• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:45

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • VIGHINI SHOW

    OGNI GIOVEDI' SU TELENUOVO

    Lo show condotto da Gianluca Vighini. Ospiti di spessore, giocatori, giornalisti, opinionisti, tecnici e tifosi per un serrato dibattito sul Verona di Mandorlini. Dagli studi di Telenuovo all'HELLAS KITCHEN

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Anche quest'anno Telenuovo tarsmetterà in diretta tutte le gare della primavera dell'Hellas Verona..!

  • TGBIANCOSCUDATO

    APPUNTAMENTO QUOTIDIANO

    Marco Campanale, Gigi Primon, Martina Moscato, Carlo Della Mea vi aspettano su Telenuovo Padova. Ogni giorno all'interno del TgPadova alle 19:45, 21:00 e 24:00.

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.45, 19.50 e 20.05 è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra
LEGGE
Divorzio breve, Tosi: <br/>No a nozze usa e getta

Divorzio breve, Tosi:
No a nozze usa e getta

“Credo che il Parlamento, nell'affrontare il provvedimento sul cosiddetto “divorzio lampo”, debba assolutamente trovare una formulazione che eviti, grazie alla rapidità del suo scioglimento, il “matrimonio usa e getta”, vale a dire unioni di comodo o di interesse effettuate al solo scopo di aggirare le normative sulla cittadinanza o frutto di circonvenzione di incapace”. Questa la richiesta del Sindaco di Verona Flavio Tosi. “Al di là di ogni altra considerazione sulla nuova legge – aggiunge – bisogna evitare che i parlamentari, distratti dagli aspetti etici della questione, approvino un provvedimento che possa incoraggiare, grazie alla rapidità del divorzio ottenibile abolendo il periodo della separazione, un uso strumentale e truffaldino del matrimonio stesso. Un possibile rimedio potrebbe essere l'introduzione di un limite temporale, di almeno un paio d'anni alla durata del matrimonio come condizione per avere diritto al divorzio senza preliminare separazione, ferme restando le garanzie previste in presenza di figli minori o con disabilità”.
CASE OCCUPATE
Questore vieta il corteo   <br/>di Forza Nuova a Nogara

Questore vieta il corteo
di Forza Nuova a Nogara

Sono già partiti i primi provvedimenti a carico di oltre un centinaio di militanti forzanovisti i quali, non ottemperando alle prescrizioni imposte circa un presidio statico, da tenersi in un parcheggio di una località periferica del Comune di Bussolengo per protestare contro le politiche governative in materia di accoglienza ai profughi, nella tarda serata dello scorso 19 novembre, con un’azione compatta e repentina, avevano tentato di portarsi in massa presso un hotel della zona dove sono ricoverati 17 richiedenti asilo provenienti dal Bangladesh. Il pronto intervento del personale di polizia ha respinto la veemente iniziativa, tanto che i manifestanti si sono fermati sulla strada provinciale n. 5 “Verona-Lazise” occupandola per tutta la sua larghezza per oltre mezz’ora, impedendo il traffico veicolare e continuando ad inveire contro le Istituzioni.Sulla base delle immagini registrate dalla Polizia Scientifica, la Digos scaligera ha avviato un’accurata indagine al fine di attribuire ai partecipanti le singole responsabilità per i reati commessi nella circostanza, dalla resistenza a pubblico ufficiale, all’inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità. Nel frattempo, sono state già notificate le prime contestazioni amministrative per il suddetto “blocco stradale”, la cui commissione è sanzionata, per ognuno dei partecipanti, con il pagamento di una somma da Euro 2.582 a Euro 10.329, senza possibilità di pagamento in misura ridotta.Per tali disordini e per le dichiarazioni diffuse in passato a mezzo stampa, il Questore di Verona ha formalmente vietato un corteo che lo stesso movimento politico aveva preannunciato in Nogara domani 22 novembre. Si rammenta che, come pubblicizzato dagli organi di informazioni locale, Forza Nuova aveva palesemente minacciato azioni coattive nei confronti di due nuclei familiari (con minori) di origine marocchina che da tempo occupano abusivamente due alloggi ATER siti in quella cittadina della provincia veronese. Per tali comunicati-stampa la locale Procura della Repubblica ha già aperto un apposito procedimento per gli aspetti a rilevanza penale.Altresì, al fine di evitare che una tranquilla cittadina come Nogara possa trasformarsi in un terreno di scontro tra opposti estremismi, il Questore di Verona ha vietato al contempo qualsiasi contro-iniziativa organizzata da associazioni ascrivibili agli ambienti della sinistra antagonista.
LA POLEMICA
Frase-choc contro rom,  <br/>indagato sindaco Zuliani

Frase-choc contro rom,
indagato sindaco Zuliani

Il procuratore capo di Verona, Mario Giulio Schinaia, ha annunciato l'apertura di un'inchiesta nei confronti di Cristiano Zuliani, il sindaco leghista di Concamarise, che sulla sua bacheca Facebook aveva scritto che "i rom devono essere termovalorizzati", in risposta alle affermazioni della presidente della Camera, Laura Boldrini, sulla valorizzazione degli extracomunitari. Lo riporta di "Corriere di Verona". L'indagine della Procura scaligera ipotizza due reati: propaganda razzista e istigazione all'odio razziale. A questo fascicolo sul sindaco Zuliani (che poi ha rimosso la frase-choc da Facebook ed ha chiuso la sua pagina) si potrebbe aggiungere quello legato all'esposto-denuncia presentato in Procura dall'Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti, mentre il coordinatore provinciale di Sel, Giorgio Gabanizza, ha scritto al prefetto di Verona ed al governo per segnalare Zuliani come "persona non degna del ruolo di sindaco".
FURTI
La banda del taccheggio,    <br/>cinque arresti

La banda del taccheggio,
cinque arresti

I carabinieri della Compagnia di Verona hanno arrestato 5 persone, di origine romena e moldava, tra cui una donna, accusate di aver rubato in negozi di Verona e della provincia. I cinque, secondo quanto accertato dall'Arma, trafugavano capi d'abbigliamento e profumi, servendosi di borse schermate per eludere i controlli posizionati all'uscita dei punti vendita o di tronchesine per scardinare i sistemi antitaccheggio. I militari dell'Arma hanno scoperto che i colpi portati a segno duravano in media meno di tre minuti dall'ingresso nell'attività commerciale presa di mira e consentivano di rubare merce per centinaia di euro.
FESTIVAL
Dottrina Sociale,    <br/>messaggio di Napolitano

Dottrina Sociale,
messaggio di Napolitano

"La Dottrina Sociale della Chiesa è portatrice di equità e solidarietà sociale - largamente presenti del resto nella Costituzione italiana e nei principi sociali che sono alla base dell'Unione Europea - che tengono a realizzare un modello di sviluppo fondato sulla dignità della persona, principi che costituiscono più che mai un punto di riferimento essenziale per fronteggiare efficacemente la complessità dei problemi posti dai processi di globalizzazione e dalla difficile situazione economica dell'Italia e di altri Paesi dell'Unione Europea". Lo sottolinea il presidente della Repubblica in un messaggio inviato alla quarta edizione del Festival della dottrina sociale della Chiesa che si svolge a Verona. Il messaggio è stato inviato attraverso il segretario generale del Quirinale Donato Marra. "E' perciò particolarmente apprezzabile - si legge ancora nel messaggio del presidente - l'intento del Festival di dare, raccogliendo, il recente messaggio apostolico di Papa Francesco, nuovo slancio e attualità all'importante retaggio culturale della Dottrina Sociale della Chiesa, aprendosi ad una visione del futuro capace di dare risposte complessive, e non solo in chiave economica, alle tante sfide con cui la società, e soprattutto i giovani, sono oggi chiamati a misurarsi. Nella convenzione che la rassegna articolata in momenti diversi, ma tra loro strettamente collegati, saprà offrire significativi contributi di riflessione in questo spirito, il Presidente Napolitano rivolge a Lei, reverendo Monsignore, a Monsignor Mario Toso, al ministro del Lavoro, al Rettore dell'Università Cattolica e a tutti gli intervenuti un fervido augurio di buon lavoro, qui volentieri unisco il mio personale".
VIGHINI SHOW
CAMPANHARO: L'HELLAS      <br/>ERA NEL MIO DESTINO

CAMPANHARO: L'HELLAS
ERA NEL MIO DESTINO

Cercava Evangelista e trovò Campanharo. In poche parole la missione brasiliana, della scorsa estate, di Sean Sogliano. In terra carioca a seguire un'amichevole del San Paulo per valutare le qualità dell'oscuro oggetto del desiderio, Evangelista. Dall'altra parte, però, nel Bragantino, il giovane Gustavo Campahnaro, un passato nella primavera della Fiorentina, protagonista, tra l'altro di un reality su MTV. E nella testa del diesse gialloblù un solo pensiero "Lo voglio". E così è iniziata l'avventura di Campahnaro all'Hellas Verona.Il mio destino in un'amichevoleNon sapevo che Sogliano fosse sugli spalti durante quella partita nella quale giocavo con il Bragantino. Era li per osservare Evangelista e invece ha trovato me. Sono stato felicissimo, ho avuto qualche problema al ginocchio, ma ora sto bene. Sapevo che l'Italia sarebbe ancora potuto essere nel mio futuro, e così è stato. Io mi allena sempre allo stesso modo, cercando sempre di fare bene. Sono felice di aver conquistato Mandorlini.La Primavera ViolaSono andato via dalla primavera della Fiorentina perchè è scaduto il mio contratto ed ero ancora legato con la Juventude. Mi sono infortunato al ginocchio e quindi non ho rinnovato. Sono stato operato al menisco, sono poi andato al Bragantino, in serie B e sono ripartito. Quando sono andato via dell'Italia ero un po' arrabbiato, perchè pensavo di aver fatto un buon anno. Sapevo però che mettendomi a posto fisicamente, potevo tornare a fare bene. Il calcio italiano è un sogno per i brasiliani. I tifosi dell'Hellas? Più caldi di quelli della FiorentinaI nostri tifosi sono incredibili, si fanno sempre sentire. Mi avevano detto che erano molto caldi e per noi sono sempre uno stimolo in più. Tra l'altro mi hanno impressionato perchè non cantano solo quando vinciamo, ma anche quando perdiamo. Loro sono il dodicesimo uomo per noi.Il mio BrasileIo vengo dal Sud del Brasile, li abita ancora la mia famiglia, mia mamma e mio fratello. Ho perso il papà, ma li ci sono ancora i miei nonni. E' una zona del Brasile molto produttiva, ci sono tante fabbriche. Le mie sono origini venete, i miei parenti sono andati via dall'Italia per cercare fortuna in Brasile e nel corso degli anni al mio cognome è stata aggiunta la H.Saviola, che campioneSaviola è un vero campione, esemplare. Si allena senza mai fare storie, in allenamento è impossibile togliergli la palla. Gioca di testa e ha dei colpi eccezionali. E' un vero professionista e in questi giorni il mister lo ha provato anche in un modulo a due punte davanti, di fianco a Toni. Però li c'è anche Nico Lopez, che sta facendo bene.Fiorentina? Dobbiamo vincereSappiamo che sarà una gara dura, ma noi dobbiamo fare bene, ci siamo allenati bene e dobbiamo sfruttare questa cosa. Mandorlini ci ha già fatto capire la formazione. Sorprese? Si si (ride). Per me sarà una partita come le altre, non devo prendermi rivincite. Chiaramente se giocherò ce la metterò tutta.
DRAMMA
Ergastolano evade    <br/>e muore per malore

Ergastolano evade
e muore per malore

E' morto, probabilmente per infarto, mentre stava prendendo il treno a Verona, Stefano Savasta, condannato all'ergastolo per l'omicidio nel 2008 di un imprenditore rivale in amore, allontanatosi alcune ore prima dalla sua casa a Sirmione dove era ai domiciliari. L'identità dell'ergastolano è stata scoperta dalla Polizia ferroviaria scaligera solo dopo una serie di controlli incrociati sulla base di un documento che l'uomo aveva con sé, la patente di guida.E' da poco passato mezzogiorno quando al binario 11 un uomo si sente male mentre sta salendo sul regionale 2255 diretto a Bologna. Un giovane cerca di aiutarlo e lo sorregge prima di riuscire a farlo stendere su una panchina. Arriva la polfer e poco dopo il personale medico del 118. Inutili però i tentativi di soccorso e il medico non può che constatare la morte. Sulla base del documento, gli agenti contattano i carabinieri di Sirmione e scoprono che si tratta di Stefano Savasta, condannato lo scorso anno quale mandante del'assassinio di Stefano Cerri. Il suo allontanamento da casa era stato confermato poche ore prima dalla convivente agli stessi carabinieri che si erano recati nella sua abitazione per un controllo. La polizia ferroviaria ha ricostruito ogni passaggio della presenza di Savasta in stazione a Verona, dove era giunto da solo. Le telecamere di sorveglianza l'hanno immortalato sempre solitario fino a quando ha cercato di salire sul regionale ed è stato colto da un probabile infarto.
MESSAGGIO
Parla il Papa: Soldi non   <br/>per lavoro ma per guerre

Parla il Papa: Soldi non
per lavoro ma per guerre

Oggi "si sottolineano molto i soldi che mancano per creare lavoro", ma "il denaro per acquistare armi si trova, per fare le guerre, per operazioni finanziarie senza scrupoli, si trova". C'è un amaro e durissimo atto d'accusa nel videomessaggio che papa Francesco ha inviato per il quarto festival della Dottrina sociale della Chiesa, che si apre questa sera a Verona. Nel denso discorso videoregistrato trasmesso questa sera all'Auditorium della Gran Guardia, il Pontefice delinea quello che può essere il suo manifesto anti-crisi, invitando ad "andare oltre", ad avere il "coraggio dell'iniziativa", ad evitare la "schiavitù del denaro", e anche a "rinnovare le relazioni di lavoro sperimentando nuove forme di partecipazione e di responsabilità dei lavoratori". Per il Pontefice, se la situazione di crisi sociale ed economica "può spaventarci, disorientarci" o farci pensare che "noi non possiamo farci niente", la cosa più sbagliata sarebbe "fermarsi a curare le proprie ferite": una "trappola", un modo di "truccarsi", o di agire come Narciso. "Quella strada, no", avverte Bergoglio. Piuttosto "è urgente abbandonare i luoghi comuni, che sono ritenuti sicuri e garantiti, per liberare le molte energie nascoste o non conosciute, che sono presenti e operano molto concretamente". Quindi, "creare spazi e non limitarsi al loro controllo". E secondo il Pontefice, "per andare oltre è necessario prendere l'iniziativa". Rivolgendosi agli imprenditori, ai rappresentanti della cooperazione, il Papa ha sottolineato come sia "urgente prendere l'iniziativa, perché il sistema tende a omologare tutto e il denaro la fa da padrone". Per il Papa "occorre un modo nuovo di vedere le cose". E il suo esempio èp di forte impatto: "oggi si dice che tante cose non si possono fare perché manca il denaro. Eppure - osserva - il denaro c'è sempre per fare alcune cose e manca per farne altre. Ad esempio il denaro per acquistare armi si trova", così anche "per fare le guerre, per operazioni finanziarie senza scrupoli". Ma "di questo solitamente si tace": "si sottolineano molto i soldi che mancano per creare lavoro - rimarca Francesco -, per investire in conoscenza, nei talenti, per progettare un nuovo welfare, per salvaguardare l'ambiente". Il vero problema, quindi, "non sono i soldi, ma le persone". "I soldi da soli non creano sviluppo, per creare sviluppo occorrono persone che hanno il coraggio di prendere l'iniziativa", dice Bergoglio. E questo, elenca, "significa sviluppare un'impresa capace di innovazione non solo tecnologica; occorre rinnovare anche le relazioni di lavoro sperimentando nuove forme di partecipazione e di responsabilità dei lavoratori, inventando nuove formule di ingresso nel mondo del lavoro, creando un rapporto solidale tra impresa e territorio". Prendere l'iniziativa significa anche "superare l'assistenzialismo", afferma portando un altro esempio, quello del padre di un figlio down che si è inventato una cooperativa di ragazzi con quel problema, creando "le premesse lavorative con le quali suo figlio può costruirsi il suo futuro e la sua sana autonomia". Per il Papa, "fermarsi significa chiedere ancora e sempre allo Stato o a qualche ente di assistenza, muoversi significa creare nuovi processi". Il suo appello è a "promuovere e sviluppare i talenti", e per far ciò - ripete - "è necessario aprire spazi. Non controllare spazi, aprirne". Ed è evidente che ciò "riguarda in particolare i giovani", perché "se vogliamo andare oltre dobbiamo investire decisamente su di loro e dare loro molta fiducia". "Ma mi domando - è la conclusione, anch'essa amara, del Papa -: qual è la percentuale di giovani, oggi, disoccupati e senza lavoro? Questo significa andare oltre, o andare indietro?"
TRASFERTA SASSUOLO
Butei Cin Cin  <br/>in trasferta a Sassuolo

Butei Cin Cin
in trasferta a Sassuolo

I Butei Cin Cin Pub Dubliners organizzano la trasferta di Sassuolo in pullman. Per informazioni e iscrizioni contattare il 348/4743504 (Bresi).
VIABILITA'
Via XX settembre riapre    <br/>Da domani transito bus

Via XX settembre riapre
Da domani transito bus

Da questa sera via XX Settembre riaprirà a tutti i veicoli. A partire da domani mattina anche il trasporto pubblico tornerà ai normali percorsi.
FURTO
Ladri in trasferta    <br/>bloccati al Policlinico

Ladri in trasferta
bloccati al Policlinico

In trasferta da Milano a Verona per rubare auto.In manette sono finiti due colombiani arrivati da Milano per rubare un'auto nel parcheggio del Policlinico. La segnalazione al 113 di una donna e del custode del parcheggio ha fatto scattare l'intervento dei poliziotti delle Volanti che hanno arrestato i due uomini: erano arrivati con un'auto già segnalata come veicolo utilizzato da persone dedite a furti in abitazione e rapine a rappresentati orafi nella zona di Mestre. Il giudice ha convalidato l'arresto ha disponendo per i due ladri la misura dei domiciliari.
TRASFERTA A SASSUOLO
Tutti a Sassuolo con    <br/>la Curva Sud

Tutti a Sassuolo con
la Curva Sud

La Curva Sud organizza la trasferta di Sassuolo in pullman. Per iscrizioni rivolgersi al bar Bentegodi entro venerdì 28 novembre oppure chiamare il numero 3339207052.
MESSAGGIO
Il papa parla a Verona:    <br/>Soldi non danno sviluppo

Il papa parla a Verona:
Soldi non danno sviluppo

"I soldi da soli non creano sviluppo, per creare sviluppo occorrono persone che hanno il coraggio di prendere l'iniziativa". E' una frase di papa Francesco contenuta nel video messaggio che questa sera inaugurerà alle 20.30 nell'Auditorium della Gran Guardia di Verona il Festival della Dottrina Sociale della Chiesa. L'intervento del Pontefice avrà al centro il tema che permea tutto il Festival, "Oltre i luoghi, dentro il tempo". Dopo il messaggio di Papa Francesco seguiranno i saluti del sindaco di Verona Flavio Tosi e del vescovo della Diocesi veronese, mons. Giuseppe Zenti. La serata inaugurale del Festival continuerà con l'introduzione di Claudio Gentili, direttore de La Società a cui la tavola rotonda dal titolo "Il tempo è superiore allo spazio", con il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, mons. Mario Toso, segretario del Pontificio Consiglio di Giustizia e Pace, e Franco Anelli, rettore dell'Università Cattolica. Nei prossimi giorni attesi nei tanti appuntamenti del Festival anche il segretario generale della Cei mons. Nunzio Galantino, il ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti, il segretario nazionale Cisl Annamaria Furlan, il vice presidente di Confindustria Ivanhoe Lo Bello assieme a numerosi esponenti del mondo giovanile, imprenditoriale culturale ed ecclesiale.
SCALO VERONESE
Aeroporto-consumatori   <br/>partnership rinnovata

Aeroporto-consumatori
partnership rinnovata

Un rapporto di collaborazione e sinergia rinnovato nei termini per il grande successo che ha dato dal 2012, quando è stato istituito. L'Aeroporto di Verona e le Associazioni di consumatori scaligere ancora in partnership per portare lo scalo veronese sempre più in alto. Ascoltare le esigenze degli utenti e soprattutto far fronte alle problematiche è uno degli aspetti fondamentali sottolineati dal presidente Paolo Arena che ha mostrato i risultati del meticoloso lavoro svolto. Grazie al protocollo d'intesa, è stato raggiunto in questi anni un confronto preventivo per tutelare il consumatore. Su tutti il tema legato ai parcheggi... argomento spinoso fino a qualche tempo fa. Le tariffe sono state ridotte e la segnaletica è ben visibile e comprensibile. E' interesse dell'aeroporto infatti aumentare la qualità del servizio in sintonia con gli utenti. Le associazioni dei consumatori parteciperanno alla verifica trimestrale delle eventuali segnalazioni e reclami. Nell'ultimo anno sono state riscontrate soltanto cinque criticità sempre legate ai parcheggi ma nel complesso il lavoro svolto è più che soddisfacente. La sinergia dunque rinnovato per un anno ha l'obiettivo di eliminare del tutto incomprensioni e problemi tra utenti e l'aeroporto per rendere lo scalo veronese sempre più vicino all'eccellenza.
DI RITORNO DALLA NAZIONALE
LAZAROS E MORAS      <br/>DI NUOVO IN GRUPPO

LAZAROS E MORAS
DI NUOVO IN GRUPPO

Lazaros e Moras sono tornati dalla nazionale e sono di nuovo in gruppo a Peschiera. Mandorlini così ha a disposizione l'intera rosa ad eccezione di Sala e Sorensen che stanno recuperando dai rispettivi infortuni.
TEST MATCH RUGBY
Tutto è pronto per   <br/>Italia-Sudafrica

Tutto è pronto per
Italia-Sudafrica

Jacques Brunel, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Rugby, ha annunciato oggi la formazione che scenderà in campo sabato allo Stadio “Euganeo” di Padova contro il Sudafrica nel terzo ed ultimo Cariparma Test Match dell’autunno 2014.Il calcio d’inizio dell’incontro è fissato alle ore 15.00, con diretta DMax (canale 52 del digitale terrestre, Sky canale 136-137, TivùSat canale 28) dalle ore 14.30 con il pre-partita “Rugby Social Club” condotto da Daniele Piervincenzi.Il CT dell’Italrugby, dopo il successo contro Samoa e la sconfitta con l’Argentina, conferma ancora il blocco protagonista delle prime due uscite di stagione ed apporta una sola modifica al XV titolare rispetto alla gara di venerdì a Genova contro i Pumas: con Simone Favaro fermato da un lieve risentimento muscolare al collo accusato in allenamento la maglia numero sette va al terza linea delle Zebre Samuela Vunisa, al proprio esordio in Nazionale. Nessun cambio nemmeno in panchina, dove Brunel punta come sempre sulla formula con cinque avanti, una mediana alternativa ed un utility back.A Padova va in scena il dodicesimo scontro diretto tra Azzurri e Springboks, sempre vincenti nelle undici precedenti sfide: l’ultimo test-match, l’8 giugno 2013 a Durban, ha visto la vittoria sudafricana per 44-10.Arbitra il francese Garces che ha diretto l’Italia in tre occasioni, tutte nel 2012.Questa la formazione dell’Italia:15 Andrea MASI (London Wasps, 86 caps)14 Leonardo SARTO (Zebre Rugby, 9 caps)*13 Michele CAMPAGNARO (Benetton Treviso, 11 caps)*12 Luca MORISI (Benetton Treviso, 8 caps)*11 Luke MCLEAN (Sale Sharks, 62 caps)10 Kelly HAIMONA (Zebre Rugby, 2 caps)9 Edoardo GORI (Benetton Treviso, 36 caps)*8 Sergio PARISSE (Stade Francais, 107 caps) - capitano7 Samuela VUNISA (Zebre Rugby, esordiente)6 Alessandro ZANNI (Benetton Treviso, 85 caps)5 Joshua FURNO (Newcastle Falcons, 22 caps)*4 Quintin GELDENHUYS (Zebre Rugby, 51 caps)3 Martin CASTROGIOVANNI (Toulon RC, 106 caps)2 Leonardo GHIRALDINI (Leicester Tigers, 69 caps)1 Matias AGUERO (Zebre Rugby, 28 caps)A disposizione16 Andrea MANICI (Zebre Rugby, 5 caps)17 Alberto DE MARCHI (Sale Sharks, 22 caps)18 Dario CHISTOLINI (Zebre Rugby, 4 caps)19 Marco BORTOLAMI (Zebre Rugby, 109 caps)20 Francesco MINTO (Benetton Treviso, 10 caps)21 Guglielmo PALAZZANI (Zebre Rugby, 4 caps)22 Luciano ORQUERA (Zebre Rugby, 45 caps)23 Giulio TONIOLATTI (Zebre Rugby, 14 caps)
AMICHEVOLE A RIO
Padova batte Ponte San    <br/>Nicolò 7-1 a Rio

Padova batte Ponte San
Nicolò 7-1 a Rio

Il Padova si aggiudica con il punteggio di 7-1 l'amichevole disputata oggi a Rio contro la locale squadra dilettanti del Ponte San Nicolò Polverara che si è perfino concessa il lusso di passare in vantaggio per prima con Kordoni dopo pochi minuti. Il pareggio è arrivato poi a metà tempo con Bruzzi che ha ribadito in rete da pochi passi il pallone stampato sulla traversa da Ferretti. Sempre Ferretti ha poi realizzato il 2-1 in chiusura di frazione trasformando il calcio di rigore da lui stesso procurato. Nella ripresa gli altri gol sono stati segnati da Bragagnolo (3-1), ancora da Ferretti, sempre su calcio di rigore (4-1), da Petrilli, ancora una volta dagli undici metri (5-1) da Dionisi di testa (6-1) e da Pittarello (7-1), per la quarta volta su massima punizione. La formazione. PADOVA (4-2-3-1): Cicioni; Bragagnolo, Dionisi, Thomassen, Russo; Bedin, Mattin; Bruzzi, Pittarello, Petrilli; Ferretti. Nella ripresa sono entrati Montinaro, Formigoni, Denè, Vanzato). All. Parlato. (Fonte padovagoal.it)
CENA ANNUALE CLUB
A Conselve grande festa   <br/>in memoria di Piermario

A Conselve grande festa
in memoria di Piermario

Sono due anni che il club Conselve biancoscudata dedica la tradizionale cena annuale alla memoria di Piermario Morosini, lo sfortunato calciatore morto in campo a soli 25 anni a causa di un problema cardiaco. Morosini in quel maledetto 14 aprile 2012 vestiva la maglia del Livorno, ma nel campionato 2009-2010 passò 6 mesi per Padova onorando alla grande fino alla salvezza ai playout con la Triestina il suo impegno con il Biancoscudo. Una parentesi breve nella città del Santo che però lasciò un segno importante nei tifosi, per quel suo sorriso sempre spontaneo, per quel carattere forte ma allo stesso tempo dolcissimo, che nascondeva una vita difficile e di certo non lasciava presagire una scomparsa così prematura e ingiusta. Proprio il sorriso di Piermario è stato ricordato come prima cosa l'altra sera, al centro sociale Peraro, dal presidente del club Matteo Bagatella, che ha ricordato anche Giulio Piva, un ragazzo scomparso l'anno scorso per la stessa patologia di Piermario. Tante le emozioni, tantissimi i ricordi, celebrati anche attraverso le parole del parroco di Conselve, ma immensa anche l'allegria che ha caratterizzato la serata cui hanno partecipato ben sei giocatori della Biancoscudati Padova più l'allenatore Carmine Parlato e il vicepresidente Edoardo Bonetto. Matteo Dionisi, Matteo Nichele, Nicola Segato, El Rulo Ferretti, Christian Tiboni, Davide Sentinelli si sono mescolati tra i tifosi riservando loro affetto, foto insieme, autografi e tanti tanti sorrisi. Erano anni che non si creava un rapporto così diretto e speciale con la squadra, che non si riusciva a scherzare così spontaneamente con i giocatori. Dall'antipasto al taglio della torta è stato tutto un condividere gioia. I biancoscudati sono stati invitati a lasciare il proprio nome scritto sullo striscione del club e sono stati omaggiati con una bottiglia di vino, prima di partecipare all'allegra lotteria finale i cui proventi sono stati destinati alla costruzione di una scuola in Kenia. Lotteria che ha visto come premi principali una maglia di Sentinelli e una maglia di Tiboni, regalate al club dai due giocatori. Stasera al Tg Biancoscudato di Telenuovo il servizio relativo alla festa nelle due edizioni delle 20.55 e 23.55.
SERIE A
VERONA-FIORENTINA     <br/>ARBITRA DI BELLO

VERONA-FIORENTINA
ARBITRA DI BELLO

Sarà Di Bello l'arbitro di Verona-Fiorentina (domenica, ore 15, stadio Bentegodi).Queste le altre designazioniAtalanta-Roma Sabato 22/11 H.18.00MassaDi Fiore - La RoccaIv: CariolatoAdd1: RussoAdd2: CandussioCesena-Sampdoria GervasoniStefani - FioritoIv: Di LiberatoreAdd1: PeruzzoAdd2: MarescaGenoa-Palermo Lunedì 24/11 H.20.45FabbriPetrella - VivenziIv: IoriAdd1: OrsatoAdd2: NascaHellas Verona-FiorentinaDi BelloLongo - PosadoIv: TonoliniAdd1: DoveriAdd2: PasquaLazio-Juventus Sabato 22/11 H.20.45DamatoPadovan - BianchiIv: MusolinoAdd1: TagliaventoAdd2: IrratiMilan-Inter H.20.45GuidaNicoletti-MarzaloniIv: MeliAdd1: BantiAdd2: ValeriNapoli-Cagliari TommasiFaverani - PaganessiIv: PegorinAdd1: MazzoleniAdd2: Di PaoloParma-Empoli GiacomelliPasseri - StalloneIv: VuotoAdd1: CalvareseAdd2: ManganielloTorino-Sassuolo H.12.30RizzoliGiallatini - TolfoIv: TassoAdd1: MarianiAdd2: La PennaUdinese-Chievo VeronaCervelleraRanghetti - BarbiratiIv: PretiAdd1: RocchiAdd2: Pezzuto
SCUOLA & LAVORO
Job&Orienta, in Fiera    <br/>assalto di giovani

Job&Orienta, in Fiera
assalto di giovani

Migliaia di giovani hanno affollato fin dal giorno di apertura la 24/a edizione di "Job&Orienta", il salone nazionale dell'orientamento, la scuola la formazione e il lavoro ospitato fino a sabato 22 novembre alla Fiera di Verona. Ragazzi e ragazze che che stanno sperimentando percorsi di alternanza scuola-lavoro negli istituti secondari superiori, studenti che hanno concluso un biennio di Istituto tecnico in settori trainanti del made in Italy, o in altri segmenti di mercati innovativi come l'efficienza energetica o la mobilità sostenibile, e poi hanno trovato occupazione nell'azienda dove avevano svolto il loro stage. E ancora giovani che coniugano cultura digitale, saper fare e creatività, o coetanei che hanno scelto di avviare un'impresa e giovani "digitalizzatori" che sviluppano nuove idee aiutando altre generazioni di imprenditori ad essere più competitivi. Sono solo alcuni dei protagonisti di questa edizione della rassegna veronese, sulla quale fa da sfondo la conclusione, ormai prossima, dell'esame sul "Jobs act" alla Camera e la chiusura delle consultazioni sul rapporto "La buona scuola", ma anche il Programma Garanzia Giovani, che in Italia ha il compito di tradurre il piano europeo per la lotta alla disoccupazione giovanile ed ora si avvia a restituire i primi risultati sui territori."Veronafiere - ha spiegato il vicepresidente Damiano Berzacola durante la cerimonia d'inaugurazione - investe molto in questo settore; noi vorremmo essere un po' la bussola per i nostri studenti, ma al tempo stesso essere catalizzatore e quindi mettere assieme i veri attori di questo comparto". "Sappiamo - ha concluso - che il periodo non è dei migliori, ma con questa iniziativa cerchiamo di dare una risposta ai nostri giovani"."E' un momento difficile, difficilissimo - ha detto l'assessore alle Politiche del lavoro del Veneto, Elena Donazzan -, però Job&Orienta è diventato anche una specie di contenitore dove raccontare le buone esperienze, le buone realtà". "Noi raccontiamo - ha aggiunto - ciò che di straordinariamente grande accade nelle scuole, tra la scuola e il mondo del lavoro. Abbiamo scuole eccellenti, abbiamo ragazzi che riescono a vincere premi internazionali di cui purtroppo poco si parla. Questa è l'Italia che vogliamo".L'edizione 2014 di Job&Orienta è intitolata "Garanzia futuro: imparare lavorando", l'obiettivo principale della manifestazione resta quello di favorire il dialogo tra il mondo della scuola e quello del lavoro, promuovendo le progettualità e gli strumenti concreti per un orientamento più efficace alle scelte formative e professionali del giovani, ma al tempo stesso punta a valorizzare le migliori esperienze nazionali di alternanza scuola-lavoro."Il primo sentimento - ha dichiarato il rettore dell'Università di Verona, Nicola Sartor - è di gioia nel vedere tanti giovani con voglia di fare, così entusiasti. Indubbiamente la situazione è molto critica, anche se meno rispetto ad altre parti d'Italia". "L'aspetto fondamentale - ha continuato - è che ci sia determinazione nell'affrontare il mercato del lavoro, che ci sia la disponibilità e la duttiilità, magari a non impuntarsi a fare un percorso che si ambiva a seguire e cogliere ogni spazio in cui si offrono possibilità. Perché una volta entrati sono sicuro, con impegno e anche immaginazione, che si possono aprire nuove prospettive".Nei tre giorni di rassegna sono in calendario 150 tra convegni, dibattiti., workshop, con l'intervento di oltre 300 relatori. Sono invece 500 le realtà presenti nella rassegna espositiva, suddivisa in due aree tematiche: Istruzione e Università, formazione, lavoro.
PUGNO DI FERRO
Derubava i pazienti    <br/>Sette anni di carcere

Derubava i pazienti
Sette anni di carcere

Sette anni di carcere e nessuno sconto al ladro 43enne che derubava i pazienti ricoverati in ospedale. Approffitava infatti assieme al complice della momentanea assenza nelle stanze dei degenti per appropriarsi di portafogli, bancomat e contanti che poi venivano trasferiti su carte prepagate. Una vicenda che ha coinvolto non solo Verona ma anche altre città del Veneto fino all'Emilia Romagna. A nulla è valsa la lettera dell'imputato che ha spiegato di aver agito per necessità rendendosi conto della gravità del fatto.
L'Opinione
ON AIR
20.11.2014
TgVeneto
ON AIR
21.11.2014
Rosso & Nero
ON AIR
21.11.2014
Padova in Diretta
ON AIR
20.11.2014
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
16.11.2014
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
16.11.2014
Vighini Show
ON AIR
20.11.2014
Alè Verona
ON AIR
10.11.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
17.11.2014
Alé Padova
ON AIR
17.11.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
30.10.2014

Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di tgverona.it

i nuovissimi di tgpadova.it

Palinsesto