Cronaca di Redazione , 08/04/2021 9:56

Vaccini, Crisanti: EMA se ne lava le mani, allucinante

Andrea Crisanti

"L'Italia si è allineata alla Germania, non ha esercitato nessuna valutazione indipendente così facendo si mette in pericolo tutto il piano di vaccinazione, visto che la fetta più ampia della popolazione da vaccinare ha meno di 60 anni". 

Lo dice il professor Andrea Crisanti, sul caso Astrazenca. Intervistato da La Stampa, critica sia la scelta del nostro Paese, sia l'Ema. "Una cosa allucinante, l'Agenzia europea dei medicinali non può lavarsene le mani in questo modo, lasciare che ogni singolo Paese decida per sé: così si crea disorientamento, oltre a dimostrare la mancanza di indipendenza dell'Ema e la debolezza della politica sanitaria dell'Unione", dice. 

Definisce la decisione della Germania "politica": "Lì c'è una folta presenza di no vax e poi hanno in casa la BionTech". A chi diserta l'appuntamento perché non si fida, direbbe che "non abbiamo alternative a fidarci, sempre che vogliamo uscire da questa situazione. Ricorderei come in Inghilterra, grazie ad AstraZeneca, hanno abbattuto la mortalità del Covid. Proverei a spiegare quello che con onestà andava detto fin dall'inizio: con un'autorizzazione in emergenza e una sperimentazione fatta su un numero limitato di persone, è inevitabile che ci siano aggiornamenti dei dati e modifiche delle indicazioni in corso d'opera". 

In più, conclude, "ha un grosso difetto, costa solo 2 euro e mezzo, è un 'disturbatore' del mercato".