• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:15

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.45, 19.50 e 20.05 è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

LEGA
Anticipi e posticipi      <br/>Con il Napoli alle 18

Anticipi e posticipi
Con il Napoli alle 18

Novità nel calendario dei gialloblu: la sfida al Napoli del 15 marzo si disputerà alle ore 18, quella alla Lazio del 22 marzo sarà invece il posticipo delle 20.45 all'Olimpico vista la gara del Sei Nazioni di Rugby in programma sempre a Roma
POLITICA
Tosi: Se schema è solo   <br/>destra vince Renzi

Tosi: Se schema è solo
destra vince Renzi

"Se tu pensi di battere Renzi dicendo "il centrosinistra e tutto il centro va con Renzi e noi facciamo la destra", vuol dire farlo vincere. Se invece metti assieme Passera, Alfano, Berlusconi, Fitto, tutta la Lega, tutta l'area popolare e liberale che è ampia e oggi non è rappresentata da nessuno, l'elettorato classico del centrodestra italiano, allora puoi battere Renzi. Se crei uno schema che va dalla destra all'estrema destra regali il Paese a Renzi per 20 anni". Lo ha detto il sindaco di Verona Flavio Tosi sempre oggi a Rainews24.Sul tema delle alleanze, secondo Tosi esistono "due schemi, uno nazionale e uno regionale". A livello regionale, aggiunge, "dire sì a FI e no a Ncd è abbastanza strumentale. Ncd è al governo con Renzi, è incoerente e dovrebbe stare all'opposizione" ma "Berlusconi è stato di fatto al governo con Renzi fino all'altro ieri, con il patto del Nazareno", con il risultato che gli elettori veneti percepiscono Berlusconi e Alfano "alla stessa maniera". Per questo, sottolinea il sindaco di Verona, "meglio andare da soli insieme a delle liste civiche, poi, in queste civiche potranno tranquillamente prender posto delle persone di area del centrodestra, che rappresentano il centrodestra. Con questo schema vinci il Veneto".
CAGLIARI
Zola: Contestazione?  <br/>Impegno mai mancato

Zola: Contestazione?
Impegno mai mancato

Per Gianfranco Zola dopo la sconfitta con il Verona potrebbe essere l'ultima apparizione nelle conferenza post-gara. Il vice presidente del Cagliari Stefano Filucchi si presenta con il tecnico alle interviste del dopo partita per sostenere la sua posizione. "Zola non è in discussione ha la fiducia della società, così come la squadra. Andiamo avanti tutti assieme convinti di farcela a rimanere in A". Frasi di circostanza o davvero c'è ancora fiducia? Zola è visibilmente giù di morale, ma determinato ad andare avanti. "Questa sconfitta è un pugno allo stomaco, un peso enorme la mia impressione è che la squadra sia frenata, intimorita, bloccata dalle responsabilità. In questo momento siamo molto fragili. Avevamo preparato la partita in un certo modo, basata sulla pazienza nel costruire il gioco e nell'attaccare. Il gol incassato dopo sette minuti ha fatto saltare tutto. Non sono qui per cercare scuse, sono dispiaciuto, bisognerà capire tutti assieme cosa fare per tirarci fuori da questa brutta situazione. Riguarderemo la partita e rifletteremo. E' positivo che i ragazzi stiano dando il massimo, mai è venuto meno l'impegno. Le contestazioni dei tifosi? Le capisco, sono il primo io a essere dispiaciuto, ma non possono dire ai ragazzi ed a me di andare a lavorare. Lo stiamo facendo duramente tutti i giorni, possono anche contestarci per il gioco e per i risultati che non vengono, ma non devono accusarci di non impegnarci abbastanza".
POLITICA
Lega, su caso Veneto   <br/>ipotesi commissariamento

Lega, su caso Veneto
ipotesi commissariamento

Per gestire la "grana veneta" all' interno della Lega e porre fine, almeno temporaneamente, al duello tra Luca Zaia, candidato governatore, e Flavio Tosi, che da segretario della Liga vuole imporre la sua lista, spunta l' ipotesi del commissariamento. Ne dà notizia l'Ansa. A poche ore dal consiglio nazionale di via Bellerio, che dovrebbe mettere un punto alla vicenda, si fa strada la voce, insistente tra le seconde linee del Carroccio, che l'ipotesi a cui si stia pensando sia quella di un commissario che gestisca la fase delle elezioni regionali. L'ipotesi a cui si starebbe pensando non sarebbe tanto quella del commissariamento o l'espulsione di Tosi, come vorrebbero i "falchi" fedeli a Zaia, quanto della gestione affidata a una terza persona della fase delle elezioni regionali. Un uomo fidato, dunque, espressione del segretario federale Salvini, potrebbe essere chiamato a traghettare l'attuale presidente veneto in tutta tranquillità nel porto della rielezione. Evitando che una frattura in Veneto e i rigurgiti polemici nel Carroccio possano consegnare la poltrona di governatore alla dem Alessandra Moretti, che i sondaggi danno attualmente molto lontana dai consensi di Zaia.
POLITICA
Tosi: Non discuto Zaia     <br/>Liste? Decide il Veneto

Tosi: Non discuto Zaia
Liste? Decide il Veneto

"Mai messa in discussione la candidatura di Zaia, il problema è che qualcuno da Milano ha detto che le liste e le candidature si decidono in Lombardia". Lo afferma il sindaco di Verona, Flavio Tosi, a Rainews24, che aggiunge: "Vedremo domani quale sarà il confronto, se tutti vogliono trovare una soluzione di buon senso, si rispetta lo statuto della Lega" ma se "si passare sopra la Liga veneta, convocherò il consiglio nazionale" spiegando quanto accaduto. Se in tal caso lascio la Lega? "Aspettiamo domani". "A Salvini dico ci vediamo domani, io resterò coerente sempre con il mio passato politico, e sul fatto che occorre essere realmente federalisti e autonomisti. In Lega il federalismo in quest'ultimo periodo è stato messo un po' da parte", spiega Tosi secondo il quale "se c'è rispetto dello Statuto domani non succederà alcunché. Lo scontro è avvenuto non tanto nei confronti di Luca Zaia" ma "tutti sanno che ci sono stati dei patti disattesi nei confronti del sottoscritto".
VERONA
TONI: SIAMO TORNATI  <br/>TOSTI E CATTIVI

TONI: SIAMO TORNATI
TOSTI E CATTIVI

"La vittoria di Cagliari? Rappresenta un passo importante verso la salvezza. Adesso abbiamo delle sfide affascinanti e sabato sera incontreremo il Milan in trasferta. Sarebbe bello andare là e fare una bella partita, non so se arriverà una vittoria, ma cercheremo di metterli in difficoltà e fare bene perché siamo tornati ad essere tosti e cattivi". Così Luca Toni ai microfoni di Sky Sport al termine della partita vinta dal Verona 2-1 a Cagliari. Sul momento di forma Toni scherza: "Adesso la bambina mi fa correre anche quando arrivo a casa, ma sono più duri gli allenamenti di Mandorlini. Mi piace lo sport, mi piace vivere per queste emozioni, come giocare e fare gol alla domenica. Me le può dare solo il calcio, finché posso cercherò di gustarmele". Per Luca Toni con il gol di Cagliari sono 10 in campionato, seconda volta in doppia cifra con la maglia del Verona.
SERIE A
SALVEZZA: CESENA VIVO    <br/>VERONA A +8, CHIEVO +5

SALVEZZA: CESENA VIVO
VERONA A +8, CHIEVO +5

Un gol di Alejandro Rodriguez a un quarto d'ora dalla fine tiene in vita il Cesena di Di Carlo che batte 1-0 l'Udinese e accorcia su Cagliari e Atalanta. La salvezza per i romagnoli è lontana ora soltanto 4 punti. La vittoria nello scontro diretto lancia il Verona fuori dalla zona calda della classifica: gialloblù a 28 insieme all'Udinese e all'Empoli, uscito imbattuto (0-0) anche da Palermo. Un risultato preziosissimo quello del Verona anche in virtù della sconfitta interna dell'Atalanta 2-1 contro la Sampdoria (Stendardo, Muriel, Okaka i marcatori) che complica i piani salvezza dei bergamaschi che restano a +3 sul Cagliari ma che perdono contatto dal Chievo, che ieri sera ha pareggiato 0-0 col Milan e soprattutto dal Verona.
VERONA
BENUSSI: GRANDE VITTORIA   <br/>IN UN MOMENTO DECISIVO

BENUSSI: GRANDE VITTORIA
IN UN MOMENTO DECISIVO

"Vittoria fondamentale in un momento importante del campionato, in uno scontro diretto, che ci mette un po' più tranquilli in chiave classifica, e che ci deve dare grossa fiducia per il resto del campionato". Parola di Francesco Benussi, protagonista tra i pali del successo gialloblù a Cagliari. "La parata più difficile? Sulla punizione di Mpoku, non ho neanche visto chi ha tirato ci sono andato lo stesso. Il problema alla spalla? Una piccola elongazione, qualche scossa dopo quell'intervento ma l'allarme è rientrato subito". "Volevamo reagire sul campo alla critiche. Ci siamo ricompattati, tra di noi, con la società ma anche dopo il confronto che c'è stato con i tifosi che ci hanno sempre sostenuto. Va bene così. E' un Verona che deve uscire più solido da questa trasferta, sapendo che ha 8 punti di vantaggio sul Cagliari ma anche che in 13 partite può ancora succedere di tutto".
VERONA
MARQUEZ: DARE TUTTO    <br/>RISPOSTA A CRITICHE

MARQUEZ: DARE TUTTO
RISPOSTA A CRITICHE

"Le critiche? Credo che tutti dobbiamo fare il massimo per ottenere risultati come questo". Per Rafael Marquez la vittoria di Cagliari è anche un'iniezione di fiducia per una difesa, spesso criticata nel corso della stagione: "Abbiamo giocato una gara dura, intensa, una vittoria che ci dà fiducia, anche per come ci siamo comportati in difesa. Con Moras mi trovo bene, ma anche con gli altri compagni non ci sono problemi". "Il campionato? Credo che abbiamo una squadra di ottimo livello, ma dobbiamo lavorare ancora tanto insieme. Penso che questo sia l'inizio di una squadra forte".
VERONA
MANDORLINI: SALVEZZA?   <br/>E' ANCORA MOLTO LUNGA

MANDORLINI: SALVEZZA?
E' ANCORA MOLTO LUNGA

Tre punti fondamentali ma la pratica salvezza non è per niente in archivio. Lo ha detto in conferenza stampa Andrea Mandorlini, tecnico del Verona. "La lotta alla salvezza? E' ancora lunga. Tredici partite sono tantissimi punti a disposizione è chiaro che per noi come per il Cagliari oggi era uno snodo importante e quindi è stato ancora più importante vincere. Ma il cammino è ancora lungo".
VERONA
MANDORLINI: RISULTATO  <br/>FANTASTICO

MANDORLINI: RISULTATO
FANTASTICO

"Sapevo che sarebbe stata dura fino alla fine, ma è stato un risultato fantastico. Quello che volevamo era vincere e siamo contenti perchè sono tre punti fondamentali". Così Andrea Mandorlini al termine dello spareggio salvezza vinto dal Verona 2-1 a Cagliari. "La strada per la salvezza è ancora molto lunga, ora abbiamo partite difficili. Oggi era uno snodo importante e siamo riusciti a vincerlo è stato fatto un passo avanti molto importante e adesso giocheremo più tranquilli". "Toni?" continua Mandorlini "è fondamentale, nonostante non sia neanche nel suo momento migliore. Ha personalità, esperienza e soprattutto i gol. Lo stiamo gestendo nella maniera giusta siamo contenti che sia con noi".
A2 GOLD
IMPRESA TEZENIS, VINCE     <br/>A BIELLA 75-69

IMPRESA TEZENIS, VINCE
A BIELLA 75-69

Grande impresa della Tezenis che espugna 75-69 il Forum di Biella dove la Lauretana in questa stagione aveva perso solo una partita, costringendo alla resa tutte le altre grandi del campionato.Con questo successo la Verona dei canestri torna in testa alla classifica.Verona, priva di Micheal Umeh, strappa la vittoria con una ripresa esaltante, dopo aver chiuso sotto 36-33 all'intervallo, accusando anche 7 per Biella dopo essere stata sotto di 7.Nel terzo periodo i giganti di Ramagli accendono il turbo e allungano fino al 55-48 con Boscagin . Nell'ultimo quarto la Tezenis tocca il massimo vantaggio sul 66-53 a 5'40” dalla sirena.Nel finale i gialloblù hanno un po' il fiato corto, Biella si riavvicina con le triple di Infante: 61.68, poi Voskuil sbaglia il tiro del meno 4.Negli ultimi 100 secondi la Tezenis rischia grosso: Berti firma il 66-70, Monroe (grande partita) fa a sportellate con Raymond ma raccoglie 1/2 dalla lunetta.Raymond con le mani di Ndoja sulla faccia mette il tre punti che riapre completamente la partita: 69-71 a -1'09”.Ndoja sbaglia dalla grande distanza, la Tezenis può spendere ancora due falli ma in un amen si ritrova in bonus.A 30” dalla sirena Voskuil “grazia” Verona con un doppio errore dalla lunetta, invece Darryl Monroe non fa sconti nel momento topico e a -12” piazza il 2/2 che virtualmente consegna la vittoria alla Tezenis.Poi sull'ultimo possesso Raymond sbatte contro la difesa veronese e De Nicolao in contropiede mette il sigillo finale.
INCIDENTE
Investito bambino  <br/>di tre anni, è grave

Investito bambino
di tre anni, è grave

Un bambino di tre anni è ricoverato all'ospedale di Borgo Trento dopo essere stato investito sotto casa.L'incidente è avvenuto poco fa in via Alberti, in Borgo Venezia. Secondo una prima ricostruzione del Nucleo Antinfortunistica della Polizia Municipale, sembra che il piccolo sia uscita improvvisamente dal cancello di casa, venendo investito da un'auto che in quel momento stava passando nella via.Alla guida un veronese che viaggiava assieme alla famiglia ed ha immediatamente chiamato i soccorsi.Sul posto i sanitari del 118 che hanno imbarellato il bambino e l'hanno subito trasportato in ospedale con l'ambulanza. Le sue condizioni sono gravi; nello scontro ha riportato un trauma cranico ed è in terapia intensiva.
SERIE A
CAGLIARI BATTUTO 2-1            <br/>SALVEZZA PIU' VICINA

CAGLIARI BATTUTO 2-1
SALVEZZA PIU' VICINA

CAGLIARI-VERONA 1-2 (8' p.t. Toni, 10' s.t. Gomez, 44' s.t. Conti). Il Verona vince soffrendo incredibilmente nel finale lo spareggio di salvezza di Cagliari. Sardi adesso a -8 dai gialloblù che fanno un deciso passo avanti verso la salvezza. LE SCELTE. Mandorlini recupera Gomez all'ultimo minuto ma l'argentino va in panchina. La sopresa è Sala nel tridente offensivo vicino a Toni e Jankovic. In difesa scelto Agostini a sinistra, Brivio va in panchina. A centrocampo gioca Ionita che ha vinto il ballottaggio con Obbadi. Nel Cagliari non c'è Avelar, gioca Murru. Zola rimette Conti davanti alla difesa, sposta Dessena a centrocampo e schiera Longo al centro dell'attacco con alle spalle il sostegno di Ekdal e M'Poku. LA PARTITA. Subito scintille dopo 18'' per un sandwich Diakhite-Gonzalez su Jankovic che resta a terra dolorante. Cagliari subito pericoloso al 3' con un cambio di campo che porta la palla a destra e un cross sul secondo palo che sorprende Agostini attaccato alle spalle di Donsah che colpisce di poco alto di testa. TONI A SORPRESA. Squillo del Verona al 5' con Toni che vede Brkic fuori dai pali e prova di contrabalzo dalla distanza senza inquadrare lo specchio della porta. E SONO DIECIIIIIIII. Gol di Luca Toni al 8'. E' una palla perfetta di Emil Hallfredsson dalla sinistra a fare la differenza. Cross perfetto a tagliare la difesa su cui Toni è perfetto nell'anticipare Diakhitè e Brkic. 1-0 Verona. FUORI DONSAH. Verona che continua a proporsi, questa volta con Sala sulla destra che combina con Toni e poi prova la conclusione di fuori. Subito dopo problemi per Donsah che deve uscire per un fastidio muscolare, entra Joao Pedro. FALLO INUTILE. Al 16' fallo dubbio contro il Verona, Marquez sui 25 metri cerca l'anticipo su Mpoku. Valeri fischia punizione, batte Joao Pedro ribatte la barriera.CI STAVA IL GIALLO PER CONTI. Verona con l'atteggiamento giusto, bene in questa fase iniziale Tachtsidis che è spesso a chiudere sulla direttrice dei passaggi ed è pronto a ripartire. Su una palla recuperata parte Ionita fermato fallosamente da Conti che forse meritava l'ammonizione. PISANO, VALE UN GOL. Incredibile al 20', Verona che si è abbassato e allora concede spazio all'entrata di Diakhitè che sorprende tutti e da a Mpoku che dal limite pesca in verticale Longo solo in area, miracoloso recupero di Pisano che sporca la conclusione a botta sicura dell'attaccante. Poi strepitosa ripartenza del Verona con Sala e Toni che mettono in grado di concludere Jankovic, para Brkic con Bosko che sembrava in fuorigioco. CHE VERONA. Verona che riparte appena può dopo 5-6 minuti in cui invece si era abbassato. Toni dopo l'ennesima ripartenza comandata da Tachtsidis, va ancora alla conclusione al 23' non trovando lo specchio della porta ma è un Verona vivo che dà ottime sensazioni. Difesa però sorpresa al 25' da Dessena che approfitta di una palla sporca in area per tentare una concusione che si infrange però sul compagno di squadra Longo. EL CAPITAN. Verona che sembra tenere in mano la partita in cui si esaltano alcuni singoli, da Tachtsidis a Sala a Jankovic, a Marquez che al 28' porta via un pallone in uno contro uno a Ekdal in grande stile. Un Verona convinto dei propri mezzi che deve stare attento però ad un Cagliari velenoso. BRAVO BOSKO. Alla mezzora l'ennesimo traversone nell'area del rigore di Verona trova Jankovic pronto a una diagonale straordinaria per coprire l'inserimento di Dessena. E al 31' palla in area di rigore per Longo su cui chiudono benissimo prima Moras e poi Marquez con Benussi non preciso. SI RIVEDE LA LINEA A 6. Verona che si è abbassato troppo, non c'è pressione sul portatore di palla avversario e Toni è abbandonato davanti e non riesce a tenere su un pallone. Ne consegue la solita sofferenza con il Cagliari che arriva troppo facilmente fino ai 25 metri con Jankovic e Sala che in fase difensiva allungano la linea da 4 a 6. SI SALVA AGOSTINI. Verona in difficoltà col Cagliari che prende sempre più coraggio. Al 35' è bravo Agostini a sporcare un cross nell'area piccola. Ma l'iniziativa è tutta nella mani del Cagliari. Ancora Mpoku mette dentro un pallone al 37' su cui Moras mette in angolo. Verona che gioca solo con la palla lunga. MPOKU SHOW. Il talento belga si prende sulle spalle l'attacco del Cagliari e crea pericoli a ripetizione. Verona che è però forte di un buon lavoro dei suoi due centrali, sull'altro tema tattico della partita, la palla in verticale per Longo. MAMMAMORAS POI TONI. Al 45' altra palla nell'area del Verona su cui Benussi impacciato non esce e salva con una zampata Moras. Parte un contropiede con Sala che imbecca Toni su cui entra durissimo Murru e prende giallo. Sulla punizione da ottima posizione Hallfredsson batte con la barriera molto vicina. Finisce il primo tempo. Tra i migliori Pisano, perfetto in chiave difensiva e decisivo in un paio di recuperi. Ottima mezzora di Jankovic poi un po' in sofferenza per un colpo subito. Ma tra i protagonisti anche il solito, immenso, Luca Toni, in doppia cifra per il secondo anno consecutivo. La differenza in questo primo tempo l'ha fatta lui. CAGLIARI ULTRAOFFENSIVO. Zola cambia Gonzalez con Farias. Ne esce un Cagliari superoffensivo con un 4-2-3-1 in campo con Dessena sulla linea dei difensori, Ekdal a centrocampo con Conti e poi Mpoku, Joao Pedro e Farias alle spalle di Longo. ERA GOL. Incredibile al 3' break strepitoso di Hallfredsson che entra duro su Dessena porta via palla e spinge un 3 contro 2 del Verona con Tachtsidis che però si fa anticipare al momento della conclusione dall'uscita disperata di Brkic. Ma era la palla per chiudere la partita. Farias, intanto, si è sistemato dalla parte di Agostini. ALTRA PALLA GOL. Il Cagliari offre spazi in cui si infila il Verona. Altra ripartenza di Hallfredsson che dà per Jankovic quindi Sala che potrebbe tirare dal vertice dell'area e invece sceglie la palla dentro per Jankovic che però è in fuorigioco. ROSSO PER CONTI? SOLO GIALLO. All'8' grosso errore di Valeri che punisce solo col giallo un pugno in faccia di Conti ad Hallfredsson su un duello aereo. PRIMA PALLA DI GOMEZ, GOL. Incredibile al 10'. Appena entrato in campo al posto di Jankovic, Gomez è in area di rigore sulla punizione fischiata da Valeri. Punizione calciata dentro, Cagliari immobile, sbuca Gomez che al primo pallone toccato fa 2-0 con un facile colpo di testa. PARTITA INDIRIZZATA. Partita indirizzata con un Verona che nel secondo tempo ha interpretato bene le difficoltà di un Cagliari che non ha equilibrio in campo dopo l'ingresso di Farias per Gonzalez. E in più Zola mette in campo una quinta punta, Cop, per un centrocampista, Dessena. CHE JACOPO. Lo metti dove vuoi e lui fa benissimo. E' Jacopo Sala che al 17' va a sradicare un pallone sulla bandierina del calcio d'angolo a Longo e poi conquista fallo. Lotta, aggressività ma anche grande sapienza tattica nel bagaglio di questo giocatore. MPOKU STROZZATO. Il Cagliari ci prova con Cop, che trova Mpoku in area con il talento belga che strozza troppo il tiro e non trova la porta. FARIAS SLALOM, BENUSSI SALVA. Al 20' slalom di Farias che ubriaca Agostini e mette dentro un pallone su cui si avventano in tanti, salva Benussi smanacciando in calcio d'angolo. Tiro dalla distanza ancora di Farias al 22', palla fuori. ROSSETTINI ALTO. Verona che sta respirando, ancora Farias prende angolo nel puntare Agostini. Palla in area e Rossettini che svetta sulla dormita di Tachtsidis mettendo però alto. CHE ERRORE IONITA. Al 27' il Verona potrebbe archiviare la partita. Ripartenza del Verona con Tachtsidis che potrebbe già calciare a colpo sicuro, invece dà palla a Ionita che calcia debolmente e si fa ribattere il tiro da Murru in scivolata. BENUSSSSSSI. Bene, benissimo Benussi al 29', che toglie dall'incrocio dei pali un pallone di Mpoku su punizione. Una grandissima parata che costa un problema alla spalla al portiere gialloblù. CONTI DA ROSSO. Valeri grazia ancora Conti che già ammonito rifila una scarpata a Ionita sulla linea dell'out vista solo dalle telecamere. Nell'azione successiva, al 40' palla di Cop in area con Pisano che controlla il rimbalzo ma si fa anticipare da Conti che tenta una conclusione controllata facilmente da Benussi. GROSSO PERICOLO CAGLIARI. Al 43' Hallfredsson si fa saltare facilmente da Murru nell'uno contro uno, palla in area e colpo di testa di Joao Pedro che picchia a terra e finisce oltre la traversa. Ma si soffre ancora al 44' per una punizione incomprensibile fischiata da Valeri. E Conti trova il jolly facendo passare il pallone in mezzo alla barriera 1-2. FINALE INCANDESCENTE. Cinque minuti di recupero ma subito gioco fermo perchè in area di rigore Longo tenta una sforbiciata colpendo di netto in testa Marquez. Col capitan che resta a terra intontito. Gioco fermo per 3'. BENUSSIIIIIIIIIII. 51' assurdo il Verona rischia fino all'ultimo, batti e ribatti in area col tiro di Mpoku che Benussi respinge. Fantastico Benussi che salva il risultato. E partita finita dopo quasi 8' di recupero. CAGLIARI-VERONA 1-2MARCATORI: 8' p.t. Toni, 10' s.t. Gomez, 44' s.t. ContiCAGLIARI (4-3-2-1) 44 Brkic; 2 Gonzalez (dal 1' s.t. 17 Farias), 15 Rossettini, 37 Diakhitè, 3 Murru; 16 Dessena (dal 16' s.t. 90 Cop), 5 Conti, 30 Donsah (dal 13' p.t. 10 Joao Pedro); 20 Ekdal, 40 Mpoku; 9 Longo. (1 Colombi, 4 Crisetig, 7 Cossu, 8 Avelar, 14 Pisano F., 18 Barella, 22 Husbauer, 32 Ceppitelli, 33 Capuano). All. Zola.HELLAS VERONA (4-3-3) 22 Benussi; 3 E.Pisano, 4 Marquez, 18 Moras, 33 Agostini; 23 Ionita (dal 43' s.t. 8 Obbadi), 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson; 26 Sala (dal 26' s.t. 19 Greco), 9 Toni, 11 Jankovic. (95 Gollini, 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 17 Lopez, 20 Lazaros, 21 Gomez Taleb, 25 Marques, 28 Brivio, 30 Campanharo, 71 Martic). All. Mandorlini.ARBITRO: Valeri di Roma 2 (Fiorito e Petrella).NOTE. Ammoniti: Murru, Conti, Joao Pedro, E.Pisano, Greco, Gomez.
PREPARTITA
CAGLIARI-VERONA    <br/>LE FORMAZIONI

CAGLIARI-VERONA
LE FORMAZIONI

CAGLIARI: 44 Brkic, 2 Gonzalez, 3 Murru, 5 Conti, 9 Longo, 15 Rossettini, 16 Dessena, 20 Ekdal, 30 Donsah, 37 Diakhitè, 40 Mpoku.A disposizione: 1 Colombi, 4 Crisetig, 7 Cossu, 8 Avelar, 10 Joao Pedro, 14 Pisano F., 17 Farias, 18 Barella, 22 Husbauer, 32 Ceppitelli, 33 Capuano, 90 Cop.All.: Gianfranco Zola.HELLAS VERONA: 22 Benussi, 3 Pisano E., 4 Marquez, 9 Toni, 10 Hallfredsson, 11 Jankovic, 18 Moras, 23 Ionita, 26 Sala, 33 Agostini, 77 Tachtsidis.A disposizione: 95 Gollini, 2 Rodriguez, 5 Sorensen, 8 Obbadi, 17 Lopez, 19 Greco, 20 Lazaros, 21 Gomez Taleb, 25 Marques, 28 Brivio, 30 Campanharo, 71 Martic.All.: Andrea Mandorlini.Arbitro: Valeri di Roma 2.Assistenti: Fiorito e Petrella.
VERONA
Cagliari-Verona,   <br/>41 anni senza il segno X

Cagliari-Verona,
41 anni senza il segno X

E' la mancanza del risultato di pareggio da 41 anni in serie A in Sardegna la curiosità più evidente dei numeri di Cagliari-Verona. L'ultimo segno X (fu 1-1) nel 1974. Poi 4 vittorie del Cagliari e 2 del Verona. Nel computo dei successi vince il Cagliari di uno (21-20), 15 invece i pareggi. E' invece il primo confronto tecnico ufficiale tra Andrea Mandorlini e Gianfranco Zola.
CHIEVO
Maran: Spirito giusto  <br/>Elogi al baby Mattiello

Maran: Spirito giusto
Elogi al baby Mattiello

Il segnale giusto, dopo la scoppola Empoli. Così inquadra lo 0-0 contro il Milan il tecnico del Chievo Rolando Maran: "Abbiamo avuto diverse situazioni in cui potevamo essere più lucidi ma era importante ritrovare lo spirito del Chievo. Ci abbiamo messo cuore, corsa, ma anche giocate che di solito non ci sono congeniali, come i cambi di campo". Chievo importante soprattutto sugli esterni dove la sopresa è il '95 Mattiello arrivato in prestito a gennaio dalla Juve: "Lui e Schelotto hanno fatto un grande lavoro in fascia - osserva Maran. Antonelli si alzava molto, anche Menez svariava da quelle parti. Loro dovevano sopperire all'inferiorità numerica, ma hanno anche spinto, perché da lì sono arrivati cross e tiri".
MILAN
Inzaghi: Per vincere   <br/>serve più cinismo

Inzaghi: Per vincere
serve più cinismo

L'allenatore del Milan, Pippo Inzaghi accetta senza grandi recriminazioni il pareggio di Verona contro il Chievo. "Non abbiamo fatto un gran primo tempo ma nella ripresa la squadra mi e' piaciuta. L'unico problema e' che non abbiamo trovato il gol che forse avremmo meritato. Dobbiamo essere piu' cinici, le occasioni le abbiamo avute. Penso all'imbucata di Menez per Pazzini ed ad un altro paio di episodi favorevoli che non siamo stati bravi a sfruttare. Comunque cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno e penso che questa e' la seconda partita consecutiva che finiamo senza subire reti. E comunque giocare contro il Chievo non e' facile. Giocano tutti sotto la linea della palla, non ti danno spazi. E' una squadra che lotta per la salvezza e lo sta facendo bene. Ci abbiamo provato sino alla fine, giocando anche con quattro attaccanti. Ma non e' bastato per trovare la vittoria".
CAGLIARI
ZOLA: COL VERONA CONTA   <br/>SOLO VINCERE

ZOLA: COL VERONA CONTA
SOLO VINCERE

"E' una partita molto importante. Per noi sarà importante non solo la prestazione, ma il risultato". Così il tecnico dei sardi Gianfranco Zola nel prepartita di Cagliari-Verona. "Lo scenario è molto diverso rispetto a quello delle ultime partite, sempre con squadre sulla carta superiori a noi. Dovremo fare un altro tipo di gara: è un po' che ci prepariamo".
AD GOLD
La Tezenis a Biella     <br/>Ramagli: Grandi insidie

La Tezenis a Biella
Ramagli: Grandi insidie

Trasferta insidiosa per la Tezneis che oggi (palla a due alle 12:30) scende in campo a Biella.Per coach Ramagli “è un big-match, contro una squadra che ha una forte impronta casalinga come testimonia il record di nove vinte ed una persa”. Infatti la Lauretana al Forum di Biella ha battuto tutte le grandi dell’A2 Gold: Brescia (che nell’anticipo di ieri l’ha spuntata 83-87 su Ferentino), Torino e Ferentino.“Ora siamo rimasti solo noi – spiega Ramagli - sarà una partita molto complicata in un palazzetto che riesce a dare ai giocatori una spinta emotiva fondamentale". “Starà a noi – aggiunge il coach gialloblù – trovare le contromisure giuste per andarci a prendere due punti per noi importanti. Dobbiamo continuare a competere, senza aver bisogno di dimostrare nulla. Sappiamo che il percorso, in una stagione, è fatto di momenti belli e di qualche inciampo che può capitare. Quando inciampi però non vuol dire che improvvisamente sei diventato scarso e che quando ne vinci cinque o sei di fila sei un fenomeno”.“Importante per noi è alzare il livello di competizione. Tutto quello che non cresce è già morto. E siccome noi non vogliamo essere morti abbiamo voglia di continuare a crescere. Stiamo vivendo tutto questo con grande equilibrio. Perseguire un obiettivo rappresenta un sogno, non una responsabilità che ti deve opprimere. Diversamente ci creeremmo un’inutile pressione negativa. Invece è sempre il pensare positivo che ti aiuta” conclude Alessandro Ramagli.A Biella la Tezenis sarà prima di Mazzantini, bloccato da un infortunio muscolare.
INTERVENTO
Maiali nel liquame   <br/>salvati dai pompieri

Maiali nel liquame
salvati dai pompieri

I vigili del fuoco di Verona sono stati impegnati l’altra notte in un singolare intervento in un’azienda agricola di Erbé, dove 80 maiali rischiavano di morire dopo essere finiti nella fossa del liquame.Gli animali, sprofondati a causa del cedimento di una griglia, sono stati tratti in salvo dal Vigili del fuoco che si sono calati nella fossa con le maschere per proteggersi dalle esalazioni.
L'Opinione
ON AIR
20.02.2015
TgVeneto
ON AIR
28.02.2015
Rosso & Nero
ON AIR
27.02.2015
Padova in Diretta
ON AIR
27.02.2015
Verona in Diretta
ON AIR
27.02.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
01.03.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
01.03.2015
Vighini Show
ON AIR
26.02.2015
Alè Verona
ON AIR
01.03.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
23.02.2015
Alé Padova
ON AIR
01.03.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
26.02.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Palinsesto