janeiro 2016.Prosegue così l'esperienza azzurra del centrale gialloblù che nella stagione 2015/2016 vestirà per la terza stagione consecutiva la maglia di Verona. Anzani, prima di partire per il Giappone, sarà uno dei protagonisti dell'amichevole in programma al PalaOlimpia tra Italia ed Argentina venerdì con fischio d'inizio alle ore 20.30; nel gruppo anche il veronese Filippo Lanza. Alla World Cup, la squadra italiana sarà composta da: alzatori Giannelli e Sottile; centrali Anzani, Buti, Mengozzi e Piano; attaccanti Antonov, Juantorena, Lanza, Massari, Vettori e Zaytsev; liberi Colaci e Rossini.
SOLIDARIETA'
Provincia premia Moras   <br/>per impegno su leucemia

Provincia premia Moras
per impegno su leucemia

Oggi è stata consegnata La targa “Cangrande” della Provincia al calciatore dell'Hellas Verona, Evangelos Moras, per le grandi qualità umane e per l'esempio positivo di altruismo che offre ai giovani. Moras l'anno scorso è volato in Australia per donare il midollo osseo al fratello Dimitri, ammalato di leucemia, per cercare di salvargli la vita attraverso il trapianto. Purtroppo, le cure tentate a Melbourne in Australia e poi nella loro città natale, a Larissa, non hanno avuto buon esito e il fratello è mancato lo scorso luglio. Così oggi, durante una cerimonia al Palazzo Scaligero, Evangelos Moras ha ricevuto il riconoscimento dal presidente della Provincia di Verona, Antonio Pastorello."Nonostante il doloroso lutto - ha spiegato Pastorello - Moras continua ad essere impegnato nelle campagne di sensibilizzazione per reclutare donatori che si iscrivano nel registro nazionale". "E' un esempio positivo per tanti giovani - ha aggiunto-. Non sempre le persone pubbliche lo sono, in lui invece si sommano le doti dello sportivo con le qualità dell'uomo: altruismo e vicinanza verso chi è meno fortunato. Per noi pubblici amministratori è un obbligo, oltre che un piacere, dare risalto a figure come la sua". "E' un premio importantissimo - ha detto Moras - che dedico a mio fratello Dimitri. Da quando lui non c'è più io non solo più solo, è il mio angelo e mi seguirà sempre da cielo". "Adesso quello che devo fare è diffondere il suo messaggio positivo, la grande forza che ha avuto nell'affrontare la malattia e quella che dimostrano questi malati. Con la donazione del midollo, io gli ho dato un anno di vita in più, eravamo convinti di farcela ma non ci siamo riusciti. Nonostante tutto, lui è stato sempre positivo" ha concluso il giocatore greco dell'Hellas Verona.
L'Opinione
ON AIR
07.08.2015
TgVeneto
ON AIR
28.08.2015
Rosso & Nero
ON AIR
10.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
Alè Verona
ON AIR
23.07.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Redazionali

LA PEDRERA
26.08.2015

LA PEDRERA

FAST WOODS
26.08.2015

FAST WOODS

BURGERINO
26.08.2015

BURGERINO

PINGU'S ENGLISH
22.08.2015

PINGU'S ENGLISH

i nuovissimi di tgverona.it

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA