Cultura di Redazione , 27/03/2021 14:12

Santo, al via il restauro della Cappella di Giotto

Restauro

Entra nella fase operativa il progetto di restauro dell'arco di ingresso della cappella di Santa Caterina, o delle Benedizioni, nella Basilica di Sant'Antonio a Padova, i cui affreschi sono attribuiti a Giotto. Il restauro è promosso dall'Ente Basilica Sant'Antonio di Padova, sinergia tra la Delegazione Pontificia della Basilica, il Comune di Padova con l'Assessorato alla Cultura, l'Università di Padova e la Fondazione Cariparo. L'attribuzione al maestro Giotto degli affreschi del sottarco di Santa Caterina fu proposta da Francesca Flores d'Arcais nel 1969, e in seguito avvalorata a più riprese dagli storici dell'arte. I dipinti rappresentano otto mezzi busti di Sante entro quadrilobi, alternati a motivi decorativi in stile gotico. L'imposta dell'arco poggia su capitelli in marmo dipinti e dorati, e le paraste, decorate a finto marmo, presentano due stemmi lapidei speculari. Il restauro, autorizzato dal Soprintendente Fabrizio Magani il 5 novembre scorso, si articola in due fasi. In questa prima fase si articolerà il progetto di analisi e di studio per l'attuazione dell'intervento conoscitivo. Saranno individuate le metodiche più idonee a salvaguardare le pitture e mettere in luce ulteriori eventuali tracce della mano di Giotto, valorizzando il restauro di Cherubini, terminato nel 1925, nelle parti in cui l'intonaco medievale era già completamente caduto all'inizio del secolo scorso.