• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

COLPO
Vigasio, rapina in banca     <br/>caccia a tre malviventi

Vigasio, rapina in banca
caccia a tre malviventi

Rapina questa mattina a Vigasio, in via Dante Alighieri. Alle 13, tre malviventi sono entrati con il volto coperto da passamontagna all’interno della filiale del Monte dei Paschi di Siena. Armati di taglierino, hanno minacciato i dipendenti dell’istituto di credito e sono quindi riusciti a farsi consegnare i soldi delle casse. Una volta ottenuto il denaro, in grande velocità, i delinquenti sono scappati a bordo di un’auto che nessuno è riuscito ad identificare. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che con la scientifica hanno effettuato i rilievi. Ancora in corso di valutazione il valore del bottino rubato.
SFIDA AL VERONA
Il Genoa di Gasperini e      <br/>quel marchio di fabbrica

Il Genoa di Gasperini e
quel marchio di fabbrica

Dopo il convincente pareggio contro la Roma, il Verona si appresta ad affrontare la prima trasferta della stagione a Genova contro i rossoblù allenati da Gasperini. Come ogni anno il Presidente Preziosi ha comprato e venduto tanto, nonostante i problemi finanziari che stanno impensierendo il club ligure (l'anno scorso il Genoa nonostante il sesto posto non andò in Europa League per la mancata concessione della licenza Uefa). Tra i nuovi acquisti spiccano gli esterni Diego Capel e Lazovic, il giovane difensore Munoz e il ritorno di Goran Pandev in Italia. Tra le cessioni più dolorose, ma remunerative, quelle di Iago Falque e Bertolacci. CRUIJFF E VAN GAAL. Solo una cosa al Genoa, sotto la gestione Gasperini, non cambia mai: Il 3-4-3, marchio di fabbrica del tecnico piemontese. In Italia è praticamente l'unico ad attuare questo sistema di gioco, utilizzato da grandi squadre nella storia del calcio come il Barcellona di Cruijff e l’Ajax di Van Gaal. E' un modulo altamente offensivo che poggia le sue basi sulle fasce: spesso anche i difensori centrali esterni (a turno) partecipano attivamente alla fase offensiva coadiuvando le ali di centrocampo e gli attaccanti esterni. Sulle corsie esterne, si deve sempre creare la superiorità numerica in grado di mandare in tilt le difese avversarie.E ITURBE? Per certi versi l'attenzione spasmodica alle fasce ricalca la filosofia di gioco di Mandorlini. E proprio un ex pupillo del tecnico ravennate potrebbe approdare in queste ore nella città della Lanterna: Juan Manuel Iturbe. Roma e Genoa sembrano vicine ad un'intesa per il trasferimento in prestito dell'argentino alla corte di Gasperini, quello che manca è l'ok del giocatore, che non appare ancora del tutto convinto. Se dovesse avvenire il trasferimento potrebbe anche riaffrontare la sua ex squadra già da domenica...L.V.
ALLARME
Scossa di terremoto  <br/>nell'alto Garda

Scossa di terremoto
nell'alto Garda

E’ stata di magnitudo 2.2 la scossa di terremoto avvertita questa notte nella zona dell’Alto Garda, tra Malcesine, Brenzone e Limone. A raccogliere il fenomeno è stata la stazione di San Zeno di Montagna. Non è comunque stato registrato alcun danno a cose o persone.
MIGRANTI
Immigrati, Zaia:Buonismo   <br/>ipocrita uccide migranti

Immigrati, Zaia:Buonismo
ipocrita uccide migranti

“Se non si vuole esserne complici, per bloccare la carneficina in atto bisogna bloccare i flussi, cominciando dal colpire le organizzazioni criminali che li gestiscono e affondando barconi e scafisti quando ancora non caricano persone. I buonismi ipocriti uccidono”.Con queste parole il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia interviene sulla crisi dell’immigrazione, dopo la notizia di altre decine di morti trovati in un Tir in Austria.“Tanto per cominciare – incalza Zaia – bisogna attaccare senza pietà i criminali che lucrano cifre immense su questo fenomeno. I modi, i mezzi e gli uomini per farlo ci sono: ce lo ha detto anche il Comandante delle Forze Navali Europee Ammiraglio Enrico Credendino in una interessante intervista pubblicata nei giorni scorsi. Bisogna anche – aggiunge il Governatore – buttare a mare le catastrofiche non strategie del Governo italiano, improntate ad un caotico e generico buonismo senza sostanza né organizzazione, e quelle di un’Unione Europea politicante, parolaia, immobile, razzista davvero nel suo immobilismo”.“Si stanno gettando al vento centinaia di milioni, miliardi di euro, in un’operazione di cosiddetto salvataggio che, in realtà, incentiva i criminali a organizzare partenze ormai di massa, con un sempre più lungo corollario di morti, senza dare a chi arriva e sopravvive alcuna prospettiva – dice Zaia - se non diventare fantasmi sui territori, in molti casi delinquendo e determinando in ogni modo tensioni sociali, problemi di sicurezza, difficoltà agli amministratori locali e comprensibile diffidenza nella gente”.“Caserme dismesse, la novità delle carceri inutilizzate, residence nelle località turistiche sono costosissime follie. I soldi, tanti, che ci sono su questa partita – insiste Zaia – vanno usati per creare campi profughi internazionali nel Nordafrica, in tutti i Paesi contermini all’area critica libica, ma se del caso anche lì, dove accogliere i migranti, riconoscerli davvero evitando che un immigrato violentatore arrestato in Veneto venga sì fotosegnalato a Lampedusa, ma dando per buono un improbabile nome che non avrebbe ingannato nemmeno un bambino; distinguere i profughi veri che fuggono da guerre e carestie dai migranti economici (che ad oggi sono i due terzi del totale) creando corridoi umanitari sicuri per i primi e respingendo da subito i secondi”.“Si faccia così – conclude il Governatore – e il Veneto sarà in prima linea per dare una mano. Se invece si continua con questa tragica farsa il nostro è e resterà un secco no”.
PARLA L'ATTACCANTE
Paloschi: Spero nella <br/>chiamata della Nazionale

Paloschi: Spero nella
chiamata della Nazionale

"Spero di far più gol possibili e di riuscire a migliorare il record che ho in serie A, cercare di far bene con il Chievo e migliorare anche dal punto di vista della prestazione. Le voci di mercato? Sinceramente io non so nulla, quello che so l'ho letto dai giornali. Io sono qui al Chievo per ripagare la fiducia della società, poi se un domani il Presidente si stuferà di me allora si vedrà". Così Alberto Paloschi intervenuto nella consueta conferenza di metà settimana. L'attaccante lombardo sogna sempre la maglia azzurra: "Domenica contro la Lazio speriamo di iniziare con il piede giusto, ripartendo dal secondo tempo di Empoli. Quando sono stato convocato dalla Nazionale per lo stage è stata una bella soddisfazione, sono stati tre giorni davvero importanti per me. Io spero sempre in una chiamata, ma devo fare bene qui con il Chievo e magari allora avrò qualche occasione in più".
PRESENTAZIONE
Il Padova si presenta   <br/>ad 'Appiani in festa'

Il Padova si presenta
ad 'Appiani in festa'

Roma, Londra, Tokyo, Singapore, tutti posti che me ga incantà, ma quando torno a Padova me sento a casa mia. I tifosi biancoscudati fanno partire le note della loro canzone preferita a fine serata cantandola a squarciagola tutti insieme. Sul palco dirigenti e giocatori la ascoltano, si emozionano, il presidente Bergamin e l'amministratore delegato Bonetto si uniscono al grande coro, qualcuno dei “vecchi” giocatori il ritornello ormai lo conosce e si mette a intonarlo, perché anche se non è nato a Padova sente che ormai questa città gli entrata nel cuore. Un grande cuore biancoscudato che ieri ha pulsato a mille, nella serata di “Appiani in festa” che gli ultras hanno voluto dedicata alla presentazione della squadra. Un'onda di entusiasmo, un grande abbraccio riservato a tutti i protagonisti del campionato di Lega Pro che prenderà via il prossimo 6 settembre. Un campionato in cui finalmente si tornerà a chiamarsi calcio Padova, col nome originale, motivo d'orgoglio per il presidente.La voce passionale e coinvolgente di Lady Helen chiama sul palco tutti, uno alla volta. Prima giocatori e staff della squadra di calcio a 5 e del team di calcio femminile, poi loro, i beniamini di tutti. Presidente, vicepresidente, amministratore delegato, allenatore, staff tecnico, giocatori. Per tutti c'è un applauso, poi partono i cori, quelli che accompagneranno ogni partita, dal primo a oltre il novantesimo. Quelli che daranno la carica in più ai giocatori che hanno garantito massimo impegno ogni maledetta domenica.Davanti a tanto affetto, l'amministratore delegato ha poi rinnovato il proprio appello ad abbonarsi. L'obiettivo è puntare almeno a quota 4.000.In alto i calici, il Padova sta per ripartire. E che l'Euganeo sia sempre una bolgia, trasformandosi nel dodicesimo uomo in campo, per quanto fatto l'anno scorso dopo la sparizione della vecchia società questa dirigenza e questi giocatori si meritano, da subito e per tutto il campionato, il massimo appoggio.
VERSO GENOVA
Il "Pazzo" in campo   <br/>o ancora tridente?

Il "Pazzo" in campo
o ancora tridente?

Domenica a Marassi il Verona affronterà il Genoa dopo la prima prova convincente contro la Roma. Con quale attacco si presenterà l'Hellas? Il consolidato tridente Jankovic-Toni-Gomez ha fatto benissimo alla prima al Bentegodi, soprattutto il serbo sta stupendo tutti per il suo rendimento: difficile vedere un cambiamento là davanti. Però dall'altra parte c'è Giampaolo Pazzini, fiore all'occhiello della sessione di mercato che ha firmato un contratto molto importante (quinquennale da più di un milione di euro a stagione): all'esordio è entrato negli ultimi minuti, a match in corso. A Genova si accomoderà di nuovo in panchina o giocherà in coppia con Toni e trequartista alle spalle? Non è da escludere, visto che non si affronta una big, vedere un 4-3-3 mascherato che si è utilizzato nelle amichevoli in ritiro. Con uno tra Gomez o Jankovic largo a sinistra, che in realtà va a formare un centrocampo a quattro con Sala largo a destra, e Pazzini a supporto di Toni.
CALENDARIO LEGA PRO
Padova a Reggio Emilia    <br/>e Cittadella-Cuneo

Padova a Reggio Emilia
e Cittadella-Cuneo

Biancoscudati in trasferta la prima giornata, il 6 settembre, contro la Reggiana: finale di girone impegnativo contro Bassano e Alessandria. Per il Cittadella l'esordio sarà al Tombolato contro il Cuneo. Il derby Cittadella-Padova alla sesta giornata.L'inizio del campionato è previsto per il 6 settembre 2015, ultima giornata 8 maggio 2016. Soste il 27 dicembre 2015, il 3 gennaio 2016 ed il 27 marzo 2016. Turno infrasettimanale il 24 marzo 2016. Playoff: primo turno solo andata 15 maggio, semifinali andata 22 maggio e ritorno 29 maggio, finali 5 giugno e 12 giugno. Playout: andata 21 maggio, ritorno 28 maggio. GIRONE A1° GIORNATA - 6 Settembre 2015Albinoleffe-Sud TirolAlessandria-FeralpiSalòBassano-CremoneseCittadella-CuneoGiana-LumezzaneMantova-RenatePavia-XPro Piacenza-PordenoneReggiana-Padova 2° GIORNATA - 13 SettembrePadova-Pro Piacenza3° GIORNATA - 20 SettembrePadova-Lumezzane4° Giornata 27 settembreFeralpiSalò-Padova5° Giornata 4 ottobrePadova-Sudtirol6° Giornata 11 ottobreCittadella-Padova7° Giornata 18 ottobreRenate-Padova8° Giornata 25 ottobrePadova-Mantova9° Giornata 1 novembrePavia-Padova10° Giornata 8 novembrePadova-Pordenone11° Giornata 15 novembreCremonese-Padova.12° Giornata 22 novembrePadova-Cuneo13° Giornata 29 novembreX-Padova14° Giornata 6 dicembrePadova-AlbinoLeffe15° Giornata 13 dicembreGiana Erminio-Padova 16° Giornata 20 dicembrePadova-Bassano Virtus17° Giornata 10 GennaioAlessandria-Padova
MORAS, DOPO IL DRAMMA
Dimitris, il mio angelo   <br/>Lo sento vicino a me

Dimitris, il mio angelo
Lo sento vicino a me

"Questo premio è per mio fratello. Lui è il mio angelo, è sempre con me. Sento che mi protegge". Sono le parole di Vangelis Moras, commosso dopo aver ricevuto il premio "Cangrande della Scala" solitamente riservato a cittadini veronesi. "Mi sento un po' più veronese anch'io" ha detto "ho sentito la vicinanza della città in un momento terribile. Abbiamo sempre avuto speranza, abbiamo trasmesso messaggi di positività perchè così voleva mio fratello. Purtroppo lui oggi non è più qui ma sto già lavorando in Grecia per la fondazione "Save Moras" per sensibilizzare sull'importanza della donazione del midollo osseo. Progetto che vorrei portare presto anche in Italia per diffondere ancora di più questa cultura. Si possono salvare le vite con un piccolo ma significativo gesto. Questa esperienza mi ha insegnato cosa sono le cose davvero importanti. Adesso vivrò tutto con meno stress ma tanta passione: voglio onorare ogni giorno mio fratello".
COLDIRETTI
Cinghiali e nutrie,   <br/>non c'è tempo da perdere

Cinghiali e nutrie,
non c'è tempo da perdere

"Finalmente una risposta ai nostri appelli e alle proteste di migliaia di agricoltori per le conseguenze della diffusione incontrollata di cinghiali in montagna e in collina e delle nutrie su tutto il territorio provinciale. Adesso però non c’è tempo da perdere e ci auguriamo che le azioni di contenimento partano il prima possibile senza altri impicci burocratici".Coldiretti commenta positivamente l’annunciata ripresa delle catture e degli abbattimenti dei cinghiali. Positive anche le linee guida emanate dalla Giunta regionale del Veneto per contrastare la proliferazione delle nutrie sul territorio. Cinghiali e nutrie sono due fra le specie di animali selvatici che provocano il numero più alto di danni in agricoltura, dai vigneti agli oliveti, fino alle coltivazioni in pianura, mettendo a serio rischio anche le strutture come i terrazzamenti in area collinare e gli argini dei fiumi. Il tutto con notevoli rischi per la sicurezza pubblica. “ Ormai il numero di cinghiali sull’area collinare è fuori controllo e anche quest’anno i danni ai vigneti, nei giorni in cui inizia la vendemmia, e alle altre colture sono ingenti. Si tratta di perdite che difficilmente gli agricoltori potranno recuperare, come ormai capita da anni. Di fronte a questa situazione inaccettabile e insostenibile ci auguriamo che finalmente sia stata imboccata la strada giusta" prosegue la nota di Coldiretti sottolineando che "lo stesso vale per le nutrie: la Regione si è espressa con chiarezza, riprendendo e confermando nelle linee guida le osservazioni che noi di Coldiretti avevamo inviato a tutti i sindaci. Adesso non ci sono più alibi, la normativa è chiara e gli strumenti ci sono per procedere con la selezione di questa specie pericolosa per la sicurezza idraulica e per l’incolumità di chi lavora nei campi. Invitiamo di nuovo i sindaci ad avviare al più presto i piani di abbattimento su tutto il territorio”.
SALVATAGGIO
Mucca finisce nel vaio     <br/>Intervengono i pompieri

Mucca finisce nel vaio
Intervengono i pompieri

I Vigili del fuoco sono impegnati in Lessinia per un complicato intervento di recupero di una mucca finita in un vaio a Bocca di Selva, nel comune di Bosco Chiesanuova. La squadra dei pompieri è sul posto per valutare con l'allevatore il tipo di intervento per portare in salvo l'animale, scivolato in un burrone.
PRIVACY
Ospedale su Twitter     <br/>Indaga la Procura

Ospedale su Twitter
Indaga la Procura

L'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona ha inviato un esposto alla Procura della Repubblica, tramite il Comando provinciale di Carabinieri, dopo avere ricevuto segnalazioni che sono state postate su Twitter, attraverso un nickname riconducibile ad un dipendente, immagini e documenti si attività svolte all'interno di una Unità Operativa dell'Azienda. "E’ un fatto gravissimo – ha dichiarato il direttore generale Francesco Cobello – che mi ha lasciato esterrefatto". "Una volta che la Magistratura avrà fatto luce su questa incresciosa vicenda e accertato l'identità dei responsabili, assumeremo tutti i provvedimenti, anche i più estremi, a nostra disposizione” ha aggiunto Cobello confermando in un comunicato ufficiale che l'Azienda ha anche avviato un'indagine interna. L'esposto alla Procura è corredato da tutti i necessari allegati con la richiesta di verificare i fatti e gli eventuali reati a essi ricondicibili
MERCATO
Iturbe al Genoa   <br/>Si, no, forse...

Iturbe al Genoa
Si, no, forse...

Iturbe, che ha saltato la gara contro il Verona di sabato scorso perchè squalificato, potrebbe affrontare i gialloblù domenica prossima. Difficile ma non impossibile. L'argentino, infatti, potrebbe vestire la maglia del Genoa nelle prossime ore. Affare che però non è chiuso. I rossoblù hanno chiesto Iturbe in prestito, ma la Roma vorrebbe cederlo a titolo definitivo. Solo che in questo momento le quotazioni di Iturbe sono molto inferiori a quelle della scorsa stagione e la minusvalenza sarebbe da record.Su Iturbe c'è anche la Fiorentina che potrebbe acquistare Iturbe a condizioni diverse rispetto al Genoa.Intanto però ieri il giocatore ha postato una sua foto con sguardo truce e guerriero con la maglia della Roma, annunciando di puntare dritto alla sfida con la Juventus.Quello che è certo è che, come ha spiegato il dg Gardini, è impossibile pensare ad un ritorno di "Itu" a Verona.
MERCATO
Chievo, ora nel mirino    <br/>c'è anche Cofie

Chievo, ora nel mirino
c'è anche Cofie

Rinforzi a centrocampo. Il Chievo ha fretta, ma il mercato è difficile e arrivare agli obiettivi prefissati non è semplice. Senza Izco per molti mesi e con Radovanovic ko, Maran ha necessità di inserire giocatori in mezzo al campo. Scartate per vari motivi le soluzioni Tachtsidis e Ledesma, restano in ballo Biondini, Vives e Cofie. Quello di Cofie sarebbe un ritorno anche se l'anno scorso non ha convinto molto.
LA CONFESSIONE
Balotelli: a Verona mi    <br/>mandarono in confusione

Balotelli: a Verona mi
mandarono in confusione

"Il giorno in cui non mi fischieranno, mi preoccuperò: significa che non faccio più paura... Accetto i fischi, non mi creano problemi. Sa quando è stata l'unica volta che i tifosi avversari mi hanno distratto? A Verona, quando cominciarono a fare cori in mio favore per sfottò....Non me lo aspettavo e mi mandarono in confusione". L'incredibile confessione è di Mario Balotelli, fatta stamattina alla Gazzetta dello Sport. Balotelli ha ricordato così la prima gara del campionato 2013-2014 quando tutti aspettavano al varco i tifosi del Verona, spesso accusati di razzismo. Invece di fischiare o di fare buu razzisti, il Bentegodi sottolineò ogni giocata di Balotelli con il coro "Mario Mario" sorprendendo tutta Italia, ma più di tutti proprio il giocatore. Balotelli ha spiegato alla Gazzetta: "Non cadrò più nelle provocazioni e rispetterò tutti, avversari, arbitri e tifoserie. Evitando proteste o gesti come zittire i tifosi. Non mancherò di rispetto a nessuno, ma è troppo desiderare di non essere insultato continuamente?".
VOLLEY
Che entusiasmo al raduno   <br/>Calzedonia, si parte!

Che entusiasmo al raduno
Calzedonia, si parte!

La stagione sportiva 2015/16 è partita tra l’entusiasmo generale. La Calzedonia Verona, al PalaOlimpia di Verona, si è radunata davanti a quattrocento tifosi che subito hanno fatto respirare grande entusiasmo. Presenti cinque giocatori della prima squadra (Baranowicz, Pesaresi, Gitto, Bellei, Frigo) e quattro aggregati del settore giovanile (Zanotti, Cottarelli, Magalini e Zanini) assieme a tutto lo staff tecnico. I soci di BluVolley Verona, hanno aperto l’incontro aperto a tifosi, sponsor e media. Stefano Magrini, ha dichiarato: “Questo deve essere l’anno della nostra maturità, l’anno del salto di qualità definitivo. Abbiamo un roster costruito per vincere tutte le partite”. Andrea Corsini, ha proseguito: “Come società abbiamo un grande entusiasmo, dimostrato durante quest’estate allestendo una squadra di prima fascia. Consegniamo al nostro staff tecnico una squadra come era stata richiesta al termine di un mercato che ha portato a Verona giocatori molto importanti”. Luca Bazzoni, ha aggiunto: “Riassumo questa squadra in una parola: fantastica. Migliorerà sempre di più, stiamo facendo un lavoro importante da anni. Abbiamo fatto una squadra molto competitiva, abbiamo voglia di migliorarci e di portare a Verona risultati importanti”. Nataliano Bettin, per la proprietà, ha concluso: “Per me Calzedonia deve essere una squadra protagonista. Abbiamo allestito una squadra con delle potenzialità importanti, puntiamo ad arrivare molto avanti”.Successivamente la parole è andata all’Assessore allo sport del Comune di Verona, Alberto Bozza e a Fabio Venturi, presidente di AGSM. Piero Rebaudengo, amministratore delegato di BluVolley Verona, ha chiuso gli interventi istituzionali: “Oggi abbiamo presentato il nostro nuovo scudetto, vogliamo che ora entri nel cuore dei nostri atleti. Abbiamo voluto dare una visione ben chiara, questa società fa parte di un sistema. Noi siamo Verona, portiamo in giro per l’Italia e per l’Europa il nome della nostra città e il nome dei nostri sponsor. Per noi è motivo di grande soddisfazione partecipare alla Coppa Europea. E’ un grande stimolo, una Coppa che darà visibilità a città, società e sponsor, la affronteremo con la massima determinazione”.
VERSO GENOVA
Peschiera: Souprayen        <br/>regolarmente in gruppo

Peschiera: Souprayen
regolarmente in gruppo

Continua la marcia d'avvicinamento alla gara di Marassi contro il Genoa di Gasperini. Il Verona a Peschiera ha svolto una doppia seduta molto intensa: circuiti di forza e prevenzione in palestra la mattina, mentre nel pomeriggio parte tattica ad alta intensità, sviluppata tramite una partitella a campo ridotto, lavoro di forza sul campo e a chiudere una partitella. Buone notizie per quanto riguarda gli infortunati: al gruppo si è aggregato Souprayen, mentre procede spedito il recupero di Helander che ha svolto lavoro differenziato con la palla. Fares, invece, ha lavorato a parte con il preparatore Bellini. I gialloblù torneranno in campo domani con una seduta pomeridiana in programma alle 18 a porte chiuse.
MEETING
Fantinati attacca CL:    <br/>Lobby di denaro e potere

Fantinati attacca CL:
Lobby di denaro e potere

Invitato alla manifestazione di Comunione e Liberazione, in programma a Rimini, il parlamentare veronese del M5S si è scagliato duramente contro Cl, definendola "una lobby di denaro e potere". Nonostante i fischi che si sono sollevati dalla platea, Fantinati non si è fermato, ma ha anzi rincarato la dose."Avete trasformato l'esperienza spirituale morale in un paravento di interessi pesonali, avere generato un potere politico capace di influenzare sanità, scuole private, università e appalti"."La politica deve essere laica - ha proseguito il parlamentare veronese - perchè deve fare il bene comune, di tutti. Il Movimento 5 Stelle si indigna che si possa strumentalizzare in questo modo tanta brava gente e credenti cattolici".Dichiarazioni, quelle di Fantinati che stanno facendo già discutere, rimbalzate su tutti i principali siti internet dei quotidiani nazionali.
METEO
Torna il caldo: Verona     <br/>tra le città più afose

Torna il caldo: Verona
tra le città più afose

Sta per chiudersi la parentesi di caldo moderato che ha interessato tutta l'Italia, dopo un luglio e un inizio agosto 'roventi'. E' infatti in arrivo una nuova ondata di caldo africano, con temperature di 4-5 gradi sopra la media, che durerà però pochi giorni. I primi di settembre, infatti, è prevista una 'svolta autunnale' che porterà il termometro su valori più 'tollerabili' ma anche piogge e temporali. Le previsioni sono di Edoardo Ferrara, meteorologo di '3bmeteo.com'. "L'estate - conferma l'esperto - torna ruggente sull'Italia, che sta per essere investita da una nuova ondata di calore africana. Il picco del caldo è atteso da venerdì e nel prossimo weekend, quando si potranno toccare punte di 34-35 gradi su diverse aree d'Italia, in particolare al Nord, nelle regioni tirreniche e in Sardegna; si tratta di temperature sopra le medie del periodo anche di oltre 4-5 gradi". Secondo Ferrara, si tratterà con tutta probabilità dell'ultima ondata di caldo di questa estate". Tra le città più calde, prosegue il meteorologo, ci sono "Milano, Verona, Bolzano, Bologna, Firenze, Roma, Perugia, Benevento, Sulmona, Macerata, Foggia, Matera, Cosenza e Nuoro, mentre lungo le coste il clima sarà più mitigato dalle brezze marine. Farà caldo - aggiunge - anche in montagna con picchi fino a 28-29 gradi a 1000m e 24-25 gradi a 1500m sia sulle Alpi che sull'Appennino; lo zero termico tornerà a superare i 4000m". A differenza di luglio, tuttavia, nota il meteorologo, "di notte il clima si manterrà tutto sommato abbastanza fresco, grazie anche alla maggiore durata della notte e al sole più basso sull'orizzonte; solo nei grandi centri urbani si potrà soffrire un po' l'afa fino a tarda serata". Quest'ultima ondata di calore, peraltro, avrà una durata breve. "Nei primi giorni di settembre - nota Ferrara - però si potrebbe avere una svolta decisamente autunnale a causa dell'arrivo di aria più fredda su buona parte dell'Europa e marginalmente anche sull'Italia, la quale costringerà l'anticiclone africano ad una rapida ritirata nei suoi luoghi di origine. In particolare dopo il 2-3 settembre potremmo tornare ad un tempo più instabile con piogge, temporali e un calo delle temperature anche deciso. Le aree più a rischio potrebbero essere Nord, tirreniche ed Isole Maggiori, ma mancano ancora diversi giorni".
PROFUGHI
Migranti, Tosi: serve   <br/>permesso umanitario

Migranti, Tosi: serve
permesso umanitario

"Lo sto ripetendo invano da mesi: poiché il Governo non sembra in grado di fare qualcosa di più efficace, l'unica soluzione al momento praticabile per evitare che ricada sul nostro Paese tutto il peso dell'ondata migratoria dall'Africa verso l'Europa è concedere a tutti i migranti che arrivano in Italia un permesso umanitario temporaneo". A dirlo il sindaco di Verona Flavio Tosi. "E' quello - aggiunge - che intelligentemente sta facendo il Governo della Serbia e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti: i migranti proseguono il loro viaggio verso nord lasciando la Serbia. Poiché anche chi arriva da noi ha la sua meta oltre le Alpi, otterremmo un duplice risultato: far lasciare il nostro Paese dalla quasi totalità dei migranti che arrivano e costringere l'Europa a approntare una politica seria per arginare il fenomeno".
MERCATO
Toh, adesso Greco    <br/>piace al Bologna

Toh, adesso Greco
piace al Bologna

Leandro Greco, dopo la bella prestazione di domenica, sarebbe finito nel mirino del Bologna. A riportare la notizia è stata Gazzetta.it.
L'Opinione
ON AIR
07.08.2015
TgVeneto
ON AIR
27.08.2015
Rosso & Nero
ON AIR
10.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
16.08.2015
Alè Verona
ON AIR
23.07.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Redazionali

LA PEDRERA
26.08.2015

LA PEDRERA

FAST WOODS
26.08.2015

FAST WOODS

BURGERINO
26.08.2015

BURGERINO

PINGU'S ENGLISH
22.08.2015

PINGU'S ENGLISH

i nuovissimi di tgverona.it

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA