• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TUTTOCALCIO PADOVA

    Segui la serie B

    Segue in diretta le gare elle due formazioni padovane impegnate nel campionato cadetto durante i 90 minuti di gara e nel dopo-partita. Commenti, interviste, sintesi dlele gare

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Il sabato pomeriggio c'è una lungra trasmissione il cui fiore all'occhiello è la partita in diretta della primavera. Ma non solo, anche la conferenza di Mandorlini e le ultime in vista della partita del Verona

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGGIALLOBLU LIVE

    Alle 19.30 LIVE, alle 21 nel TgVerona

    Dal 2001 Vighini, Fioravanti e Betteghella conducono il TgGialloblù. Quest'anno una novità: edizione LIVE in diretta dalle 19.30 e SMART all'interno del TgVerona alle 21:00 e 24:30.

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra

Numero Verde Telenuovo

TGVERONA
23.04.2014
TGGIALLOBLÙ
23.04.2014
TGPADOVA
23.04.2014
TGBIANCOSCUDATO
23.04.2014
IL DS IN ARGENTINA
VILLALBA OSSERVATO    <br/>DA SOGLIANO

VILLALBA OSSERVATO
DA SOGLIANO

Sean Sogliano assisterà stanotte (ore 3 italiana, ore 21 in Argentina) a San Lorenzo-Gremio di Coppa Libertadores. Il ds del Verona, partito per l'Argentina sabato scorso, subito dopo la vittoria del Verona contro l'Atalanta osserverà Villalba, il talento sudamericano che piace al Verona (ma non solo). Villalba ha una clausola rescissoria di tre milioni e mezzo di euro. Stasera potrebbe essere la gara decisiva per convincere Sogliano a intavolare una trattativa.
FURTO
Rubano in un camper,  <br/>arrestati due marocchini

Rubano in un camper,
arrestati due marocchini

Due magrebini di 35 e 33 anni, uno tunisino e l’altro marocchino, quest’ultimo senza fissa dimora, entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine poiché responsabili di altri numerosi episodi delittuosi, sono stati arrestati alle 02,20 di questa notte dagli agenti delle Volanti che li hanno sorpresi mentre rovistavano l’interno di un camper, regolarmente parcheggiato in via Bodoni, (quartiere Borgo Venezia), dopo averne sfondato l’oblò presente sul tetto del mezzo stesso.A sollecitare l’intervento della Polizia una cittadina residente nei dintorni che, svegliata dal fragore dei vetri infranti, si è affacciata alla finestra e da qui aveva modo di vedere che i due ladruncoli si stavano calando all’interno del camper accedendovi dall’oblò mandato in frantumi.Ed è così che ha chiamato il 113 consentendo alla pattuglia della volante di zona di raggiungere il luogo del furto in maniera tempestiva, tant’è che i poliziotti sorprendevano il duetto di ladri mentre rovistavano l’abitacolo del mezzo in questione.Subito sono scattate le manette ai loro polsi che questa mattina sono comparsi dinanzi all’A.G.; dopo la convalida dell’arresto il giudice ha disposto nei confronti del : - tunisino la condanna a mesi 4 di reclusione ed euro 300,00 di multa, pena sospesa, - marocchino la condanna a mesi sei di reclusione ed euro 450,00 di multa, pena da scontare in carcere.
POLEMICA
Traverso: Anti-bivacco  <br/>e spirito cristiano

Traverso: Anti-bivacco
e spirito cristiano

Anche Elena Traverso di Forza Italia critica l'ordinanza anti-bivacco firmata ieri dal sindaco di Verona, Flavio Tosi."A inizio del secolo scorso - scrive Traverso - San Giovanni Calabria fondava a Verona l'Opera Don Calabria, al fine di aiutare i bambini poveri ed insegnare loro un lavoro. Nella nostra città, tra 800 e 900 sono nate e cresciute innumerevoli opere sociali ed assistenziali ispirate al messaggio cristiano, fondato sul Vangelo. Verona è la città di Don Nicola Mazza, maestro di San Daniele Comboni, quella di Santa Maddalena di Canossa, di San Gaspare Bertoni, fondatore dei missionari Stimmatini. E' la città che ha visto una Chiesa cattolica sempre attiva e presente nel promuovere attività formative e caritatevoli rivolte alle persone più deboli e svantaggiate, con la Caritas in prima fila anche in collaborazione con le istituzioni civili e con realtà laiche di solidarietà. "Poco più di cento anni dopo - continua Elena Traverso -, in un contesto di grande crisi economica e di malessere sociale, sempre nella nostra bella città il Sindaco firma un'ordinanza in cui sostanzialmente multa chi, in alcune zone del Centro Storico, somministra cibo ai senzatetto. La "ratio" del provvedimento parrebbe essere la richiesta di decoro proveniente da abitanti e negozianti dei luoghi menzionati nonchè un'esaustiva relazione effettuata dal corpo di Polizia Municipale. Il decoro sopra ogni cosa, la povertà vista come un fastidio da nascondere dalle piazze frequentate dai turisti". "Da cittadina veronese che si occupa di politica da molti anni ed ha modo ogni giorno di toccare con mano il disagio che questa enorme crisi economica sta recando nelle nostre famiglie io non posso che pormi delle domande. Che razza di città stiamo diventando? Siamo davvero degni delle figure che ho citato sopra? Verona è stata per secoli esempio di solidarietà e carità e tuttora molteplici sono gli enti, laici e cristiani, che si occupano di aiutare i bisognosi. L'ordinanza firmata da Flavio Tosi va contro la storia della nostra città, contro il tessuto solidale e caritatevole che la compone e contro il sentimento, mi auguro, della maggioranza dei veronesi. Ed in quest'ottica ancora più male fa l'immagine a cui abbiamo assistito solo pochi mesi fa, durante la Santa Veglia della notte di Natale, svoltasi in Cattedrale. Al termine della Messa il nostro Vescovo ha invitato il Sindaco a dire qualche parola ai fedeli accorsi per festeggiare la nascita del Cristo. Qualcuno allora lamentò questo gesto come fortemente inopportuno, oggi, alla luce delle ultime vicende, io non posso che chiedermi se al netto di ogni polemica politica questa ordinanza possa o meno rappresentare il messaggio cristiano insito nel Natale" conclude Traverso.
POLEMICA
Ordinanza senza tetto,  <br/>Tsipras: E' indegno

Ordinanza senza tetto,
Tsipras: E' indegno

"E' un atto di indegnità trattare le vittime di una società ingiusta come se fossero dei topi da scacciare dalle cantine". Il Comitato Tsipras Verona attacca l'ordinanza del sindaco Tosi che vieta di distriubuire cibo ai senza tetto nelle piazze del centro storico."Quelli che sono senza casa, quelli che hanno fame, quelli che non possono aver accesso all'acqua potabile, alla toilette, sono vittime di una società e di una città ingiusta. Non sono dei delinquenti, sono degli esseri umani scartati da un'economia che guarda solo all'arricchimento dei pochi" prosegue Tsipras che aggiunge: "Invece di inviare le forze dell'ordine, gli amministratori del Comune di Verona dovrebbero attivare gli operatori dei servizi di assistenza per sostenere i senza fissa dimora, esseri umani e non avanzi"."Invitiamo le Chiese Cristiane, le Comunità delle differenti tradizioni religiose presenti nel territorio di Verona di dissociarsi pubblicamente da tanto degrado culturale e morale. Invitiamo tutte le Associazioni che si battono per il rispetto dei diritti sanciti nella Costituzione Italiana a esprimere la loro indignazione attivando una mail bombing indirizzata al Sindaco, alla Giunta e ai membri del Consiglio Comunale di Verona. Ci vedremo tutti all' Arena di Pace” il 25 aprile. Non restiamo passivi" conclude la nota del Comitato Tsipras.
SCARCERAZIONE
Secessionisti, fuori     <br/>anche Badii e il marito

Secessionisti, fuori
anche Badii e il marito

All'indomani della visita a Montorio del segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, oggi altri due presunti secessionisti sono usciti dal carcere.Patrizia Badii ha ottenuto dal Tribunale del riesame di brescia di tornare completamente libera ed ha fatto ritorno nella sua casa alle Golosine.Per il marito Luca Vangelista, che è accusato anche di avere partecipato alla costruzione del "tanko", invece il giudice ha disposto la misura dei domiciliari."Già ieri nell'udienza del riesame la signora Badii mi era apparsa più tranquilla - spiega il suo legale, Stefano Marchesini - perché sentiva nell'aria la notizia della scarcerazione". La donna, aggiunge l'avvocato, "resta comunque convinta delle proprie battaglie, sempre pacifiche".
SPORT
Sofia, bella e vincente   <br/>E ora le Paralimpiadi

Sofia, bella e vincente
E ora le Paralimpiadi

Sofia Righetti orgoglio dello sport veronese. Così oggi il presidente della Provincia Giovanni Miozzi nel rendere omaggio alla campionessa di Negrar, medaglia d'oro in slalom gigante nel campionati italiani fisip di sci alpino. Venticinque anni, di Negrar, Sofia nei campionati appena terminati a Prato Nevoso, oltre all'oro ha vinto anche un argento nello slalom speciale ed è arrivata al terzo posto nella classifica assoluta.La storia di Sofia, privata dell'uso delle gambe quando aveva solo 5 anni a causa di un errore chirurgico, è la storia di una ragazza tenace, che ha saputo andare oltre alla propria disabilità realizzandosi come atleta e come donna. Fa la modella, ha un sorriso che colpisce, si arrabbia solo quando deve superare gli ostacoli più odiosi, quelli rappresentati delle barriere architettoniche: "Purtroppo l'handicap non sta nelle persone ma nell'ambiente in cui tutti ci muoviamo, che non sempre è adeguato ad accogliere tutti i cittadini. Non dovrebbero esserci differenze tra i cittadini, non è una questione di sensibilità ma di giustizia". Alla carriera sportiva di Sofia, dopo l'oro agli italiani, manca l'ultimo tassello. Il più importante, da ottenere però non solo con il grande impegno dimostrato sinora ma anche con l'aiuto di uno sponsor: "Il sogno è di poter partecipare alle Paralimpiadi. Purtroppo la Federazione a livello economico non è in grado di supportare gli atleti e se sono arrivata ad ottenere questi risultati è per il grande sforzo economico che ha fatto la mia famiglia e per l'aiuto di alcuni sponsor privati. Pensate che io sono di Negrar ma quattro volte alla settimana in inverno mi alleno a Folgaria dove ci sono i miei maestri, Stefano Carbone e Mauro Bernardi" spiega Sofia "e purtroppo è una spesa. L'attrezzo che uso costa circa seimila euro, una trasferta per le gare sei settecento euro. Finora mi hanno aiutato anche degli sponsor privati ma il prossimo anno ho intenzione di prendere punti e di partecipare ad alcune gare all'estero e servirà l'aiuto di uno sponsor. Spero veronese".
PADOVA CALCIO
Bari, Sciaudone: 'Padova  <br/>ti faccio male ancora'

Bari, Sciaudone: 'Padova
ti faccio male ancora'

Proprio a Padova, l'anno scorso, Daniele Sciaudone segnò la sua prima rete in serie B. Oggi, Sciaudone, mediano del Bari, è un calciatore più maturo con quattro reti all'attivo ma con la voglia di non fermarsi e dare il suo contributo ai pugliesi. 'Difficile dimenticare il primo gol in questa categoria - confessa in conferenza stampa - ora però è tutta un'altra storia. Abbiamo messo alle spalle la sconfitta con il Latina e pensiamo solo al Padova. Sappiamo che sarà una partita difficile ma c'è la rabbia giusta per fare bene. Se poi dovesse arrivare un'altra mia rete sarebbe fantastico'.PLAYOFF E DIFFICOLTA' SOCIETARIA. 'Non ci nascondiamo - continua il centrocampista avversario del Padova - non vogliamo permettere a delle nostre inseguitrici di riaprire la corsa salvezza. Dobbiamo portare a casa punti da uno scontro che ritengo uno spareggio'. Un ultima battuta anche sull'asta per la vendita della società pugliese andata in fumo. 'Non ci aspettavamo nulla. Siamo fiduciosi che tutto possa finire al meglio. Bari è una piazza importante con una tifoseria che merita molto. Aspettiamo come tutti quanti'.fonte: ufficio stampa Bari.
CLASSICHE DEL NORD
Freccia, Cunego cade  <br/>a 2 km dal traguardo

Freccia, Cunego cade
a 2 km dal traguardo

La fortuna non aiuta Damiano Cunego alla Freccia Vallone, secondo appuntamento del Trittico del Nord. Lo scalatore veronese infatti è caduto a due chilometri dal traguardo ormai in prossimità del decisivo terzo passaggio sul muro di Huy. Il capitano della Lampre Merida aveva corso con grande attenzione fino a quel momento risultando uno dei più pimpanti nella testa del gruppo. L'attenzione adesso è tutta rivolta alla Liegi-Bastogne-Liegi di domenica. La vittoria è andata allo spagnolo Alejandro Valverde.
IL NOSTRO SONDAGGIO
IL PIU' FORTE ULTIMI 20?    <br/>PER I LETTORI E' ITURBE

IL PIU' FORTE ULTIMI 20?
PER I LETTORI E' ITURBE

I confronti sono sempre difficili. Ma nel calcio sono uno dei giochi più affascinanti. Così abbiamo chiesto ai lettori di Tggialloblu.it di indicare chi secondo loro è stato il più forte giocatore degli ultimi 20 anni. La rosa comprende (il sondaggio lo trovate in home page) Mutu, Camoranesi, Toni, Iturbe e Morfeo. Ebbene, fino ad ora non c'è partita. Vince Iturbe a larga maggioranza. Secondo Luca Toni, cioè due giocatori del super Verona di Andrea Mandorlini.
GRANATA
Citta, per la salvezza   <br/>devi segnare di più

Citta, per la salvezza
devi segnare di più

Il peggior attacco della serie B: solo 32 reti segnate in 35 gare disputate. Una media di 0,91 gol a partita. Persino peggio della Juve Stabia, ultima in classifica: i campani hanno segnato 33 reti. Il problema del Cittadella sta tutto lì, nella capacità di concretizzare le occasioni create. Per ottenere punti, la squadra di Foscarini, nelle ultime gare, dovrà cercare di aumentare la media reti. Le ultime tre partite, tutte con risultati positivi, hanno portato 7 punti nelle tasche granata. Ma il Citta non ha mai segnato più di una rete. La squadra, così, ha dimostrato di saper soffrire, ma ha anche rischiato più volte di ritrovarsi con un pugno di mosche in mano. Foscarini sta mettendo mano anche ai meccanismi offensivi, senza però sbilanciare troppo la squadra: vista la solidità ritrovata nel reparto arretrato. Negli ultimi 9 posti, il Citta è la squadra che ha la miglior difesa assieme alla Ternana con 42 gol subiti. Il Novara, sopra di una posizione, ne ha incassati 47. Il Varese addirittura 51. Bisognerà mantenere la concentrazione necessaria per rimanere ai livelli delle ultime 4 gare, quando i granata hanno incassato solamente 2 gol: 0,5 a partita.
ORDINANZA
Tosi: Vietato dare cibo    <br/>ai senza tetto in centro

Tosi: Vietato dare cibo
ai senza tetto in centro

Il sindaco di Vertona Flavio Tosi ha firmato l’ordinanza che vieta di svolgere ogni attività di distribuzione di alimenti e bevande nelle aree di piazza Viviani, piazza Indipendenza ( compresa l’area dei giardini), cortile Mercato Vecchio, cortile del Tribunale e piazza dei Signori a partire da martedì 22 aprile, fino al 31 ottobre 2014. Le violazioni all’ordinanza sono punite con una sanzione compresa tra un minimo di 25 ed un massimo di 500 euro. “Come rilevato dalle relazioni della Polizia municipale e da numerose segnalazioni, anche fotografiche, dei residenti – spiega il Sindaco – queste aree sono divenute negli ultimi mesi ritrovo e zona di bivacco permanente di numerose persone senza fissa dimora, alcune note alle forze dell’ordine e già colpite da provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale. Nella zona è quindi aumentato in modo preoccupante il degrado urbano, con veri e propri accampamenti formati da materassi, resti di cibo, sporcizia ed un crescente pericolo igienico-sanitario dovuto ai bisogni fisiologici di coloro che bivaccano nelle ore serali e notturne. Alcune di queste zone - aggiunge il Sindaco - sono sottoposte a vincolo monumentale e paesaggistico, come i giardini di piazza Viviani, che rappresentano l’unica zona del centro dove i turisti possono sostare per consumare cibi d’asporto e che invece attualmente non è usufruibile a causa della permanenza di individui ubriachi che ostacolano la convivenza civile”. “A Palazzo della Ragione è in corso una mostra permanente che richiamerà migliaia di turisti anche dall’estero – continua il Sindaco – e ogni mattina gli accessi sono ostruiti per l’occupazione con bivacchi, senza contare che la permanenza serale e notturna, in media di oltre venti persone, crea particolare allarme sociale nella popolazione residente. In queste zone viene effettuata, da parte di associazioni e singoli privati, la distribuzione di cibi, bevande e coperte anche in periodi primaverili ed estivi, non connessi cioè all’emergenza freddo. Questa Amministrazione – conclude il Sindaco – ritiene fondamentale l’assistenza verso i più bisognosi, ma in un contesto di equilibrio con la civile convivenza, con il rispetto dei residenti e delle norme igienico-sanitarie. Per questo il Comune ha predisposto da tempo idonei locali per garantire una dignitosa somministrazione dei pasti e collabora attivamente con il privato sociale, laico e religioso, impegnato nel sostegno dei soggetti bisognosi”.
VERSO SAMP-CHIEVO
Samp appagata?  <br/>Mihajlovic non ci sta

Samp appagata?
Mihajlovic non ci sta

È iniziata anche per la Sampdoria la settimana che precede la sfida contro il Chievo. Prima novità, l’ormai consueto cambio di programma: la squadra nei prossimi giorni si allenerà sempre al mattino. Sinisa Mihajlovic sta recuperando praticamente tutti i suoi giocatori, escluso il convalescente Obiang. Palombo e Sestu sono già rientrati in gruppo, mentre Gabbiadini e Berardi hanno ancora svolto un programma differenziato. Osservato numero uno sarà Okaka che dopo la buona prova di Catania si candida per una maglia da titolare. L'allenatore blucerchiato dopo la battuta d'arresto di sabato ha chiesto alla squadra un pronto riscatto.
DOMENICA 27 APRILE
Maratona, ecco tutti gli     <br/>eventi del grande evento

Maratona, ecco tutti gli
eventi del grande evento

E’ partito il conto alla rovescia. Manca ormai pochissimo all’apertura dell’Expo in Prato della Valle. Da venerdì pomeriggio alle ore 15 il “villaggio” schiuderà le sue porte, inaugurando così i tre giorni di festa della Maratona S.Antonio 2014. Qui gli iscritti alla prova da 42,195 chilometri e alla mezza potranno ritirare il proprio pettorale e il proprio pacco gara. All’interno dell’Expo, che offre uno spazio espositivo di 1.500 metri quadrati interamente dedicato al mondo della corsa e dello sport, ci si potrà inoltre iscrivere alle Stracittadine da 1, 5 e 13 chilometri (mentre continua la vendita dei pettorali nei supermercati Alì e Alìper, con in omaggio la t-shirt ufficiale della manifestazione e l’attestato di partecipazione, ma soprattutto la sacca ristoro e l’assistenza tecnica e medica).Grazie alla vasta tipologia di prodotti e servizi offerti l’area espositiva registra ogni anno un grande afflusso di persone ed è arrivata a contare, nella scorsa edizione, circa 250.000 presenze tra appassionati podisti e semplici visitatori. Oltre all’area espositiva, l’Expo comprende lo stand gastronomico, dove, sino a domenica 27 aprile, podisti e non potranno assaggiare prodotti tipici padovani. Per tutta la giornata di domenica, in particolare, all’interno del settore “fun” dell’Expo Maratona, Alì allestisce un’area per i più piccoli all'insegna del fantasy con i personaggi dei film Disney più amati del momento. Truccabimbi, balli di gruppo, giochi di squadra, laboratori creativi e spettacoli di magia intratterranno i bambini mentre gli adulti corrono. All’interno dell’Isola Memmia la casetta Alì distribuirà inoltre gadget e palloncini.Da venerdì i maratoneti potranno sottoporsi a un servizio gratuito di misurazione della vista grazie alla collaborazione col “Gruppo Ottici Optometristi” Federottica di Ascom Padova, mentre sabato e domenica potranno partecipare liberamente a “Piccoli punti for Runners”, un’iniziativa di sensibilizzazione per la prevenzione del melanoma: a loro disposizione la possibilità di sottoporsi a una visita specialistica della pelle.Aprile è il “mese di attenzione sulla violenza ai bambini” e in Prato della Valle, domenica, ci saranno anche i volontari di Padova dell’associazione Telefono Azzurro, che parteciperanno con un proprio gazebo e prendendo parte alla parata d’onore (si svolgerà di fronte alla pedana delle autorità, davanti a Santa Giustina) in occasione delle Stracittadine. Ma sarà rappresentata anche l’associazione Telefono Amico, presente con una delegazione nel corteo di apertura e inoltre con un gazebo in Prato della Valle, attivo dalle 9 alle18. Presso il gazebo i volontari hanno organizzato attività per i più piccoli e momenti di condivisione dedicati al tema dell’ascolto per i più grandi: dalle 10 alle 13, in particolare, uno spettacolo di intrattenimento per grandi e soprattutto piccini con il “Magico Enrico” e “Fedora la maga che colora”: sculture di palloncini, magie e trucca-bimbi.Il programma delle attività:GIOVEDI’ 24 APRILE20.30 Corri x Padova: Partenza in Prato della Valle 21 “Maratona in…musica” all’Altaforum di Campodarsego (PD): concerto di bande musicali dei Comuni del Camposampierese, aperto alla cittadinanza VENERDI’ 25 APRILE10 - 20 “Gruppo Ottici Optometristi” - Federottica di ASCOM-Padova, in collaborazione con il Corso di Laurea in Ottica e Optometria dell’Università di Padova, sarà a disposizione degli atleti e dei visitatori con un servizio gratuito di misurazione dell’efficienza visiva - Isola Memmia Prato della Valle (PD) 15 - 20 Expo Maratona in Prato della Valle (PD)SABATO 26 APRILE10 - 20 Expo Maratona in Prato della Valle (PD) “Piccoli punti for Runners” - iniziativa di sensibilizzazione per la prevenzione del melanoma: a disposizione degli atleti iscritti alla Maratona una visita gratuita della pelle - Isola Memmia Prato della Valle (PD) “Gruppo Ottici Optometristi” - Isola Memmia Prato della Valle (PD) 11.30 Conferenza stampa di presentazione dei Top Runners – Caffe Pedrocchi (PD) 19 Santa Messa per i maratoneti e le loro famiglie nella Basilica di Sant’Antonio DOMENICA 27 APRILE8 - 17 Expo Maratona S.Antonio in Prato della Valle (PD) “Piccoli punti for runners" - Isola Memmia Prato della Valle (PD) “Gruppo Ottici Optometristi” - Isola Memmia Prato della Valle (PD) 8.30 Partenza Maratona S.Antonio gara paralimpica - Campodarsego (PD) 8.45 Partenza Maratona S.Antonio - Campodarsego (PD) 9.15 Partenza Stracittadine - Prato della Valle (PD) 10.30 Partenza Mezza Maratona - Camposampiero (PD) 11 Santa Messa nella Basilica di Sant'Antonio 11.30 Inizio Cerimonia di premiazione Maratona e Mezza Maratona - Prato della Valle (PD)
IL BOMBER
TONI, LA SUA NAZIONALE    <br/>ADESSO È L'HELLAS

TONI, LA SUA NAZIONALE
ADESSO È L'HELLAS

Prandelli non lo porterà. Ormai è chiaro. Il calcio è fatto di scelte e la scelta del ct della nazionale è di fare a meno di Luca Toni, 18 gol, recordman del Verona, 8 assist vincenti. Prandelli si prende una grossa responsabilità. È chiaro che Toni sarebbe utilissimo ad una nazionale che non ha trovato ricambi all'altezza. Prandelli porterà Cassano, un potenziale piantagrane, Destro (ma c'è il codice deontologico), Gilardino e forse il suo pupillo Pepito Rossi. Toni no. Anche se segna da quattro gare consecutive. Anche se non c' è nessuno come lui in nazionale, con la sua fisicità, il suo sorriso, la sua capacità di fare gruppo. Toni però non ha perso le motivazioni. Anzi: è sempre più determinato a diventare una "leggenda" del Verona. Almeno per un altro anno resterà qui. Nella sua "nazionale" gialloblù. Per stupire ancora...
PREVENDITA
Per Padova-Bari non c'è   <br/>l'ingresso a 1 euro

Per Padova-Bari non c'è
l'ingresso a 1 euro

Non ci sarà, in occasione della prossima partita casalinga del Padova, la promozione dell'ingresso allo stadio con 1 euro, proposta per diverse partite all'Euganeo nel recente passato. I biglietti in prevendita per la partita Padova-Bari di sabato 26 aprile (fischio d'inizio alle 15.00) possono essere acquistati nei punti vendita Ticketone, sul sito www.ticketone.it e in tutte le filiali della Cassa di Risparmio del Veneto (orario sportello) fino alle ore 12.00 di sabato 26 Aprile. Le biglietterie dello Stadio Euganeo apriranno il giorno della gara alle ore 13.30. Il Settore Ospiti è in vendita fino alle 19.00 di venerdì 25 Aprile presso i punti vendita Ticketone di tutta Italia, esclusivamente ai possessori di Tessera del Tifoso. Il Calcio Padova non aderisce al progetto "Porta un amico".Punti vendita TicketOne abilitati alla vendita dei biglietti di Padova-Bari:Coin Ticketstore - via Altinate 16/8 - Padova - Tel. 049/8364084Toto Abano - viale delle terme 87 - Abano Terme - Tel. 049/810665Tabaccheria Polizzotto - via Montà 157/C. Tel. 049/5219023. Email ricevitoriamonta@libero.itTotoricevitoria "Casa Fortuna" - via Bajardi 5 (presso Centro Commerciale "La Corte") - Tel. 049/8647805Lastminute Tour Vigonza c/o Centro Matrix Shop – Via Udine 3, - Vigonza (Padova) – Tel. 049/629171Per informazioni - 049/603665. Mail - info@padovacalcio.itseguici su Facebook |seguici su Twitter |Copyright © 2014 Calcio Padova SpA, All rights reserved.La vostra testata riceve questo comunicato perchè inserita nella mailing list del Calcio Padova.Questo comunicato è inviato da:Calcio Padovaviale Nereo Rocco 60Padova, Pd 35139 desidero cancellarmi dalla lista di invio dei comunicati
TRASFERTA ALL'OLIMPICO
La Curva Sud in     <br/>pullman a Roma

La Curva Sud in
pullman a Roma

La Curva Sud organizza la trasferta di Roma contro la Lazio in pullman. Per iscrizioni contattare il 340-5968142 oppure rivolgersi al Bar Bentegodi entro sabato 3 maggio.
GLI INFORTUNATI
ITURBE A RIPOSO     <br/>MA NON E' GRAVE

ITURBE A RIPOSO
MA NON E' GRAVE

Iturbe è rimasto a riposo precauzionale ma non è grave. La contusione alla caviglia non dovrebbe essere un problema. Con il Catania ci sarà.Per Donati, invece, la diagnosi sarà effettuata domani mattina dopo gli accertamenti diagnostici.Marques e Romulo hanno invece ripreso regolarmente.
SECESSIONISTI
Salvini a Montorio:     <br/>Stato incarcera le idee

Salvini a Montorio:
Stato incarcera le idee

E' ' durata circa un'ora la visita del segretario della Lega Matteo Salvini ai quattro presunti 'secessionisti' - Patrizia Badii e il marito Luca Vangelista, Elisabetta Adami e Maria Luisa Violati - detenuti nel carcere veronese di Montorio. "Ho incontrato - ha detto, uscendo dal carcere - una signora di 67 anni che vorrebbe stare a casa con i nipoti, un fabbro che vorrebbe tornare a lavorare 10 ore al giorno come ha sempre fatto, una donna che ha due figli e un'altra che da quando è in cella ha ripreso a fumare. Ecco, questi sono i pericolosi terroristi che questo Stato ha messo in galera con questa indagine". "Mia madre - ha aggiunto - ha anche lei 67 anni e proprio non ce la vedo nei panni di una terrorista che trama per sovvertire l'ordine democratico di uno Stato", indicando che la donna della stessa età detenuta spera solo di poter tornare presto a rialzarsi alle 4 del mattino per andare al lavoro. Per Salvini, queste "sono persone colpite da una carcerazione ingiusta: gente che pensa solo al proprio lavoro e alla famiglia e che sta pagando per colpe che non ha, solo per aver espresso le loro idee". Il segretario della lega ha quindi auspicato che il tribunale del riesame di Brescia si pronunci quanto prima anche nei loro confronti."Spero sia l'ultima volta che dobbiamo venire in carcere per portare solidarietà a persone ingiustamente detenute solo per aver espresso delle idee" aveva detto Salvini, entrando nel carcere di Montorio. "Questa - ha spiegato Salvini, accompagnato da Lorenzo Fontana e dal segretario provinciale Paolo Paternoster - è una battaglia per la libertà di parola. i sentimenti di indipendenza, di autonomia, vanno rispettati a prescindere da dove arrivano: Veneto, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Sardegna". Secondo Salvini, "c'è uno Stato che mette in galera le idee e incarcera queste persone che non hanno fatto male a nessuno e invece lascia liberi i teppisti che prendono a bottigliate la polizia. E' uno Stato ridicolo. L'indipendenza la si combatte con meno tasse e più aiuti ai comuni non con la galera". "E' uno Stato ridicolo - ha quindi aggiunto - che con lo svuota carceri fa uscire delinquenti, ladri, pedofili, rapinatori"; uno Stato che si fa invadere da decine di migliaia di immigrati "senza fare nulla e continua invece a tenere in carcere alcuni papà, alcune mamme, lavoratori che hanno il torto di sognare l'indipendenza". "Sarebbe ora - ha concluso, ricordando che la Lega ha seguito fin dall'inizio le sorti dei 'secessionisti' - che uscissero tutti, che lo Stato chiedesse loro scusa, che restituisse i 15 giorni rubati al loro lavoro e alle loro famiglie".
ALLENAMENTO
Il Chievo trema    <br/>Si ferma Paloschi

Il Chievo trema
Si ferma Paloschi

Non arrivano buone notizie nemmeno dal campo per Eugenio Corini. Alla ripresa infatti l'allenatore del Chievo non ha potuto contare su Dramè, Rubin e soprattutto Paloschi che ha svolto una seduta differenziata a causa di una contrattura muscolare. Corini spera di recuperare almeno uno dei due terzini per non dover ricorrere alla soluzione Frey a sinistra e soprattutto confida di poter schierare Paloschi al cento per cento per l'importante sfida di Genova.
PARLA IL CAPITANO
Cuffa: 'Pensiamo a   <br/>una partita alla volta'

Cuffa: 'Pensiamo a
una partita alla volta'

All'andata fu un suo gol a dare il la alla rimonta che portò al primo punto conquistato fuori casa dal Padova. Il Bari era avanti di due reti, l'argentino accorciò,Vantaggiato poi buttò dentro il 2-2. Matias Cuffa suonò la carica allora e la sta suonando anche adesso che il Padova si sta giocando la salvezza e non può più sbagliare un colpo. "La squadra sta dimostrando di cercare di dare tutto ed è questa la nostra forza - ha commentato Cuffa oggi a Bresseo - Queste sette partite che mancano sono importantissime, non possiamo perdere terreno e dobbiamo fare punti il più possibile". Difficile guardare più in là della prossima partita. L'obiettivo per ora raggiungibile è quello di agganciare i playout e dunque di superare il Cittadella e rimanere a non oltre quattro punti dal Novara. La speranza è invece quella che qualcuna delle squadre che stanno sopra perda terreno e finisca col rimanere risucchiata dalla zona retrocessione. "Chiaramente ora ce la giochiamo con Novara e Cittadella per i playout ma nemmeno le altre possono stare tranquille. Basta sbagliare una o due partite e si rischia di finire dentro il calderone". Sette partite alla conclusione del cammino, sette finali per il Padova che, per non morire, deve portare a casa il massimo da ogni gara e non abbassare mai la guardia.
SANTO
Maratona, ecco i grandi    <br/>favoriti di domenica

Maratona, ecco i grandi
favoriti di domenica

Nessuno, in campo maschile, è mai riuscito a ripetersi, in Prato della Valle. Che sia lui il primo? Il brasiliano Paulo Roberto Paula, vincitore dell’edizione 2013 della Maratona S.Antonio, domenica 27 aprile sarà per forza di cose l’uomo da battere sulla strada che da Campodarsego porta a Padova. D’altra parte, questa gara è nel suo destino: nel 2012, grazie alla medaglia di bronzo vinta qui (con il suo primato personale: 2 ore 10’23”) è stato selezionato per partecipare ai Giochi Olimpici di Londra, chiusi all’ottavo posto davanti all’azzurro Ruggero Pertile. Un anno dopo è tornato alla Maratona S.Antonio, con cui aveva un debito di riconoscenza, e si è comportato ancora meglio tagliando il traguardo per primo in 2 ore e 13’00, sotto la pioggia, con una strepitosa rimonta negli ultimi cinque chilometri.Stavolta dovrà guardarsi da un connazionale, Franck Caldeira de Almeida, che a Londra 2012 difese con lui i colori della seleção e che in carriera si è imposto nelle maratone di San Paolo, Rio de Janeiro e Recife, forte di un primato personale di 2 ore 12’03”. Caldeira è il più giovane di sette fratelli e nell’atletica ha cercato una via per emergere, tanto che oggi, nell’home page del suo sito, scrive una frase che rende bene il suo spirito combattivo: “Per arrivare dove sono ho dovuto uccidere un leone al giorno”. Ovviamente nell’elenco dei favoriti non possono mancare gli specialisti keniani, storicamente dominatori della specialità a livello internazionale. A Padova ci saranno il ventottenne Eliud Magut, un personale di 2 ore 10’31” siglato imponendosi a Cannes nel 2012, e Pharis Irungu Kimani, atleta dell’altipiano che, curiosamente, si esprime al meglio nelle gare del Nord, tanto da salire sul podio alle maratone di Munster, in Germania (dove ha realizzato il suo PB, 2 ore 12’04”), Riga, in Lettonia, Tallin, in Estonia, e Kassel, ancora in terra tedesca.Il ventinovenne Luca Campanella, invece, non è ancora salito su un podio internazionale ma chissà che non possa riuscirci a breve, anche perché il suo esordio, a novembre 2013 (2 ore 26’35”, a Torino) è stato promettente. Per ora è forse più noto come fidanzato di Emma Quaglia, tra le migliori maratonete azzurre in attività – Emma ha già fatto sapere che sarà a Padova a tifare per lui – ma ha tutta l’intenzione di affermarsi in prima persona, partendo proprio dalla Maratona S.Antonio.In campo femminile, occhi puntati sulla keniana Rose Chepchumba, già nazionale di cross del suo paese, seconda alla maratona di Rio de Janeiro 2013, un personale di 2 ore 35’13” sui 42 chilometri. Ma attenzione all’azzurra Fatna Maraoui, atleta di origini marocchine diventata italiana per amore e oggi residente a Biella. Fatna ha vestito più volte la maglia azzurra, l’ultima volta a marzo ai Mondiali di mezza maratona di Copenaghen, e gareggia per l’Esercito: forte di un personale di 2 ore 37’22” realizzato a Venezia, a Padova cerca la consacrazione in una maratona. Con loro anche Vera Nunes, miglior portoghese a New York 2013, e la slovena Lucija Krkoc, che torna su queste strade dopo il quinto posto del 2011.«E’ un cast in grado di garantire due gare combattute, sia tra gli uomini che tra le donne» spiega Giampaolo Urlando, responsabile tecnico dell’evento. «Siamo particolarmente contenti di aver riportato a Padova Roberto Paula, atleta molto legato alla nostra manifestazione. Anche grazie ai suoi risultati la Maratona S.Antonio si è accreditata presso la federazione brasiliana e in questi mesi parecchi manager del paese che ospiterà i prossimi Giochi olimpici hanno chiesto di poter inserire i loro atleti fra i top runners del nostro evento».E chissà che con tanti atleti di rilievo non possano scappare anche i nuovi record della corsa, migliorando le 2 ore 09’02 dell’etiope Aredo Toleda Tadese in campo maschile e le 2 ore 29’25” della keniana Florence Chepsoi in quello femminile, entrambi datati 2011.
L'Opinione
ON AIR
23.04.2014
TgVeneto
ON AIR
19.04.2014
Rosso & Nero
ON AIR
18.04.2014
Prima Serata
ON AIR
18.04.2014
Vighini Show
ON AIR
14.04.2014
Alè Verona
ON AIR
19.04.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
15.04.2014
Tuttocalcio Padova
ON AIR
17.04.2014
La Gran Torcolada
ON AIR
29.03.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
04.04.2014
Il Sindaco e la Città
ON AIR
09.04.2014

BPV MUTUOYOU

Promo palinsesto



auditeL MARZO 2014 telenuovo



Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di TgVerona.it

i nuovissimi di TgPadova.it

i nuovissimi di TgBiancoscudato.it.it

Palinsesto