• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:45

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

  • HELLAS MATCH

    Le partite del Verona in differita

    Telenuovo si è assicurata i secondi diritti dell'Hellas Verona e trasmette in differita la partita intera ogni settimana: appuntamento il lunedì dalle 23

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Anche quest'anno Telenuovo tarsmetterà in diretta tutte le gare della primavera dell'Hellas Verona..!

  • TGBIANCOSCUDATO

    APPUNTAMENTO QUOTIDIANO

    Marco Campanale, Gigi Primon, Martina Moscato, Carlo Della Mea vi aspettano su Telenuovo Padova. Ogni giorno all'interno del TgPadova alle 19:45, 21:00 e 24:00.

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.45, 19.50 e 20.05 è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra

Telenuovo

TGVERONA
23.09.2014
TGGIALLOBLÙ
22.09.2014
TGPADOVA
23.09.2014
TGBIANCOSCUDATO
23.09.2014
INFORTUNIO
Tegola Chievo  <br/>Izco fuori due mesi

Tegola Chievo
Izco fuori due mesi

Il centrocampista del Chievo Mariano Izco sarà costretto a due mesi di stop dopo l'intervento chirurgico alla coscia sinistra a seguito di una contusione subita nella partita contro il Parma. Per Corini si tratta di una vera e propria tegola visto che l'argentino era uno dei più in forma: contro la Sampdoria toccherà a Cofie.
SANT'ANNA D'ALFAEDO
Il lupo torna a colpire    <br/>Rabbia degli allevatori

Il lupo torna a colpire
Rabbia degli allevatori

Una situazione diventata ormai insostenibile per gli allevatori della montagna veronese alle prese con i continui assalti al bestiame da parte del lupo. Da Sabato tre episodi, l'ultimo la notte scorsa. Stavolta è toccata a Sant'Anna D'Alfaedo, di recente era stata colpita la zona di Malga Lessinia. Rabbia, in qualche caso anche disperazione e un continuo grido di assistenza per far fronte a un problema ormai davvero troppo importante per essere ignorato. Si stima che i lupi siano ormai incontrollabili tanto che molti allevatori hanno deciso di lasciare la Lessinia. Sarebbe una perdita gravissima ma anche legittima se al più presto non sarà fatta chiarezza. Oltre al valore affettivo dell'animale c'è anche quello economico: per gli allevatori si tratta dell'unica fonte di sostentamento e una volta colpito un capo tutta la mandria ne risente. L'auspicio, dopo un'estate terribile sotto questo aspetto, è che tutte le amministrazioni comunali e gli enti possano fare quadrato e compatti risolvere la situazione. La convivenza tra il lupo e gli allevamenti non è infatti più possibile. "Adesso basta" tuona Claudio Valente presidente di Coldiretti Verona "la situazione va risolta perchè così non si può andare avanti. Il rischio è che gli allevatori il prossimo anno lascino la Lessinia. Il lupo va fermato".
INSEGUIMENTO
Fuggono all'alt  <br/>sul motorino rubato

Fuggono all'alt
sul motorino rubato

Due tunisini a bordo di un ciclomotore non si sono fermati all’alt della Polizia, tentando di sfuggire agli agenti prima in moto e poi a piedi. E' successo ieri sera a Verona, quartiere Stadio.Uno dei fuggitivi è stato bloccato mentre cercava di scavalcare la recinzione di un parco giochi; l’altro è stato rincorso per oltre 300 metri nell’area di un parcheggio di via Pirandello, poi scovato sotto un’autovettura in sosta.Il ciclomotore sul quale viaggiavano è risultato rubato il 15 settembre.I due sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione ma arrestati per resisetnza a pubblico ufficiale.Previa l’odierna convalida del’arresto il giudice ha applicato nei loro confronti del conducente de ciclomotore la misura della custodia cautelare in carcere, mentre ha deciso la scarcerazionei del passeggero ma con l’obbligo di presentazione quotidiana alla P.G..
CONTROLLI
Obiettivi sensibili,     <br/>blitz dei Carabinieri

Obiettivi sensibili,
blitz dei Carabinieri

Ha toccato anche Verona la maxi operazione dei Carabinieri che ha interessato tutto il Veneto nelle 24 ore comprese tra lunedì e questa mattina. Controlli capillari sono stati effettuati in centri abitati e zone rurali, con particolare attenzione a luoghi e obiettivi sensibili. 232 i militari che hanno controllato il territorio a bordo di 108 'gazzelle', con il supporto di Nas, Noe e Nucleo Cinofili. Il bilancio a livello regionale è di 11 persone arrestate e 41 segnalate all'autorità giudiziaria per reati vari.
ATENEO
Universita' di Verona    <br/>E' boom di iscrizioni

Universita' di Verona
E' boom di iscrizioni

A poco meno di un mese dalla chiusura delle iscrizioni, sono già oltre 2000 gli studenti che hanno scelto l’ateneo di Verona, il 15% in più rispetto allo scorso anno.Il trend positivo si registra in tutte le quattro aree disciplinari: Scienze della vita e della salute, Scienze e ingegneria, Scienze giuridiche e economiche e Scienze umanistiche.Nel dettaglio, l’incremento riguarda in particolare l’area di Lingue e letterature straniere con + 41% rispetto allo scorso anno. Segno positivo anche per i corsi in Scienze e ingegneria con + 11%.Vero e proprio boom di nuovi iscritti per la triennale in Scienze giuridiche con quasi il doppio degli iscritti rispetto al precedente anno accademico (+91%)
PRO VERCELLI
Citta, Di Roberto torna   <br/>al suo 'Tombolato'

Citta, Di Roberto torna
al suo 'Tombolato'

Ancora una rifinitura al mattino per i granata che stasera, alle 20.30, affronteranno la Pro Vercelli nel 1o turno infrasettimanale della stagione. Ancora indisponibili Schenetti e Donazzan, i convocati sono gli stessi 20 che hanno battuto il Pescara tre giorni fa. Questa la lista:PORTIERI: Pierobon (1), Valentini (22).DIFENSORI: Pecorini (2), Barreca (3), De Leidi (4), Pellizzer (5), Signorini (6), Scaglia (13), Ugo (15), Cappelletti (25).CENTROCAMPISTI: Rigoni (8), Benedetti (16), Busellato (17) Lora (21), Palma (24).ATTACCANTI. Coralli (7), Gerardi (9), Sgrigna (10), Minesso (11), Mancuso (20).AVVERSARI. Non solo l'ex difensore granata Momo Coly. Nelle file dei biancorossi, c'è anche Nunzio Di Roberto. Dopo l'addio burrascoso a gennaio dello scorso anno, torna al 'tombolato' quello che è tutt'ora il miglior marcatore della storia granata in serie B: l'attaccante esterno ha segnato infatti 25 reti in cadetteria con la maglia granata.
TIFOSI CLUB
Trasferta Tamai, l'Aicb    <br/>ha trovato il pullman

Trasferta Tamai, l'Aicb
ha trovato il pullman

L'Aicb ha trovato il pullman per partecipare alla trasferta di Tamai. "Avevamo le adesioni ma non riuscivamo a trovare un mezzo che ci portasse fino a lì", ha sorriso stamattina Giorgio Ferretti, presidente dell'Associazione Italiana Club Biancoscudati. Tutto risolto: il pullman è stato appunto trovato e la partenza è fissata per domenica mattina, 28 settembre, alle 11.15 dal capolinea del tram alla Guizza oppure alle 11.30 dal parcheggio ovest dello stadio Euganeo. Il prezzo è di 10 euro e il numero da chiamare per aderire è il 3384578666. Il biglietto poi dovrà essere acquistato direttamente agli sportelli dello stadio di Tamai, che è frazione del comune di Brugnera (Pordenone).
FIERA
Squinzi a Verona    <br/>per Marmomacc

Squinzi a Verona
per Marmomacc

Oltre 1.500 aziende da 58 nazioni (+77 espositori sul 2013), l’intero quartiere occupato, pari a dodici padiglioni, 45 delegazioni commerciali ufficiali presenti, attesi buyer e operatori da oltre 140 paesi.Sono i numeri della 49ª edizione di Marmomacc, in programma a Veronafiere dal 24 al 27 settembre: la più importante manifestazione mondiale dedicata al settore lapideo, dai macchinari ai prodotti finiti, che si svolge per la prima volta in contemporanea ad Abitare il Tempo (al 2° Piano PalaExpo dove espongono più di 80 aziende), il salone b2b per gli operatori del contract con le migliori proposte di materiali, finiture d’interni e arredo.Ad inaugurare entrambe le rassegne, domani 24 settembre alle ore 10.30 (all’interno del Padiglione 1, Area forum Santa Margherita), il viceministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda e il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi. Con loro, il governatore del Veneto, Luca Zaia, il presidente della Provincia di Verona, Giovanni Miozzi, il sindaco di Verona, Flavio Tosi, il presidente e il direttore generale di Veronafiere, Ettore Riello e Giovanni Mantovani. Alla cerimonia, presente anche il console generale del Marocco, El Khdar Ahmed.Con 3.340 aziende del settore tra produzione, lavorazione e tecnologie, l’Italia si conferma quinto paese al mondo per l’industria marmo-lapidea che raggiunge un fatturato complessivo di quasi 4 miliardi di euro (3,9 mld, +2,2% sul 2012), con una quota export che supera il 70% e che nei primi sei mesi dell’anno ha superato 1,4 miliardi (prodotto e tecnologie). Gli addetti sono 33.700 di cui 27mila impiegati nella produzione.L’export salva invece la filiera dell’arredamento italiano (+5% nel 2013) che continua a soffrire sul fronte interno a causa della crisi e della contrazione dei consumi. È questa l’istantanea di un settore che l’anno scorso ha fatturato 17 miliardi di euro (-2,8%) con dati in flessione per consumo interno (-11%), occupati (206.500 – 3,6%) e numero di imprese attive (29.700, -5,3%). Ciò nonostante l’Italia continua a confermarsi primo paese produttore in Europa e terzo a livello mondiale dopo Cina e Stati Uniti, detenendo il 6% della produzione mobiliera totale e il 9% dell’export globale di mobili."La presenza del viceministro dello Sviluppo Economico e del presidente di Confindustria – spiega il presidente di Veronafiere, Ettore Riello – testimonia l’attenzione del sistema-Paese verso due comparti, come marmo e arredo, che rappresentano eccellenze del manifatturiero made in Italy, complementari a livello di filiera e che ci vedono primeggiare al quinto e al terzo posto tra i produttori mondiali". E' per questo che Marmomacc guarda da sempre all’estero per il suo sviluppo e oggi presidia con la rete di eventi internazionali di Marmomacc in The World i più importanti mercati di riferimento per il presente ed il futuro del business: Stati Uniti d’America, Brasile, Penisola Arabica e Nord Africa."Anche quest’anno abbiamo potenziato la nostra espansione a livello internazionale – fa sapere il direttore generale di Veronafiere, Giovanni Mantovani – consolidando il ruolo di primo polo mondiale della pietra naturale. Oltre ai tradizionali appuntamenti di Marmomacc negli Stati Uniti, in Brasile, Qatar, Arabia Saudita e Marocco, nel 2014 abbiamo realizzato una nuova iniziativa in Oman, e a dicembre, grazie alla ritrovata stabilità del paese, saremo in Egitto con MS Africa and Middle East-The Marmomacc and Samoter Show".
STRANA EVASIONE
Cacciato di casa dopo    <br/>arresto: Datemi carcere

Cacciato di casa dopo
arresto: Datemi carcere

Arrestato dai Carabinieri con l'accusa di avere rubato all'interno di due auto, un marocchino è stato cacciato ddai genitori dalla casa dove avrebbe dovuto restare ai domiciliari, cos' ha chiesto di tornare in carcere.E' successo a Verona. Ieri il 30enne, arrestato assieme ad un connazionale di un anno più giovane, è finito a processo per evasione dai domiciliari, dove sarebbe dovuto restare dopo l'arresto.Ma il giovane ha spiegato al giudice di essere stato cacciato dai genitori, preoccupati per le lamentele dei vicini per l'andirivieni di carabinieri. Così il marochcino si è presentato dai militari dell'Arma chiedendo di tornare il cenna.Scattato l'arresto per evasione, nella direttisisma il giudice ha disposto nuovamente la misura dei domiciliari. L'avvocato difensore ha presentato un'istanza per ottenere l'obbligo di firma, in modo da aggirare una nuova "cacciata di casa" dei genitori.
SPENDING REVIEW
Cottarelli a Verona    <br/>contro le partecipazioni

Cottarelli a Verona
contro le partecipazioni

Carlo Cottarelli, commissario straordinario per la spending review, è stato ospite ieri sera a Verona di un incontro organizzato dal deputato del Partito Democratico, Vincenzo D'Arienzo, nella sala Ater in Piazza Pozza.E' stata l’occasione per conoscere i dettagli del programma dei tagli alle società partecipate dagli Enti Locali."L’Italia - ha spiegato Cottarelli - sta facendo uno sforzo notevole per far ripartire l’economia. Ma è il Nord che dovrà soprattutto lavorare, perché è in questo territorio che si concentra la gran parte delle partecipate".Il commissario straordinario per la spending review infatti ha puntato il dito contro il proliferare di enti partecipati nelle pubbliche amministrazioni, in particolare il settori considerati non strategici come le farmacie comunali: "Dovrebbero essere cedute, è un settore nel quale i privati possono assicurare ottimi servizi"."Non possiamo permetterci - ha dichiarato l'on. D'Arienzo - né di alzare le tasse, né provvedimenti recessivi. La soluzione è risparmiare, ridurre i costi della macchina statale e locale. Le proposte di Cottarelli vanno in questa direzione, a supporto delle scelte che il Governo dovrà fare, non ultima il doveroso monitoraggio, quasi impossibile viste quante sono".Cottarelli ha elaborato un dossier sulla situazione delle partecipate in Italia. Uno studio che prende in esame loghi illustri e scatole vuote, società un tempo sane, poi implose, e veri e propri "carrozzoni". Come dichiarato dal premier Renzi, occorre sfoltire da 8.000 a mille società.
PRIMAVERA
Un turno a Salifu    <br/>Si prepara Guglielmelli

Un turno a Salifu
Si prepara Guglielmelli

Il Giudice Sportivo ha fermato per un turno il centrocampista del Verona Salifu dopo l'espulsione rimediata a Cagliari. Salifu che sta vivendo un momento di forma strepitosa dovrà saltare la gara casalinga contro il Sassuolo. Al suo posto con tutta probabilità giocherà Guglielmelli anche se non è da escludere l'impiego di Sall accanto a Checchin.
BIANCOSCUDATI CHANNEL
Bergamin: 'Mi piace   <br/>essere il presidente'

Bergamin: 'Mi piace
essere il presidente'

'Cosa provo a due mesi dalla nascita della Biancoscudati Padova? Dico che mi sono abituato ad essere il presidente e a vivere certe situazioni. Mi piace proprio'. E' iniziata con queste parole la serata del numero uno biancoscudato Giuseppe Bergamin negli studi di Telenuovo, nella prima puntata della nuova stagione di "Biancoscudati channel", il talk show sportivo del lunedì. "Abbiamo posto le basi per un progetto triennale, ma il nostro intento non è certo quello di rimanere tre anni in serie D - ha sorriso poi - Faremo di tutto perché al termine di questa stagione si possa fare il primo passo verso la risalita in una categoria più consona". Tantissime le telefonate e gli sms di tifosi che si sono complimentati con Bergamin per averci messo la faccia, la passione e ovviamente la disponibilità economica dopo la sparizione dal calcio professionistico del vecchio Padova lo scorso 15 luglio creando, insieme a Roberto Bonetto, una nuova società e un nuovo corso. In molti hanno chiesto quanto si dovrà aspettare prima di riacquisire il logo e la denominazione Associazione Calcio Padova 1910. "Bisogna attendere la fine del campionato in corso, poi si potrà fare come Napoli e Fiorentina e tornare a chiamarsi come il vecchio Padova", ha spiegato il giornalista Stefano Edel, opinionista fisso della trasmissione. "Meglio che ci siano questi tempi di attesa - ha strizzato l'occhio Bergamin - così potremo tornare a chiamarci Acp 1910 in una categoria più bella di quella in cui militiamo attualmente".
I COMPLIMENTI DEL PATRON DELL'UDINESE
POZZO: HO GRANDE   <br/>STIMA DI MANDORLINI

POZZO: HO GRANDE
STIMA DI MANDORLINI

«Mi piace il Verona, sono contento di quello che stanno facendo: lo meritano la città, il club, l’allenatore che ho sempre stimato tanto. E’ l’uomo giusto e il Verona non è una meteora». Sono le parole di Gianpaolo Pozzo, patron dell'Udinese alla Gazzetta dello sport che dedica due pagine al Verona e all'Udinese, parlando di miracolo Nord-est dopo i risultati dell'ultima giornata. Prima che Mandorlini rinnovasse per il Verona si parlò di un interessamento dell'Udinese nei confronti del tecnico romagnolo per il dopo Guidolin.
L'INTERVISTA ALLA GAZZETTA DELLO SPORT
SETTI: IL SEGRETO? NON     <br/>ACCONTENTARSI MAI

SETTI: IL SEGRETO? NON
ACCONTENTARSI MAI

Non accontentarsi mai. É la filosofia del presidente del Verona Setti a cui la Gazzetta dello sport in edicola oggi dedica una lunga intervista. Domenica sera Setti festeggiava a Milano i dieci anni di Manila Grace, mentre il suo Verona batteva con sofferenza il Torino, portando sulle maglie il marchio della sua azienda. Fedele al suo personaggio Setti non si fa prendere dai facili entusiasmi. Spiega a Matteo Brega della Gazzetta dello Sport che gli fa notare che il Verona é in zona Champions: "La sensazione è positiva, conosco il valore del gruppo. Non so dove potremo arrivare, intanto ci prendiamo la serenità". E giusto per non far sorgere dubbi Setti aggiunge:"Guardo soltanto al nostro lavoro. Per me la gara col Genoa è uno scontro diretto da vincere per dare continuità". Piedi per terra anche in vista della Roma. Dice Setti: "Se battiamo il Genoa andremo all’Olimpico e ce la giocheremo senza pensieri. Ma resterà una sfida tra chi punta allo scudetto e chi alla salvezza".Questo Verona é diverso da quello della scorsa stagione. Si vede e si sente. Puntializza infatti il presidente: "Mi aspetto di ottenere risultati simili, ma in maniera diversa. La squadra è più razionale, meno istintiva. Abbiamo una maggiore consapevolezza. Siamo tosti, non ci piace sognare".E poi Setti ha spiegato come gli é venuta l'idea di ingaggiare Rafa Marquez:"L’ho visto in tv durante il Mondiale brasiliano. Ho chiamato il d.s. Sean Sogliano: “Lo voglio, chi è?” “Presidente, lasci stare...” “No no, provateci”. Sono partiti per Città del Messico e sono tornati con Rafa...". Due notizie anche sul futuro. Chiede Brega: "Sta preparando il dopo Sogliano?". Risponde Setti:"Forse non ci sarà mai un dopo Sogliano...". E su Toni: "Quando vorrà smettere mi chiamerà e gli troveremo un ruolo in società, ci metteremo d’accordo in 5 minuti". Infine Setti riesce a trovare un piccolo difetto al suo Verona: "Forse lasciamo troppo solo Toni. Ma Mandorlini troverà l’equilibrio giusto".E c'è anche un pensiero per Hallfredsson, colpito dal lutto per la morte del padre: "Siamo tutti vicini a Emil, il nostro “piccolo Yoghi”, per la scomparsa del padre. Un abbraccio forte".
DESIGNAZIONI
Fabbri arbitra  <br/>Sampdoria-Chievo

Fabbri arbitra
Sampdoria-Chievo

Sarà Michael Fabbri ad arbitrare la partita Sampdoria-Chievo in programma mercoledì allo stadio Ferrarsi alle 20:45. Gli assistenti saranno Faverani e Petrella.
IN DIRETTA ALLE 19.25
VERONA, TERZA FORZA    <br/>STASERA AL TGB LIVE

VERONA, TERZA FORZA
STASERA AL TGB LIVE

Il Verona non smette più di stupire e alla terza giornata di campionato vincendo con il Torino è salita al terzo posto ed è l'unica squadra che regge il passo del duo di extraterrestri Roma-Juventus. Un miracolo nel segno di Andrea Mandorlini che continua il suo lavoro in profondità e di una società che ha saputo imporre un modello di serietà, trasparenza e investimenti a medio-lungo termine.Ne parleremo stasera al Tgb live, alle 19.25 su Telenuovo.Come sempre la possibilità di interagire in diretta con Gianluca Vighini e Luca Fioravanti tramite whatsapp ed sms (334 1507050) e con le telefonate (045 8054328).
TRASFERTA DEL CITTADELLA
Pullman delle Granata     <br/>Ladies per Bologna

Pullman delle Granata
Ladies per Bologna

La sezione "Granata Ladies" del club "Angelo Gabrielli, granata per sempre" organizza la trasferta per la partita Bologna-Cittadella in programma sabato prossimo 27 settembre. La partenza sarà alle 10.45 dal Bar Stadio di Cittadella, in cui i tifosi interessati dovranno far pervenire la propria adesione entro mercoledì sera, 24 settembre, alle 19. La quota di iscrizione è di 25 euro a persona (20 per gli iscritti al club), comprensivi della spesa per il viaggio, il biglietto e il buffet con cena al ristorante "Da Godi" a Fontaniva al rientro da Bologna. I supporters granata che hanno aderito sono già 108 e hanno riempito due pullman. Per il terzo pullman ci sono già dieci adesioni e si conta di riempirlo entro domani. Alla trasferta parteciperanno Margherita e Mariangela Gabrielli, sorelle del presidente Andrea e figlie del presidentissimo Angelo, alla cui memoria è intitolato il club. Intanto il Cittadella tornerà in campo domani sera al Tombolato alle 20.30 contro la Pro Vercelli per il turno infrasettimanale: con l'occasione i tifosi potranno prenotarsi per la trasferta di sabato al bar dello stadio.
ELEZIONI
Presidenza Provincia,     <br/>sfida Pastorello-Peretti

Presidenza Provincia,
sfida Pastorello-Peretti

Oggi, nella sede della Provincia in via delle Franceschine, si sono concluse le presentazioni delle liste di candidati Consiglieri e delle candidature a Presidente per le elezioni provinciali del prossimo 12 ottobre. Sono due i candidati Presidenti in corsa: Antonio Pastorello e Giovanni Peretti; mentre sono sei le liste dei Consiglieri per un totale di 79 candidati. Il nuovo Consiglio provinciale sarà composto da 16 membri.Per ritenere valide le elezioni non è necessario ottenere la maggioranza assoluta di voti validi né raggiungere un quorum di votanti. Sono 1.257 gli aventi diritto al voto, tra sindaci e consiglieri comunali in carica, che eleggeranno il nuovo presidente e il nuovo consiglio provinciale. Il Corpo elettorale potrà, tuttavia, subire aggiustamenti fino al giorno prima del voto in caso di eventuali dimissioni degli amministratori ad oggi in carica. L'elezione del Presidente non è collegata alle liste di candidati consiglieri poiché si tratta di due elezioni differenti che potranno, in futuro, essere svolte in momenti distinti. Per questo motivo, il candidato Presidente non eletto non diventerà automaticamente consigliere provinciale. Inoltre, per effetto del “voto disgiunto”, l'espressione della maggioranza politica in Consiglio provinciale potrebbe essere diversa da quella di appartenenza del Presidente. L'insediamento del nuovo Presidente delle Provincia sarà immediato, all'atto della proclamazione. Entro 10 giorni dall'inizio del suo mandato, il nuovo Presidente dovrà indire la prima seduta del Consiglio provinciale che dovrà tenersi entro 10 giorni dalla sua convocazione.Per le candidature si richiedeva una raccolta firme: ne servivano 189 (pari al 15% degli aventi diritto al voto) per la carica di presidente, mentre ne bastavano 63 (pari al 5% degli elettori) per ciascuna lista dei consiglieri.
CRONACA
Spari al sindaco,   <br/>manifestazione ad Affi

Spari al sindaco,
manifestazione ad Affi

Ci sarebbe una pista privilegiata nell'indagine per l'atto intimidatorio subito dal sindaco di Affi, Roberto Bonometti. Il movente degli 8 colpi di pistola sparati a distanza ravvicinata contro la casa del sindaco sarebbe nascosto nelle pieghe dell'attività dell'amministrazione comunale. Ne sono convinti gli investigatori dei Carabinieri che dopo aver analizzato i bossoli raccolti nel giardino di Bonometti hanno sentito diverse testimonianze e i membri della giunta comunale. Bonometti, dal canto suo, aveva subito escluso che il gesto potesse essere legato alla sua attività lavorativa, il sindaco di Affi è un broker finanziario. Né tantomeno a fatti recenti di particolare rilievo, come l'arrivo nella piccola comunità del Baldo Garda di un folto gruppo di profughi ospitati in Veneto nelle pieghe dell'operazione mare nostrum. Domani pomeriggio intanto si terrà il corteo di solidarietà organizzato in favore di Bonometti e contro gesti intimidatori pesanti come quelli accaduti ad Affi. La manifestazione, a cui hanno aderito decine di sindaci, in testa i primi cittadini di Verona, Flavio Tosi, e di San Giovanni, Federico Vantini, partirà dalla casa di Bonometti e si concluderà davanti al Municipio. Con i sindaci l'intera comunità di Affi ancora incredula per l'accaduto e tutta stretta intorno a Bonometti.
TASSE
Zaia: Sciopero fiscale?   <br/>Minacciare serve

Zaia: Sciopero fiscale?
Minacciare serve

"Minacciare serve e continueremo a farlo". Lo ha detto oggi il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, con riferimento alla ventilata possibilità di uno sciopero fiscale in caso di tagli alla sanità."Confermo l'ipotesi - ha aggiunto - ma la sola minaccia, debbo dirlo, ha sortito un risultato positivo, cioè che il Governo ci ha fatto sapere che non taglierà più. Quindi - ha concluso - minacciare serve e continueremo a farlo".
INDIPENDENZA
Referendum, Zaia: Cose     <br/>vanno fatte per bene

Referendum, Zaia: Cose
vanno fatte per bene

Riguardo alle critiche ricevute da parte di movimenti indipendentisti per una presunta mancanza di determinazione nel promuovere il progetto di referendum per l'indipendenza del Veneto, il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha ricordato che "è necessario rispettare la legge". "Ricorreremo alla Corte Costituzionale perché il Governo ha fatto un'impugnativa - ha aggiunto - e le cose bisogna farle per bene, come in Scozia". Rispetto all'idea di aprire un conto corrente della Lega per la raccolta di denaro per finanziare la consultazione, Zaia ha detto di ritenere che si tratti di "un tormentone che non ha nessun senso". "Noi vogliamo dar vita ad un sistema che sia ufficiale e che guardi al futuro. Se, infatti, non raccogliessimo i 14 milioni di euro necessari per fare il referendum - ha osservato - dovremmo restituire ai legittimi possessori le cifre versate e probabilmente si verificherebbero dei problemi".
L'Opinione
ON AIR
23.09.2014
TgVeneto
ON AIR
23.09.2014
Rosso & Nero
ON AIR
22.09.2014
Padova in Diretta
ON AIR
23.09.2014
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
21.09.2014
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
14.09.2014
Alè Verona
ON AIR
22.09.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
22.09.2014
Alé Padova
ON AIR
22.09.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
08.09.2014

BPV MUTUOYOU


auditeL agosto 2014 telenuovo


Promo palinsesto

Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di tgverona.it

Palinsesto