• ALE' VERONA

    Durante le partite del Verona

    Ogni partita del Verona la seguiamo dai nostri studi. La domenica dalle 14 o in concomitanza di una gara del Verona, Telenuovo seguirà l'evento in diretta con i commenti, la cronaca, le interviste dagli stadi.

  • ALE' PADOVA

    La domenica alle 14:45

    La domenica segui il Padova con noi..! Se i Biancoscudati giocano in casa la Moscato racconta la gara collegata dallo stadio, se giocano in trasferta invece potrete seguire tutta la gara in diretta..!

  • TGPADOVA

    INFORMAZIONE DI QUALITA'

    A Padova l'informazione di qualità la si segue su Telenuovo: il TgPadova, nelle tre edizioni delle 19:15, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • TGVERONA

    OGNI GIORNO, AGGIORNATI SU TELENUOVO

    L'informazione locale di Verona va in scena su Telenuovo: il TgVerona, nelle tre edizioni delle 19:05, delle 20:30 e delle 23:30. In replica la mattina successiva alle 06:45 e alle 07:45

  • VIGHINI SHOW

    OGNI GIOVEDI' SU TELENUOVO

    Lo show condotto da Gianluca Vighini. Ospiti di spessore, giocatori, giornalisti, opinionisti, tecnici e tifosi per un serrato dibattito sul Verona di Mandorlini. Dagli studi di Telenuovo all'HELLAS KITCHEN

  • L'OPINIONE

    Ogni giorno prima del TG, 5 minuti con Mario Zwirner

    Mario Zwirner propone quotidianamente la sua libera "Opinione" sui fatti politici, sociali e di costume. Il programma, in palinsesto da oltre quindici anni, è uno dei momenti più attesi dai telespettatori di Telenuovo

  • ROSSO E NERO

    OGNI GIORNO ALLE 12:50 IL TALK SHOW DEL VENETO

    Condotto in diretta da Mario Zwirner e Luigi Primon mette a confronto gli ospiti del mondo della politica, dell'economia e delle associazioni sui temi di attualità. Dibattito arricchito dalla partecipazione del pubblico

  • POMERIGGIO HELLAS

    Ogni sabato dalle 14.45

    Anche quest'anno Telenuovo tarsmetterà in diretta tutte le gare della primavera dell'Hellas Verona..!

  • TGBIANCOSCUDATO

    APPUNTAMENTO QUOTIDIANO

    Marco Campanale, Gigi Primon, Martina Moscato, Carlo Della Mea vi aspettano su Telenuovo Padova. Ogni giorno all'interno del TgPadova alle 19:45, 21:00 e 24:00.

  • STUDIONEWS

    Ogni giorno nelle fasce informative prima dei Tg

    Alle 18.45, 19.50 e 20.05 è uno spazio monografico che permette di sviluppare tematiche che spaziano dalla politica, all'economia, alla medicina, ai viaggi, salute, spettacoli, industria, agricoltura, commercio, artigianato, finanza

CanaliTelenuovo Verona Telenuovo Padova Telenuovo Trento 117 Telenuovo Sport Telenuovo extra

Telenuovo

TGVERONA
30.10.2014
TGGIALLOBLÙ
30.10.2014
TGPADOVA
27.10.2014
TGBIANCOSCUDATO
17.10.2014
VERONA-LAZIO
RAMMARICO PIOLI: ERAVAMO   <br/>PADRONI DEL CAMPO

RAMMARICO PIOLI: ERAVAMO
PADRONI DEL CAMPO

"Abbiamo giocato con personalità, anche quando siamo rimasti in dieci. E' stata una buona prestazione, anche se oggi ci è mancata un pochino la profondità e non siamo stati pericolosi come in altre partite. Ma eravamo padroni nel campo nel secondo tempo". Si rammarica l'allenatore della Lazio dopo l'1-1 del Bentegodi. "Abbiamo commesso un'ingenuità, un'errore nell'azione del rigore. Dovevamo essere più attenti, anche se la trattenuta di Cavanda non mi pare così importante. Il Verona ci ha creato difficoltà nel primo tempo ma siamo stati compatti, abbiamo rischiato poco o niente e nella ripresa eravamo padroni del campo".
IL POSTICIPO
VERONA-LAZIO 1-1       <br/>PRIMA LULIC, POI TONI

VERONA-LAZIO 1-1
PRIMA LULIC, POI TONI

Nico Lopez dall'inizio con Toni e Jankovic. A metà campo c'è Campanharo. In difesa tornano Agostini e Rafa Marquez. Queste le scelte di Mandorlini contro la Lazio. Biancoazzurri con Candreva (niente turnover) dall'inizio. In attacco c'è Djordjevic, Klose in panchina. LA PARTITA. Inizio molto equilibrato. Al 3' il Verona protesta per un mano, fuori area, di De Vrij. Al 9' Nico Lopez accellera e cerca in profondità Toni; buon taglio ma pallone però leggermente lungo, facile Marchetti. Al 12' la Lazio allarga la difesa del Verona, Parolo si inserisce in area, colpo di tacco per Djordjevic anticipato, e tiro da fuori alto di Biglia. Inizio di personalità per Campanharo ripreso però un paio di volte da Mandorlini, più impostazione per Rafa Marquez, Verona comunque molto compatto e stretto. Qualche mugugno al 16' per una punizione calciata male in area da Tachtsidis ma Verona in partita. Al 21' la bandierina del guardalinee Musolino è alta e ferma Toni, in gol in fuorigioco. Poi il fallo tattico tradisce Onazi che ferma Tachtsidis e prende giallo. Al 24' ci prova Lulic, di testa, su azione d'angolo, buona cordinazione, impatto sbagliato e palla distante da Rafael. Altro cartellino al 25', il giallo è per Martic che interviene su Biglia senza prendere la palla. La Lazio costringe il Verona ad abbassarsi, al 27' Candreva dentro di prima in area di rigore, stacca Moras e allontana. Grande spunto di Nico Lopez al 29'. "El Conejo" va a recuperare palla nella propria metà campo, accellera e lancia Jankovic sulla sinistra, il serbo supera Cavanda mette in mezzo ma Ciani lavora bene su Toni. Al 36' occasione per il Verona, Campanharo sceglie bene il tempo dell'intervento sui 20 metri, ruba il tempo a Ciani che lo stende. E' punizione per l'Hellas da posizione centrale. Va Jankovic che però colpisce la barriera, recupera Nico Lopez che va col destro, finta su Radu, palla in mezzo e ancora Jankovic che non trova l'impatto di testa. Al 39' Tachtsidis cerca di beffare Marchetti da lontanissimo ma il pallone è di poco alto. Al 41' Candreva, in posizione più centrale, ci prova dalla distanza, palla che rimbalza ma valutata bene da Rafael che para facile. Sul pallone successivo Agostini fa un miracolo chiudendo su Candreva ma nell'azione successiva Marquez sbaglia nel rilancio, Moras, non pressato, sbaglia il rinvio su un pallone che arriva da destra e regala la palla a Lulic che sottomisura fa 1-0. Partita sostanzialmente equilibrata, rotta ancora una volta da un errore individuale. SECONDO TEMPO. Mandorlini fa subito un doppio cambio che sembrano forzate. Dentro Sorensen per Martic e Gomez per Jankovic. Al 4' giallo per Cavanda che arriva in ritardo su Juanito. Punizione di Hallfredsson disegnata per Toni che impatta bene ma Marchetti è bravo ad andare in presa evitando anche il pericolo tap-in. Occasionissima per l'Hellas che non trova il pari. Verona che accelera. Al 6' cross di Gomez non controllato bene da De Vrij, palla che si impenna e Toni al volo prende l'esterno della rete. Ancora Verona ma Toni sbaglia quello che di solito non fallisce. Al 9' Nico Lopez beffa Ciani e va a destra, cross perfetto per Toni che mette alto da buonissima posizione. Altra occasione fallita. La Lazio prova a scuotersi all'11', prima con un cross tagliato di Candreva sul quale Rafael allontana di pugno e poi con Parolo dai 22 metri con il portiere gialloblù che non si fa sorprendere. Al 13' Pioli mette Filipe Anderson per Lulic e Gonzalez per Onazi. L'ennesima palla persa da Tachtsidis infastidisce il pubblico del Bentegodi, dalle tribune arrivano mugugni verso il giocatore greco, sovrastato da Biglia. Dopo un inizio di secondo tempo molto convincente adesso il Verona fatica ad avvicinarsi alla porta di Marchetti. Al 20' è ancora 1-0 Lazio. Al 21' Parolo dentro per Djordjevic, Marquez con una magia aggancia il pallone e poi Sorensen perfeziona il rinvio. RIGORE per il Verona e ROSSO per Cavanda. Al 22' palla per Juanito in area di rigore, Cavanda non anticipa, si fa scavalcare e trattiene Gomez. Rigore netto, Lazio in 10. Momento chiave del match. Va Toni ed è 1-1. Toni si riprende il Verona dopo il rigore della 2/a giornata, secondo gol dal dischetto per l'attaccante gialloblù che in questo secondo tempo aveva sciupato un'occasione ghiottissima. Pioli con l'uomo in meno abbassa Gonzalez in difesa. Verona che attacca, al 27' Sorensen fuori di poco di testa su azione d'angolo. Mandorlini prepara Ionita, problemi ad una spalla per Tachtsidis. Al 31' accellerazione pazzesca di Felipe Anderson che salta come birilli Sorensen e Campanharo mette in mezzo ma la difesa del Verona è attenta. Al 33' ancora Verona con una ripartenza veloce, Ionita spinge l'azione sulla destra, palla per Toni che in qualche maniera allunga per Gomez che tutto solo batte da ottima posizione ma calcia male e non trova lo specchio della porta. Verona che in questa fase sfrutta poco l'uomo in più e soffre un po' troppo la velocità e l'intraprendenza di Anderson. Al 38' bella iniziativa di Nico Lopez che ne salta due e dal limite prova il tiro, parato da Marchetti ma l'attaccante è una delle note più positive della partita. Squillo della Lazio al 39' con Djordjevic che tenta il colpo di classe con un pallonetto dal vertice sinistro dell'area di rigore, palla alta. Al 40' Nico Lopez recupera palla nella propria metà campo e lancia Gomez che va in confusione e non sfrutta l'occasione. Ultimo cambio per Pioli, Klose per Djordjevic. Al 41' Gomez prende punizione da buona posizione, fallo di Gonzalez. Punizione di Hallfredsson allontanata dalla difesa laziale, sulla ripartenza giallo per Campanharo che taglia la strada a Felipe Anderson. Campanharo arriva in ritardo su Candreva e rischia il rosso al 44'. Tre di recupero. Al 45' Hallfredsson per Gomez che gestisce male un contropiede 4 contro 3, sulla ripartenza successiva la Lazio ottiene calcio d'angolo. Toni cerca di sorprendere Marchetti fuori dai pali al 47' ma colpisce male. Finisce 1-1 al Bentegodi, Lazio che dopo quattro vittorie consecutive trova un pareggio che vale il terzo posto, buonissimo punto in rimonta per il Verona che doveva muovere la classifica dopo le sconfitte con Milan e Napoli. (s.r.)HELLAS VERONA-LAZIO 1-1Marcatori: 42' Lulic, 23' s.t. (rig) Toni. HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Martic (dal 1' st Sorensen), Moras, Marquez, Agostini; Campanharo, Tachtsidis (dal 33' s.t. Ionita), Hallfredsson; Lopez, Toni, Jankovic (dal 1' st Gomez Taleb). A disposizione: Benussi, Gollini, Saviola, Luna, Lazaros, Ionita, Valoti, Brivio, Gonzalez, Nenè.All.: Mandorlini. LAZIO (4-3-3): Marchetti; Cavanda, De Vrij, Ciani, Radu; Onazi (dal 13' st Gonzalez), Biglia, Parolo; Candreva, Djordjevic, Lulic (dal 13' st Felipe Anderson).A disposizione: Berisha, Strakosha, Braafheid, Ederson, Klose, Pereirinha, Ledesma, Novaretti.All.: Pioli. Arbitro: Irrati di Pistoia.Assistenti: Musolino e Fiorito.NOTE. Spettatori 18 mila circa. Espulso Cavanda 22' s.t. (doppia ammonizione). Ammoniti: 22' Onazi, 25' Martic, 30' s.t. Biglia, 42' s.t. Campanharo.
AMICHEVOLE PADOVA
Finisce 5-1 all'Arcella,   <br/>doppietta per Mazzocco

Finisce 5-1 all'Arcella,
doppietta per Mazzocco

E' finita 5-1 l'amichevole del Padova all'Arcella, la prima del nuovo ciclo di partitelle infrasettimanali che i biancoscudati disputeranno in giro per la città e la provincia ogni giovedì. A segno nel primo tempo Segato su calcio di punizione e Mazzocco con una pregevole doppietta personale. Nella ripresa hanno poi segnato Aperi, con un tiro dalla distanza e Bragagnolo. Per l'Arcella il gol della bandiera lo ha realizzato Ferron su calcio di rigore. PADOVA primo tempo (4-3-1-2): Cicioni; Busetto, Dionisi, Thomassen, Degrassi; Mazzocco, Segato, Nichele; Cunico; Tiboni, Ilari. PADOVA secondo tempo (4-2-3-1): Vanzato; Bragagnolo, Thomassen, Dionisi, Russo; Bedin, Segato; Denè, Aperi, Petrilli; Ferretti. All. Parlato.
LADRI
Raffica di furti, 18enne  <br/>condannato e scarcerato

Raffica di furti, 18enne
condannato e scarcerato

Nella zona industriale di San Martino Buon Albergo una banda di ladri ha tentato tre colpi tutti andati a vuoto perché è scattato l'allarme.La banda ha preso di mira tre diverse aziende, ma è stata messa in fuga dai sistemi d'allarme. Poi una solerte e attenta residente ha chiamato il 112 permettendo di far arrestare uno dei tre, un rumeno appena maggiorenne.I due complici (che si notano nelle telecamere di videosorveglianza) sono riusciti a fuggire, ma è verosimile che si tratti delle stesse persone fermate pochi giorni fa a Padova dalla Polizia con la refurtiva di un grosso furto compiuto il giorno prima alla Carrera a San Bonifacio.In quella circostanza erano stati tutti denunciati a piede libero per ricettazione. Oggi il rumeno 18enne ha patteggiato una condanna ad un anno di carcere, ma è stato rimesso in libertà dal giudice.
OMAGGIO AL CAPITANO
Deposto un mazzo di   <br/>fiori per Scagnellato

Deposto un mazzo di
fiori per Scagnellato

Da capitano a capitano. Marco Cunico ha deposto oggi, nel cimitero dell'Arcella, un mazzo di fiori sulla tomba di Aurelio Scagnellato, che con le sue 364 presenze con la maglia del Padova è il giocatore che l'ha vestita più volte. "C'è una bella differenza tra me e Scagnellato - ha detto Cunico - Scagnellato ha fatto la storia di questa società ed è unico. Diciamo solo che indossare la fascia che un tempo era sua mi riempie di emozione". Insieme a Cunico, il presidente della Biancoscudati Padova Giuseppe Bergamin, l'allenatore Carmine Parlato e il responsabile marketing Alberto Noventa. Oltre a loro anche Humberto Rosa, compagno di squadra per tantissimi anni proprio di "Lello" Scagnellato.
GIUSTIZIA SPORTIVA
Falsi cori Bentegodi,     <br/>Bragantini chiama Alfano

Falsi cori Bentegodi,
Bragantini chiama Alfano

Il caso dei presunti cori razzisti durante Verona-Milan finisce in Parlamento e all'attenzione del ministro dell'Interno, Angelino Alfano.Il vicepresidente dei deputati della Lega Nord, Matteo Bragantini, ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno.Bragantini sottolinea che le decisioni assunte dai giudici sportivi hanno importanti conseguenze economiche per le Società Sportive, ma anche ricadute sotto il profilo dell'impatto sociale generando quindi pesanti ripercussioni sull’intera città. Per questo ha scritto al ministro Alfano per sapere “quali iniziative intenda adottare per garantire la sicurezza dei cittadini in occasione dello svolgimento delle gare sportive, evidenziando il rischio che disposizioni rigide assunte dai giudici sportivi, senza essere ampiamente supportate da prove certe, oltre ai danni d'immagine possono contribuire ad alimentare nei tifosi un'avversione nei confronti degli organi costituiti alla tutela dell' ordine pubblico".
NOVITA' ASCOM
Torna l'omaggio floreale   <br/>alla squadra ospite

Torna l'omaggio floreale
alla squadra ospite

"L'omaggio floreale alla squadra ospite è gentilmente offerto da...". Quante volte, all'interno del glorioso stadio Appiani, lo speaker ha pronunciato questa frase. Insieme a tutte le altre che ricordavano chi erano allora i vari sponsor del Padova. Ebbene, la tradizione dell''omaggio floreale verrà reintrodotta a partire dalla prossima in casa contro la Triestina: sarà Pierpaolo Varotto, presidente del Gruppo Fioristi di Confcommercio Ascom Padova, a rinverdire la tradizione che si era persa con il trasloco delle partite all’Euganeo.L’amore biancoscudato non accenna dunque a diminuire, anzi si moltiplicano le iniziative promosse dall’Ascom di Padova a supporto della nuova compagine del presidente Bergamin. Sono quasi già una trentina infatti i negozi che hanno aderito alla campagna promozionale “Vetrina biancoscudata” e che espongono la vetrofania realizzata ad hoc con la possibilità di declinare l’esposizione della loro vetrina con i colori societari.Ma torniamo ai fioristi. Piorpaolo Varotto, storico fiorista in Pontecorvo a Padova, sarà il primo dei colleghi aderenti all’Ascom e proprio domenica 2 novembre, prima della partita contro la Triestina, a riportare i fiori allo stadio, in un’occasione tra l’altro particolarmente evocativa sia dal punto di vista politico (sono passati 60 anni da quando, il 26 ottobre del 1954, Trieste tornò all’Italia dopo i disastri della guerra e la successiva amministrazione alleata) che sportivo, visto che la Triestina era la squadra dove tirò i primi calci Nereo Rocco, l’indimenticato ed indimenticabile “paron” che consacrò la sua carriera di allenatore proprio a Padova.Tra l’altro Pierpaolo Varotto è anche il primo fiorista che, in questi giorni, ha decorato la vetrina del suo negozio con un trionfo floreale in bianco e rosso.
PROBABILI FORMAZIONI
VERONA, TONI O NENE'    <br/>LAZIO SENZA MAURI

VERONA, TONI O NENE'
LAZIO SENZA MAURI

Toni o Nenè. Gomez o Jankovic. E Nico Lopez che dovrebbe avere il posto da titolare. Mandorlini ha ancora qualche dubbio in vista della gara contro la Lazio. I principali ballottaggi sono tutti davanti. Jankovic pare favorito su Gomez, se non altro per il fatto che il serbo non ha giocato contro il Napoli. Mandorlini lascerà invece che sia Toni a decidere se giocare questa gara o la prossima a Cesena (o entrambe). Conoscendo Luca... sarà in campo. Il bomber ha voglia di tornare al gol, questa stagione non è partita bene per leui, ma nessuno meglio di Toni sa come ffrontare questi momenti che sono una costante nella vita di un attaccante.In difesa tornerà Agostini dopo la pessima partita con il Milan. Ma non è che Brivio a Napoli sia andato molto meglio. Ci sarà anche Rafa Marquez, anche lui chiamto a dare qualcosa in più rispetto a quello che s'è visto sino ad oggi.A centrocampo dovrebbero esserci i piedi buoni di Campanharo a supportare un Tachtsidis che viaggia ancora e troppo a corrente alternata.La Lazio viaggia sull'onda dell'entusiasmo. Pioli ha tante scelte. Manca solo Mauri che si sta curando una tonsillite e che è stato fermato dal Coni dopo che la Lazio ha comunicato la lista dei farmaci che sono serviti al giocatore.Fa paura il tridente con Lulic, Djordjevic e Candreva, quest'ultimo dato in formissima.LE PROBABILI FORMAZIONIHELLAS VERONA (4-3-3) 1 Rafael; 71 Martic, 18 Moras, 4 Marquez, 33 Agostini; 30 Campanharo, 77 Tachtsidis, 10 Hallfredsson; 17 N.Lopez, 9 Toni, 11 Jankovic.A disposizione: 95 Gollini, 22 Benussi, 16 Luna, 40 Gonzalez, 5 Sorensen, 23 Ionita, 28 Brivio, 27 Valoti, 7 Saviola, 20 Lazaros, 21 Gomez, 99 Nenè. All. MandorliniLAZIO: (4-3-3) 22 Marchetti; 39 Cavanda, 3 De Vrij, 2 Ciani, 26 Radu; 23 Onazi, 20 Biglia, 16 Parolo; 87 Candreva, 9 Djordjevic, 19 Lulic.A disposizione: 1 Berisha, 77 Strakosha, 85 Novaretti, 85 Braafheid, 10 Ederson, 17 Pereirinha, 24 Ledesma, 11 Klose, 15 A.Gonzalez, 7 F.Anderson. All. Pioli.ARBITRO: Irrati
VERSO PADOVA-TRIESTINA
Padova, oggi       <br/>amichevole all'Arcella

Padova, oggi
amichevole all'Arcella

Il Padova inaugura oggi pomeriggio il giro delle amichevoli infrasettimanali in città e provincia. Il primo avversario, alle 15, è l'Arcella al campo di via Bressan, all'interno del centro parrocchiale di Sant'Antonino. L'usanza di giocare contro le formazioni dilettanti di tutta Padova è stata reintrodotta per vivere ancora più intensamente l'entusiasmo che si è ricreato dopo gli esaltanti risultati di questo primo scorcio di campionato. L'amichevole odierna sarà preceduta dal saluto e dalla deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba di Aurelio "Lello" Scagnellato, storico capitano biancoscudato scomparso nel 2008. Scagnellato, panzer ai tempi di Nereo Rocco, detiene il record di presenze con la maglia del Padova, ben 364.
CONTRO I FURTI
Basse S. Michele più   <br/>sicura, ecco telecamere

Basse S. Michele più
sicura, ecco telecamere

Nelle basse di San Michele verranno installate due telecamere di videosorveglianza e proseguiranno i controlli potenziati da parte della Polizia municipale. Lo annuncia il sindaco Flavio Tosi, dopo l’intensificarsi dei furti nella zona, problema affrontato nei giorni scorsi anche dalla Commissione consiliare Sicurezza , problema di cui si era occupato un servizio nel Tg Verona. “Ho dato disposizione di installare due telecamere – spiega Tosi - e i tecnici sono già al lavoro per definire i dettagli e i collegamenti con le centrali operative della Questura e della Polizia Municipale. Inoltre il Comandante della Polizia Municipale ha già predisposto un potenziamento dei controlli nella zona, che è una delle più periferiche e isolate del nostro comune". "Con la muratura delle porte da parte del proprietario – continua Tosi - si è concluso un intervento di controllo avviato il 14 ottobre in zona Molini-Castiglione per individuare, dopo una segnalazione da parte dei residenti, un piccolo fabbricato abbandonato in località via Brazze, che veniva usato come rifugio di fortuna. Riteniamo quindi che il controllo costante del territorio, in particolare nelle ore serali e notturne, unito all'installazione di telecamere di videosorveglianza, possa permettere in via preventiva e repressiva di fermare i furti nelle case e nelle aziende delle basse di San Michele. Comunque, grazie alle segnalazioni puntuali di tanti veronesi, l'impegno delle forze dell'ordine non è mai venuto meno, come dimostrano gli arresti in flagranza di questi giorni in molti quartieri cittadini”.
SERIE A
Chievo a picco      <br/>Decide l'ex Rigoni

Chievo a picco
Decide l'ex Rigoni

Un'altra sconfitta per il Chievo che cade nello scontro diretto del Barbera contro il Palermo. La squadra di Maran ha avuto con Schelotto e Birsa due situazioni interessanti nel primo tempo sempre ben controllate da Sorrentino. Poi nella ripresa il Palermo è uscito alla distanza, ha colpito una traversa e ha trovato il gol nel finale con l'ex Rigoni. Ai rosanero anche un gol regolare annullato per presunto fallo su Bardi. Chievo che resta penultimo a quota quattro e Domenica al Bentegodi arriva il Sassuolo.
VERSO VERONA-LAZIO
MAURI HA PRESO TROPPI    <br/>FARMACI, NON CONVOCATO

MAURI HA PRESO TROPPI
FARMACI, NON CONVOCATO

Stefano Pioli ha convocato 22 giocatori per il match di domani sera contro l'Hellas Verona. Non c'è Mauri, che ha superato l'infiammazione alle tonsille, bloccato però dal Coni per aver assunto dosi massicce di antibiotici e antiinfiammatori (medicinali considerati dopanti). Fuori anche l'infortunato Konko. Dubbio in attacco con Djordjevic in vantaggio su Klose. Questo l'elenco completo dei convocati. Portieri: Berisha, Marchetti, Strakosha. Difensori: Braafheid, Cavanda, Ciani, De Vrij, Novaretti, Pereirinha, Radu. Centrocampisti: Biglia, Ederson, Gonzalez, Ledesma, Lulic, Onazi, Parolo, Felipe Anderson, Candreva. Attaccanti: Djordjevic, Klose.
COMMISSIONE
Cà Filissine, criticità     <br/>nel sistema rifiuti

Cà Filissine, criticità
nel sistema rifiuti

Un quadro generale in linea con molte aree italiane, senza disastri ambientali. Ma una criticità a Pescantina con la discarica di Cà Filissine. Questa la fotografia scattata dalla commissione parlamentare d'inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlate, in missione in Veneto e negli ultimi giorni a Verona. Sei i parlamentari e senatori che hanno visitato siti, ascoltato sindaci, amministratori, procure e forze dell'ordine. "Il quadro generale del veronese? Se facciamo un paragone con quello che c'è in giro per il paese" ha detto Alessandro Bratti, presidente della commissione d'inchiesta "Non possiamo dire che in questa città o in questa provincia ci sia una mala gestione del ciclo dei rifiuti. Anzi qui ci sono dei livelli di raccolta differenziata molto elevati ci sono aziende pubbliche che lavorano a mio parere anche molto bene, certo ci sono situazioni particolari, che denotano situazioni da tenere monitorate o che necessitano di un intervento. Sicuramente il sistema delle discariche e nello specifico Cà Filissine".
4/A CIRCOSCRIZIONE
Golosine, murales per   <br/>riqualificare quartiere

Golosine, murales per
riqualificare quartiere

La 4ª Circoscrizione, in collaborazione l’associazione culturale “Il Triangolo”, promuove l’iniziativa “Colori Portanti”, che prevede la realizzazione di opere di arte muraria (murales) finalizzate alla riqualificazione e valorizzazione di alcune aree del territorio. Il progetto, attivo da ottobre 2014 a maggio 2015, è stato presentato questa mattina dal presidente della 4ª Circoscrizione Daniele Bernato. Presenti la coordinatrice Barbara Guadagnini con il consigliere della 4ª Circoscrizione Alberto Padovani, il presidente dell’associazione culturale “Il Triangolo” Nicolò Ferrarese con i collaboratori Alberto Boso e Valeria Pietrantoni. “Grazie a questa iniziativa – spiega Bernato – muri e muretti dei quartieri di Santa Lucia e Golosine saranno trasformati dalle opere di giovani e qualificati artisti con l’obiettivo di valorizzarli come luoghi di cultura e socializzazione. Un progetto di lunga durata, a costo zero per la Circoscrizione, che punta a promuovere la creatività dei ragazzi, ma anche l’educazione verso un utilizzo più rispettoso del territorio”. La prima opera del progetto è già stata realizzata sul muretto lungo il marciapiede tra via Don Mercante e via Novara e rappresenta le fasi di costruzione di una barchetta di carta.
POLIZIA MUNICIPALE
Lotta a evasione, bonus      <br/>di 1 milione a Comune

Lotta a evasione, bonus
di 1 milione a Comune

Centomila euro per il comune di Verona. E' il contributo per il momento “guadagnato” dalla Polizia Municipale per le attività a contrasto dell'evasione fiscale e contributiva. Un provvedimento dell'ottobre scorso del Ministero dell'interno dispone infatti l'erogazione ai comuni del 100% degli importi riscossi dal Fisco in seguito alle segnalazioni effettuate dagli enti locali nel corso del 2012. In quell’anno a Verona le segnalazioni qualificate furono 82 per un importo evaso stimato in circa un milione di euro. La somma riconosciuta riguarda le posizioni al momento già definite. "Ringrazio la Polizia municipale per il lavoro di verifica effettuato a partire dal 2012" ha detto il sindaco Flavio Tosi "primo anno in cui per il Comune è stato possibile controllare in maniera puntuale i redditi non congruenti o derivanti da attività abusive. Si tratta di un riconoscimento importante che nei prossimi anni porterà a Verona somme sicuramente più alte, grazie al numero dei controlli e delle verifiche effettuati”.  
RAPPORTO
Boom di immigrazione   <br/>nel veronese in 110 mila

Boom di immigrazione
nel veronese in 110 mila

A Verona è boom immigrati. Insieme alla provincia di Treviso, quella scaligera, infatti, conta il maggior numero di stranieri sul proprio territorio. A dirlo è il dossier statistico Immigrazione 2014, presentato nella sede della Fondazione Nigrizia. Al primo gennaio di quest'anno, in Provincia gli immigrati residenti sono quasi 110 mila, di cui 53.573 maschi e 55.898 femmine. In totale rappresentano il 12% della popolazione. Aumenta al 14% a Verona, dove gli immigrati sono poco più di 37 mila, di cui quasi 18 mila maschi e 19.122 femmine. Ma chi occupa per presenze le prime tre caselle degli immigrati? Al primo posto i romeni sono 26.301. Al secondo il Marocco con 14.573 presenze, mentre al terzo posto si piazzano i crescita 7.185 moldavi."La vita degli immigrati qui da noi - ci ha spiegato Matteo Danese, direttore del Cestim - è difficile, molto più difficile rispetto a chi ha un documento di cittadinanza italiana. Soprattutto nel lavoro le cose non vanno bene e il tasso di disoccupazione è molto elevato".E proprio in materia di immigrati, con particolare riferimento al lavoro, il governatore, Luca Zaia, ha invocato ieri la chiusura delle frontiere in Veneto, sostenendo che la Regione, da questo punto di vista, ha già dato. Non bisogna essere ipocriti – ha detto Zaia – e dire forte e chiaro che oggi il Veneto non è più una realtà attrattiva, che non c'è lavoro e quindi la possibilità di costruirsi una vita dignitosa, come sperano le migliaia di profughi che arrivano in Italia su navi e barconi fantasma. Bisogna smettere – ha proseguito il governatore – di spacciare a questa gente la bugia di un paese florido. Bisogna chiudere le frontiere."Mi sento di dire che le frontiere sono già chiuse qui da noi - afferma Danese - perchè la nostra normativa rende di fatto impossibile l'ingresso nel nostro paese per motivi di lavoro. Gli stranieri che arrivano, fanno parte dei ricongiungimenti familiari, oppure sono bambini nati qui da noi".Tornando al rapporto immigrazione, tutti i principali comuni della provincia si assestano alle percentuali di Verona, in quanto a presenza di stranieri. L'unico dato clamorosamente superiore è quello di San Bonifacio dove gli immigrati residenti sono 4.127, pari al 20% della cittadinanza.
CONFERENZA STAMPA
MANDORLINI: DIMENTICARE     <br/>NAPOLI E FARE PUNTI

MANDORLINI: DIMENTICARE
NAPOLI E FARE PUNTI

"Prendere sei gol a Napoli fa male, lo so perfettamente, ma adesso dobbiamo voltare pagina e pensare solo a tornare a fare punti davanti ai nostri tifosi". Mandorlini è concentrato sul match di domani sera con la Lazio. Parla con tranquillità, anche se è consapevole delle difficoltà del match. "E' una squadra forte che sta benissimo. Arriva da quattro vittorie di fila e vuole continuare la corsa verso l'Europa. La Lazio lotterà fino alla fine per una delle prime cinque posizioni. Ha obiettivi dichiarati importanti, noi invece dobbiamo pensare di raggiungere la salvezza quanto prima".Come al solito l'allenatore non anticipa la formazione. "A centrocampo ho quattro giocatori per tre posti. Torna Rafael Marquez, mentre Marques e Rodriguez sono ancora fuori. Infortuni non gravi, ma domani non ci saranno". Sempre ai box Sala e Obbadi. In attacco salgono le quotazioni di Nico Lopez, mentre Jankovic e Gomez si giocano l'altro posto nel tridente offensivo. Scontato il ritorno al 4-3-3.
SETTIMANA PRE TRIESTINA
Padova, ecco il  <br/>programma allenamenti

Padova, ecco il
programma allenamenti

Sarà ad offerta libera l'ingresso per l'amichevole del Padova contro l'Arcella. Domani, alle 15, si giocherà il match al centro sportivo di Via Bressan. Ecco il programma degli allenamenti:Questo il programma allenamenti della prima squadra fino al 4 NovembreMercoeldì 29/10 allenamento ore 10.00 e alle ore 14.30 al centro sportivo Memo Geremia (Guizza).Giovedì 30/10 Gara amichevole presso il centro sportivo di via Bressan Arcella - Biancoscudati Padova, calcio d'inizio ore 15.00.Venerdì 31/10 allenamento alle 14.30 al centro sportivo Memo Geremia (Guizza)Sabato 1/11 allenamento alle 10.00 allo stadio Appiani di PadovaDomenica 2/11 ore 14.30 gara di campionato 9° Giornata: Biancoscudati Padova - U. TriestinaLunedì 3/11 riposoMartedì 4/11 ore allenamento alle 14.30 al centro sportivo Memo Geremia (Guizza)
PROSTITUZIONE
Massaggi hard, chiusi    <br/>cinque centri cinesi

Massaggi hard, chiusi
cinque centri cinesi

Cinque centri massaggi cinesi sono stati chiusi dalla squadra Mobile di Verona che ha anche arrestato una persona e denunciato altre 7. L'accusa per tutti è di sfruttamento della prostituzione. Il blitz della Polizia è scattato nelle 5 attività commerciali tutte nella città scaligera gestite da un cinese che si avvaleva della collaborazione di sei connazionali, due dei quali rintracciati a Prato e Reggio Emilia. La Mobile ha monitorato per giorni i centri mascherati da attività estetiche, riscontrando che i clienti (una cinquantina quelli identificati che hanno confermato le 'prestazioni sessuali) concludevano i massaggi con un 'fuori programma' pagato extra. L'incasso giornaliero di ogni centro, quasi tutto 'in nero' variava tra i 30 e i 40 mila euro.
ASSOCIAZIONI
Commercianti, consegnati   <br/>i premi fedeltà As.Co.

Commercianti, consegnati
i premi fedeltà As.Co.

Premiati lunedì sera all'hotel "Leon d'oro" di Verona soci e dipendenti dell'associazione commercianti di lunga militanza: tantissimi gli imprenditori "targati" Confcommercio As.Co. Verona insigniti del Premio Fedeltà per i 20, 40 e 60 anni di legame con la principale organizzazione del terziario di mercato. La consegna dei riconoscimenti è stata effettuata dalla Giunta esecutiva guidata dal presidente Paolo Arena, dal Sindaco Flavio Tosi, dal Prefetto Perla Stancari e dal Questore Vito Danilo Gagliardi. "Questa sera premiamo alcuni degli imprenditori che hanno contribuito con il loro impegno a scrivere pagine importanti della storia della nostra Confcommercio As.Co. e dell'economia locale", ha detto Arena. “Alcuni di loro hanno iniziato la loro attività nel Dopoguerra, si sono subito iscritti all'allora Asco e da allora non ci hanno più lasciati: meritano un grande applauso e tanta riconoscenza".
AS.CO
Sartori, 40 anni   <br/>in Confcommercio

Sartori, 40 anni
in Confcommercio

C'era anche Giorgio Sartori tra i premiati al "Leon D'Oro" nella serata dedicata alla consegna dei premi fedeltà dell'associazione commercianti di Verona. Sartori, storico direttore generale dell'associazione, è stato premiato per i suoi, primi, quarant'anni in Confcommercio Asco Verona.
L'Opinione
ON AIR
29.10.2014
TgVeneto
ON AIR
30.10.2014
Rosso & Nero
ON AIR
30.10.2014
Padova in Diretta
ON AIR
30.10.2014
TgPadova 7 Giorni
ON AIR
27.10.2014
TgVerona 7 Giorni
ON AIR
27.10.2014
Vighini Show
ON AIR
23.10.2014
Alè Verona
ON AIR
31.10.2014
Biancoscudati Channel
ON AIR
27.10.2014
Alé Padova
ON AIR
27.10.2014
Dalla Terra alla Tavola
ON AIR
30.10.2014

BPV MUTUOYOU



AUDITEL TELENUOVO 2014



Promo palinsesto

Studionews Rete Nord Pubblicità

i nuovissimi di tgverona.it

Palinsesto