• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

FRODE
Bancomat clonato   <br/>Ma sono già liberi

Bancomat clonato
Ma sono già liberi

Due bulgari incensurati, residenti a San Bonifacio, sono stati arrestato dai Carabinieri della Stazione di Lazise in flagranza di reato di frode informatica. I due stranieri, rispettivamente di 38 e 29 anni, sono stati bloccati dai militari dell'Arma mentre recuperavano da uno sportello bancomat un apparecchio 'skimmer', un dispositivo miniaturizzato occultato sotto una barra metallica posticcia, capace di leggere e memorizzare i dati delle bande magnetiche delle carte di credito con cui la clientela effettuava i prelievi di denaro contante.L'intervento dei carabinieri, che per due notti hanno tenuto sotto controllo lo sportello bancario, ha permesso di evitare che i malviventi carpissero fraudolentemente i dati necessari a clonare decine di carte di credito, con cui l’ignara clientela aveva effettuato prelievi allo sportello. Durante la perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti e sequestrati decine di apparati skimmer di genere diverso, a seconda delle caratteristiche dello sportello bancomat su cui occultarli. Il giudice ha convalidato l'arresto disponendo la remissione in libertà degli indagati con obbligo di dimora nel comune di residenza.
ASSEGNATI I NUOVI NUMERI
Toni col 9, 11 a Pazzini   <br/>Ecco i nuovi numeri

Toni col 9, 11 a Pazzini
Ecco i nuovi numeri

Toni col 9, Pazzini con l'11. A Bosko Jankovic il 7, Romulo si riprende il 2, Sala l'amato 26, Gomez sempre con il 21. Ecco i nuovi numeri di maglia che sono stati assegnati ai giocatori gialloblù.1. DE ANDRADE RAFAEL (GK)2. ROMULO SOUZA ORESTES CALDEIRA 3. PISANO EROS4. MARQUEZ ALVAREZ RAFAEL5. HELANDER FILIP6. ALBERTAZZI MICHELANGELO7. JANKOVIC BOSKO8. LANER SIMON9. TONI LUCA10. HALLFREDSSON EMIL11. PAZZINI GIAMPAOLO16. SILIGARDI LUCA18. MORAS EVANGELOS19. GRECO LEANDRO20. ZACCAGNI MATTIA21. GOMEZ TALEB JUANITO 22. BIANCHETTI MATTEO23. IONITA ARTUR24. VIVIANI FEDERICO26. SALA JACOPO36. BONI FILIPPO37. COPPOLA FERDINANDO (GK)39. RICCARDI DAVIDE41. WINCK NETO CLAUDIO69. SOUPRAYEN SAMUEL93. FARES MOHAMED SALIM95. GOLLINI PIERLUIGI (GK)97. CHECCHIN LUCA
BLITZ
Venturi: Stop ai furbi  <br/>Legalità anche tra sinti

Venturi: Stop ai furbi
Legalità anche tra sinti

“Un conto sono le persone che hanno bisogno di essere aiutate, un altro sono i ‘furbi’, verso i quali da oggi non ci sarà più tolleranza".E' il commento di Fabio Venturi, presidente di Agsm, la multiutility parte lesa per il furto di energia al campo nomadi di Forte Azzano."Quello di questa mattina - ha concluso - infatti è il primo di una serie di interventi di controllo, mirati a distinguere chi ruba dalle persone in difficoltà economica, per le quali sono previste delle tutele".
LEGALITA'
Furti corrente, Tosi:    <br/>Controlli a campi nomadi

Furti corrente, Tosi:
Controlli a campi nomadi

"In un momento di crisi economica come quello attuale con molti cittadini ed aziende che faticano ad arrivare alla fine del mese e quindi a pagare le bollette, è ancor più inconcepibile che qualcuno rubi la corrente”.Lo ha detto il sindaco di Verona, Flavio Tosi, tornando a commentare il blitz compiuto questa mattina all'alba con le Forze dell'ordine nel campo nomadi di Forte Azzano, intervenendo per distaccare gli allacciamenti abusivi ai contatori dell'energia elettrica. Per quanto riguarda le presenze all’interno del campo nomadi, Tosi ha ricordato che “chi vuole restare, deve sottoscrivere il regolamento approvato dal Consiglio comunale, che prevede fra l’altro l’assenza di condanne rispetto ad alcune tipologie di reato e l'obbligo della scolarizzazione dei figli; chi non accetta questo regolamento non potrà avere l’allacciamento alla corrente elettrica”.

TEZENIS
Ufficiale firma Da Ros    <br/>'Torno più maturo'

Ufficiale firma Da Ros
'Torno più maturo'

"Torna a Verona un Matteo Da Ros più maturo, l’anno a Barcellona mi ha fatto capire come funzionano certe cose al di là della barricata e com’è dover giocare anche per salvarsi e non sempre per vincere il campionato avendo alle spalle società solide, come mi è capitato nelle stagioni passate". Con queste parole Matteo Da Ros commenta l'ufficializzazione del suo ritorno alla Tezenis dopo la nuova esperienza in Sicilia, seguita alle due stagioni in gialloblù"."Nel secondo anno alla Tezenis – spiega Da Ros – avevo fatto un passo indietro, ora però ho ritrovato la fiducia in me stesso. Adesso sono più conscio del fatto di dover aiutare anche gli altri. Dover stringere i denti e fare i conti con varie problematiche com’è stato a Barcellona certamente mi è servito nel percorso di crescita personale". "Mi piace - continua l'ala 26enne - l’idea di giocare di nuovo per la Tezenis. Il fatto scatenante che mi ha fatto decidere in questa direzione è stata la chiamata di Marco Crespi, ad un coach da Eurolega che un giorno ti chiama e ti dice “Matteo, io ho voglia di allenarti” non puoi che dire di sì. È bastata quella frase, l’ho detto più volte anche al direttore sportivo Gianluca Petronio e a Giorgio Pedrollo"."Sono contento di ritrovare Boscagin, il resto della società ed una persona sincera e disponibile come Petronio, che ha sempre trovato la parola giusta, anche scomoda, sempre per il bene comune" conclude Matteo Da Ros. Nell'ultima stagione con la maglia di Barcellona Da Ros ha tenuto 12.3 punti, 7.3 rimbalzi in 35.9 minuti giocati ed un massimo di 27 punti nella gara di ritorno con Torino, in doppia cifra 20 volte su 25 partite di regular season, in un’annata terminata col 48.2% al tiro da due e 3.3 assist. Un ritorno quello di Da Ros, alla Tezenis Verona dal 2012 al 2014 in due campionati in cui è stato impiegato rispettivamente 26.8 e 23.6 minuti, con 9.2 e 7.5 punti, 5.4 e 4 rimbalzi, il 46.9% e il 47.2% al tiro da due. Da Ros è stato, prima ancora, a Barcellona Pozzo di Gotto dal 2010 al 2012. Ventisei anni il prossimo 25 settembre, nato a Milano, in nazionale con l’Under 18, l’Under 20 e la selezione Sperimentale, Da Ros ha esordito in Serie A con la Virtus Bologna, società in cui ha giocato nella stagione 2007-2008.
NOMINA
Testa confermato  <br/>commissario dell'Enea

Testa confermato
commissario dell'Enea

Federico Testa è stato confermato alla guida dell’Enea, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile anche per il prossimo anno.Il rinnovo di 12 mesi è stato deciso dal ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, dicastero al quale fa capo Enea in ragione “del percorso di effcientamento intrapreso e dei positivi risultati ottenuti”. Ordinario di economia e gestione delle imprese all’università di Verona, Testa ha avviato una profonda ristrutturazione con l’obiettivo di rilanciare quella che è la maggiore istituzione di ricerca applicata del nostro Paese, per il trasferimento tecnologico a imprese e pubbliche amministrazioni.
DOPO IL 15-0 IN COPPA
Lunedì di ribalta       <br/>per il Citta da record

Lunedì di ribalta
per il Citta da record

E' il Cittadella a fare notizia nel primo week end di agosto. Nel turno d'esordio di Tim Cup i granata hanno infatti letteralmente affondato al Tombolato il Potenza che, in evidenti difficoltà societarie, è sceso in campo con una formazione infarcita di juniores. 15 a 0 il risultato in favore del marpione Citta che ha così segnato un record nella storia della competizione. Mai era infatti successo prima d'ora che una squadra vincesse con ben 15 gol di scarto. Gli unici precedenti di rilievo infatti sono 4 con il risultato finale di 9-0, l'ultimo dei quali datato 1958. Per la verità un Juventus-Cento del 1926 finì proprio 15-0 ma quell'edizione della Coppa Italia fu poi annullata e dunque non passò alla storia. A differenza dell'impresa dei vari Iori, Bizzotto, Minesso, Pascali, Bobb e Coralli che è invece finita alla ribalta nazionale, trovando posti nei principali quotidiani nazionali. Su Repubblica.it c'è anche un video in cui si vedono i tifosi cittadellesi applaudire i poveri ragazzini del Potenza per aver provato, seppur inutilmente, a tener testa all'esperienza di Iori e compagni. Ragazzini gettati nell'arena del Tombolato in pasto ai ben più esperti e scafati giocatori del Cittadella che non si sono certo lasciati intenerire, giocando fino in fondo la loro partita. In queste foto dell'agenzia fotografica Piran, alcuni dei gol che hanno trasformato questa partita inizialmente senza particolari aspettative in un evento da scrivere sui libri della storia del calcio.
TABACCHERIA
Rapina a San Michele   <br/>Arrestato terzo bandito

Rapina a San Michele
Arrestato terzo bandito

La Squadra mobile di Veroina ha individuato e arrestato il terzo bandito accusato di avere rapinato una tabaccheria nel quartiere periferico di San Michele Extra. Si tratta di Francesco Vitrani, 40 anni, originario di Pavia e residente in provincia di Aosta, dove èp stato rintracciato e fermato dagli investigatori della Mobile veronese. L'uomo è stato identificato come il bandito che impugnava la pistola calibro 9, carica di munizioni, con la quale ha minacciava e teneva sotto tiro le due dipendenti della tabacchiera, mentre il suo complice, Francesco Iuvara, già arrestato nei giorni scorsi,, s’impossessava dei cinquemila euro in cassa. Ad attenderli in auto c'era un terzo complice, a sua volta finito in manette. Il gip Laura Donati ha emesso un provvedi,mento di custodia cautelare in carcere; intanto proseguono le indagini della Polizia anche attraverso il Servizio Interpol per accertare la provenienza dell'arma utilizzata nella rapina e capire se possa essere di provenienza furtiva estera o commercializzata all’estero.
CONTROLLI
Furti di corrente     <br/>Blitz al campo nomadi

Furti di corrente
Blitz al campo nomadi

Linea dura del Comune di Verona contro gli allacciamenti abusivi all'energia elettrica nei campi nomadi. Il Sindaco Flavio Tosi questa mattina all'alba ha guidato un blitz con gli agenti della Polizia Municipale e Polizia di Stato al campo nomadi di Forte Azzano dove era stata accertata una sola utenza contrattualizzata in una comunità di circa 70 sinti. "Una possibilità - ha spiegato Tosi - è di fare denuncia, aprire un fascicolo, aspettare che venga attribuito a qualcuno e che si facciano le indagini. Praticamente zero soluzioni". "Oppure - ha aggiunto - è fare i distacchi, come abbiamo proceduto, a fronte di ripetuti e prolungati furti di corrente". Così questa mattina durante il blitz gli agenti hanno accompagnato i tecnici di Agsm (la multiutility comunale che eroga l'energia elettrica) e hanno provveduto al distacco di tutti gli allacciamenti abusivi. Si tratta di almeno otto collegamenti che consentivano di usufruire dell'energia elettrica senza pagare nessuna bolletta."In questo campo nomadi - ha sottolineato il sindaco Tosi - c'era un unico allacciamento regolare con un contratto intestato a una donna single. Adesso approfondiremo gli accertamenti anche per verificare la presenza di persone con condanne penali". Il regolamento comunale per i campi nomadi, infatti, prevede l'allontanamento di persone con condanne anche in primo grado per tutta una serie di reati. "Però abbiamo accertato che in quel campo ci sono persone che stanno scontando gli arresti domiciliari, un provvedimento cautelare disposto dal giudice e per questo ovviamente non possono essere allontanate" ha concluso Tosi.
TIM CUP
Citta, record storico:    <br/>15-0 al Potenza

Citta, record storico:
15-0 al Potenza

Il primo turno di Coppa Italia si apre con un record storico: il Cittadella travolge il Potenza (in campo con la juniores) 15-0. In Italia non si è mai verificata una vittoria in casa così pesante, i precedenti erano i 9-0 di Lucchese - CS Firenze del 1922, Entella - Derthona del 1936-37, Cagliari - Terranova del 1939-40 e Sampdoria - Marzotto del 1958. La squadra del nuovo tecnico Roberto Venturato - subentrato a Claudio Foscarini, in panchina dal 2005 al 2015, e prima ancora faceva le giovanili - va subito in vantaggio con Coralli, che segnerà ancora nella ripresa. Poi la rete di Iori, il poker di Bizzotto, il 18enne che segnò all'esordio in B, e le doppiette di Minesso, Paolucci, Pascali e Bobb.CITTADELLA - POTENZA 15-0MARCATORI: 20′ pt Coralli, 26′ pt Iori, 31′ pt Bizzotto, 40′ pt Bizzotto, 43′ pt Minesso; 7′ st Bizzotto, 10′ st Coralli, 16′ st Paolucci, 22′ st Pascali, 24′ st Pascali, 31′ st Paolucci, 34′ st Bobb, 35′ st Bobb, 37′ st Bizzotto.CITTADELLA (4-4-2): Alfonso; Salvi, Pascali, Pellizzer (11′ st Cappelletti), Benedetti (25′ st Amato); Minesso, Iori, Lora (17′ st Bobb), Paolucci; Bizzotto, Coralli. A disp.: Vaccarecci, Donazzan, Busellato, Yallow, De Leidi, Signorini, Scaglia, Schenetti, Gerardi. All. Venturato.POTENZA (4-4-2): Scelzo (1′ st Colizzi); Notargiacomo (1′ st Moles), Franculli, Benedetto, Di Lucchio; D’Andrea (17′ st Fiore), Lacidogna, Caivano, Foscolo; Zaccagnino, Claips. A disposizione: D’Ambrosio, Esposito. All. Belotti.ARBITRO: Rossi di Rovigo.GUARDALINEE: Galetto-Badoer.Ora due giorni di riposo per il gruppo. La ripresa mercoledì pomeriggio al Tombolato.
INTERVISTA ALLA GAZZETTA DELLO SPORT
MORAS: QUEL DRAMMA   <br/>MI HA CAMBIATO

MORAS: QUEL DRAMMA
MI HA CAMBIATO

Moras ha concesso un'intervista alla Gazzetta dello Sport e ha parlato del dramma famigliare che lo ha colpito: la perdita del fratello Dimitris, dopo la leucemia e il trapianto di midollo.«Pen­sa­vo che mio fra­tel­lo ce la po­tes­se fare, le cose sta­va­no an­dan­do bene, lo aspet­ta­vo a Ve­ro­na per l’ul­ti­ma par­ti­ta di cam­pio­na­to con la Juve. Poi a marzo ha fatto gli esami, i va­lo­ri erano sbal­la­ti: i me­di­ci hanno detto che la si­tua­zio­ne era di­spe­ra­ta e gli hanno per­mes­so di la­scia­re l’Au­stra­lia e tor­na­re in Gre­cia, a La­ris­sa» ha raccontato Vangelis all'inviato Guglielmo Longhi."Pur­trop­po è fi­ni­ta male perché era una forma di leu­ce­mia rara e molto ag­gres­si­va, io ero com­pa­ti­bi­le al 100% e il tra­pian­to è una mossa che spes­so si di­mo­stra de­ci­si­va. E’ sem­pli­ce, non è do­lo­ro­so, non è in­va­si­vo: con un test sulla sa­li­va si vede c’è com­pa­ti­bi­lità, poi vieni col­le­ga­to a una mac­chi­na per 4 ore, ti pre­le­va­no 200 mil­li­li­tri di sta­mi­na­li e in­tan­to puoi fare quel­lo che vuoi, leg­ge­re o guar­da­re un film o par­la­re con gli amicii" ha continuato il difensore del Verona.Ha spiegato Moras: «(...) Spero che il mio gesto serva a di­mo­stra­re quan­to sia im­por­tan­te aiu­ta­re gli altri, per que­sto mi sto im­pe­gnan­do con l’as­so­cia­zio­ne do­na­to­ri di mo­del­lo osseo di Ve­ro­na e con la fon­da­zio­ne che sta na­scen­do in Au­stra­lia: avrà una sede in Ita­lia e sarà in­ti­to­la­ta a mio fra­tel­lo».«Di­mi­tris era in va­can­za dai no­stri cu­gi­ni quan­do ha sco­per­to di es­se­re ma­la­to e in Au­stra­lia c’è una forte co­mu­nità greca che ha aiu­ta­to la mia fa­mi­glia. Qui è nata l’idea della ma­gliet­ta di Su­per­man che hanno poi in­dos­sa­to i com­pa­gni e lo staff tec­ni­co du­ran­te la pre­pa­ra­zio­ne esti­va di un anno fa. Fan­ta­sti­ci, loro e tutte le per­so­ne che mi sono state vi­ci­ne, anche fuori dal mondo del cal­cio» ha raccontato il difensore greco.Da quel giorno la vita di Moras è cambiata: "Ho ca­pi­to in que­sti gior­ni qual è il vero va­lo­re delle cose, che è inu­ti­le in­caz­zar­si per stu­pi­da­te o in­se­gui­re i soldi o l’am­bi­zio­ne quan­do poi è Dio a de­ci­de­re il tuo de­sti­no, ma­ga­ri in pochi istan­ti. Gio­cherò con meno stress e de­di­cherò a Di­mi­tris gli ul­ti­mi anni della mia car­rie­ra. Era un ra­gaz­zo di 35 anni, forte, po­si­ti­vo. Se lo me­ri­ta".Vangelis ha raccontato anche l'altra terribile esperienza che lo ha visto protagonista: l'incidente stradale che lo ha visto coinvolto: «Tor­na­va­mo da una par­ti­ta della Na­zio­na­le, ce la siamo vista brut­ta, anzi brut­tis­si­ma. Una delle per­so­ne che viag­gia­va­no sull’altra auto è morta nel fron­ta­le». Infine Moras ha espresso un giudizio sul Verona: «Con Paz­zi­ni, la squa­dra mi sem­bra più forte. Certo, ci sono gio­ca­to­ri nuovi, deve cre­sce­re an­co­ra, tro­va­re gli au­to­ma­ti­smi giu­sti».
MERCATO
NAPOLI-VERONA: PER ORA   <br/>NESSUN CONTATTO PER SALA

NAPOLI-VERONA: PER ORA
NESSUN CONTATTO PER SALA

Il Napoli torna a pensare a Sala per dare un valido esterno a Sarri, ma per ora non c'è stato nessun contatto tra l'Hellas e la società partenopea."Il nostro mercato è chiuso con l'arrivo di Albertazzi" ha spiegato ad Amburgo il direttore generale Gardini.E' evidente però che il Verona aprirebbe nuovamente le trattative davanti ad un'offerta considerevole per Sala.Il Verona stima il valore di Sala attorno ai 7 milioni di euro, una cifra che potrebbe essere ritenuta abbordabile dal Napoli che ha rinunciato a Vrsaliko perchè il Sassuolo ne chiedeva 15.Per ora però Giuntoli non si è ancora fatto sentire con il ds Bigon che attende una chiamata. Su Sala il presidente Setti aveva spiegato: "La vedo dura che Sala parta. Lui sta bene qui e a meno di clamorose offerte rimane da noi".
MERCATO
Un portiere scozzese     <br/>per l'Agsm Verona

Un portiere scozzese
per l'Agsm Verona

Nuovo arrivo internazionale per l'Agsm Verona.Il club gialloblù si è assicurato per la stagione 2015/2016 le prestazioni sportive del portiere scozzese Rachel Harrison.La venticinquenne di Edimburgo proviene dallo Spartans FC e fa parte stabilmente della nazionale scozzese.L'Agsm Verona, in vista dei molteplici appuntamenti sul fronte nazionale ed estero, potrà così contare su due portieri d'esperienza e caratura internazionale quali Stéphanie Öhrström e la nuova arrivata Rachel Harrison.La giovane Ilaria Toniolo, acquisita a titolo definitivo dal Vicenza, sarà invece trasferita al Fimauto Valpolicella dove potrà disputare un campionato di serie B da titolare.Rachel Harrison giungerà questo lunedì sera a Linate con un volo proveniente da Edimburgo e, dopo aver espletato le incombenze burocratiche per il tesseramento e la residenza a Verona, sarà a disposizione per il ritiro di preparazione che inizierà venerdì 7 agosto a San Zeno di Montagna.Il suo trasferimento nella città scaligera è stato accolto favorevolmente dallo staff della nazionale scozzese felice che l'atleta possa mettersi alla prova in un club importante come quello gialloblù.Queste le dichiarazioni rilasciate da Rachel Harrison alla vigilia del suo arrivo a Verona:< Ho scelto Verona poiché ho pensato che questa fosse per me un'opportunità da non poter rifiutare!Verona è un club di grande successo e credo che sia il club che può aiutarmi a migliorare e ad imparare di più come giocatore!Il mio obiettivo è sempre quello di migliorare ogni anno! La prossima stagione voglio giocarmi come meglio posso la possibilità di ottenere un posto da titolare, e, auspicabilmente, guadagnarmi la riconferma del mio posto in squadra!So che questa squadra è Campione d'Italia in carica ed ha in organico molte giocatrici internazionali di successo! Sono molto entusiasta di far parte di questo gruppo per la prossima stagione!Io non ne so molto sulla città di Verona, ma so che è assolutamente una bellissima città! E che è la patria di Romeo e Giulietta! Non vedo l'ora di arrivare a conoscere la città e la cultura ".
INCIDENTE
Vigasio, esce di strada        <br/>Muore motociclista

Vigasio, esce di strada
Muore motociclista

Incidente fatale all'alba per un motociclista che è morto all'altezza di Vigasio sulla strada provinciale 24. Roberto Garofolo, 51 anni, di Vigasio, per cause ancora da accertare è uscito di strada autonomamente restando ucciso sul colpo. Sul posto il 118 con due ambulanze, inutili i soccorsi.
SCOMPARSO
Disperso nel Biffis    <br/>Riprendono ricerche

Disperso nel Biffis
Riprendono ricerche

E’ caduto nel canale Biffis senza più riemergere un uomo dopo aver scavalcato la recinzione. A dare l’allarme ai vigili del fuoco alcuni passanti. Sul posto, oltre alla squadra di Verona è arrivata anche quella dei sommozzatori di Vicenza che hanno iniziato a scandagliare il canale.  Le ricerche continueranno questa mattina quando il livello del canale verrà abbassato.
SENTINELLE IN PIEDI
Si alla famiglia, in    <br/>piazza 200 "sentinelle"

Si alla famiglia, in
piazza 200 "sentinelle"

Nonostane l'estate non si fermano le manifestazioni delle "Sentinelle in piedi" che hanno vegliato aVerona per dire si alla famiglia sì al diritto di ogni bambino di avere un padre ed una madre contro la possibile introduzione dell'ideologia gender nelle scuole. Per le "sentinelle" si tratta del secondo appuntamento in Piazza dei Signori.
PRIMA SEDUTA A BAD
Hallfredsson in Austria   <br/>torna ad allenarsi

Hallfredsson in Austria
torna ad allenarsi

Emil Hallfredsson ha raggiunto i compagni nel ritiro di Badkleimkirkeim. Anche Wink e Rafa Marquez sono in Austria e hanno preso parte al primo allenamento nel pomeriggio.
BANCO
Risiko banche, la più      <br/>attiva è la Popolare

Risiko banche, la più
attiva è la Popolare

Banche in pieno fermento con la stagione delle aggregazioni chiamata ad una svolta, già probabilmente dopo l'estate. Che debbano cambiare pelle è cosa stranota. Lo stesso premier lo ribadisce ad un lettore de L'Unità che lamenta la mancanza al Sud di banche disposte a finanziare progetti per lo sviluppo. "Caro Almerico, la questione bancaria è molto seria e non riguarda solo il Sud, anzi. Vuoi una previsione? Il risiko bancario continuerà ancora a lungo, perché in Italia abbiamo troppi Istituti di credito", è la risposta di Matteo Renzi. I primi passi li stanno compiendo le Popolari sullo stimolo della riforma del Governo che le obbliga alla trasformazione in Spa. E all'opera sono anche le Bcc che nel Mezzogiorno sono abbastanza radicate. Queste ultime sono impegnate in una autoriforma che punta a porre a capo dei circa 400 istituti una sola Spa, probabilmente l'attuale Iccrea. Un'unica capogruppo consentirebbe al settore di poter reperire capitali sui mercati, cosa ora preclusa, in modo da coprire velocemente le situazioni di dissesto. Inoltre, un gruppo unico fungerebbe anche da vigilante sul panorama delle banche di credito cooperativo. Una soluzione che a non tutti piace. Le Bcc del Nord-Est, ad esempio, sono pronte ad un nuovo polo bancario costituito da 91 banche di credito cooperativo e casse rurali che punta a un patrimonio tra 800 milioni e un miliardo di euro, capitanato da Cassa Centrale Banca. La prima mossa delle Popolari è stata, invece, quella di nominare gli advisor finanziari e legali. Il più attivo sembra essere il Banco Popolare chiamato ad essere l'alternativa ai big Unicredit e Intesa Sanpaolo. Sull'istituto di Saviotti si concentrano le maggiori attese con l'idea di una super-popolare che possa coinvolgere anche Ubi Banca. Quest'ultima, nei mesi scorsi, è stata più volte citata per un matrimonio con Mps. Nel capitolo super-popolare è rientrata anche Bpm, sempre con il Banco di Verona che con tutta probabilità potrà contare sull'apporto anche della Fondazione CariVerona destinata a diluirsi in Unicredit. In Lombardia c'è chi invece scommette in un'aggregazione tutta in Valtellina tra il Creval e il Banco Popolare di Sondrio. In Veneto, invece, sono al lavoro da lungo tempo la Popolare di Vicenza che punta alla quotazione e ha cambiato il consigliere delegato con l'arrivo di Iorio da Ubi e Veneto Banca con il dg Consoli che ha ceduto il passo al ricambio interno in vista della trasformazione in società per azioni.
INCIDENTE
Donna cade con l'auto     <br/>da giardino sopraelevato

Donna cade con l'auto
da giardino sopraelevato

Una donna di 81 anni è rimasta ferita oggi a Roncà precipitando con la propria auto da un giardino sopraelevato. Per cause da accertare, l'anziana ha sfondato con la una Fiat Panda la ringhiera, finendo dopo un salto di 5 metri nella stradella sottostante. Un uomo con un trattore è riuscito ad evitare che l'auto, capovolta, scivolasse ulteriormente in discesa. La donna è stata liberata dall'abitacolo dai vigili del fuoco e dai sanitari del 118, e condotta in ospedale a Verona.
FURTI
Nomadi da Torino     <br/>sul Lago per rubare

Nomadi da Torino
sul Lago per rubare

Due nomadi 30enni italiane sono state denunciate dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Peschiera con l’accusa di ricettazione, alterazione di targhe e detenzione di coltello. Questa mattina una pattuglia dell’Arma ha notato un camper di ingente valore in una zona residenziale di Peschiera; a bordo due donne con bambini, che alla vista dei militari prima tentavano di allontanarsi per poi fermarsi e chiedere un’informazione agli stessi Carabinieri, dicendo di cercare un campeggio. Le false turiste sono state subito smascherate: pluripregiudicate per furto, giostraie, provenienti dalla provincia di Torino, armate di un grosso coltello, sono state trovate in possesso di alcuni orologi d’ingente valore, capi d’abbigliamento di marca, arnesi da scasso e un kit per la falsificazione delle targhe, composto da lettere e numeri adesivi e falso bollo della Repubblica. All’interno della parte posteriore del camper era stato realizzato un garage porta moto, con alcuni giubbotti da motociclista pronti all’uso. Per i carabinieri si tratta di una banda di pendolari del furto. Il camper veniva utilizzato come base operativa per raggiungere le località da colpire, passando inosservato nel traffico dei turisti, nascondendo la moto nel vano garage interno, falsificandone la targa. Dopo il furto la moto rientrava subito nel camper, sottraendosi a qualsiasi controllo. Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare i due complici. Le donne sono state allontanate da Peschiera con foglio di via.
AMBIENTE
Argini, nutrie killer   <br/>E' allarme nel Veronese

Argini, nutrie killer
E' allarme nel Veronese

Nutrie killer degli argini: hanno reso i canali della Bassa Veronese simili a gruviera e i trattori che vi lavorano sopra affondano come fossero nelle sabbie mobili. Sono già tre i mezzi del Consorzio Veronese sprofondati negli argini che, che a causa delle tane delle nutrie, non ne sostengono più il peso: i lavoratori del Consorzio operano in condizioni di grave rischio per la vita. L’ultima volta è accaduto a Bovolone. Un camion e una squadra di operai hanno lavorato per due ore per estrarre il trattore e relativo braccio meccanico dalla terra. Il mezzo non si è rovesciato e il conducente è rimasto illeso.“Non se ne può più. Dobbiamo aspettare il morto – commenta il presidente del Consorzio di Bonifica Veronese, Antonio Tomezzoli - perché ci si renda conto dei danni che stanno facendo le nutrie? Questi mega-topi li dobbiamo eliminare dal nostro territorio. Occorre maggior coordinamento tra la Provincia, i Comuni e le associazioni di cacciatori. Li dobbiamo fare fuori. Fino ad ora siamo stati fortunati e i mezzi sprofondati, non si sono rovesciati, ma se capitasse? I canali sono alla massima portata per garantire l’irrigazione, se il trattore si rovesciasse nell’acqua e il conducente non riuscisse ad uscire dalla cabina, morirebbe annegato”.La proliferazione incontrollata di questi ratti dalle dimensioni abnormi nell’elenco delle 100 specie più dannose al mondo, portano anche la leptospirosi, ha effetti altamente negativi nel settore agricolo."Oltre a mettere a rischio la vita dei tecnici del Consorzio e degli agricoltori che lavorano i terreni lungo le rive dei canali – continua Tomezzoli – minano dall’interno la struttura degli argini, ponendo seri problemi di sicurezza idraulica. Quando si verificano ondate di piena, infatti è più facile che gli argini possano cedere. Il personale del Consorzio è costantemente impegnato nel tappare i fontanazzi provocati dalle nutrie, con picchi di tre interventi a settimana, in questo periodo di irrigazione. Nelle aree dove i canali sono pensili, come il Tartaro a Vigasio ad esempio, eventuali esondazioni coinvolgerebbero anche i centri abitati. La Regione Veneto ha da tempo incluso le nutrie tra le specie cacciabili: sono state organizzate alcune battute durante la stagione venatoria, ma sono costose. In considerazione di ciò, dobbiamo trovare un accordo tra Consorzio, Provincia e Comuni per pianificare l’eliminazione di questo flagello e abbattere l’ostacolo principale alla caccia alla nutria che è il costo dello smaltimento delle carcasse”.Al momento, le poche battute organizzate si sono svolte lungo canali prestabiliti. Il Consorzio ha effettuato una decisa pulizia degli argini, in modo da “mettere a nudo” le tane nascoste tra il fogliame e l’erba. I cacciatori sono arrivati anche 2-300 animali per notte. Considerato che mediamente una nutria pesa 15 chili, il costo dello smaltimento, di 20 centesimi di euro al chilogrammo arriva a 900 euro a battuta, questo ne spiega la rarità.
L'Opinione
ON AIR
03.08.2015
TgVeneto
ON AIR
03.08.2015
Rosso & Nero
ON AIR
10.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
02.08.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
02.08.2015
Vighini Show
ON AIR
29.05.2015
Alè Verona
ON AIR
23.07.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
26.05.2015
Alé Padova
ON AIR
25.05.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA