• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • BIANCOSCUDATI CHANNEL

    Ogni lunedì su Telenuovo Padova

    Quest'anno l'appuntamento è fissato per il lunedì: approfondimenti sul campionato del Padova, sulla partita, le intesviste, le polemiche. Con il vostro contributo tramite chiamate ed sms

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

EUROPA
Bruxelles, via libera a    <br/>sviluppo rurale Veneto

Bruxelles, via libera a
sviluppo rurale Veneto

Via libera di Bruxelles al programma di sviluppo rurale della Regione Veneto, con un budget complessivo di circa un miliardo e 194 milioni per il periodo 2014-2020. Di questi fondi, quasi 511 milioni di euro arrivano dal bilancio europeo. Il programma di sviluppo rurale del Veneto si concentra sulla tutela degli ecosistemi naturali, in particolare di oltre 82mila ettari da proteggere e conservare. Altri ottomila ettari di terreni agricoli riceveranno aiuti per convertirsi o mantenere le coltivazioni biologiche. Il piano prevede inoltre un sostanzioso pacchetto di formazione per migliorare la competitività del settore e promuovere innovazione. Oltre quattromila imprese poi, incluse quelle di giovani, beneficeranno di aiuti per migliorare la propria performance economica, ristrutturare e modernizzare l'attività. Iniziative in pista nei prossimi anni anche per lo sviluppo locale e la diversificazione economica, oltre che per dare un migliore accesso a internet e alla banda larga per la popolazione rurale.
CONCERTO
Al Bano e Romina, voglia    <br/>di futuro e ricordi

Al Bano e Romina, voglia
di futuro e ricordi

Con un emozionato e complice "dove eravamo rimasti?" ieri sera Al Bano e Romina hanno rotto il ghiaccio e hanno esorcizzato il tempo che passa salendo sul palco dell'Arena per esibirsi nel concerto, trasmesso in diretta su Rai 1 e unica data italiana, che li vede di nuovo insieme dal vivo dopo 21 anni. Gli sguardi di complicità, gli abbracci, le mani nelle mani e una serie di battute bonariamente acide (Al Bano a Romina: "non ti avvinghiare troppo, tutte le volte che l'hai fatto è nato un figlio") hanno caratterizzato la reunion che, tra malinconia e un'evidente voglia di futuro, ha fatto scintille sul palco. A scaldare il pubblico televisivo e quello giunto in massa a Verona per ascoltarli live subito due successi, Nel sole, cantato da lui, e Acqua di mare, interpretato da lei, poi una serie di brani indimenticabili, come E' la mia vita, Ci sarà, Amanda è libera, ma anche le cover di Something stupid e House of the rising sun, e poi la musica alta con Mattinata e Nessun dorma, tutti suonati da una grande orchestra. Tanti gli "special guest" amici che hanno voluto partecipare a questo grande spettacolo, da Pippo Baudo al fratello di Romina, Tyrone, da Yari Carrisi, figlio della coppia, a Kabir Bedi e Michele Placido. Cantando insieme ma anche passando la palla all'altro, nel rispetto delle rispettive diversità, i due artisti hanno improntato questo concerto all'emozione, trasformandolo in un'occasione per riprendere e riannodare un discorso rimasto sospeso dal 1994 (anno dell'ultima esibizione insieme), ma mai interrotto veramente. Almeno nell'immaginario collettivo del pubblico.
CGIA
Famiglie imprese, entro    <br/>giugno esborso 56mld

Famiglie imprese, entro
giugno esborso 56mld

Entro la metà di giugno, famiglie e imprese saranno chiamate a versare all'Erario e agli enti locali oltre 56 miliardi di tasse tra Imu, Tasi, Irpef, addizionali sulle persone fisiche, Irap, Ires, Iva e Tari. E' il conto fatto dalla Cgia di Mestre. Altri 33,6 miliardi sono attesi con la scadenza del 16 luglio.In termini assoluti, l'imposta che graverà maggiormente sui bilanci delle aziende italiane sarà l'Ires (l'Imposta sui redditi delle società di capitali): secondo i calcoli effettuati dalla Cgia, il versamento del saldo 2014 e dell'acconto 2015 porterà nelle casse dello Stato 10,5 miliardi di euro. Altrettanto "impegnativo" sarà il versamento delle ritenute Irpef dei dipendenti e dei collaboratori delle imprese: queste ultime dovranno sborsare 10,4 miliardi di euro circa. Per le famiglie, invece, l'impegno economico più oneroso sarà dato dal pagamento della prima rata della Tasi: dei 2,3 miliardi di euro attesi dai Comuni, i proprietari delle abitazioni principali dovranno versare circa 1,65 miliardi di euro.
ELEZIONI
Al voto anche sei    <br/>Comuni per il sindaco

Al voto anche sei
Comuni per il sindaco

Domani non si voterà soltanto per l'elezione del nuovo governatore del Veneto. Dalle 7 alle 23 sono infatti chiamati alle urne anche sei Comuni della provincia veronese per eleggere il nuovo sindaco: Albaredo, Malcesine, Rivoli, Trevenzuolo, Vigasio e Palù. Un doppio voto che interesserà quasi ventimila elettori.
VERONA-JUVE
26 CONVOCATI:   <br/>PISANO OUT

26 CONVOCATI:
PISANO OUT

Dopo la rifinitura mattutina sul campo dello Sporting Center "Il Paradiso" di Peschiera del Garda, l'allenatore Andrea Mandorlini ha convocato 26 gialloblù per la sfida contro la Juventus, 38a giornata del campionato Serie A TIM in programma sabato 30 maggio (ore 18) allo stadio Bentegodi. Non saranno disponibili gli infortunati Eros Pisano e Artur Ionita. I CONVOCATIPortieri: 1 Rafael, 22 Benussi, 95 Gollini.Difensori: 2 Rodriguez, 4 R. Marquez, 5 Sorensen, 18 Moras, 25 R. Marques, 28 Brivio, 33 Agostini, 71 Martic.Centrocampisti: 8 Obbadi, 10 Hallfredsson, 19 Greco, 26 Sala, 27 Valoti, 30 Campanharo, 77 Tachtsidis.Attaccanti: 7 Saviola, 9 Toni, 11 Jankovic, 17 Lopez, 20 Lazaros, 21 Gomez Taleb, 70 Fernandinho, 93 Fares.
ARRESTI
Furti e inseguimenti     <br/>Quattro in manette

Furti e inseguimenti
Quattro in manette

Gli Agenti delle Volanti sono intervenuti per due episodi di furto, riuscendo a bloccare i tre responsabili, anche grazie al prezioso aiuto dei cittadini che hanno dato l’allarme e partecipato agli inseguimenti, a ennesima conferma della straordinaria efficacia della collaborazione cittadinanza-forze dell’ordine.Una donna in attesa dell’autobus in Via Scalzi è stata scippata della borsa da un giovane che poi, insieme ad un complice, si è diretto verso Corso Porta Palio. Attirate dalle urla della derubata, due ragazze, entrambe militari dell’Esercito Italiano fuori servizio si sono messe all’inseguimento e contemporaneamente hanno avvisato il 113 che uno dei due fuggitivi era salito sui bastioni di Circonvallazione Maroncelli. Giunti immediatamente sul posto, per accerchiare il ladro i poliziotti si sono divisi, uno salendo a piedi sui bastioni e l’altro aggirandoli con la Volante, riuscendo così a bloccarlo. Nel frattempo gli Agenti di una seconda pattuglia avevano raggiunto la derubata e seguendone le indicazioni stavano cercando la borsa, vista gettare via dal fuggitivo. Proprio durante le ricerche, i poliziotti hanno individuato il complice, che cercava di confondersi fra i passanti. Prontamente bloccato anch’egli, è stato trovato in possesso di due zaini, il suo e quello dello scippatore, all’interno dei quali nascondeva un paio di forbici da elettricista ed un trancino. Proseguendo nelle ricerche, poi, la borsa è stata rinvenuta e riconsegnata alla proprietaria.Alla luce di quanto accaduto i due giovani, Z.A. e R.D., polacchi di 20 e 25 anni, sono stati tratti in arresto per i reati di furto con strappo in concorso e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso: sono tornati in libertà in attesa del giudizio rinviato al 21 luglio.Nel secondo episodio, ed anche in questo caso è risultato prezioso l’intervento di un residente di via Faccio, un cittadino moldavo, non solo ha dato l’allarme al 113 ma ha anche tallonato fino all’arrivo dei poliziotti il ladruncolo che aveva visto infrangere il vetro di un’auto in sosta e cercare di aprirne altre. Direttosi verso Piazzale XXV Aprile e accortosi di essere seguito, il malvivente ha accennato una fuga ma invano poiché, infatti, i poliziotti lo avevano già individuato e si è visto sbarrare la strada da due pattuglie. Trovato in possesso di un martelletto spaccavetri e pluripregiudicato per episodi simili, G.L., 47enne italiano, è stato tratto in arresto per i reati di furto aggravato e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Processo rimandato al 21 luglio oltre al divieto di dimora nella provincia di Verona.Un terzo arresto è stato operato nei confronti di un cittadino bulgaro, scoperto mentre cercava di superare le casse del Migross di Piazzale Olimpia avendo trafugato merce varia (caffè, deodorante, liquore) per un valore di 35 euro. Dopo aver riconsegnato spontaneamente il maltolto, all’atto dell’identificazione, il ladruncolo ha esibito un documento di identità bulgaro che non ha però ingannato i poliziotti. Come poi accertato in laboratorio, si trattava infatti di un falso. Alla luce dell’accaduto, D.D., 39enne è stato tratto in arresto per i reati di furto e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso. Presentato stamani al GIP è stato sottoposto all’obbligo di firma giornaliero in attesa del processo rinviato al 17 luglio.
FARMACUORE VERONA
Venti defibrillatori    <br/>davanti alle farmacie

Venti defibrillatori
davanti alle farmacie

Ha preso il via oggi, con l’inaugurazione del primo defibrillatore all’esterno della farmacia Centrale di piazza Erbe, l’iniziativa “Farmacuore Verona” che prevede l’installazione di oltre 20 cardiodefibrillatori semiautomatici esterni per emergenza (DAE) davanti ad altrettante farmacie veronesi. L’iniziativa, patrocinata da Federfarma Verona, rientra nell’ambito del percorso “Verona Città Cardioprotetta” voluto dal Suem 118 in collaborazione con il Comune di Verona e la Polizia municipale. Presenti il Sindaco, il presidente di Federfarma Verona Marco Bacchini con la vicepresidente e coordinatrice dell’iniziativa Arianna Capri, Massimiliano Maculan del Suem 118, il Comandante della Polizia municipale Luigi Altamura e le famiglie Damini e Modena, che hanno donato altri due defibrillatori da posizionare, uno, davanti al Comando della Polizia Municipale di Verona in via del Pontiere e l’altro nell’area antistante la stazione ferroviaria di Porta Nuova. I defibrillatori, contenuti all’interno di “totem” allarmati e telecontrollati dalla Centrale Operativa 118, saranno in rete per essere monitorati (nei loro dispositivi di funzionamento) e vigilati al fine di garantirne l’efficienza 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno. Qualsiasi manomissione delle teche sarà segnalata per via telematica alla Centrale operativa del 118 che provvederà ad allertare la ditta incaricata della manutenzione affinché tutti i defibrillatori siano sempre in perfetto stato e pronti per essere utilizzati da cittadini formati attraverso un facile e breve corso e da qualunque cittadino attraverso le “istruzioni-prearrivo” fornite al telefono dagli infermieri della Centrale del 118. La procedura di utilizzo prevede una voce guida che spiega con chiarezza ogni passaggio. La prima fase del progetto vedrà l’installazione dei primi 10 cardiodefibrillatori, donati al Comune di Verona da Federfarma Verona e da alcune aziende del settore, in altrettanti punti strategici studiati dal 118 all’interno della città. Oltre che in piazza Erbe, i defibrillatori saranno istallati davanti alle farmacie “Internazionale Capri” in piazza Bra, “Due Campane” in via Mazzini, “Alla Concezione” di via San Nazaro, “Martari” in via Dei Mille, “Borgo Milano” in corso Milano, “Soave” in via San Lucillo, “Capri” in via Bassone, “La mia farmacia” in via Murari Bra e “Realdon” in via Villafranca. Nel corso della seconda fase dell’iniziativa, gli altri dispositivi a disposizione saranno installati in tutta la provincia.
PROBABILE FORMAZIONE
SALA TERZINO, GOMEZ    <br/>E JANKOVIC ALI

SALA TERZINO, GOMEZ
E JANKOVIC ALI

Ultima partita della stagione per il Verona di Mandorlini: una stagione vissuta fra alti e bassi, ma alla fine l'obiettivo della salvezza è stato raggiunto in anticipo. L'ultimo avversario al Bentegodi sarà la Juventus di Allegri, Campione d'Italia, che settimana prossima rischia di fare il "Triplete" se dovesse vincere la finale di Champions League contro il Barcellona. Rafael difenderà i pali, Agostini presidierà la fascia sinistra mentre Sala sarà ancora una volta adattato a destra. Moras e Rafa Marquez comporranno il pacchetto dei difensori centrali. A centrocampo oltre ai fedelissimi Tachtsidis ed Hallfredsson, ci sarà Obbadi: Greco e Lazaros dovrebbero partire dalla panchina. Davanti, a supportare il capocannoniere Toni, ci saranno Jankovic e Gomez. Siccome l'argentino non è in perfette condizioni fisiche, Fernandinho potrebbe giocare dal primo minuto. "Los conejos" Lopez e Saviola partiranno dalla panchina.Probabile Formazione Verona (4-3-3)Rafael; Sala, R.Marquez, Moras, Agostini; Obbadi, Tachtsidis, Hallfredsson; Jankovic, Toni, J.Gomez. All: Mandorlini
VERSO IL BENTEGODI
JUVENTUS, 22 CONVOCATI  <br/>ASSENTE ASAMOAH

JUVENTUS, 22 CONVOCATI
ASSENTE ASAMOAH

La Juventus ha fornito l'elenco dei convocati per la sfida contro il Verona: sono 22 i convocati da Massimiliano Allegri per la sfida in programma sabato 30 maggio alle 18 allo stadio Bentegodi. Questo l'elenco diramato dal tecnico al termine dell'allenamento di rifinitura sostenuto nel pomeriggio a Vinovo:1 Buffon3 Chiellini 5 Ogbonna 6 Pogba 7 Pepe8 Marchisio 9 Morata10 Tevez11 Coman14 Llorente 17 De Ceglie19 Bonucci 20 Padoin21 Pirlo 23 Vidal26 Lichtsteiner 27 Sturaro30 Storari32 Matri33 Evra37 Pereyra 42 Del Favero
CONFERENZA
MARAN: "MOMENTO PIU'     <br/>BELLO? VITTORIA DERBY"

MARAN: "MOMENTO PIU'
BELLO? VITTORIA DERBY"

"Momento più bello della stagione? Per il periodo, la vittoria del derby dell'andata con il Verona. Per questa stagione al mio Chievo do un bel 8 pieno. Tutto meritato per il grande lavoro di quest'anno". Rolando Maran è pienamente soddisfatto della stagione del Chievo, che domenica affronterà la Fiorentina.Settimana importante per il tecnico trentino, anche per il prolungamento contrattuale siglato fino al 2018 con opzione fino al 2020: "E' stata una settimana a livello personale molto importante. Abbiamo dato continuità ad un percorso iniziato insieme e questo mi riempie di orgoglio. Mi ha fatto molto piacere che la società abbia avuto così grande fiducia in me e per restare qui al Chievo anche a lungo. Questo mi dà comunque senso di responsabilità, anche perchè sappiamo bene che ogni anno il campionato nasconde un sacco di insidie".
SABATO AL BENTEGODI
VERONA-JUVENTUS:   <br/>CANCELLI APERTI DALLE 16

VERONA-JUVENTUS:
CANCELLI APERTI DALLE 16

In occasione della gara Hellas Verona-Juventus, in programma sabato 30 maggio (ore 18), i cancelli dello stadio Bentegodi apriranno alle ore 16.
ASSOLUZIONE
Parentopoli, Tosi:    <br/>Esponenti Pd si scusino

Parentopoli, Tosi:
Esponenti Pd si scusino

Credo che molti esponenti del Pd veronese, in primis Bonfante, D'Arienzo, Bertucco e La Paglia, dovrebbero scusarsi non con il sindaco di Verona ma con l'amministrazione comunale e con i direttori delle aziende partecipate dal Comune". Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, commentando l'assoluzione dei d.g. degli enti partecipati, accusati di abuso d'ufficio per presunte assunzioni di favore nel processo della cosiddetta indagine "parentopoli". "Gli esponenti del Pd - ha spiegato Tosi - dovrebbero chiedere scusa a Cigolini, Voi e Zaninelli per averli strumentalmente accusati e condannati anzitempo su giornali, televisioni e radio per una presunta “parentopoli” che il Tribunale di Verona ha oggi dichiarato inesistente e dissolto nel nulla". "Imparino dal segretario nazionale del loro partito - ha aggiunto - a non cavalcare strumentalmente un giustizialismo da quattro soldi e ad essere un po' più garantisti: condannare o assolvere, in un paese democratico, è compito che spetta alla magistratura". "In questo caso il “malcostume” non era dei dirigenti delle aziende ma di chi ai giudici si è voluto sostituire per meri interessi di parte, offendendo la democrazia e dimostrando scarsa intelligenza" ha concluso Tosi.
MERCATO PADOVA
Petkovic verso il    <br/>rinnovo, si punta Favaro

Petkovic verso il
rinnovo, si punta Favaro

E' Lazar Petkovic il primo nome scritto sul taccuino di Fabrizio De Poli per il prossimo campionato del Padova in Lega Pro. Il direttore sportivo sta trattando con il procuratore Silvano Martina i dettagli del contratto del portiere, serbo, classe 1995. Comincia dunque dalla porta la costruzione della squadra del futuro. Petkovic peraltro dovrà sottoporsi tra qualche giorno ad un intervento di pulizia delle falangi dell'alluce del piede destro: un intervento di routine che lo terrà lontano dai campi per poco tempo senza la minima conseguenza sull'inizio della prossima stagione.Non c'è solo Petkovic negli obiettivi del diesse: sempre tra i portieri, è in prima fila il nome di Alessandro Favaro, attualmente alla Sacilese. L'estremo difensore, anch'egli classe 1995, si è messo in grande evidenza in tutto il campionato ma in particolare nelle due partite disputate contro il Padova in cui si è reso protagonista di parate molto difficili.
STATISTICHE
ALLEGRI, MAI UN PAREGGIO   <br/>CONTRO IL VERONA

ALLEGRI, MAI UN PAREGGIO
CONTRO IL VERONA

Numeri e curiosità: in 5 precedenti ufficiali, da allenatore, contro il Verona, Massimiliano Allegri non ha mai pareggiato con i gialloblù. Nelle sfide giocate al Bentegodi contro la Juventus, il Verona ha vinto 10 partite, ne ha pareggiate 12 e ne ha perse 8. Infine, Andrea Mandorlini, da tecnico, affronta la Juventus per la settima volta e finora il bilancio è questo: una vittoria per l'allenatore gialloblù, un pareggio e quattro sconfitte.
RISCHIO SQUALIFICA
VERONA-JUVENTUS:   <br/>12 DIFFIDATI

VERONA-JUVENTUS:
12 DIFFIDATI

In occasione di Hellas Verona-Juventus sono 7 i diffidati per i gialloblù (Hallfredsson, Lazaros, Martic, Nico Lopez, Pisano, Sorensen e Toni) e 5 per la Juventus (Vidal, Sturaro, Pereyra, Chiellini, De Ceglie).
CHIEVO
VERONELLO: OUT  <br/>RADOVANOVIC

VERONELLO: OUT
RADOVANOVIC

Penultimo allenamento settimanale a Veronello per i gialloblù che stanno preparando l'ultima sfida di campionato contro la Fiorentina che si giocherà domenica sera alle ore 20.45 allo stadio Artemio Franchi di Firenze. Non era a disposizione di mister Rolando Maran il centrocampista Ivan Radovanovic a causa del problema al ginocchio destro. Alessandro Gamberini e Anders Christiansen proseguono con il loro recupero dai rispettivi infortuni mentre Perparim Hetemaj ha svolto un lavoro differenziato.
BILANCIO
Galleria d'arte Moderna      <br/>Siamo a 250 mila

Galleria d'arte Moderna
Siamo a 250 mila

"E' come se da lì i veronesi si fossero riappropriati della loro città e i turisti avessero iniziato a conoscerla un po'".Da lì, dalla Galleria d'Arte Moderna di Palazzo della Ragione, e le parole sono quelle di Luca Massimo Barbero, direttore artistico del museo. Da lì. Un mueseo che ha da poco compiuto un anno di vita e che traccia adesso il suo primo bilancio. 250Mila visitatori, numeri del tutto lontani dalle previsioni iniziali, ben più modeste. Eppure la collezione forti e la collezione cariverona, un omaggio agli artisti veronesi, hanno avuto la capacità di affascinare i vistatori, il veronese e il turista. Senza provincialismiUna galleria sulla città, l'aveva da subito definita Barbero. E così sarà anche per il prossimo anno. Con altri omaggi a pittori veronesi del novecento. Uno su tutti Renato Birolli, uno dei più interessanti interpreti italiani dell'arte informale. E ci sarà un'altra costante, per la prossima stagione. Il coinvolgimento delle scuole. 150 classi e 3000 studenti negli ultimi dodici mesi sono entrati nella Galleria, alcuni di loro, dopo un concorso, hanno avuto la possibilità di esporre le proprie opere. Iniziativa che, viste le iscrizioni esaurite in un giorno solo, si ripeterà il prossimo settembre. Come si ripeterà la giornata in cui l'entrata sarà gratuita. Appuntamento per il 6 di settembre. E considerando che lo scorso 16 maggio, in occasione della notte dei musei, di ingressi ne sono stati contati 2900, sarà meglio, quel giorno, mettersi in coda per tempo. Anche perché, da settembre in poi, le cose saranno diverse. Con la confermata apertura degli scavi scaligeri che avranno l'ingresso proprio da cortile del tribunale, e con la decisione di creare una biglietteria unica per il centro di fotografia, torre e galleria, con possibilità anche di biglietto unico, i numeri potrebbero aumentare ancora. Anche perché Verona è una città, ha detto il direttore artistico, che per attrarre è sempre stato abituato ad usare la geografia. E che adesso però ha capito che usare anche la storia dell'arte non è poi tanto male.
CONFERENZA
MANDORLINI: "MI    <br/>DISPIACE PER SOGLIANO"

MANDORLINI: "MI
DISPIACE PER SOGLIANO"

“Riconfermarsi non è mai facile. È stato l’anno più difficile e personalmente quello più bello. Aldilà di tutti i discorsi siamo salvi. Sabato la Juventus verrà agguerrita, noi proveremo a fare bene, sarebbe bello chiudere la stagione con una prestazione positiva. Noi facciamo tifo per Luca Toni, non sarà facile fargli fare gol mai noi dobbiamo essere bravi ad aiutarlo”. Così Andrea Mandorlini alla vigilia della partita contro la Juventus.Pochi giocatori mancheranno all’appello: “Pisano non sta bene, e non sarà nemmeno convocato. Lui e Ionita non ci saranno, mentre Gomez ha recuperato. Se sta bene, per tutto quello che ha fatto, Juanito giocherà anche solo sessanta minuti, ma solo se sta veramente bene. L’impressione è che stia bene. Fares? Bisogna vedere come andrà la partita, è una partita un po’ complicata, se ci sarà tempo, modo e spazio avrà spazio.Non mancano parole per Sogliano: “Ci conoscevamo da tanto tempo, ai tempi di Ravenna, in questi tre anni abbiamo avuto un rapporto splendido non senza confronti. Mi dispiace che sia andato via, abbiamo condiviso tante cose, in tre anni siamo sempre usciti a testa alta anche quando non ci sono stati risultati positivi. Il mio futuro? Vedremo settimana prossima. Bigon? Non mi sento di dire niente, l’allenatore deve fare l’allenatore”.Infine non manca di ricordare le sfide del passato: “Speriamo di vendicare la campagna di Torino (la goleada dell’andata, ndr). Sono passate tante altre partite, loro hanno raggiunto il loro obiettivo, manca l’ultimo, quello più importante. Loro saranno carichi e vorranno far vincere la classifica cannonieri a Tevez. Ripetere il 2-2 dell’anno scorso? È stata una giornata fantastica, sarebbe bello ripetere l’anno scorso".
SENTENZA
Paternoster: Contento   <br/>per assoluzione Cigolini

Paternoster: Contento
per assoluzione Cigolini

"Esprimo grandissima soddisfazione per l’assoluzione del mio Direttore Generale Giampietro Cigolini relativamente alla nota vicenda di Parentopoli". Lo afferma in un comunicato il presidente di Agsm, Paolo Paternoster."La decisione dei giudici che hanno decretato che il fatto non sussiste - continua Paternoster - sta a testimoniare che il mio Direttore Generale ha sempre –e sottolineo sempre- agito nel massimo rispetto delle normative vigenti"."All’ingegnere Giampietro Cigolini, che reputo uno dei migliori manager che il sistemaVerona abbia a disposizione, vanno tutte le mie congratulazioni per quanto stabilito oggi" conclude il presidente di Agsm.
PROCESSO
Parentopoli: assolti,       <br/>il fatto non sussiste

Parentopoli: assolti,
il fatto non sussiste

Assolti perché il fatto non sussiste. E' la sentenza con cui stamani al Tribunale di Verona si è concluso il processo per la cosiddetta "parentopoli", che vedeva accusati di abuso d'ufficio per presunte assunzioni di favore i direttori generali delle principali società partecipate dal comune di Verona: Gianpietro Cigolini (per Agsm e Amia, rispettivamente multiutility del Comune di Verona e società che si occupa di igiene ambientale), Stefano Zaninelli (d.g. di Atv, la locale azienda trasporti) e Carlo Alberto Voi, direttore generale di Amt (azienda che si occupa della gestione dei parcheggi e della sosta). Il collegio giudicante, presieduto da Marzio Bruno Guidorizzi, ha assolto tutti gli imputati perché il fatto non sussiste. Il pubblico ministero, Valeria Ardito, aveva chiesto la condanna ad un anno e sei mesi per Cigolini, a un anno e 4 mesi per Zaninelli e a 8 mesi per Voi. L'indagine sull'assunzione di parenti e amici di parenti nelle aziende partecipate del Comune scaligero era sfociata nel rinvio a giudizio per i tre dirigenti pubblici e altri sette imputati, tra manager, presidenti e componenti dei Cda, per quest'ultimi il pm aveva già chiesto l'assoluzione al termine della sua requisitoria lo scorso 10 aprile.
QUI JUVE
ALLEGRI: "GIOCA TEVEZ,  <br/>TESTA SOLO AL VERONA"

ALLEGRI: "GIOCA TEVEZ,
TESTA SOLO AL VERONA"

"Domani abbiamo il dovere di giocare una bella partita, soprattutto per mantenere alta la tensione. Siamo in una buona condizione fisica e quindi domani bisogna andare a Verona non con la testa a Berlino, perchè non avrebbe senso, ma con la testa solamente a Verona perchè bisogna chiudere il campionato nel migliore dei modi". Tiene alta la concentrazione Massimiliano Allegri. Intervenuto in conferenza stampa il tecnico toscano vuole vincere anche l'ultima di campionato a Verona. Allegri non vorrà privare ai tifosi il duello Tevez-Toni: "Tevez domani giocherà perchè non ha giocato neanche sabato scorso e quindi domani avrà la possibilità di agganciare e superare Toni. Io credo che alla fine la classifica cannonieri la meriterebbero tutti e due per quello che hanno fatto durante questa stagione. Va un plauso a Toni perchè credo che un giocatore di 38 anni con grande professionalità, fare un'annata del genere, credo non sia da tutti".
L'Opinione
ON AIR
29.05.2015
TgVeneto
ON AIR
29.05.2015
Rosso & Nero
ON AIR
29.05.2015
Padova in Diretta
ON AIR
29.05.2015
Verona in Diretta
ON AIR
29.05.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
24.05.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
24.05.2015
Vighini Show
ON AIR
29.05.2015
Alè Verona
ON AIR
25.05.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
26.05.2015
Alé Padova
ON AIR
25.05.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
28.05.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di tgverona.it

Palinsesto