• ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 18:45, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.30 e alle 20 prima dei Tg.. è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

  • TERRA E NATURA

    Ogni sabato prima dei Tg

    Rubrica di approfondimento su temi di attualità legati al mondo agricolo, le realtà industriali della nostra terra, il commercio, l’artigianato, ma anche viaggi, eventi, salute e benessere legati a tematiche “verdi”

MERCATO HELLAS
SETTI: VALOTI?   <br/>CREDIAMO IN LUI

SETTI: VALOTI?
CREDIAMO IN LUI

"Valoti è un giovane di qualità, ha iniziato a muovere i primi passi in serie A dimostranto di avere la determinazione giusta, il carattere ed anche piedi buoni. Crediamo in lui e manca pochissimo per riportarlo da noi. Sì, siamo ai dettagli". Così il presidente Maurizio Setti a margine della presentazione delle maglie e del nuovo sponsor per la stagione 2015-16.
MERCATO
CHIEVO, TENTATIVO   <br/>PER NICO LOPEZ

CHIEVO, TENTATIVO
PER NICO LOPEZ

In attesa di conoscere la risposta del procuratore di Hernandez, il diesse del Chievo Nember ha chiesto Nico Lopez all'Udinese. L'attaccante uruguaiano si traferirebbe nel club della Diga in prestito con un diritto di riscatto molto alto (9 milioni di euro). La trattativa è avviata, anche se la concorrenza non manca, visto che l'ex Verona piace molto a Sassuolo e Frosinone. In questo momento però il Chievo sembra in vantaggio.
RAPPORTO 2014
Lavoro, calano infortuni  <br/>aumentano i decessi

Lavoro, calano infortuni
aumentano i decessi

Calano gli infortuni gravi, ma aumentano quelli mortali. In estrema sintesi è questo il quadro generale della sicurezza sul lavoro a Verona e provincia. Nel 2013, questi sono gli ultimi dati disponibili, gli infortuni denunciati sono stati quasi 15 mila, in calo del 5,9% rispetto al 2012. Gli infortuni gravi, che rappresentano il 22% di quelli riconosciuti in occasione di lavoro sono in calo del27% negli ultimi 10 anni. Ma Verona non è messa bene per quello che riguarda i decessi, visto che nel 2014, in città e provincia sono stati 12: sette in ambiente di lavoro ordinario, non stradale e cinque in itinere. I dati sono inseriti all’interno del Rapporto 2014 delle attività di prevenzione negli ambienti di lavoro, stilato dal comitato provinciale di coordinamento, composto dalle Ulss, dagli spisal e dagli enti previdenziali Inps e Inail."Abbiamo sempre due settori che sono pesanti da un punto di vista infortunistico - ha spiegato Manuela Peruzzi, responsabile vigilanza dello Spisal - uno è l'agricoltura e l'altro è l'edilizia. Quindi, ribaltamento col trattore e cadute dall'altro".Dal rapporto emerge che i principali rischi per la salute dei lavoratori sono la movimentazione manuale dei carichi, il rumore, ma anche i rischi chimico e biologico e da sovraccarico biomeccanico degli arti superiori. Il 43% di tutti i lavoratori è soggetto a sorveglianza sanitaria, con il 94% dei soggetti ritenuti idonei alla mansione. Uno degli aspetti di maggior rilievo è la necessità di una diffusione capillare nelle aziende veronesi dell’educazione alla sicurezza."Su 2.500 aziende che abbiamo controllato - ha confermato Manuela Peruzzi - 1/3 presentano situazioni di rischio o di irregolarità. I nostri controlli vengono fatti in maniera mirata, laddove le segnalazioni ci portano. Se vediamo, ad esempio, un cantiere con problemi, interveniamo immediatamente".Nel 2014 i casi di infortunio mortale sul lavoro indagati nella nostra provincia dagli spisal sono stati in totale 8. Quattro un agricoltura, due nei servizi, uno in edilizia e uno nel comparto lapideo. Tra le problematiche in aumento tra i lavoratori ci sono i disturbi psichici e le malattie psicologiche legate allo stress.
CARABINIERI
5 spacciatori in manette   <br/>due hanno soli 17 anni

5 spacciatori in manette
due hanno soli 17 anni

Un tunisino e un veronese, rispettivamente 29 e 17 anni. Sono loro i protagonisti di una storia di droga che potrebbe concludersi addirittura con 20 anni di carcere per il nord africano. Badreddine Kabi, tossicodipedente e gravato da una lunga sfilza di precedenti penali, aveva infatti messo in piedi una rete di spaccio, affidata sul campo al 17enne veronese, inserito in un contesto familiare disastroso. Il tunisino si era ormai trasferito in pianta stabile nell’appartamento del giovane a San Massimo e li preparava dosi di cocaina, eroina, hashish e metadone da piazzare poi in strada. Compito che spettava al giovane, da tempo monitorato dai carabiniei dello stazione locale, che su di lui avevano messo gli occhi dapprima in quanto consumatore di droga e quindi come spacciatore. Lo hanno pizzicato durante qualche vendita, ma per fermarlo hanno aspettato che uscisse di casa. Addosso aveva eroina e cocaina e in casa, dove i militari hanno trovato anche il tunisino, sono stati recuperati in totale 25 grammi di coca e 40 di eroina, oltre a 34 boccette di metadone e bilancini di precisione. I carabinieri hanno ancora trovato alcune spade giapponesi, che i tossici davano ai due spacciatori in cambio del denaro. Il 17enne è stato portato nel carcere minorile di Treviso, mentre Kabi si trova a Montorio con l’accusa di detenzione e cessione di droga, con l’aggravante di averla consegnata ad un minorenne. Il che potrebbe portare ad una lunga reclusione.I carabinieri, sempre nell’ambito del contrasto allo spaccio, hanno arrestato altri due nord africani e un romeno minorenne. Quest’ultimo è stato fermato a bordo del suo scooter. Addosso aveva 20 grammi di marijuana. A casa, i carabinieri, ne hanno trovati circa altri 80. E’ stato condannato a 4 mesi di domiciliari.
ROGO
Camper in fiamme    <br/>al Saval

Camper in fiamme
al Saval

Un camper divorato dalle fiamme. E' accaduto verso le due di questo pomeriggio a Verona, zona Saval, via Marin Faliero. Non si conoscono ancora le cause del rogo. Il proprietario, un 50enne veronese, accortosi di quanto succedeva ha tentato di recuperare qualche oggetto e documenti all'interno del mezzo ed è rimasto lievemente ustionato, portato in ospedale per essere medicato. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno avuto ragione delle fiamme evitando che l'incendio si propagasse ad altre vetture
SQUADRA MOBILE
Violentata e maltrattata   <br/>L'incubo di "Maria"

Violentata e maltrattata
L'incubo di "Maria"

Era arrivata in Italia con la promessa di un lavoro come lavapiatti. Novecento euro al mese che non sono niente ma che rispetto alla sua vita in Romania significavano la speranza di un futuro migliore. Lei ha 22 anni, la chiameremo Maria perchè è giusto che il suo vero nome, ora, resti sconosciuto. Era arrivata a Verona dopo aver parlato con un'amica che viveva in città già da tempo. Ma quando il suo treno si è fermato in stazione, la stessa cosa ha fatto la speranza di quel lavoro da lavapiatti. E' sfumato tutto davanti ad un uomo, Adrian Petre, rumeno, il compagno dell'amica che si sarebbe subito trasformato nel suo sfruttatore. Da quel giorno Maria è stata messa sulla strada, prostituta nella zona dello stadio e di notte costretta a dormire su un materasso buttato per terra nella cucina di un appartamento di cui lei pagava l'affitto. Lo pagava concedendosi, due volte alla settimana, al proprietario, un italiano di 66 anni. E tutto quello che guadagnava battendo il marciapiede andava al suo sfruttatore. Se provava a ribellarsi lui la picchiava. Fino all'epilogo, al termine di febbraio. L'amica, che condivideva il suo stesso destino, era scappata per tornare in Romania. Lei, ormai prostituta di sera e colf di giorno, ha deciso di ribellarsi quando l'uomo ha cercato di convincerla ad avere rapporti sessuali con lui, con l'italiano e con altri due rumeni. Minacciandola con un coltello l'aveva violentata, gli altri tre, a quel punto, avevano deciso di tirarsi fuori da quella situazione drammatica. Nel cuore della notte la ragazza è riuscita a scappare e ad andare alla Polizia per denunciare quel mese di inferno. Adrian Petre, adesso, è in carcere e dovrà rispondere di maltratamenti, violenza sessuale, violenza sessuale tentata, minaccia aggravata, sfruttamento della prostituzione. Maria, invece, si è salvata. Adesso è accolta in una comunità protetta e gli assistenti sociali che la seguono dicono che ha le risorse e le capacità per iniziare una nuova vita. Risorse che l'hanno spinta a denunciare anziché scappare. E a fermare un uomo la cui violenza, dopo di lei, avrebbe sicuramente trovato nuove vittime.
GARDESANA
Schianto a Brenzone      <br/>6 turisti feriti

Schianto a Brenzone
6 turisti feriti

Un ferito grave ed altre 5 persone in ospedale. Lunghe code e deviazioni sulla Gardesana per un incidente avvenuto nel primo pomeriggio a Brenzone, sulla strada del lago. Un pullmino con a bordo una comitiva di turisti è andato a sbattere contro un muro di cinta. Ancora non sono chiare le cause del violento impatto che ha provocato ferite e contusioni agli occupanti del mezzo. Sul posto due automediche, l'elicottero di VRemergenza, i vigili del fuoco di Bardolino, i Carabinieri e la municipale di Brenzone per i rilievi del caso
MUNICIPALE
Incidente stradale:   <br/>si cercano testimoni

Incidente stradale:
si cercano testimoni

La Polizia municipale di Verona si rivolge a chi possa aver assistito ad un incidente stradale avvenuto ieri intorno alle ore 16.40 a San Michele in tangenziale Est in direzione Grezzana, 500 metri dopo la rotonda di via Unità d’Italia.Nell’incidente è rimasto coinvolto un uomo di 52 anni alla guida di un motociclo Kymo People di colore bianco, ora ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale di Borgo Trento. Chiunque fosse in grado di fornire informazioni utili per ricostruire la dinamica del sinistro è invitato a contattare il comando di Polizia municipale al numero 045 807 8411 o a inviare un messaggio di posta elettronica all'indirizzo: infortunistica@comune.verona.it
IL SOGNO DI MERCATO
SETTI: PAZZINI?        <br/>L'IDEA C'E', MA...

SETTI: PAZZINI?
L'IDEA C'E', MA...

"Pazzini? E' un grande giocatore e un bravissimo ragazzo. Sapete tutti che è anche molto amico di Toni, ma in campo, per il modulo di Mandorlini, ce ne andrebbe uno solo e questo potrebbe essere un problema. L'unica perplessità è questa, di natura tecnico-tattica. In questo momento non è una priorità cercare un altro centravanti simile a Toni". Così il presidente del Verona Maurizio Setti sul sogno dell'estate, Giampaolo Pazzini. Nessun accenno al presunto problema economico (ingaggio elevato, circa 2 milioni di euro). "Ripeto - ha spiegato Setti - Pazzini non si può discutere, è un attaccante di qualità, ma i moduli alla fine contano e quindi dobbiamo stare molto attenti nelle scelte dei giocatori giusti. Al momento preferiamo portare in ritiro ragazzi giovani che hanno fatto bene in B, penso a Torregrossa, e che ora devono misurarsi con la massima serie". Setti non ha chiuso le porte a Pazzini, ma ha ripetuto che non è in questo momento il primo obiettivo per l'attacco. "Siamo molto contenti - ha concluso Setti - di aver riconfermato Jankovic e Gomez e di essere ai dettagli per il prolungamento di Sala. Anche Valoti è vicino alla riconferma".
PRESENTAZIONE
ECCO LE NUOVE MAGLIE     <br/>E IL NUOVO SPONSOR

ECCO LE NUOVE MAGLIE
E IL NUOVO SPONSOR

Giallo fluorescente la terza (Third), nera la seconda (Away). Eccole le due nuove maglie del Verona per la stagione 2015/2016, presentate nella sala stampa della sede di via Belgio. Ad indossarle gli ultimi nuovi acquisti Federico Viviani e Samuel Souprayen, che saranno presentati ufficialmente nei prossimi giorni. Svelato anche il nuovo main sponsor che sarà Metano Nord, azienda bergamasca fondata 50 anni fa dall'attuale presidente Marco Barzaghi, specializzata nella vendita e distribuzione di gas ed energia elettrica. L'accordo avrà durata triennale. La prima maglia, quella più attesa, sarà svelata il prossimo 10 luglio durante la presetazione della squadra allo stadio di via Sogare.
MERCATO A2
TEZENIS: ADDIO A DENIK     <br/>E MONROE, PIACE SACCAGGI

TEZENIS: ADDIO A DENIK
E MONROE, PIACE SACCAGGI

Si annuncia una rivoluzione in casa Tezenis. Il club gialloblù perde Andrea De Nicolao, che ha sfruttato la clausola d’uscita dal contratto in seguito alla mancata promozione ed ha firmato in serie A per Reggio Emilia vicecampione d'Italia, ma la Scaligera rinuncia anche a Darry Monroe.Il centro americano non rientra infatti nei piani del coach Marco Crespi, che preferisce un lungo più dinamico. Di sicuro Taleb Zanna non è seguito dalla Tezenis che comunque è al lavoro con il d.s. Gianluca Petronio e con il responsabile dell’area tecnica, Giorgio Pedrollo (in rientro a Verona dopo le nozze), per individuare sostituti all’altezza.Intanto sembra ormai fatta per Giampaolo Ricci, ala forte di 24 anni, 202 cm. di altezza, che nell’ultima stagione di A2 Gold con Casalpusterlengo ha tenuto 11,2 punti e 5,5 rimbalzi di media.Dal club lodigiano potrebbe arrivare anche Lorenzo Saccaggi, play 23enne che ha viaggiato a 8,9 punti e 3,6 assist per gara. L’ex forlivese è uno dei giocatori papabili per sostituire De Nicolao in cabina di regia.La Tezenis, che ha l’opzione per confermare Michael Umeh, deve comunque rimpiazzare in un colpo solo il miglior playmaker e il miglior giocatore del campionato.
MERCATO CHIEVO
Cacciatore è     <br/>un obiettivo del Chievo

Cacciatore è
un obiettivo del Chievo

Non rientra nei piani della Sampdoria e potrebbe tornare a Verona Fabrizio Cacciatore, ma con il Chievo. L'ex difensore dell'Hellas piace al club di Campedelli che ha già avviato i contatti con i blucerchiati per assicurarsi le prestazioni di Cacciatore. Le parti sono molto vicine.
ACQUISTO HELLAS VERONA
NOVITA' SULLA SINISTRA   <br/>PRESO SOUPRAYEN

NOVITA' SULLA SINISTRA
PRESO SOUPRAYEN

Samuel Souprayen, classe 1989, difensore di fascia sinistra, è un nuovo giocatore del Verona. La notizia è stata ufficializzata dalla società scaligera attraverso il proprio sito internet. Souprayen è un terzino sinistro francese che arriva dal Digione.
NUOVO CENTROCAMPISTA
UFFICIALE: VIVIANI    <br/>E' DEL VERONA

UFFICIALE: VIVIANI
E' DEL VERONA

Adesso non ci sono più dubbi: Federico Viviani, classe '92, è un giocatore del Verona. L'ufficialità è arrivata in serata dopo che il centrocampista ha sostenuto le visite mediche.
MANIACO
Si masturba ai giardini   <br/>Denunciato 49enne

Si masturba ai giardini
Denunciato 49enne

Un cittadino srilankese di 49 anni è stato denunciato dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona con l'accusa di atti osceni in luogo pubblico. L'uomo aveva cominciato a masturbarsi nei giardini di piazza Vittorio veneto, in Borgo Trento, e non si è fermato nemmeno quando un bambino a spasso con la madre gli è passato vicino e vedendolo è scappato via in lacrime. Un cittadino cittadino che aveva assistito alla scena è intervenuto ammonendo l’immigrato, ma per tutta risposta si è sentito minacciare ed insultare. Così è stata allertato il 113 e i poliziotti sono immediatamente arrivati sul posto e facendo coprire il maniaco che è stato denunciato a piede libero.
ARGOMENTO
Caldirola-Hellas    <br/>Si inserisce l'Amburgo

Caldirola-Hellas
Si inserisce l'Amburgo

Luca Caldirola, difensore classe 1991 del Werder Brema, cresciuto nell'Inter, è un obiettivo del Verona per rinforzare la difesa. La proposta a giocatore e club è arrivata, ma su di lui c'è anche l'Amburgo. La risposta di Caldirola e del Werder è attesa nelle prossime ore.
DOPO IL RINNOVO
PALOSCHI: PASSIONE E   <br/>SACRIFICIO PER IL CHIEVO

PALOSCHI: PASSIONE E
SACRIFICIO PER IL CHIEVO

"Sono molto felice ed orgoglioso dell'accordo raggiunto di proseguire la mia storia con il Chievo. Ringrazio il presidente Campedelli e tutta la società per la fiducia che continuano a dimostrarmi. E ringrazio anche i tifosi per l'affetto e l'entusiasmo che ogni giorno sento da parte loro. Per ripagare tutta questa fiducia conosco solo un modo: lavorare sempre di più in allenamento e in partita e mettere in campo grinta, passione e sacrificio per questa maglia". Questo il messaggio di Alberto Paloschi dopo il rinnovo contrattuale fino al 2019 con la società clivense.
PARLA L'EX PARMA
GOBBI: "IL SI' PIU'    <br/>VELOCE DELLA CARRIERA"

GOBBI: "IL SI' PIU'
VELOCE DELLA CARRIERA"

"La trattativa è stata molto veloce e rapida, forse la più veloce della mia carriera. In pochi giorni il mio agente mi ha parlato dell'interessamento del Chievo, siamo andati subito al dunque. Il Chievo mi ha scelto e sono molto contento di questo, mi ha voluto subito e quando vedi una società che ti cerca in un modo così veloce e rapido è stato facile dire di sì". Così Massimo Gobbi dopo aver sposato la causa Chievo, firmando un biennale.L'ex giocatore del Parma ritroverà due ex compagni ai tempi di Firenze: "Mi fa enorme piacere ritrovare Gamberini e Dainelli con i quali, con la maglia della Fiorentina, ci siamo tolti grandi soddisfazioni".
CHIEVO
CASTRO: "CHE BELLO  <br/>RITROVARE MARAN E IZCO"

CASTRO: "CHE BELLO
RITROVARE MARAN E IZCO"

"Sono contento di essere qui. Sapevo che c'era un grande interesse e anche io avevo voglia di venire e ce l'abbiamo fatta. Sto bene, mi sono messo in forma dopo l'infortunio". E' impaziente Lucas Castro di iniziare la nuova avventura al Chievo. Queste le parole dell'argentino dopo la firma sul contratto: ""Ho un buon rapporto con Maran, ci tengo molto al mister perché è il primo allenatore che ho avuto quando sono arrivato in Italia. Sarà bello tornare a lavorare con lui. Sono contento di ritrovare anche Izco: mi è dispiaciuto quando è andato via da Catania, quindi sono contento di ritrovarlo al Chievo".
NUOVO ARRIVO
UFFICIALE: GOBBI     <br/>AL CHIEVO PER DUE ANNI

UFFICIALE: GOBBI
AL CHIEVO PER DUE ANNI

Massimo Gobbi ha firmato: il terzino sinistro, svincolantosi dal Parma, ha messo nero su bianco un biennale con il Chievo. Questo il comunicato ufficiale della società di via Galvani:"L’A.C. ChievoVerona comunica di aver acquisito a titolo definitivo le prestazioni sportive di Massimo Gobbi. Il difensore, nato a Milano il 31 ottobre 1980, ha firmato con il ChievoVerona un contratto biennale".
CUS HOCKEY PRATO
Dopo 12 anni il ritorno   <br/>nella massima serie

Dopo 12 anni il ritorno
nella massima serie

Si sono guadagnati la promozione nella massima serie. E ora vengono premiati. I ragazzi del Cus Padova Hockey prato sono stati ricevuti a Palazzo Moroni, sede dell’amministrazione comunale, per una meritata passerella.«E’ stata un’annata particolarmente felice per lo sport padovano, e dentro a questo ricco quadro avete di diritto un posto importante. Mi fa particolarmente piacere che abbiate colto questo risultato con una squadra molto giovane» ha sottolineato l’assessore allo sport Cinzia Rampazzo, salutando i ragazzi allenati da Roberto Serena e riferendosi ai 23 anni di media del gruppo. «Siete un motivo di orgoglio per la nostro città» ha aggiunto il vice-sindaco Eleonora Mosco, affiancata dall’assessore al bilancio Stefano Grigoletto. «Il Cus è un simbolo di eccellenza per il nostro territorio».Nell’occasione erano presenti i giocatori che, superando per 3-1 la Butterfly Roma nella finale promozione di Cernusco, si sono guadagnati la massima serie, che mancava da dodici anni. Con loro Gian Matteraglia, responsabile della sezione hockey cussina, il segretario generale Marisa Galuppo e il presidente Roberto Zanovello, che ha ricordato: «Questi ragazzi sono lo specchio di quella che è la politica del Cus, che da sempre punta molto sul proprio settore giovanile. E’ un gruppo tutto italiano, una rarità a questi livelli, e ora, ne sono convinto, potrà dire la sua anche in A/1. Peraltro questo risultato si accompagna alla promozione sfiorata dalla prima squadra femminile, che ha le potenzialità per arrivare presto ad affiancare gli uomini nel massimo campionato».La rosa: Giovanni Melai, Ettore Cola, Jacopo Lunetta, Andrea Viscolani, Pietromaria Cappellaro, Manuel Naddeo, Enrico Menegatti, Marco Viscolani, Alessandro Lion, Giacomo Petenazzo, Fabrizio Corrado, Gioele Conforto, Giulio De Vivo, Giacomo Maistrello, Luciano Bazzoni, Alessandro Sacco, Alessio Ceolin, Ermanno Zago, Matteo Nalon, Edoardo Santinello. Allenatore: Roberto Serena.
L'Opinione
ON AIR
01.07.2015
TgVeneto
ON AIR
01.07.2015
Rosso & Nero
ON AIR
01.07.2015
Padova in Diretta
ON AIR
26.06.2015
Verona in Diretta
ON AIR
26.06.2015
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
28.06.2015
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
28.06.2015
Vighini Show
ON AIR
29.05.2015
Alè Verona
ON AIR
31.05.2015
Biancoscudati Channel
ON AIR
26.05.2015
Alé Padova
ON AIR
25.05.2015
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
06.06.2015

Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di tgverona.it

i nuovissimi di tgpadova.it

Palinsesto

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA